i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Note:
mi spiace, niente descrizioni di sesso in questo racconto.
- Pronto, Stella? C’è il cornuto?
- Giorgio, sei impazzito? Qui non c’è nessun cornuto!
- Non ancora, ma presto lo sarà, non è vero, Stella?
- Ma cosa vai dicendo, idiota!
- Dimmelo tu, Stella! Ieri sera Alberto è passato dal circolo in lacrime dicendo che tu gli avevi annunciato la tua decisione di prenderti un amante, che lui fosse d’accordo o no. E lui stava seriamente prendendo in considerazione l’idea di lasciartelo fare! Per questo chiamo. Per dirgli che non fa più parte della squadra di calcetto.
- Come? Ma se è stato lui il fondatore della squadra! È il capitano, il giocatore più forte! Siete impazziti?
- Non mi pare che la cosa ti impressioni troppo, Stella. Quell'uomo è pazzo di te, ti adora, bacia la terra su cui cammini, è il marito e il padre migliore del mondo. Come puoi anche solo pensare di trattarlo così?
- Ma lui è il migliore di voi! Tu eri suo amico! Bell’amico! Fai di tutto per farlo star male!
- Stella, non possiamo essere l’unica squadra ad avere un cornuto come capitano! Che figura ci facciamo! E poi lui deve capire che il suo comportamento è inaccettabile e ha delle conseguenze… A calci nel culo lo buttiamo fuori, che si vergogni!
- Giorgio, sono fatti nostri. Se Alberto sapesse quello che pensate di lui vi darebbe una bella lezione!
- Figurati Stella! Una volta forse, ma adesso non ci fa più paura. Un vigliacco, una mezza sega, un inetto, un fifone. Non può certo impressionare noi uomini. Magari qualche checca, ma non certo noi.
- Perché? Non ha certo perso i suoi muscoli e la sua forza!
- Ha perso qualcosa di peggio: le sue palle! E con loro anche il nostro rispetto. Se noi lo trattassimo come una persona normale, c’è il rischio che lui pensi davvero di esserlo. Invece deve rendersi conto di essere diventato una mezza sega, uno sfigato, un inutile indegno di rispetto.
- Non capisco come mai un problema che attiene alla nostra famiglia e al nostro rapporto di coppia debba essere oggetto di derisione e commenti gratuiti da parte vostra. Sono cose che non vi riguardano, Giorgio.
- Stai scherzando, no, Stella? Pensa solo se le nostre mogli venissero prese dal ghiribizzo di seguire il tuo esempio. Ti pare che noi si possa andare a lavorare tranquilli il mattino sapendo che qualche disoccupato senza niente da fare tutto il giorno sta facendo di tutto per entrare nelle loro mutande? Fiori, cioccolatini, pomeriggi danzanti, telefonate sexy e conversazioni sottovoce, mentre noi ci rompiamo il culo per portare a casa la pagnotta? No cara: bisogna debellare il cancro delle corna una volta per tutte. Dobbiamo tracciare una linea sulla sabbia che non si può oltrepassare senza conseguenze. Voi due non fate più parte della comunità di questo quartiere e non verrete più invitati a nessun evento.
- Giorgio, sei la persona più insensibile che conosca. Possibile che tu non capisca le esigenze emotive e fisiche di una donna della mia età?
- Scusa, Stella. Perché voi mogli non andate tutto il giorno per casa vestite in intimo sexy a aprire le gambe ogni volta che vostro marito manifesta interesse, a praticar loro pompini tre volte al giorno e a soddisfare tutte le loro fantasie, per strane che siano?
- Non sarà perché anche noi abbiamo un lavoro che ci spezza la schiena, brutto stupido, e quando torniamo abbiamo una casa a cui pensare, le pulizie, il bucato, la cucina, seguire i figli e gli anziani e alla sera non vediamo l’ora di andare a dormire?
- Esatto! Vedo che capisci il punto. Ed è per questo che noi non ci offendiamo se alla sera non avete voglia di sesso e ci mandate in bianco. Perché sappiamo che è dura per tutti. Ma se c’è in giro qualche cacciatore di figa senza una preoccupazione al mondo, che pensa solo a come portarvi a letto, capisci che noi ci sentiamo minacciati.
- È proprio quello che vedo: siete una massa di insicuri e paurosi, che dubitate della vostra mascolinità. Patetici siete! E non azzardatevi a darmi lezioni di etica matrimoniale!
E mi sbattè il telefono.
Maria, mia moglie, aveva seguito la conversazione per quanto possibile.
- Non posso credere che Stella stia parlando sul serio!
- Eppure è così. Da non credere!
- Cosa faresti tu se io prendessi un amante? – disse sorridendo.
- Sai benissimo cosa farei. La stessa cosa che faresti tu se io mi sbattessi una qualche sgualdrinella. Io sono nato con le palle attaccate al resto del corpo e voglio fare di tutto perché continuino ad esserlo, senza che tu ti avvicini minacciosa con un paio di forbici in mano.
- Comunque domani io e Stella dobbiamo andare a fare spese insieme. Verrà anche Giovanna. Speriamo di riuscire a farla ragionare… - disse con un’espressione di trionfo stampata in volto.
