i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
ORDINARIA VITA DI COPPIA.

Vi parlo un poco della mia vita affettiva. Ho 35 anni, orfano, sono sposato, ho avuto una figlia da un precedente matrimonio. Mia figlia mi adora, io la amo, ma la vedo poco perché vive in un'altra città con la madre. Amo molto anche mia moglie.
Fin qui tutto tutto nella norma: ordinaria esistenza e tipiche situazioni familiari presenti in migliaia di casi a giro per l'Italia.

Passiamo adesso ad una scena di interno.
Casa di mia moglie. Tarda sera. In salotto sul divano io e lei guardiamo lo schermo.
Un film porno. In una scena una donna si fa sbattere a bordo piscina da un uomo e da un transex contemporaneamente. Mia moglie guarda attenta.
“E se facessimo sesso con un transex?” mi chiede ad un tratto.
“Potrebbe essere un'idea..l'hai mai fatto?”
“No. E tu?”
“Sì, un paio di volte,ma non sono mai state il massimo.”

altra scena di interno. Tarda sera, due giorni dopo.
Mia moglie è sul letto, sfoglia una rivista con le gambe accavallate. Ho sempre trovato sexy le sue gambe, lunghe, belle, tirate. Indossa solo una sottoveste chiara che le mette in risalto il seno materno, procace, cascante ma eccitante. Le spalle sono larghe ma gentili, da ex nuotatrice come è stata in passato; il volto non è giovane, ha cinquantanni Disa, ma a me piacciono da impazzire quelle rughe sul suo volto, la bocca carnosa e le righe attorno ad esse.
“Hai cercato un transex che potesse fare al caso nostro?” mi chiede.
“No. Lo facciamo assieme adesso? Accendo il computer e...
“Non importa, rimandiamo a un'altra volta.”

interno giorno. Un sabato pomeriggio io e Disa stiamo chiavando sul letto. Sono sopra di lei, ho un paio di dita ficcate nella sua figa calda, bagnata mentre lei mi sta segando il cazzo con le sue mammelle dolci e morbide oltreché cascanti da vecchia troia.
La faccio godere più volte. Freme la sua calda figa sotto le mie dita rapaci, gode e grida...poi dolcemente mi prende il cazzo nella sua bocca, lo ingoia e lo succhia.
Le vengo in bocca.
Ci facciamo una doccia assieme, gel e shampoo, crema e unguento: ha i segni dei miei morsi sulle chiappe e sul collo. La bacio sotto l'acqua calda. “Mi fai impazzire, bellezza!” “Che caro che sei, ragazzino mio...”

interno notte. Tre giorni dopo. Risa è in bagno, sulle ginocchia il pc portatile. “Guarda qui!” mi fa. “Un sito di trans disponibili per coppie! Scegliamone una, day!”
la raggiungo in bagno. Scorriamo le pagine web. Transex per coppie. Mulatti, bianchi, asiatici, neri.
Disa legge, paragona, scruta.
Si segna i numeri di alcuni. Vorrebbe telefonare. Io ho sonno. Lei è eccitata. Vado a letto. Lei mi raggiunge qualche minuto dopo.

Interno sera. Sdraiato sul letto di camera. Disa sopra di me. Ho il mio cazzo piantato nella sua fica.
Lei gode sopra.
Con lentezza va su e giù.
Il mio cazzo dentro di lei.
Su e giù.
Disa gode. Io goda cullato da quella sexy lentezza.
Sento il mio cazzo dentro di lei. Le pareti della figa bagnata, calda. Amorosa.
Su e giù.
Lei lente si gode la scopata.
Ha l'i-pod in mano.
Lentamente.
Scopiamo.
Godiamo.
“...sì? Ciao. Sono qua con mio marito. Stiamo scopan...
“..cazzo fai?
“..sì, è lui...vorremo incontrarti...sì..
“..ma a chi telefoni? Sei pazza?”
“..ok..sì, ho capito...bene...certo...grazie..cara..”
“Allora? Sei uscita pazza?”
“Zitto. Scopami, baby...scopami ragazzo..così...sìì...sììì dai......sì....sììì,aaaancoraaaaaaaaaa”
la fotto. Sono incazzato. Ma la scopo, la scopo,cioè è lei che mi scopa che mi fa andare fuori con la sua figa dolce, amorosa, calda, calda e bagnata. Disa è una diga che perde. Erutta lussuria, godere, piacere, intenso piacere. La sento venire più volte. Ha ancora il telefono in mano. Ride. Gode. Io godo con lei. Le vengo dentro.

Esterno giorno. Corso F. tardo pomeriggio. Siamo sul pianerottolo di un appartamento anonimo. Disa è vestita da zoccola, seno in fuori, minigonna, tacchi alti. È bella. La amo. Vorrei scoparla lì. Ma siamo fuori da una porta. Disa suona il campanello. Dopo poco la porta si apre di uno spiraglio. “..entrateee..” sussurra una voce profonda.
Luci basse. Musica brasiliana.
Dentro ci guardiamo stupiti, un appartamento piccolo, pizzi e treni da nonna piemontese. Foto di anziani alle pareti. Ma dove siamo? Ci chiediamo io e mia moglie.
“SalVe!” una voce di fronte a noi.
La inquadriamo.
È alta, mulatta. Gambe lunghe su tacchi alti. Lunghi capelli raccolti dietro che spuntano sul corpo. Spalle larghe ma vita stretta. Indossa una camicetta viola, giarrettiere e mutandine di pizzo.
“Venite....”
“eccoo..noi...” inizio.
“shiiiiiiiiiii...venite.”
andiamo.
Ci fa mettere comodi. Siamo imbarazzati,ma Disa è visibilmente eccitata, sorride, si passa la lingua sulle labbra, più volte, guarda la tipa. Lei ci offre da bere. Due chiacchiere. Ci chiedo cosa vogliamo fare. Fumiamo un paio di sigarette, finiamo il vino ghiacciato che ci ha offerto. Le chiedo quanti soldi vuole. La pago. Venite ci dice e indica il letto.
Carezze.
Baci.
Corpi.
Tette, cazzi.
Le tette di Disa, molle dolci, femminili. Quelle della trans dure, sode, piantate in mezzo al corpo mulatto.
Ci tocchiamo.
Ci baciamo. I nostri sessi si sfiorano, le nostre bocche si cercano.
Il tempo si allunga e diventa leggero, piacevole, sensuale.
Le mani toccano capezzoli e gambe, cazzi e figa.

