i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Note dell'autore:
La moglie di un carabiniere dovrebbe sapere che certe cose non si fanno.
Me ne stavo seduto in salotto.
Aspettandola.
Ormai era mezzanotte, ma lei non si vedeva.
Mi versai un altro bicchiere di vino. Non avrei potuto ubriacarmi, avrei dovuto rimanere sobrio.
Cominciai a pensare che avrebbe potuto ritardare.

Io sono Marco, sono un carabiniere e sono sposato con Emma da dieci anni.
Non ci sono mai stati problemi con mia moglie fino a due mesi fa, quando sua sorella si è trasferita a Milano dalla Sicilia dopo il divorzio.

Le due sorelle hanno cominciato a uscire insieme, prima di pomeriggio e poi anche di sera con la loro amica Sara, la moglie del maresciallo Contursi.
A cena tra amiche, dicevano, tanto per far conoscere la città alla nuova arrivata e aiutarla a farsi un giro di amicizie.

Beh, io non avevo obiezioni. Mia moglie non lavora, non abbiamo figli e se si distrae un po’ mi sembra del tutto comprensibile. Io, a stare a casa, morirei di noia.

La una.

Cominciavo ad avere sonno.
L’indomani dovevo essere al comando alle sette. Ero a casa ormai da due ore, dopo il giro di pattuglia con Alfredo Contursi, il maresciallo, che alla fine mi aveva accompagnato a casa.

Ero sveglio dalle sei ed ero stanco.
Quella sera era stata impegnativa. Alla tv non c’era niente.
Girai per i canali e poi la spensi, annoiato.

Il Milan aveva perso ancora una volta.

La una e trenta. Finalmente sentii la chiave nella toppa.
- Marco, ciao. Cosa fai ancora alzato? Non sei stanco?
- Aspettavo te, Emma.
- Beh, sono tornata. Sono distrutta. Andiamo a dormire, Marco.
- Subito Emma. Ma prima dobbiamo chiarire una cosa. Ti spiace? Togliti il soprabito, dài.
- Domani, Marco. Stasera non ce la faccio. Perdonami.
- Emma, siediti un momento. E togliti il soprabito!
- Non stanotte. Non mi reggo in piedi. Non vedo l’ora di andare a dormire, fai il bravo…
- EMMA, PORCA TROIA, SIEDITI QUI E TOGLITI QUEL CAZZO DI SOPRABITO!!! SUBITO!!!
Emma mi guardò. Prima sconcertata, poi, appena vide la mia espressione, anche spaventata.

La divisa mi dava una certa autorità.

Si tolse lentamente il soprabito e lo appoggiò sulla sedia del tavolo in sala.
Sotto, il suo vestito cortissimo e trasparente lasciava intuire la mancanza di reggiseno e evidenziava la presenza di calze autoreggenti, anche se lei cercava invano di nascondere, con le mani, l’oltraggiosa audacia del suo abbigliamento.

- Emma, raccontami bene della tua serata. Ti spiace? – dissi sedendomi di fronte a lei sulla poltrona, mentre lei si accasciava lentamente, con le ginocchia ben chiuse, sul bordo del divano.
- Niente, lo sai, sono andata a cena con Silvia e Sara.
- Dove?
- In un posto un po’ fuori mano, non lo conosci…
- Il Blue Note di Cinisello?
- Forse… Non ricordo bene il nome. Ha guidato lei e io non ho fatto caso.
- E avete cenato?
- Sì, qualcosa…
Cominciava a essere preoccupata. Non sapeva bene come facessi a sapere il nome del posto dov'era stata.
- Tipo cosa?
- Degli snacks, credo.
- E cos'altro avete fatto?
- Niente. C’era un po’ di musica e l’abbiamo ascoltata.
- Non si ballava?
- Mah, forse qualcuno ci ha provato…
Mi guardava con preoccupazione. Si torceva le mani e sudava.
- E voi non avete ballato?
- Marco, tre ragazze carine come noi trovano sempre qualcuno che le invita…
- E con chi avete ballato?
- Non so… C’erano tanti ragazzi… Un po’ con tutti.
- Tu? Non hai ballato con qualcuno in particolare?
- Non ricordo… Forse…
- Uno biondo, alto, con i pantaloni blu e una giacca chiara, senza cravatta… Un accento veneto… Non ti ricordi?
- Può darsi, Marco. Ma perché questo interrogatorio?
- Perché proprio con lui?
- Solo perché ballava bene, devi credermi!
Era vero. ‘Sto stronzo ballava davvero bene.
- E, ballando, ti sei fatta toccare? Tipo le tette o il culo?
- Marco? Cosa stai pensando?! No certo! Almeno, a noi ragazze queste cose succedono spesso, non ci diamo troppo peso!
- E non vi siete baciati?
- Marco! No! Mi avrà sfiorato la guancia con la sua, ma niente di più! Mi stai accusando di qualcosa?
- Non ancora, Emma. Basta che non mi racconti delle balle. Sei rimasta tutto il tempo nel locale?

