i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +

Sono iscritta come autrice su questo sito da appena un mese. Non contavo di suscitare così tanto interesse. Credevo che i miei racconti passassero velocemente nell'oblio in mezzo a così tanta produzione. Ed invece mi ritrovo ogni mattina con decine di messaggi nella casella di posta.

Chi mi fa i complimenti, chi (addirittura!!!) mi chiede consigli, chi fa proposte (soprattutto oscene) e chi mi chiede maggiori dettagli sulla mia persona.

In molti, che per ovvi motivi di riservatezza non citerò, mi scrivono anche più volte al giorno analizzando per filo e per segno i miei racconti, trovando similitudini nella propria vita ed esortandomi nel continuare a scrivere.

Beh....vi ringrazio davvero di cuore. Sono davvero lusingata.

Voglio comunque rispondere ad alcune vostre domande ricorrenti. Visto che non ho il tempo materiale per rispondere ad ognuno di voi, lo farò in una sorta di rubrica del tipo “Scrivi a Zia Daniela”...nella classica formula Domanda (D) e Risposta ®.

S'inizia!!!

D: Non è che per caso sei una scrittrice che si diverte a sperimentare una forma nuova di letteratura?
R: No, non sono una scrittrice (ah ah ah...magari) e neanche una professoressa di italiano, come qualcuno ha ipotizzato. Sono una normalissima impiegata che lavora in un settore lontano anni luce dalla letteratura e dall'editoria in genere.

D: Sei davvero una donna? Nutro qualche sospetto.
R: Non posso dimostrarvelo praticamente. Mi spiace. Credo però, anzi spero, che in alcuni dei miei racconti venga fuori la natura femminile (se così non fosse smetterei immediatamente di scrivere!!!).

D: Zia Daniela ma le cose che scrivi sono tutte vere o sono solo frutto della tua fantasia?
R: L'ho spiegato in più di un occasione. Lo ripeto. Scrivo le mie esperienze di adolescente, ragazza, donna, madre....e zia. Ho iniziato a farlo soprattutto per me stessa e se un mese fa mi avessero detto che i miei scritti avrebbero riscosso così tanto successo, non ci avrei creduto. Voglio continuare comunque a scrivere solo ed esclusivamente per me stessa.

D: Perché non scrivi dei tuoi desideri attuali?
R: Ho iniziato a scrivere cercando di descrivere proprio lo stato d'animo attuale (cfr. “Sentirsi donna (in 1000 parole)” ed “Effetti collaterali”). Ma non ho il bisogno personale di sapere chi sono adesso. Ho soltanto voglia di incontrare (nei ricordi) il mio passato.

D: Quanti anni hai?
R: Non si fanno certe domande ad una signora.

D: Non ti descrivi mai nei tuoi racconti. Toglimi una curiosità: come sei fatta?
R: Piccoli dettagli seminati in qua e in là nei racconti costruiranno lentamente la mia immagine. Ma quale immagine? Quella della adolescente? Della ragazza? Della donna?... della zia??? Sono cambiata, cambiata molto e, ovviamente, non in meglio. Ahimè.

D: Secondo me stai cercando qualcosa di diverso da tuo marito. Se vuoi...
R: Molto gentile l'offerta. Grazie ma non sono interessata. E poi non “compro” mai a scatola chiusa. Voi sì ???....

D: Ti andrebbe di girare un film porno?
R: …no comment ... (giuro che mi è arrivata davvero anche questa proposta!!!...mah)

D: Perché nei tuoi racconti eviti di scrivere parole come cazzo, uccello, pompini, fica....etc??? A me piacciono tanto. Mi eccita il torpiloquio.
R: Per diversi motivi non lo faccio (anche se, prima o poi, capiterà). In primis perché non scrivo per assecondare i desideri dei lettori, ma soltanto per mio diletto.
Secondo: siccome scrivo per mio diletto cerco di evitare le parole che mi danno noia. Ci sono tante similitudini, sinonimi, che possono assolvere alla descrizione materiale delle cose. Perché non farlo? E' un bell'esercizio...anche mentale.
Terzo: di certo non mi eccito, né tanto meno voglio far eccitare, solo e soltanto per l'uso ossessivo di volgarità che, secondo me, rivela lo stato infantile dello scrittore/ lettore. Come il bimbo che, per sentirsi trasgressivo, ripete ossessivamente una parolaccia di cui non capisce il significato.

D: Dove abiti?
R: In Italia...ma credo che si capisca..(ah ah ah...non ve lo dirò mai !!!)

D: Quanti figli hai? Maschi? Femmine? Quanti anni hanno? (anche se lo scritto originale era: “Quanti anni anno?”...vabbé...)
R: Vi prego di non chiedere di loro. Mi inibisce e mi irrita. Vi dirò solamente che ho più di un figlio/a e meno di cinque...basta così!!!

D: Ti va di essere dominata? Ti piace stare a quattro zampe?
R: Solo se vi riesce ...e poi, eventualmente, solo in maniera mentale. Ma la vedo dura!!! Per quanto riguarda il discorso delle “quattro zampe”: può essere divertente. Spero solo che la sciatica non faccia le bizze proprio quel giorno....ah ah ah

D: Credi in Dio?
R: Caspita. Che argomento!!! Comunque...sì...ci credo e molto profondamente!!! E il fatto che nella mia vita ne abbia fatte di cotte e di crude e che adesso, nonostante tutto, sia qui a scrivere su questi temi, non toglie che creda in Dio. Sono stata e sono tuttora una peccatrice (chi non lo è?). Una peccatrice che cerca di fare del suo meglio nella vita....stop.

D: Sei di centrosinistra o di centrodestra ???
R: ...ma che ve ne frega???...e poi che senso ha la domanda di questi tempi???

D: Nonostante tu dica che nella tua vita ne hai fatte di tutti colori fino ad adesso non mi sembra che tu abbia esagerato...quando inizierai a scrivere sul serio delle tue porcate?
R: Al di là che avrei preferito un termine diverso (porcate non mi piace proprio!!!), sto tirando fuori dall' “armadio dei ricordi” gli scheletri che popolano la mia memoria. E non sempre mi trovo a mio agio nel ricordare momenti “forti”. Prima o poi succederà.

Chiudo qui, per adesso, questa mia prima rubrica “Zia Daniela risponde...”.

Ho omesso, per pietà mia e vostra, tante domande che avrebbero anticipato un po' il mio percorso di scrittura. Domande del tipo “Sei mai stata con più uomini?”, “Ti hanno mai pagata?”, “Mai stata con un gay?”...etc...etc...

Spero di aver assolto alle vostre curiosità più ricorrenti sulla mia persona. Se sono anche riuscita a stimolarvi un sorriso (o ancor meglio una risata) ne sarò ancora più felice.

Continuate comunque a scrivermi Mi fa davvero un gran piacere. A molti di voi risponderò con entusiasmo. A molti li cestinerò....

Note finali:

ziadaniela@email.it