i racconti di Milu
racconti erotici per adulti
Serie
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z Other
 
Sommario: Questa è una antologia di racconti dedicati alla (e ispirati dalla) mia amata Giulia.
Sapendo gia che 50 sfumature non sono sufficienti a descriverti!

Categoria: Etero, Trio, Incesto, Saffico, Dominazione, Autoerotismo, Sensazioni, Lirica, Poesia, Altro Characters: None
Genres: Racconto
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed


Sommario: Un sogno che diventa realtà...
Categoria: Orgia, Incesto, Cuckold Characters: None
Genres: Racconto
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed


Sommario: Salve a tutti, vorrei iniziare a raccontarvi la mia storia col descrivere me e la mia famiglia.rnIo Marco ho 45 anni, naturalmente i nomi sono inventati, mia moglie Alessia di anni 39rnAlta circa 1e 76 molto attraente capelli scuri fisico normale, seno una quarta unrnbel sedere all’insù tipo mandolino, poi ho un figlio maschio e una femmina, il maschiornLuca da pochi mesi ha compiuto 18 anni bel ragazzo palestrato e con tutti gli attributi che glirnfanno onore, la femminuccia Chiara ha quasi 16 anni e posso dire che fisicamente ha preso tuttorndalla mamma, ecco adesso che vi ho un po’ descritto la mia famiglia posso iniziare a raccontarvirntutto quello che succede in casa mia.rnMio figlio Luca da alcuni mesi (almeno da quando me ne sono accorto ) spia mia moglie, cioèrnla mamma, non so da quanto tempo lo faccia però fatto sta che non si limita solo a quello bensìrnpuntualmente si sega e viene nelle mutandine della mamma, praticamente glie le riempie tutte, nonrnappena la mamma va in bagno x cambiarsi o farsi la doccia eccetera lui dopo un attimo è in bagnornimpegnandosi con le mutandine che ha tolto la mamma. Adesso vi spiego come me ne sono accorto.rnMia moglie non è stata mai diciamo quella che a letto prendeva iniziative è sempre stata diciamornAbbastanza fredda con il sesso,anche da fidanzati era così, però da un po’ di tempo voleva fare sesso quasi tutte le sere, certo a me faceva e fa molto piacere, però la cosa mi incuriosiva il perchérnTutto in una volta mia moglie fosse sempre così eccitata quindi iniziai ad indagare un pochino perrnVedere quali fossero le cause di questo suo comportamento non usuale, quindi indagando e spiandornMi accorsi che mia moglie sapeva che Luca la spiava e che sborrava nelle sue mutandine, fatto starnAspettavo che mia moglie mi avesse parlato di questa cosa…invece nulla,silenzio totale.rnContinuando a fare le mie indagini mi accorsi che mia moglie lo provocava e lo provoca appostarnInfatti quando va in bagno rimane la porta un tantino socchiusa x farsi vedere da Luca e non solornX farlo segare si masturba (come lo so?) ho messo delle mini video camere un po’ da tutte le partirnFacendo video e non vi scandalizzate se adesso vi dico che si passa le mutandine che ha sborratornLuca in mezzo alla figa.rnAll’inizio quando me ne sono accorto non ho detto nulla x vedere sino a che punto fossero arrivatirnE devo dire la verità che la cosa stranamente non mi incuriosiva solo bensì incominciava a farmi unrnCerto effetto, si incominciavo ad eccitarmi vedendolo spiare e segarsi e guardando i video che faccio.rnAlla sera nel letto visto che la cosa cominciava a piacermi ero agitatissimo e non aspettavo altro chernMia moglie avesse preso l’iniziativa x farsi scopare avendo un mio piano ben preciso. Dopo pochirnMinuti a letto ecco che mia moglie inizia a toccarmi e x sua meraviglia lo trovò già duro come il marmo, lei eccitatissima quanto me incominciò a succhiarlo con vera passione “cosa anomala” mentre io la sgrillettavo… era tutta un lago aveva gli umori che gli uscivano senza fermarsi, allorarnDecisi di mettere in atto il mio piano…la feci stendere e mi misi sopra di lei introducendo tutto il cazzo dentro e mentre spingevo sempre più gli sussurrai all’orecchio….non ho chiuso bene la portarnSperiamo che non ci vedano specialmente Luca che non dorme ancora, non feci neanche in tempo a finire la frase mia moglie fece un respiro fortissimo raggiungendo un orgasmo da non credere nonrnSmetteva più di venire… allora capii che scopava con me però nella sua mente c’era solo Luca e il rnSuo cazzo.rnBuona lettura e alla prossima x il prosieguo. rn
Categoria: Incesto Characters: None
Genres: Confessione
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed


