i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Marina e Sally ci dettero nuove disposizioni. Dovevamo costruire una ruota di legno da mettere al centro della sala,assemblando due grossi pezzi. La cosa era facile,seppur inquietante, ma Felipe e l'amico erano fuori gioco. Dovetti fare tutto io, per fortuna Marina e Sally mi dettero una mano. Quando ebbi finito la ruota di legno era composta da una pedana centrale e delle sedie sotto, il tutto ruotava, seppur debolmente e cigolando, su un perno mobile posizionato sotto. Sally ci ordinò di sederci sulla ruota e prepararci. VOGLIAMO I VOSTRI CULI ADESSO!!!
VERO RAGAZZE???!!!
Chiese Sally alle transex. Queste urlarono e brindarono, anche quelle che si erano occupati degli altri schiavetti accorsero al richiamo di Sally. CULI!! CULI!! CULI!!! urlavano in coro e noi ci posizionammo sulla ruota a culo in aria. Sally salì sulla pedana e fece girare la ruota di legno. Vorticammo debolmente, girando intorno, facemmo un giro e Sally fece più forza sul perno. Girammo in tondo. Noi col culo esposto e loro che ridevano, incasiante, godenti, selvagge. Ridevano di noi chegiravamo per loro su una ruota di legno mostrando i nostri culi. Poi si alzarono e vennero da noi. Iniziarono a colpirci sul culo a turno. Sempre più forte mentre giravamo. I colpi arrivavano precisi, secchi, colpi cattivi e ludici.
Vorticavamo come scemi con Sally che si dava da fare e ci umiliava e colpiva con uno scudiscio. Si incanava su noi e colpiva con lo scudiscio. Le altre le mani. Colpi secchi sui nostri culi.
Poi la ruota fu fermata. Felipe e un altro furono fatti scendere. Ordinato loro di succhiare i cazzi delle transex, mentre Marina si armava del primo preservativo e si avvicinava ad uno dei culi esposti e lo penetrava. Anche il ragazzetto accanto a me fu impalato da una transex e io subii la stessa sorte, in un paio di colpi fui preso da una tipa che mi inculò duro e dritto. Mi spinse la sua nerchia fino in fondo al culo, spingeva come una pazza e menava duro col suo cazzo. Mentre mi impalava a quel modo, conficcando il suo uccello nel mio culo e uscendo da esso per profanarlo più volte subito dopo, Sally mi ficcò il suo regale membro in bocca e allora non capii più nulla. Col cazzo di Sally in gola, soffocato e inculato a forza dalla transex dietro, mi presi 20 minuti di sesso pesante e orgasmico, venni nella tuta mentre quella dietro mi inculava violenta e Sally non faceva uscire il suo cazzo dalla mia bocca. Sentii la tipa dietro tenermi con forza i fianchi e venirmi dentro, mentre Sally si svuotava sulla mia bocca e poi mi costringeva a bere tutto con gusto.
Sfinito e senza fiato caddi a terra. Sally mi disse di rialzarmi ma non ce la facevo. Lei mi mollò un calcio sulla schiena che mi fece andare di lato e notò la mia sborrata nella tuta. BRUTTO FIGLIOFIPUTTANA ROTTOINCULO STRONZO!!!COME OSI VENIRE??MARINA!! MARINA!! prese a urlare colpendomi con lo scudiscio. Marina accorse e Sally le mostrò il mio errore. “Ci pensi tu? Riportamelo di sotto che voglio spaccargli il culo a questo stronzo..!” disse Sally. Marina rise e mi afferrò per la testa e mi condusse di sopra nella sala doccia.
“A terra verme!”
la fissai, sapevo che mi avrebbe innaffiato con l'acqua ma prima si sarebbe divertita. Rideva ubriaca. La tuta le era calata un poco, aveva tolto il cappuccio e la sua chioma riccia risplendeva sulla pelle abbronzata. “Sai cosa voglio fare, vero?” mi chiese maliziosa. “Sì, lo so...”
“Bene..Spogliati.”
mi tolsi la tuta e tornai in ginocchio da lei.
Aprii la bocca e attesi che lei appoggiasse il suo uccello. Lo presi in bocca e lo leccai un po', ma lei non voleva un pompino, ma pisciarmi addosso e stimolata lo fece mi pisciò in bocca e in faccia e sulla pelle del corpo.
