Un mondo nuovo by Night Writer
Summary:
Categories: Saffico, Autoerotismo, Sensazioni Characters: None
Genres: Racconto
Warnings: None
Challenges:
Series: None
Chapters: 3 Completed: No Word count: 6101 Read: 5193 Published: 28/02/2016 Updated: 12/01/2018
Capitolo 1 by Night Writer
Il sole era calato da molto dietro la collina. La cera si era ormai solidificata formando strisce in rilievo lungo la candela sul comodino. Anche le cicale nei campi avevano smesso di frinire facendo sprofondare la notte in un maestoso silenzio.
Erano sicuramente passate alcune ore da quando aveva provato a chiudere gli occhi aspettando che il sonno la prendesse. Eppure era ancora li a rigirarsi sul materasso ormai deformato dagli anni.
Non era raro che l’insonnia la prendesse così all’improvviso: gli occhi le si sbarravano e la stanchezza spariva, lasciandola nel letto in compagnia solo dei suoi pensieri.
Ogni volta che capitava, il terrore di essere scoperta dal padre la attanagliava: non riusciva a spiegarsi il motivo, ma, sebbene non fosse mai successo, si aspettava una sfuriata tremenda se il genitore l’avesse scoperta sveglia a quell’ora della notte. Quindi rimaneva li, gli occhi fissi al soffitto, ma persi in ricordi, pensieri o progetti. Quando sentiva il padre ronfare sonoramente si era arrischiata ad alzarsi ed accendere la candela, passando ore ad intingere il pennino nell’inchiostro e disegnare paesaggi immaginari.
Quella notte però si sentiva particolarmente coraggiosa: il padre era tornato parecchio alticcio da una festa in paese ed era crollato quasi subito chiudendosi dietro la porta di camera sua. Aspettò un paio d’ore osservando fuori dalla finestra. Quando la luna superò la cima degli alberi si levò la veste da notte e indossò un paio di pantaloni e una camicia bianca. Ai piedi un paio di stivali che le arrivavano fino a metà polpaccio.
Decise di scavalcare dalla finestra piuttosto che attraversare tutta la casa per passare dalla porta principale.
Era piena estate, ma complici la brezza notturna e un pizzico di paura, sentì un brivido percorrerle la schiena lasciandole la pelle d’oca.
Due respiri profondi e decise che fare.
Passando rasente ai muri superò lo steccato che delimitava il confine del villaggio; attraversò i campi di grano a passo spedito, ma godendosi il contatto delle spighe sulle braccia nude; superò il pascolo delle mucche svegliando i grilli che ad ogni suo passo schizzavano via come le gocce d’acqua dopo essere saltati in una pozzanghera.
Finalmente arrivò al limitare della radura: una distesa di prato, di giorno verde, ora reso quasi blu dalla luce della luna. Sentiva l’odore della natura passare per le narici. Si sorprese e tranquillizzò dall’infinito silenzio che regnava; sarebbe bastato anche un ramoscello spezzato per metterle paura e farle rinforcare la strada di casa.
Si levò gli stivali e li appoggiò vicino ad alcune coperte stese sul recinto che divideva pascolo e radura. Il terreno freddo e bagnato contrastava con la calda aria estiva.
Si mise a correre, piegando steli di erba ad ogni falcata. Le veniva da ridere, ma si tratteneva quasi a non voler disturbare il silenzio.
Dopo qualche minuto crollò a terra sfinita. Braccia e gambe divaricate e sguardo fisso alla luna e alle stelle.
Le venne quasi sonno e per qualche secondo accarezzò l’idea di addormentarsi li.
Sentiva la camicia inzuppata sulla schiena dalla brina. Un scintilla le attraversò la mente e fu tentata di levarsela, insieme ai pantaloni, per sentire l’erba su tutto il corpo.
La represse.
Si era alzata una leggera brezza che piegava gli steli d’erba muovendoli avanti ed indietro come le onde del mare.
Il sudore e la brina sul suo corpo si erano ormai mischiate.
Le venne un altro brivido.
Chiuse gli occhi ed inspirò come per tuffarsi.
La pelle era diventata più sensibile, ed ogni ciuffo d’erba che la sfiorava era quasi una scossa.
Improvvisamente sbarrò gli occhi e si ricordò del ruscello in cui da piccola andava a pescare le rane con gli altri bambini.
Questa volta la tentazione fu impossibile da reprimere.
Si alzò e iniziò a correre verso il recinto.
Recuperò gli stivali e prese in prestito una delle coperte che si gettò sulle spalle. Poi a passo svelto si diresse verso il ruscello.
Bastarono dieci minuti attraverso un boschetto di lecci, ma le sembrarono ore. L’orecchio attento a scorgere ogni minimo rumore, che puntualmente la faceva sobbalzare.
Stringeva la coperta tra le braccia.
A metà strada la paura di essersi persa le attanagliò lo stomaco, poi riconobbe un albero cresciuto storto e si rilassò.
Prima di vederlo sentì il suo mormorio lontano; poi tra le frasche cominciò a scorgerlo. Passo dopo passo il ruscello si avvicinava: l’acqua scorreva placida lambendo la riva di una piccola spiaggetta ghiaiosa. Era talmente limpida che bastava la luce della luna per scorgere il fondo.
Si tolse nuovamente gli stivali e stese la coperta.
Si sdraiò.