Adesso era davvero spaventata.

Si era resa conto che avevo visto qualcosa, ma non immaginava fino a che punto sapessi e stava camminando sulle uova.
- Sì, certo. Perché?
- A un certo punto lui è uscito nel parcheggio ed è salito sul sedile posteriore della sua Bmw serie 3 berlina nera, targata EB 658BD. Tu non l’hai raggiunto, no?
- Non ricordo… Avevo bevuto. Marco, ti prego…
Stava quasi piangendo. Mi guardava disperata.
- Sì o no?
- Credo… Forse…
- E cos'avete fatto mentre eravate seduti sul sedile posteriore della sua Bmw?
- Niente, ti giuro! Non l’abbiamo fatto!
- Lo so che non l’avete fatto. Non saresti seduta qui con me se l’avessi fatto. L’ha tirato fuori, il tuo amico Dino Santon?

Adesso aveva capito di non avere più scampo.

Sapevo anche il nome del suo amante.
- No! No… Non subito…
- E ti ha toccato le tette?
- No… Beh, forse qualche carezza…
- Carezza, eh? Allora spiegami come ha fatto a toglierti questo.
Tolsi il suo reggiseno dalla tasca della mia giacca e glielo gettai in grembo.
Mi guardò disperata e si mise a piangere.
- Tu glie l’hai preso in mano?
- Marco! Ti prego, ho vergogna a parlarne, non capisci?
- Anche in bocca? Gli hai fatto una pompa, Emma?
- Marco, non so come scusarmi, non sai come mi dispiace! Mi sono lasciata andare…
Estrassi i suoi slip dalla tasca e glieli gettai addosso.
- E questi? Come li spieghi?
Non parlava più. Piangeva solo con la faccia tra le mani.
- E poi? Cos'è successo?
- Niente, Marco. Io sono ritornata nel locale e lui mi ha detto che mi avrebbe raggiunta.
- E invece?
- Non s’è fatto più vedere! Ti giuro!
Lo sapevo bene.
- Emma, Il maresciallo Contursi sapeva che sua moglie Sara se la faceva con questo Dino Santon e voleva coglierlo in flagrante, ci siamo appostati fuori da questo puttanaio che frequentate, il Blue Note di Cinisello.
E invece, pensa un po’, abbiamo scoperto che Dino aveva piantato Sara e se la faceva con te!
- La puttana! Non me l’aveva detto!
- Che sconsiderata! Però quando questo bastardo è uscito dalla macchina si è trovato di fronte a noi due. Il maresciallo era contrariato e anch'io ero un tantino alterato. Credo che abbiamo perso le staffe e la discussione si è fatta animata.
- Santo cielo!
- Non credo che potrà più considerarsi un bravo ballerino… Se mai riuscirà ad alzarsi dalla sedia a rotelle, dopo che gli abbiamo sbriciolato a martellate caviglie e ginocchia.
- Marco! Cos'hai fatto!
- Ho fatto ciò che andava fatto. Adesso c’è da discutere di noi due.
- Marco, ti prego! Io non voglio perderti!
- Ti spiego la situazione.
Le misi sotto il naso una chiave.
- Sai cos'è?
- No… O forse sì. Non è la chiave delle tue manette?
- Infatti. Il tuo amante è ammanettato sui binari delle Ferrovie Nord, cento metri prima del passaggio a livello di Cormano. Alle tre e quaranta passerà il treno locale che lo taglierà in due. Tu hai una scelta: puoi prendere la chiave e andare a liberarlo (se ti sbrighi sei ancora in tempo), e lunedì io sarò in galera e tu non sarai più mia moglie, oppure possiamo andare di là in camera e scopare tutta la notte e ‘fanculo Dino Santon. In quel caso sarai perdonata e saremo ancora una coppia felice.

Mi guardò con orrore.

Io non mossi un muscolo.

Guardò la chiave.

Girò la testa e gli occhi le si riempirono di lacrime. Poi si girò e mi guardò dritto negli occhi. Si alzò in piedi e con una sola mossa si sfilò il vestito dalla testa, restando nuda.
- Andiamo in camera. – Mi disse, prendendomi per mano.