Sommario: Tra futuro e tradizione, una ragazza diventa Strega, suo malgrado.
Categoria: Dominazione, Trio, Incesto Characters: None
Genres: Racconto
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed


Sommario: Suocera da svezzare
Categoria: Dominazione, Incesto Characters: None
Genres: Racconto
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed


Sommario: Due sorelle che non si parlano. Il figlio di una scova foto proibite nel pc della zia e la domina. Si fermerà qui?Che segreti nascondono le due sorelle?
Categoria: Incesto, Dominazione, Etero Characters: None
Genres: Fantasia
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed


Sommario: Il supervisore è colui che ascolta i segreti delle psicoterapeute che vengono a parlare dei loro pazienti.
Categoria: Etero, Trio, Incesto, Gay Characters: None
Genres: Confessione
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed


Sommario: Mi chiamo Paolo, 23 anni, figlio unico, studente universitario a tempo perso; mio padre Alvise, 60 anni ben portati, è un ex dipendente con incarichi dirigenziali delle poste, oggi in pensione, mentre mia madre Viviana, splendida 44nne, lavora part-time come impiegata presso una ditta di trasporti. La mia famiglia risiede a Treviso, nel ricco e bigotto Nordest.... questa è la storia degli eventi incredibili che sono successi.
Categoria: Etero, Trio, Incesto, Cuckold, Orgia, Saffico, Dominazione Characters: None
Genres: Racconto
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed


Sommario:

“Mia piccola Elena è da troppo tempo che tengo dentro questa mia attrazione per te, ti sogno ogni notte e nei sogni posso finalmente possederti come immagino sempre nelle mie fantasie mentre seduto in giardino contemplo la bellezza del tuo corpo quando in due pezzi ti abbronzi al sole…"


Categoria: Dominazione, Etero, Incesto Characters: None
Genres: Racconto
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed


Sommario: Una serie aperta a tutti, sul tema di padri orgogliosi delle proprie figlie. Leggere il racconto "Tua figlia è un troione" per capire di cosa parliamo!rnSi accettano racconti inventati, fantasie, mezze verità e confessioni.rnOvviamente niente minorenni:)rnper info: guerorke@gmail.com
Categoria: Etero, Incesto Characters: None
Genres: Racconto
Warnings: None
Challenges:
Open: Open


Sommario: rnCiao a tutti sono Amir, diciannove anni. Single.rn
Categoria: Incesto Characters: None
Genres: Racconto
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed


Sommario:

Una figlia scopre la mamma a letto con il fratello e......., si scopa in famiglia.


Categoria: Incesto Characters: None
Genres: Racconto
Warnings: None
Challenges:
Open: Open


Sommario: Notai subito l'abbigliamento di mia cugina formato da una canottiera che spingeva sui seni lasciando intravedere le estremità dei capezzoli, e da dei leggings che mettevano in mostra il suo bel culo e delle infradito che risaltavano i suoi bei piedi...
Categoria: Saffico, Etero, Incesto, Sensazioni Characters: None
Genres: Racconto
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed


Sommario:

Come una vita tranquilla può trasformarsi in un tunnel infinito di incesto e depravazione

rn

 