“....bene...ora ti pulisco a modo mio....” e ridendo prese il bocchettone e sparò il getto di acqua.
Ebbi del tempo per asciugarmi, indossare di nuovo la tuta,riposare un attimo e tornare di sotto. La festa continuava alla grande. Gli schiavetti erano sulla ruota, tutti, un paio erano presi da dietro dalle transex in tute colorate, gli altri erano impegnati n pompini acrobatici con le altre. Sopra la ruota Sally, maestosa e puttana menava le danze e il suo scudiscio sulla pelle degli uomini.
Marina mi accolse con uno schiaffo e mi spinse a terra, quindi mi condusse sulla ruota, non feci in tempo a rendimi conto di cosa stava accadendo che mi ritrovai con un cazzo in bocca di una transex con la tuta rosa e gialla. Il suo cazzo mi scopava la gola con rabbia, mentre lo scudiscio di Sally mi martoriava la schiena. Sentivo accanto a me uno schiavo che se lo prendeva dietro con forza e lo faceva urlare. La transex mi teneva la tesa sul suo pene bianco che entrava ed usciva dalla mia bocca. Il pompino non durò molto perchè la tipa, evidentemente già carica per la festa, mi venne dentro schizzando forte. Sally allora scese dalla ruota e mi soffocò tenendomi assieme all'amica la testa sul cazzo di quest'ultima. Mi presi tutta la sborra dentro e quando Sally mi prese la faccia e mi fece girare verso di lei per ficcarmi il suo randello in bocca, così mi ritrovai a succhiare quel serpente bianco con ancora la sborra in bocca di quella di prima e il risucchio era incredibile, dal labbro inferiore mi calava lo sperma appena riprendevo fiato, ma Sally mi riprendeva la testa e mi spingeva sulla sua ramazza. La transex raccolse la sborra che cadeva e mi afferrò la fronte trascinandomi all'indietro. “ScusaAmore....- fece a Sally privata del suo pompino – ma questa troietta deve prima bere la mia sborra calda....” e mi ficcò le dita cariche dei suoi umori in bocca e mi fece ingoiare tutto. Quindi soddisfatta mi prese la testa e mi mandò a riprendere il lavoretto di bocca con Sally.
Stavo ancora spompinando Sally quando un grosso cazzo mi prese da dietro. Era una mazza grossa, per fortuna non lunga, ma larga, possente. Mi sentii preso per i fianchi, con forza e sicurezza, il cazzo mi pompava dentro mentre io continuavo a leccare succhiandolo il cazzo di Sally. Dietro il cazzo mi penetrava a fondo,con colpi duri e la sua larghezza mi spezzava in due il culo. Con il cazzo in bocca della mia cara Sally e quel cazzo dietro che mi sfondava, mi eccitai di nuovo. Il mio cazzo divenne duro ancora e una transex lo notò e me lo prese in mano. Iniziò a segarmi con forza ridendo e infamandomi, ma sapeva menarmelo. Sally mi scopava in bocca, la transex dietro mi sfondava il culo tenendomi i fianchi con forza, spingeva e andava a mille. La transex mi segava e sentivo la lussuria avvolgermi tutto.
Pompato dietro, il cazzo di Sally in bocca e la tipa che mi segava venni con forza. Sally mi tenne la testa con rabbia sul suo cazzo e mi venne in bocca come faceva spesso anche a casa. Rimaneva la tipa col cazzo grosso che mi pompava in culo. Continuò a forza tenendomi per i fianchi. Sally prese in mano il suo scudiscio e mi colpì sulla schiena e sul culo. Preso in quel modo con Sally che mi scudisciava e la tipa dietro che montava e montava e poi veniva con forza dentro il mio culo.
Stanco finii a terra.
La festa terminò.
Sally mi dette un bacetto sulla fronte. “Brava troietta...te la sei cavata oggi...” ,le transex si ripreso e svestirono, Felipe distrutto si teneva dolorante il culo, mentre ero seduto a riprendermi avevo visto due transex che gli ficcavano entrambi i loro cazzi nel culo e lo sventravano con rabbia a sangue.
Marina ci inflisse ancora la sua doccia privata: pisciata, alla quale si aggiunse anche Sally e altre due, quindi bocchettone di acqua fredda.
(per suggerimenti, critiche, commenti: dorfett@alice.it)