Quando Maria tornò a casa dalla spesa con le amiche, l’indomani, aveva un sorriso a tutta faccia.
- Che giornata, Giorgio!
- Cos'è successo?
- Appena entrate in macchina ho cominciato a raccontare a Giovanna di come Stella intendesse avere altre esperienze sessuali e di come l’avesse comunicato a Alberto. Non mi ero resa conto immediatamente che Giovanna era vedova da due anni e che poteva avere un qualche interesse in Alberto.
- Davvero?
- Giovanna dichiarò di essere disposta a portarsi a letto Alberto e di scoparlo fino alla morte una volta che Stella si fosse trovato l’amante che voleva. Ha cominciato a chiedere a Stella dei suoi gusti in campo musicale e culinario. Di quanto guadagnasse. Delle sue abitudini, di come preferisse passare il tempo libero, di quale squadra fosse tifoso (come se non lo sapesse: siamo tutti del Milan!). Al principio Stella raccontò che Alberto era noioso e prevedibile. Mai una botta di vita, mai qualcosa fuori dagli schemi… Il suo unico interesse era la manutenzione della casa. Aveva personalmente rifatto l’impianto elettrico, ripiastrellato il bagno, ricostruito il tetto dello chalet in montagna. Giovanna parve non considerarlo affatto un difetto. Da due anni il suo rubinetto gocciolava, la tapparella della sala non si abbassava più e un calorifero non funzionava.
- Le hai detto che io ho installato il parquet nella camera dei ragazzi? – Mi ricordavo l’ultima volta che eravamo andati in piscina con tutta la banda. Giovanna aveva un costume arancione che non ho più potuto dimenticare. – Sono anche un bravo meccanico: ti ho cambiato le candele, l’olio e i filtri.
- Non pensarci neanche. Quindi Giovanna cominciò a investigare sulle sue preferenze sessuali. Stella cominciò a capire l’intenzione di Giovanna di sedurle il marito non appena lei si fosse dedicata all'amante e cercò di dissuaderla lamentandosi dell’insistenza con cui Alberto le richiedeva pompini almeno una volta al mese e di come fosse morbosamente ossessionato con l’idea di leccarla tutti i giorni. Giovanna quasi ebbe un orgasmo e dovette improvvisamente accavallare le gambe. Poi cominciò a dichiarare che se Stella avesse divorziato da Alberto lei non avrebbe avuto problemi a praticargli pompini anche una volta al giorno se lui si fosse occupato della manutenzione della casa e dichiarò di essere disposta a farsi leccare ogni volta che lui avesse voluto, anche in pubblico, senza nessuna contropartita.
- Maria, non hai mai pensato a prenderti un amante? Se Giovanna volesse occuparsi di me nel frattempo io non avrei obiezioni…
- Non pensarci neanche. Ad ogni modo Giovanna disse che le ragioni di Stella per considerare Alberto un cattivo marito e per farsi un amante erano le cose più stupide che avesse mai sentito nella sua vita. E le ha chiesto il numero di cellulare di Alberto. Guarda, Giorgio, tornando a casa stavo pensando di farti qualche pompino in più, giusto per farti capire che l’erba del vicino non è più verde della nostra. Magari uno proprio adesso.
No. Cazzo. In quel momento squillò il telefono. Era Stella.
- Giorgio?
- Stella! Ti devo ringraziare! Questa tua idea di cornificare Alberto sta rendendo più piccante la mia vita sessuale! Maria sta avendo fantasie con me e Giovanna ha dichiarato di partire alla carica per conquistare tuo marito.
- Chiamo proprio per questo. Dovete riprendervi Alberto come capitano della squadra di calcetto. Confesso di aver avuto dei pensieri e dei desideri davvero stupidi, ma adesso ho capito. Alberto non è un cornuto e non lo sarà mai. Non posso sopportare il pensiero di lui con un’altra. Se mi dovesse tradire mi ammazzerei. L’idea che lui possa trovare l’altra più attraente di me, più giovane, con le tette più grosse, più brava a fargli pompini è intollerabile per me.
- Fa paura, eh, Stella? Quando sei stata sposata a uno per vent'anni lo dai per scontato e non ti fermi a pensare a quanto quest’uomo faccia per te tutti i giorni per tutta la vita.
- Sì, hai ragione. Tua moglie e quella troia della Giovanna mi hanno fatto capire cosa stavo rischiando. Alberto ora non c’è, ma quando tornerà gli chiederò perdono per aver pensato quello che ho pensato. Nella mia fantasia il mio amante avrebbe dovuto essere più giovane, più ricco, più innamorato, più affascinante, più attento… Ma nella realtà Alberto è già tutte queste cose. E mi dedicherò a fargli anche qualche pompino in più. Magari anche con l’ingoio… Già da stasera.
- OK, Stella. Sono contento di come stai vedendo le cose. Buona notte.
- Buona notte Giorgio. E grazie per essere un così bravo fratello. Hai sempre ragione e la tua maniera di farmi capire le cose, poi… Sei sempre stato migliore di me, fin da bambini. Chissà papà come sarebbe stato orgoglioso di te.