rn

Fino a due anni fa la mia vita scorreva nella più banale tranquillità, ma improvvisamente e inaspettatamente mi sono ritrovato sprofondato in un vortice di depravazione senza limiti.
Avevo 29 anni e un buon lavoro, non ero sposato né avevo intenzione di farlo, anche perché, pur non legandomi mai stabilmente con nessuna, le mie scopate riuscivo sempre o quasi a rimediarle. Insomma la mia vita la ritenevo soddisfacente, tanto da non aver mai neppure pensato ad andarmene a vivere da solo, così stavo ancora a casa di mia madre Maria che allora di anni ne aveva 62. Come detto tutta questa tranquillità cambiò repentinamente e inaspettatamente senza che me ne rendessi conto. Iniziò tutto un pomeriggio che mia madre era stata poco bene, niente di grave, solo qualche decimo di febbre che l’avevano indotta a starsene a letto. Erano circa le 19 quando entrai nella sua stanza per chiederle se volesse cenare e cosa avrei dovuto preparale. Mamma rispose “non preoccuparti tra un po’ mi alzo, ho preso un aulin e sto sfebbrando, infatti sto sudando”. In effetti il farmaco stava facendo effetto, e quindi si sentiva accaldata, per questo aveva abbassato la coperta fino alla vita. Aveva anche aperto un po’ la camicia da notte sul davanti per trovare refrigerio, ma questa mossa risultò galeotta: infatti il mio sguardo si posò su quelle grosse tette e inaspettatamente quella visione mi procurò una immediata erezione. Mia madre non era una bella donna nel senso classico del termine, ma poteva risultare eccitante per chi ama le abbondanze: bene in carne con due tette esageratamente grosse anche se inevitabilmente appesantite, culo ampio e cosce carnose. Il viso paffutello con labbra pronunciate e capelli portati ostinatamente biondi. Mentre le dicevo che era meglio se fosse rimasta a letto e che ci avrei pensato io alla cena, ero seduto sul bordo del letto che non riuscivo a staccare lo sguardo da quelle enormi tette, tanto che mamma se ne accorse e facendo finta di niente cercò di coprirle. La consapevolezza che mia madre si fosse resa conto del desiderio che mi pervadeva, mi fece eccitare ancora di più. Sentivo il cazzo talmente gonfio e duro che sembrava dovesse sfondare la patta da un momento all’altro. In quei brevi istanti mi ripassarono rapidamente nella mente antichi ricordi dimenticati: quando poco più che bambinetto dedicai più di una sega proprio al corpo prosperoso di mia madre. Mi distesi accanto a lei cercando di mascherare sia l’erezione che i miei perversi pensieri, ma il suo crescente ed evidente imbarazzo dimostravano che i miei tentativi erano vani: ormai mia madre era perfettamente conscia dei mie insani desideri. Allora cercò di tirare su la coperta per coprirsi, ma il afferrai a mia volta il lembo e glielo impedii dicendo “no, lascia che il corpo si raffreddi altrimenti la febbre non scende”. E mi spinsi oltre riaprendole di nuovo la camicia da notte sul seno. Mamma mi fissò frastornata e poi si ricoprì dicendo con tono di affettuoso rimprovero “Luca, non credo che sia la mia febbre in questo momento il tuo pensiero”. Senza perdermi d’animo, e ormai con la mente offuscata, la scoprii di nuovo rispondendo “e allora lascia che guardi tutto questo ben di Dio, che male c’è?”. Sempre più incredula chiese “Luca, ma sei per caso impazzito? – e aggiunse perentoria – sono tua madre!”. Ma neanche questo richiamo fu sufficiente a farmi tornare in me, ed insistetti “e che male c’è a guardare la propria mamma se è eccitante come te?”. Lei sgranò gli occhi ed esclamò “eccitante?! Ma che stai dicendo? Stai parlando di tua madre e per giunta anche vecchia!”. La mia sensazione era che però si sentisse anche un po’ gratificata da quegli inaspettati complimenti, e questo mi diede il coraggio di spingermi oltre: strinsi con la mano la patta intorno al cazzo e mostrando così la mia erezione risposi “una vecchia mi metterebbe in questo stato? Altro che vecchia, sei una bonazza e lo sai, chissà quanti maschietti ti ronzano intorno”. Mia madre sorrise a questo punto visibilmente compiaciuta e disse abbassando lo sguardo quasi per vergogna “in effetti qualche maschio mi gira ancora intorno, ma gente della mia età, non certo ragazzi come te”. A quel punto presi la palla al balzo e risposi “beh, di ragazzi che ti girano intorno ce n’è qui uno proprio adesso, dai mamma lasciati andare”. Così dicendo portai una mano alle tette e lei se le lasciò palpeggiare sussurrando solo “tu sei matto”. Accarezzavo e stringevo quelle montagne di carne soffice, le baciai e leccai le grosse e scure areole fino a mettermi in bocca un capezzolo e succhiarlo. Ero ormai fuori di me e tirai fuori il cazzo in tutta la sua maestosa erezione, le presi una mano e lei lo impugnò senza opporre nessuna resistenza, anzi cominciò a segarmi. Una mia mano scivolò tra le sue cosce, le accarezzai e risalii fino alla pancia pronunciata. Poi abbassai le mutande e infilai un dito nella sua intimità. Infilai un secondo e un terzo dito e ci masturbammo a vicenda. Sentii che stava godendo e cercai a quel punto di penetrarla, ma lei mi bloccò. Nonostante fosse in preda al piacere non era ancora pronta ad andare fino in fondo in un amplesso così contro natura “no Luca, questo non si può, è incesto”. Decisi di non insistere e continuai a godermi la masturbazione che mi stava regalando. Quando sentii che stava di nuovo godendo, portai la testa tra le sue gambe e le leccai la fica. Le sue mani si posarono sulla mia testa dimostrandomi tutto il suo gradimento e la sentii fremere in un travolgente orgasmo. A quel punto portai il cazzo sulle sue labbra e lei ricambiò il piacere orale che le avevo regalato: leccò prima la cappella, poi lo prese tutto in bocca e lo succhiò avidamente fino a farmi sborrare e ingoiò tutto lo sperma.
Questo fu l’episodio che diede il via al cambiamento radicale della mia vita e che racconterò nelle prossime pubblicazioni.