Dopo sto scopando mia moglie sul letto. Disa ha il cazzo della trans conficcato in bocca. Io la cavalco incitato dalla trans. Mia moglie gode, è una cagna che gode il cazzo in bocca e quello in figa. La scopo, fisso la trans che ride e giocosa mi incita a fottere sempre più forte.
Sento la mia donna gemere sotto i miei colpi e succhiando rapacemente il cazzo della trans, è distesa sul letto, il petto che cade sul suo corpo, sudata, sexy,calda, arrapata che ingoia quel cazzo nero.

Nuova posizione. Sto prendendo Disa da dietro, lei è appoggiata sulla sponda del letto. Io la monto da dietro. Colpi sempre più rapidi, forti. Mi perdo nella chiavata, la scopo con forza. La lussuria del momento mi porta fuori. Sto godendo. Mia moglie gode. Non mi accorgo che la trans è alle mie spalle che mi tocca il culo, che insinua i suoi diti nel mio solco del culo, che lo palpa che se lo gioca, mi infila un dito poi due nel culo. Io scopo. Scopo Disa. La fotto mentre quella trans gioca col mio culo. Mi scopa pure lei con due dita. La sento mentre lo fa. Ma sono rapito dal sesso, dal mio fottere mia moglie. Dal momento. Fotto. Disa gode come una vacca, viene, viene più volte, viene sul letto, gode, urla, godooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo

quando mi stacco da lei mi distendo sul letto. Stanco. Distrutto. Ma non passa un minuto che mi ritrovo il cazzo della trans che preme sulle mie labbra. no. Non dico. No ripeto. no. Ma lei forza. Ha un bel cazzo duro. È eccitata. Vedo. Preme sulla mia bocca.
no. no. Dico. no. Sono distrutto. Ma lei insiste. VOGLIO FICCARTELO IN BOCCA MARITINO...HO VOGLIA DI SENTIRE LE TUE LABBRA SUL MIO CAZZO!!! APRI LA BOCCA DOLCEZZA.
no. ripeto. no. Scusa.
Disa allora si riprende. Mi bacia dolce. Mi tocca i capelli. AVANTI BABY APRI LA BOCCUCCIA. FALLO PER ME....
la trans coglie la palla al volo. Mi afferra il naso, lo tira. Apro la bocca e mi ritrovo quel randello in gola.

Inizio a leccarlo.
Succhio.
Disa mi tiene la testa, mi spinge.
Lo prendo bene in bocca.
Succhio.
Disa mi incita piano. Dolce.
Anche la transex prende la mia testa e mi spinge verso di lei.
Lecco.
Ingoio.
Sento che le mani di mia moglie e della trans si intrecciano sulla mia testa. Complici. Ridono. Godono a vedermi succhiare quel cazzone sempre più grosso.
Ingoio.
Succhio.
Loro mi incitano dolci e perverse.
Si baciano. Si leccano le tette.
Io succhio sotto.
Il cazzo è bello grosso, non lungo,ma meglio.
Si baciano.mia moglie eccitata, la trans pure.
Succhio e lecco.
Lo sento dentro. Il sapore, la consistenza.
Mi fotte la transex mentre Disa la bacia.
Si scopa la mia bocca.
Spinge.
Disa è dolce. Mi ripete, baby babyy babyy ohhh babyohbaby......bravo.....
quella mi fotte in bocca il suo cazzo nero e mia moglie se la spassa e la incita.



Esterno notte.
In un bar io e Disa sediamo stanchi, felici, appagati.
Beviamo thè verde e sgranocchiamo biscotti al burro.
Io rido.
Lei ride.


Interno notte, tre ore dopo.
Sul letto.
La luce è spenta ma nessuno dei due dorme. Ripensiamo alle ore prima. Alla goduria. Al sesso. Ai nostri corpi nudi, caldi, eccitati.
Ripensiamo alle lingue, ai cazzi, allo sperma, alle grida, al piacere.
Rivediamo come in un film la scopata la piccola orgia.
Rivediamo i nostri corpi, Disa sconvolta dagli orgasmi, io che la fotto, io che faccio un pompino alla trans.
Disa respira piano.
Rivediamo.
Sognamo.
La sua mano cerca il mio cazzo. È già duro quando lo trova. Io tocco la sua passera da donna matura. Calda, dolce, vissuta.
È bagnata. Infilo 3 dita. Forte. La scopo. Ripenso al trans che mi infilava le dita in culo. Disa gode immediata, mi sega. Ripenso a tutto. Rivivo. Vengo.

per commenti,suggerimenti,critiche scrivete a dorfett@alice.it- grazie.