Lo scroscio leggero dell’acqua le fece tornare voglia di dormire. Si sforzò di tenere aperti gli occhi e si mise in ginocchio.
Fremeva al pensiero di quello che stava per fare.
Slacciò i pantaloni e si mise in piedi.
Afferrando il bordo li abbassò fino alle caviglie. Li piegò e li mise vicino agli stivali.
Sganciò i primi bottoni della camicia, abbastanza da farci passare la testa, e con un gesto rapido se la sfilò.
Abbandonò le braccia lungo i fianchi e chiuse gli occhi.
Era nuda.
Per la prima volta da quando aveva memoria era nuda e non tra le quattro pareti di casa sua.
Si sdraiò, con i vestiti a fare da cuscino, e ripensò a quel racconto della sua amica: era andata al fiume, accompagnata dal fratello e dal cugino, per pescare in un’assolata giornata primaverile. Si sorpresero di trovare la sponda opposta del ruscello occupata da una dozzina di ragazzi, sia maschi che femmine. Ma si stupirono ancora di più quando si accorsero che nessuno di loro indossava nessun tipo di vestito. Tutti nudi si tuffavano, schizzavano, spingevano e lottavano, senza nessun pudore. Secondo il cugino della sua amica, un ragazzo ed una ragazza si erano pure spinti in acrobazie erotiche, ma da come l’aveva raccontato sembrava molto di più una sua fantasia che la realtà.
Era rimasta molto colpita da quel racconto. Lei che si vergognava a farsi vedere in sottoveste persino dalle sue amiche più strette, non riusciva a concepire come un gruppo di suoi coetanei potessero mostrarsi completamente nudi gli uni con gli altri.
Ma più ci pensava e più lo stupore e lo sdegno venivano sostituiti dalla curiosità.
Dopo quel racconto cominciò ad osservare il suo corpo ogni mattina dopo essersi lavata. Stava li in piedi a fissare ogni piega e curva del suo corpo. Un giorno pensò pure a fare un ritratto di se stessa nuda, ma il pensiero che il padre potesse trovarlo la frenò.
Ora era li, distesa in riva al torrente, con niente addosso che dividesse la sua pelle dall’aria estiva.
Certo era da sola, ma non le dispiaceva. Voleva assaporarsi ogni istante di quel momento senza condividerlo.
Istintivamente si accarezzò il collo trascinando un dito fino al solco tra i seni. Poi lasciò cadere la mano sulla pancia.
Aveva caldo e decise di tuffarsi.
Arrivata dove terra ed acqua si univano rimase ad osservare il suo riflesso nel ruscello.
Cominciò a guardarsi e al tempo stesso a sfiorare il punto dove lo sguardo cadeva: i castani capelli mossi ricadevano morbidi sulle spalle. La mano destra percorse la linea delle scapole fino al collo sottile, per risalire verso il mento; poi un dito a percorrere la linea delle labbra carnose. Il piccolo naso leggermente schiacciato.
Poi gli occhi. Con una mano si chiuse le palpebre nascondendo le verdi pupille e cancellando il riflesso sull’acqua.
Ma non aveva più bisogno di uno specchio. L’immagine del suo corpo era vividamente stampata nella sua mente.
Portò le mani sulle spalle. Lentamente scese verso i seni, piccoli, ma graziosi e tondi. I capezzoli si stagliavano al centro, eretti per il contatto dei polpastrelli sulla sua pelle.
Si sfiorava appena, ma ogni tocco era un brivido.
Scese ancora verso i fianchi e la pancia piatta.
Poi ancora più giù, sul pube ad accarezzare la rada e chiara peluria che lo adornava.
Un soffio di brezza le fece accorgere di essere bagnata in mezzo alle gambe.
Le sue dita erano fuori dal suo controllo.
Scendevano lentamente.
Incontrò le grandi labbra.
Le percorse sfiorandole.
Poi il gallò cantò. Sbarrò gli occhi e vide che le stelle stavano già scomparendo, da dietro la collina i raggi di sole scacciavano il buio e la pace che aveva raggiunto.
Si rese conto di essere molto, troppo, lontana dal suo letto. Come un lampo si rivestì e cominciò a correre.
Dai boschi le cicale avevano già cominciato il loro canto.
Nella radura le gocce di rugiada splendevano ai primi raggi come pezzi di vetro sparsi tra l’erba.
Nel pascolo le prime pecore brucavano calme.
Quando finalmente scavalcò la finestra di casa, le venne quasi da esultare a sentire il ronfare del padre. Chiuse l’imposta della finestra e si spogliò nuovamente. Si sedette sul letto e si toccò in mezzo alle gambe.
Usò tutte e quattro le dita e con un tocco meno leggero di prima.
Decise di buttarsi sotto le coperte e continuare l’esplorazione, ma appena la testa toccò il cuscino affondò in un sonno profondissimo.
End Notes:
È la prima volta che pubblico un racconto e l'obiettivo è aggiungere capitoli a questa storia a seconda dell'ispirazione e dell'insonnia che, proprio come la protagonista, di notte mi lascia in compagnia di tastiera ed immaginazione.


Critiche (costruttive) e commenti (non volgari) saranno bene accetti all'indirizzo mail nightwriter2016@gmail.com
Questo racconto è attualmente archiviato su http://www.raccontimilu.com/viewstory.php?sid=32186