Categoria: Incesto Characters: None
Genres: Racconto
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed


Sommario: Abbiamo iniziato per soldi, poi ci è piaciuto.
Categoria: Incesto Characters: None
Genres: Fantasia
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed


Sommario: Storia di un incesto tra cugini, che diventerà molto di più....
Categoria: Incesto Characters: None
Genres: Racconto
Warnings: None
Challenges:
Open: Moderato


Sommario: un monastero su una montagna, un mistero che affonda le radici nel passato, un terrore che inizia a manifestarsi nel presente !
Categoria: Dominazione, Etero, Trio, Incesto, Cuckold, Orgia Characters: None
Genres: Racconto
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed


Sommario: un monastero su una montagna, un mistero che affonda le radici nel passato, un terrore che inizia a manifestarsi nel presente !
Categoria: Dominazione, Etero, Trio, Incesto, Cuckold, Orgia Characters: None
Genres: Racconto
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed


Sommario: La storia di come in questi ultimi mesi è cambiata la storia mia e di mia sorella
Categoria: Dominazione, Incesto, Orgia Characters: None
Genres: Racconto
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed


Sommario: il primo contatto
Categoria: Incesto, Etero Characters: None
Genres: Confessione
Warnings: None
Challenges:
Open: Moderato


Sommario: qst è la storia dellemie prime esperienze sessuali
Categoria: Saffico, Etero, Trio, Incesto Characters: None
Genres: Confessione
Warnings: None
Challenges:
Open: Open


Sommario: continuazione del racconto con mia madre parte seconda
Categoria: Incesto Characters: None
Genres: Racconto
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed


Sommario: lei era uno schianto una ragazza di 1 metro e 88 con un fisico da pallavolista
Categoria: Incesto Characters: None
Genres: Fantasia
Warnings: None
Challenges:
Open: Open


Sommario: Benedetta alle prese con le sue pulsioni, le sue fantasie, le sue esigenze... una donna come tutte le altre o forse no?
Categoria: Incesto Characters: None
Genres: Racconto
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed


Sommario: IL RAPPORTO TORBIDO CHE SI VIENE A INSTAURARE TRA ZIA E NIPOTE
Categoria: Dominazione, Incesto, Saffico Characters: None
Genres: Confessione
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed


Sommario: Sguardi insistenti sulla zia che portano a conseguenze inaspettate...
Categoria: Incesto Characters: None
Genres: Confessione
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed


Sommario: Raccolta di storie brevi prevalentemente a tema incesto.
Categoria: Orgia, Incesto, Trio Characters: None
Genres: Racconto
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed


Sommario: Floriana è una ragazza siciliana. Scoprirà, suo malgrado, che in un mondo che si evolve, certe mentalità, sono difficili da sradicare.
Categoria: Dominazione, Incesto Characters: None
Genres: Racconto
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed


Sommario: Tatyana vuole fare nuove esperienze
Categoria: Etero, Trio, Incesto, Orgia Characters: None
Genres: Fantasia
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed


Sommario: Inizio quindi una piccola serie di brevi avventure, intitolata SOUVENIRS, che spero vi piaceranno come le precedenti.
Categoria: Altro, Etero, Incesto, Trio Characters: None
Genres: Racconto
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed


Sommario: Quando la vita di tutti i giorni, diventa monotona e non ti dà più quelle emozioni che hai saputo provare in certe situazioni, non ti rimane che rivivere, nella tua testa, certi momenti. Se questo, si riesce a farlo convolgendo altre persone ...... il tutto diventa un racconto.rn
Categoria: Saffico, Incesto Characters: None
Genres: Racconto
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed


Sommario: Quando la vita di tutti i giorni, diventa monotona e non ti dà più quelle emozioni che hai saputo provare in certe situazioni, non ti rimane che rivivere, nella tua testa, certi momenti. Se questo, si riesce a farlo convolgendo altre persone ...... il tutto diventa un racconto.rn
Categoria: Saffico, Incesto Characters: None
Genres: Racconto
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed


