i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante Capitolo or Storia
Indice
- Text Size +
Quel tavolino corona l'atmosfera del giardino come un pugno in un occhio: tutt'attorno il verde, due piccole panchine di ciliegio, tinta naturale, uno stretto sentiero di ciottoli che porta fino all'ingresso del bungalow. Piccolo, estremamente piccolo. Sedie comode, anch'esse in ciliegio, con tanto di cuscini beige, morbidi, sullo schienale e sulla seduta.

Quei piedi erano la fine del mondo. Le gambe incrociate, l'una accavallata all'altra all'altezza delle ginocchia, con i polpacci posati sul tavolino. E in fondo quei piccoli capolavori: due piedi dalla pianta sottile, dalle dita lunghe, con l'ultima falange praticamente tonda. Lisci, infinitamente lisci, anche all'altezza della sottilissima caviglia.

Li fissavo, vista anche l'infima distanza tra loro e i miei occhi.

Leggevo il quotidiano, comodamente appoggiato dal lato opposto del tavolo rispetto a Magdalene.
Mia sorella non aveva avuto una grandissima idea a invitarla nel nostro bungalow.
Mi ero rifugiato nel bosco per poter preparare un bel po' di documenti, come faccio, di consueto, quando rischio di accumulare lavoro: lo stile di lavoro "eremitico" mi ha sempre aiutato.
Barbara, mia sorella appunto, doveva studiare.
Ventuno anni entrambe, al secondo anno d'università. Dovrebbero avere gli occhi spiaccicati su dei tomi di carta e invece passano le giornate a dormire, giochicchiare sui rispettivi tablet e a bivaccare attorno e dentro casa.

Anna ha i capelli rossi, d'un rosso ramato luminoso, che d'estate acquisisce tutte le sfumature pensabili per coronare il suo viso dolce, dalla forma leggermente tondeggiante, in cui sono incastonate due perle verde smeraldo al posto degli occhi. Il suo difetto è il naso: storto, con una piccola gobba al centro, prima della stortura, appunto. Talmente storto da rendere l'imperfezione di quel volto eccitante e presentare le sue labbra carnose in una veste originale, non scontata e farle risaltare ulteriormente.
La pelle chiara, serica, esalta la forma sottile del suo collo, per non parlare dei suoi giganteschi seni: una quarta coppa D, sempre stretta in magliette rimasuglio d'adolescenza, che sembrano voler esplodere da un momento all'altro. Ventre liscio, morbido, sollevato appena in un leggero accumulo adiposo. Vita abbastanza stretta, che presenta il suo culotto come un invito a qualunque sguardo avido possa posarsi sul suo corpo: le mie mani potrebbero faticare a stringerlo completamente. Sodo come il marmo, invitante come ogni culo grosso, ma non troppo, e sodo. Sarà alta poco più di 1 metro e 70. Cosce dalle linee morbide, gambe proporzionate, scolpite dagli anni di atletica leggera, chiuse da un paio di piedini che mi ha sempre fatto impazzire: lunghi, ma privi di irregolarità, eccezion fatta per le vene che scorrono sul dorso. Un richiamo ancestrale alla mia fissazione per i piedi. Dita lunghe, sottili, leggermente arcuate, sempre sovraesposte da quegli smalti ultracolorati che adora utilizzare. Oggi sono verdi.
Abbiamo sempre avuto un rapporto sereno e sincero. Le ho sempre detto che se non fosse mia sorella l'avrei già sbattuta più e più volte. Ridacchiamo sempre quando tocchiamo questi discorsi, perché la nostra differenza d'età mi ha sempre portato a essere una sorta di "secondo padre" per lei, pur essendo cazzone, come ogni fratello maggiore di 7 anni possa risultare.
Oggi viaggia con addosso un paio di pantaloni della tuta neri, larghi, una canottiera azzurra aderente, con le spalline larghe, senza reggiseno. Ai piedi delle infradito.
È seduta comodamente in fianco a me, anche lei con il suo tablet in mano a parlottare con qualcuno sui social network.

Magdalene, per gli amici Maggie, è una sua amica d'università. Non l'avevo mai vista prima di due giorni fa, quando siamo partiti per il bosco. È italiana, nonostante il nome possa far pensare diversamente. È la tipica ragazza di vent'anni che dimostrerà per il decennio a seguire sempre la stessa età: piccola, graziosa e in grado di ingrossare il bozzo nelle mutande senza dover fare strani "numeri". Semplicemente esistendo.
Piccola, alta 1 metro e 55 o anche meno, magra ma non troppo, soda quel tanto che basta per riempire i vestiti suoi con muscoli che tirano la pelle di seta e fanno riempire i vestiti altrui di eccitazione. Capelli neri, lunghissimi, fin sopra al culo, ma sempre raccolti in uno chignon bloccato da fermagli improvvisati: dalle matite a qualunque altro aggeggio appuntito, lungo e sottile.
Occhi neri, anch'essi, apparentemente inermi, vacui, sopra un naso sottile, dalle linee morbide, come quelle delle labbra, carnose ma non esplosive come quelle di mia sorella: semplicemente dolci. Una terza coppa C è sempre stretta dentro ad abiti ampi, leggeri, che vogliono nascondere a fatica le nudità: le canottiere che indossa non nascono mai i suoi stupendi capezzoli "a bottone", che coronano delle areole scurissime, piccole e invitanti. La pelle olivastra brilla d'estate, per quel velo di sudore che sottolinea ulteriormente la morbidezza della sua pelle. Gambe infernali, sode, dritte, che reggono un culo che sembra uscito da un laboratorio di un abile scultore porco fino all'inferno: sodo, infinitamente attraente in quella sua forma perfettamente "a mandolino". I piedi sono la ciliegina sulla torta: stupende perle.
Ora posate di fronte a me. Lei è praticamente nuda: una canottiera rossa, eccessivamente larga. Senza reggiseno le si vede tutto. E un paio di shorts neri, aderenti. E quei piedi.

Dio, quei piedi di fronte a me.
Vorrei leggere il giornale.
E invece mi trovo a fissarli, mentre le dita si muovono tranquille, assorbendo l'aria fresca del bosco.
Penso. E tra le gambe mi cresce un'eccitazione che non mi permette d'alzarmi.
Non mi guardano, troppo prese dai loro tablet.

E io la guardo, invece, Maggie.
Guardo quei piedi e mi sembra di sentirli scorrere sui miei testicoli, sul mio cazzo. Sento le vene esplodere sotto ai suoi piedi.
Li guardo e li voglio.

Lì voglio lì, così, pieni di cremoso sperma su tutta la loro pianta, colare sul quotidiano che vorrei leggere.
Fottuta sobrietà.

Mia sorella si alza e va in casa. Starà andando in bagno.

Li voglio.