i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Note:
FILASTROCCA EROTICA
Ho il sangue che mi bolle nella figa,
Sono alla ricerca di un bel cazzo
Che mi prende, mi fotte e mi castiga.
Lo voglio tosto, grosso e paonazzo
Non avaro di colpi, che non transiga,
Di questi ne vorrei un bel mazzo
A mò di asparagi, su quella falsariga
Sicura che tutti me li spupazzo
Non li lascio tracimare, sono una diga.
La mia passera ha bisogno di strapazzo
E’ bella, è bionda come una spiga,
Dentro con le dita io ci sguazzo
E tutta la mano mi irriga.
Ma non mi soddisfa questo andazzo,
Far da sola non mi intriga,
Non mi basta, necessita un rimpiazzo
Un bel bastone che la metta in riga.
Prendo il bus e vado a Milazzo
Troverò chi i miei bollori mitiga.
E dal portone di un palazzo,
In una via vicino a piazza della Liga,
Sta uscendo un bel ragazzo
Alto, moro, coi capelli a mezzariga,
Mi guarda il culo ed io scodazzo
Convinta che le natiche prediliga.
Si avvicina e propone un intrallazzo
“Huheh! non sono troia miga!”
E mi atteggio in imbarazzo
Come Santa che alta si eriga.
Esita, poi mi offre uno sbevazzo
“Su, dai, vieni” insiste e mi istiga,
“Su in casa mia, sul terrazzo”
Accetto, l’invito mi intriga.
Lo seguo come un razzo
E un pensiero mi rediga
“Questo qui me lo scopazzo,
Voglio che m’imbrigli come fa un’auriga”.
Entriamo, mi siedo sul materazzo
Con la gonna molto in alto, a peldifiga,
Parlo, ciancio, rido e starnazzo,
Le mie cosce lui investiga
Dilettato dal mio schiamazzo
In elogi e lusinghe si prodiga,
Palpa una tetta e pensa che m’incazzo
Non lo sa quanto m’intriga.
Gli sorrido e dei vestiti mi sbarazzo,
La topa mi bolle, come pentola di striga,
E sul letto mezza nuda stramazzo
Mi zompa addosso e sulla patta briga
La sbottona e mi mostra il suo biscazzo
Minchia è un nerbo di 3000 giga!
Grosso e duro, un bel pupazzo
Non vedo l’ora che in me si ridiriga.
Vogliosa, lo agguanto e lo smanazzo
Con due mani, e l’una con l’altra litiga,
Poi con la lingua tutto lo sbavazzo
Lo ingoio come un’aringa suffimiga.
Mi palpa le tette ed è un sollazzo,
Con le mani fra le cosce si prodiga
Mi caccia un dito in culo ed io svolazzo
Con la lingua tutto il corpo mi leviga,
Mi mette a pecora ed io sghignazzo
Sembro la giumenta della biga.
E’ dietro, se non mi fotte io l’ ammazzo
Ma ad infilarlo sto stronzo non si sbriga
Glielo prendo e in fica me lo piazzo
Fatica a entrare, è una gariga,
Mamma com’è grosso sto randazzo
Un grande colpo e tutto dentro si imbriga.
Va avanti e indietro come un turborazzo
Io sono un lago e sembra che naviga.
E fotte, e tromba come un pazzo
Corre come una quadriga,
Io vengo come un fontanazzo
E il mio umore tutto lo irriga.
Poi mi sfonda dove scacazzo
Che dolore! Voglio una lettiga!
Grido, piango, godo, io impazzo
Dio, come fotte sta mezzariga.
Sborra, esce e col culo io strombazzo
E ridiamo dopo tutta sta fatiga.
Lo saluto e col bus torno a Patrazzo
Con il culo largo come una sestiga,
Vo da mio marito il cornutazzo
Che di nulla lui s’intriga
Mangia, beve e dorme il cacacazzo
E a scopar non ci pensa miga.
Prima di dormir penso allo smazzo
Di come si fotte bene in piazza della Liga
Forse domani mi tornerà la voglia di cazzo
Già ho un fremito dentro la figa