Sommario: I miei genitori erano disperati. Dopo 20 anni dalla mia nascita, non erano riusciti a darmi un fratellino. A me era dispiaciuto crescere solo, malgrado tutti i vantaggi dell'essere figlio unico, ma ormai non ci pensavo più.rnPapà e mamma invece, malgrado avessero superato i 40, erano determinati più che prima ad avere un altro figlio; spinti probabilmente anche dal fatto che mi stavo ormai facendo grande, è questo gli avrebbe permesso di avere più tempo da dedicare al nuovo erede.rnE del fatto che mi stavo facendo grande me ne ero accorto anch'io. Incominciate le medie, incominciai a vedere le ragazze in maniera diversa, a desiderare, stranamente, di starle abbracciato e di baciarle.rnIncominciai ad avere le prime erezioni e incominciai a masturbarmi; mi piaceva guardare, con la coda dell'occhio, il fondoschiena o il petto di qualche mia compagna precocemente sviluppata.rnChe piacere quando accompagnavo mio padre a prendere mia madre, appena finita la sua ora in palestra! Mio padre aspettava fuori il centro fitness, e mi chiedeva di andare a chiamarla. Quanto mi divertiva ed eccitava intrufolarmi nei locali, cercando di spiare in qualche spiraglio degli spogliatoi femminili. Ricordo ancora quella volta quando una donna ne uscì, e aprendo e chiudendo la porta mi diede la fortuna di vedere una ragazza bellissima, che indossava solo i jeans. Ricordo la sua pelle bianca, la sua schiena, i suoi bellissimi seni, i suoi capelli castani.rnE ricordo anche quella volta quando gettavo la coda dell'occhio sullo spiraglio della porta non ben chiusa; e beccai proprio mia madre, pensando "e che palle!". Proprio lei. Vidi i suoi capelli ricci e neri che contrastavano con il suo corpo bianco e florido. Ricordava la venere di Willendorf, ovviamente un po' più magra. In quell'occasione non riusci a vederla bene, un po' perchè non mi andava, un po' perchè non potevo stare li a fissare spudoratamente la porta dello spogliatoio delle donne.rnMa malgrado l'attività fisica, la vita e il cibo sano e regolare, i frequenti rapporti sessuali, di cui mi capitava spesso di sentire, la notte, qualche bisbiglìo o fruscio ritmico delle lenzuola, il secondo figlio proprio non arrivava.rnFinalmente per loro arrivò il momento in cui potevano prendere molto seriamente questa cosa. Decisero quindi di farsi dei controlli seri da specialisti. Analisi dello sperma, dell'utero, degli ovuli e quant'altro. Finchè si scoprì la causa dell'infertilità: un'alterazione anatomica nell'utero di mia madre rendeva difficile l'entrata degli spermatozoi. Non impossibile, ma difficile. Una soluzione era l'inseminazione artificiale.rnMe ne parlarono. Mi avevano chiesto se li accompagnavo. Papà non voleva guidare: aveva paura che lo strapazzamento del traffico avrebbe potuto affaticarlo e poteva non essere "in forma" per il servizio che doveva andare a svolgere.rnAppena arrivati, mi dissero che avrei anche potuto andare via e che mi avrebbero avvisato loro per il ritorno. Li vidi allontanarsi per sbrigare alcuni documenti. I miei genitori, l'ambiente ospedaliero con le sue stanze e i corridoi, fu una situazione che mi fece accendere dentro il desiderio di giocare al mio gioco preferito! Incominciai a gironzolare nei corridoi, sbirciando qua e la ma stando attento a non far capire le mie intenzioni, camminando quasi con normalità. Vidi una porta aperta a metà. Non so cosa mi prese, ma, assicuratomi che dentro non ci fosse nessuno, decisi di entrare.rnAllora è vero che il destino ci muove secondo le sue leggi, quando deponiamo la volontà! Guardavo la stanza. C'era una scrivania, sedie, un lettino e un separè, vari quadri... una qualunque stanza per visite di controllo. Chissà che credevo di trovarci. Sento delle voci e dei passi avvicinarsi alla porta. "Cavolo" penso e faccio appena in tempo a nascondermi dietro il separè, pensando a cosa avrei dovuto dire per giustificare la mia presenza non autorizzata la dentro.rn"Signor ***, la smetta!". Era un'infermiera che entrava con mio padre; non sapevo se tirare un sospiro di sollievo o preoccuparmi di più. Ma perchè ce l'aveva con mio padre? Guardai tra gli spiragli del separè. L'infermiera stava prendendo una specie di bicchiere di plastica, simile a quello per la raccolta delle urine per le analisi. Mio padre era strano, non l'avevo mai visto così. Capivo cosa aveva. Era in quella condizione di quando sei eccitato e hai paura a chiedere alla tua partner quella pratica proibità che lei non farebbe mai e poi mai e tu invece muori dalla voglia di farlo. Me lo confermò la sua voce bassa e le parole dette con non molta sicurezza.rn"Mi capisca. Non riesco a masturbarmi se non ho uno stimolo."rn"le porto delle riviste per adulti..."rn"ma io non ho 15 anni! Ho bisogno di qualcosa di concreto"rn"Posso chiamare sua moglie"rn"no, per favore, non voglio che si stanchi, deve anche affrontare l'anestesia totale. Per favore, per me è importante..."rnIncominciò a piagnucolare, a dirle di quanto ci teneva ad avere un figlio. La convinse. E a me salì un po' il sangue alla testa: ma che voleva fare, scoparsela?! Non l'avrei accettato, stavo per