i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +

Ho asperso il budello con acqua di rose,

accorta è stata la mia dieta,

mi sono astenuta dal cibo piccante

che infiamma, e pure dall’afrodisiaco,

che eccita la pelle. 


Questa notte ho dormito beata,

e ho trattenuto il tremore dell’emozione,

la speranza e il desiderio...

E la sera, lievi unguenti ho dedicato

allo sfintere per renderlo cedevole,

appetitoso e morbido.

 


Non è stato facile trattenere le dita:

sciogliendo le creme, trasmettevano calore...

e dopo il calore, la voluttà.

Il piacere di soffrire l’attesa, è stato più forte!

Devo farcela e devo aspettare:

aspettare e intanto godere quest’ansia.

L’ansia che mi stringe il petto

e mi fa pulsare la vagina.


 


Ora che attendo non trovo la giusta posizione,

non so darmi pace: che fare.

Provo a immaginare come sarà il tuo “scettro”

e quali desideri vorrà esprimere, stavolta.

Indecisione: apro adesso il mio ano?

Vuoi che nasconda la sofferenza e il primo dolore,

o preferisci vedermi soffrire e... attardarti penetrando?

Vuoi scapicollarti nel foro in un colpo solo?

Battere subito, col martello, in una prima,

veloce sequenza senza freni...

o preferisci essere Tu, padrone della dilatazione?

Vuoi vedere le natiche sussultare?

I nervi che tirano i tendini,

le ginocchia incontrollabili,

e i piccoli piedi, che si accavallano

per stemperare la veemenza l’attacco?


 


Non so... lascio tutto a te!

Dopotutto sarai il Padrone, manca poco.

Immagino il pene, immagino il glande setoso:

i preliminari, la bocca che lo riceve,

le labbra sfregate... poi la gola piena;

il respiro impedito dalla tua pressione.

E la pelle... molle, indomabile, intorno al prepuzio,

quella pelle succosa che scenderà nel mio anfratto.


 


L’unica cosa che temo veramente è il tempo!

Quanto ti ci vorrà?

Tu sei “lungo”, mio principe:

puoi metterci un’ora... lo so!

Dovrò soddisfare le ubbie del tuo piacere.

Ti sento, lo sai? Anche se mi stai dietro;

sento il ritmo che prendi

e il calore che ti sale alle tempie...

sento quando ti perdi, e mi scopi in maniera meccanica.

Se l’erezione si abbassa,

esci dal buco con un piccolo “plop”.

Giri intorno al divano e pretendi di nuovo la bocca,

senza decenza, senza rispetto,

portandoti appresso sapori inattesi e aromatici

che vengono dalla parte più calda e profonda di me.

Ti lasci andare, socchiudi gli occhi,

il glande diventa enorme e tu scappi dietro

ed entri facilmente nel culo: adesso si è arreso.


 


Il primo piacere è passato da tempo;

ora sono solo un buco che tu usi senz’amore.

Non ti basta, non ti basta mai...

ora non mi apri più, anzi... mi stringi.

Mi tieni le natiche, unisci le mie cosce,

aneli a un fodero più stretto e serrante.

Ritmo, cadenza... guardo lo specchio:

sei una trivella che entra e ritorna.

La febbre mi assale di nuovo

solo quando capisco il tuo gesto.

Esci dall’ano, nonostante il tuo pene sia in tiro,

inizia la masturbazione più bella...

Con il palmo, mi tieni pressata la schiena,

con l’altra mano ti meni, a velocità incostante,

spasmodica.

Ogni tanto, la punta del glande mi flagella le natiche:

è come uno scudiscio che non fa male.

Annullata, ferma, bloccata, aspetto lo spruzzo.

Quando sarà? Dove avverrà?

Non sono niente, non decido,

non mi sono concessi desideri.

Sono una macchina calda che deve subire.

Cosa ne farai di quel cazzo che dimeni

nella penombra dell’alcova?

Tra un po’ il mio corpo profferto ti darà ispirazione,

mi vuoi sporcare di Te, inocularmi il tuo seme.

Impormi quel liquido come un marchio di fuoco...

e sia!

Aspetto, aspetto e impazzisco, sempre più tesa,

stanca, irritata... ho freddo, sono nuda da troppo.

Maledetto Re e il tuo scettro tardivo.


 


Se tu mi scopassi come si deve,

la mia vagina vivrebbe ore intense di gioia

ma niente: Tu ignori il mio sesso.

Culo e bocca... solo quello ti piace...

come posso capire di che godi?

Della tua depravazione o per la mia umiliazione?

Sono stanca e spossata quando, finalmente,

mi accorgo che stai per venire.

Punti l’ano: ecco, hai deciso per quel fodero!

La spada entra senza ostacoli, una botta potente...

una botta lunga e profonda, lubrificata dallo stesso sperma, che sgorga copioso.


 


Ma perchè impazzisco di piacere?

Quale alchimia mi fa godere di quella calda doccia

che si perde nei meandri del mio intestino?

Ancora tre minuti e uscirai dal buco...

tra dieci, sarai andato via, pensando ad altro.

Io resterò sola, sfatta, piena di sborra...

dovrò portarmi dentro il tuo il tuo misfatto

conservare il peccato per un giorno, forse due.

Il tuo sperma influenza il mio metabolismo...

il buco è aperto, è sfiancato, le feci alterate

dall’alchimia del tuo seme...

in ogni gesto, nel mio quotidiano,

quest’inculata resterà dentro di me...

mi hai marchiata a lungo.


Comincia così la mia lunga sofferenza:

la sofferenza, è il mio paradiso!