intervenire, ma decisi prima di aspettare e capire le loro intenzioni.rn"Cosa devo fare?" chiese l'infermiera.rnMio padre si slacciò i pantaloni e se li tirò giù con le mutande, tirando fuori un cazzo di tutto rispetto. Si sedette sul lettino; in una mano aveva il contenitore dello sperma. Con l'altra aveva incominciato a masturbarsi lentamente.rn"Alzati il camice e la gonna". L'infermiera chiuse a chiave la porta dello studio, poi si diresse verso mio padre. Era mezzo metro davanti a lui, ed eseguì. Fredda come il ghiaccio, un volto quasi inespressivo; afferrò i lembi della gonna e del camice e li tirò su, mostrandogli le mutandine bianche. Mio padre iniziò a masturbarsi con più foga. Ansimava, mentre l'infermiera aveva la testa girata dall'altra parte, assorta, come se in quel momento non fosse lì.rnMio padre lasciò per un attimo il bicchiere e allungò la mano verso l'infermiera, passando le punta delle dita proprio dove, evidentissime anche sotto la stoffa dell'indumento intimo, c'erano le labbra e il clitoride.rn"no, non toccare" disse l'infermiera tirandosi indietro.rn"No, no, scusami... guarda, guardami..." disse alzando la mano verso l'alto "sto fermo..."rnUn attimo di silenzio in cui rimasero immobili, quindi l'infermiera si riavvicinò e mio padre riprese a masturbarsi, con un po' di foga in meno.rn"hai capito quel porcello di papà..." pensavo io dietro il paravento, che mi godevo la scena ormai convinto che forse non c'era tanto di male in quello che stavano facendo.rnMio padre, con la voce bassissima "tocco solo piano piano...". Silenzio; si sentiva solo il rumore del liquido preicotale sul glande di papà, che portava il prepuzio su e giù nel movimento ritmico della masturbazione. Quindi riallungò la mano e incominciò a toccare le mutandine nel punto più caldo e umido, proprio fra le cosce. L'infermiera aveva ancora la testa girata dall'altra parte. Emise solo un espirazione che assomigliava molto a uno sbuffo di rassegnazione.rnDopo quasi un minuto, l'infermiera, sempre fredda e gelida, e nella stessa posizione, decise di calarsi le mutandine. Per mio padre quello fu il permesso per masturbarla a palmo pieno. Le infilò la mano tra le cosce e prese a masturbarla freneticamente. Penso che, dovendo masturbare anche se stesso, mio padre non la masturbarse con un ritmo regolare; sarà stato per questo che lei allungò la sua mano e incominciò a masturbare papà. Sempre con la testa girata dall'altra parte, assorta, usando solo gli occhi dell'immaginazione.rnAdesso era una regolare masturbazione reciproca. Lui iniziò a masturbarla fortissimo, velocissimo, si sentiva il rumore del palmo della sua mano che strofinava sulla passera; aveva incominciato anche a palparle il culo e a darle dei bacini sul petto. Lei aveva preso ad ansimare. Non dimenticherò mai il suo viso. Nei momenti in cui non era in estasi, con gli occhi chiusi rivolti verso l'alto, il capo reclinato indietro e la bocca semiaperta, riprendeva un po' il suo volto freddo, smarrito, con gli occhi che dicevano sia "che bello" sia "che sto facendo". Era bellissima, ed anche per mio padre provai una strana tenerezza. Non so perchè, ma in quel momento ero felice per loro.rnA un certo punto mio padre incominciò a mugulare dei "oh, oh...". Lei, riuscendo a mantenere la situazione sottocontrollo ma senza rinunciare al piacere, afferrò il contenitore e raccolse lo sperma che mio padre incominciò a schizzare copiosamente. Dato che mio padre, all'apice del piacere, aveva fermato la mano fra le sue cosce, l'infermiera aveva preso a muovere ritmicamente e velocemente il bacino avanti e indietro, masturbandosi sulla mano ferma di papà. rnIl barattolo era bello pieno. L'infermiera l'appoggiò sul lato libero del lettino, e continuò a masturbare papà che ancora godeva; prossima all'orgasmo, continuando a strofinare la passera sulla mano di papà e a masturbargli il cazzo, unì la sua bocca a quella di papà. Mentre le lingue si rotolavano, sentìi un lungo "mmmmm" a bocca chiusa della donna, che presa dall'orgasmo non riuciva a stare in piedi e si piegava sulle ginocchia, mentre le ultime gocce di sperma scivolavano dal cazzo di papà alle nocche dell'infermiera.rnAvevano goduto molto. Pian piano staccarono le bocche, che rimasero comunque a pochi centimetri di distanza, unite solo da un filo di saliva; con gli occhi socchiusi, respiravano affannosamente, come il fiatone di chi ha fato una bella corsa e finalmente si ferma.rnC'era un silenzio irreale. L'infermiera si girò e si rialzò le mutandine, riassettandosi alla bene e meglio. Mio padre con un fazzoletto di carta si asciugava il cazzo e si rialzava i pantaloni. Cercarono di ritornare paziente e infermiera, come se nulla fosse succeso.rn"Ho bisogno di andare al bagno"rn"vieni, ti accompagno" disse l'infermiera; e uscirono dalla stanza.rnrnrnContinuarnrnSe vi va di scrivermi, per condividere con me la passione per l'incesto, il cuckoldismo e il sesso in generale, il mio indirizzo è taboo1987@libero.it A presto!
Categoria: Etero, Incesto, Cuckold Characters: None
Genres: Racconto
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed


Sommario: Le avventure di un ragazzo che decide di vagabondare per il mondo, lasciando la propria città.
Categoria: Dominazione, Etero, Trio, Incesto, Orgia, Saffico Characters: None
Genres: Fantasia
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed


Sommario: Mia madre è una bella donna ed io ne sono innamorato
Categoria: Incesto Characters: None
Genres: Fantasia
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed


Sommario: Giuseppina, così bella, così innocente, commette un errore. Pensa che sia tutto finito, ma è in agguato il fato.. rnLui vede subito la possibilità di poter trarne vantaggio.rnLa storia si divincola nei giorni che si susseguono. La piccola giovane Giuseppina non sa cosa le accadrà.. rnLeggete e scoprirete..rn
Categoria: Autoerotismo, Incesto, Cuckold, Etero, Trio, Orgia, Dominazione, Saffico, Sensazioni Characters: None
Genres: Racconto
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed


Sommario: Salve a tutti, vorrei iniziare a raccontarvi la mia storia col descrivere me e la mia famiglia.rnIo Marco ho 45 anni, naturalmente i nomi sono inventati, mia moglie Alessia di anni 39rnAlta circa 1e 76 molto attraente capelli scuri fisico normale, seno una quarta unrnbel sedere all’insù tipo mandolino, poi ho un figlio maschio e una femmina, il maschiornLuca da pochi mesi ha compiuto 18 anni bel ragazzo palestrato e con tutti gli attributi che glirnfanno onore, la femminuccia Chiara ha quasi 16 anni e posso dire che fisicamente ha preso tuttorndalla mamma, ecco adesso che vi ho un po’ descritto la mia famiglia posso iniziare a raccontarvirntutto quello che succede in casa mia.rnMio figlio Luca da alcuni mesi (almeno da quando me ne sono accorto ) spia mia moglie, cioèrnla mamma, non so da quanto tempo lo faccia però fatto sta che non si limita solo a quello bensìrnpuntualmente si sega e viene nelle mutandine della mamma, praticamente glie le riempie tutte, nonrnappena la mamma va in bagno x cambiarsi o farsi la doccia eccetera lui dopo un attimo è in bagnornimpegnandosi con le mutandine che ha tolto la mamma. Adesso vi spiego come me ne sono accorto.rnMia moglie non è stata mai diciamo quella che a letto prendeva iniziative è sempre stata diciamornAbbastanza fredda con il sesso,anche da fidanzati era così, però da un po’ di tempo voleva fare sesso quasi tutte le sere, certo a me faceva e fa molto piacere, però la cosa mi incuriosiva il perchérnTutto in una volta mia moglie fosse sempre così eccitata quindi iniziai ad indagare un pochino perrnVedere quali fossero le cause di questo suo comportamento non usuale, quindi indagando e spiandornMi accorsi che mia moglie sapeva che Luca la spiava e che sborrava nelle sue mutandine, fatto starnAspettavo che mia moglie mi avesse parlato di questa cosa…invece nulla,silenzio totale.rnContinuando a fare le mie indagini mi accorsi che mia moglie lo provocava e lo provoca appostarnInfatti quando va in bagno rimane la porta un tantino socchiusa x farsi vedere da Luca e non solornX farlo segare si masturba (come lo so?) ho messo delle mini video camere un po’ da tutte le partirnFacendo video e non vi scandalizzate se adesso vi dico che si passa le mutandine che ha sborratornLuca in mezzo alla figa.rnAll’inizio quando me ne sono accorto non ho detto nulla x vedere sino a che punto fossero arrivatirnE devo dire la verità che la cosa stranamente non mi incuriosiva solo bensì incominciava a farmi unrnCerto effetto, si incominciavo ad eccitarmi vedendolo spiare e segarsi e guardando i video che faccio.rnAlla sera nel letto visto che la cosa cominciava a piacermi ero agitatissimo e non aspettavo altro chernMia moglie avesse preso l’iniziativa x farsi scopare avendo un mio piano ben preciso. Dopo pochirnMinuti a letto ecco che mia moglie inizia a toccarmi e x sua meraviglia lo trovò già duro come il marmo, lei eccitatissima quanto me incominciò a succhiarlo con vera passione “cosa anomala” mentre io la sgrillettavo… era tutta un lago aveva gli umori che gli uscivano senza fermarsi, allorarnDecisi di mettere in atto il mio piano…la feci stendere e mi misi sopra di lei introducendo tutto il cazzo dentro e mentre spingevo sempre più gli sussurrai all’orecchio….non ho chiuso bene la portarnSperiamo che non ci vedano specialmente Luca che non dorme ancora, non feci neanche in tempo a finire la frase mia moglie fece un respiro fortissimo raggiungendo un orgasmo da non credere nonrnSmetteva più di venire… allora capii che scopava con me però nella sua mente c’era solo Luca e il rnSuo cazzo.rnBuona lettura e alla prossima x il prosieguo. rn
Categoria: Incesto Characters: None
Genres: Confessione
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed


Sommario: E' il sogno di ogni mamma avere un figlio come il mio e portarlo alla perdizione
Categoria: Incesto Characters: None
Genres: Fantasia
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed


Sommario:

Fantastiche Esperienza Con La Mia Cugina Preferita...

rn

 

rn

 


Categoria: Incesto Characters: None
Genres: Racconto
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed


Olimpia di liana [ - ]
Sommario: Una donna che da quando l'ho vista nuda per la prima volta nella nostra casa di mare è diventata il mio incubo erotico. Olimpia è il suo nome ed è mia madre
Categoria: Incesto Characters: None
Genres: Fantasia
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed


Sommario: spingersi verso forme impensabili di perversione
Categoria: Dominazione, Orgia, Etero, Trio, Incesto, Cuckold Characters: None
Genres: Racconto
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed


Sommario: Come da semplici amici un ragazzo comune, una modella e sua sorella scoprono come una relazione fra di essi possa funionare bene.
Categoria: Dominazione, Etero, Trio, Incesto Characters: None
Genres: Racconto
Warnings: None
Challenges:
Open: Moderato


Sommario: Come Marta fece il suo primo pompino al fratello e scese insieme a lui, sempre più in basso negli abissi del piacere.
Categoria: Dominazione, Etero, Incesto Characters: None
Genres: Fantasia
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed


Sommario:

Cosa succede in giro ai nostri tempi? 


Categoria: Incesto, Trans, Etero Characters: None
Genres: Racconto
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed


Sommario: Questa é la storia di una donna berlinese che ho conosciuto. Quello che racconteró sono le sue esperienze di vita, dalla prima esperienza ad oggi
Categoria: Incesto, Orgia, Etero Characters: None
Genres: Racconto
Warnings: None
Challenges:
Open: Closed