i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
L'occasione di Alberto

Apro gli occhi: dunque è stato solo un sogno! In un primo momento respiro sollevata, poi un’acuta malinconia mi attanaglia. Resto sospesa nel dormiveglia ripensando a quanto è accaduto nel sonno. Riporto alla mente i momenti salienti: l'incontro, il rapporto consumato in fretta, il piacere che ho provato, la disillusione della realtà. Mi guardo attorno nella camera: sono sola. La figlia in montagna coi nonni, il marito al lavoro. Starà via tutto il giorno. E' andato in una filiale lontana. Ho una giornata intera per me. Mi stiro soddisfatta e rimango sdraiata a pensare.
Sono sposata da quattro anni ed i rapporti con mio marito, dopo i primi tempi burrascosi, sono sfociati in un monotono menage. Delle difficoltà del mio compagno mi sono accorta la prima sera di nozze. Mi ero immaginata una notte piacevole ma purtroppo è stata una grossa delusione. Mio marito appena mi aveva penetrata, procurandomi un certo dolore, dopo pochi istanti aveva avuto l'eiaculazione. Si era reso conto della mia insoddisfazione velata ed aveva cercato di alleviare il mio desiderio con le solite carezze del fidanzamento, titillandomi il clitoride fino a portarmi ad un orgasmo, poi si era addormentato. Il mattino dopo e per due giorni mi aveva nuovamente penetrata con gli stessi scarsi risultati della prima volta.
Avevo finto di essere soddisfatta ma non ho potuto non provare un senso di frustrazione. Ricordavo i discorsi delle operaie dove avevo lavorato, che si vantavano delle performance dei loro uomini. Rapporti di venti, trenta minuti, più volte anche al giorno, con appagamento completo delle loro compagne. Non pretendevo di avere uno stallone ma un uomo normale sì. Ed invece mi era capitato quello. Sì, certo facevamo sesso, ma… Ho riversato tutta la mia frustrazione tenendo pulita la casa.
Questa mattina ho voglia di spassarsela un po'. Decido di andare al centro commerciale. Desidero acquistare un paio di scarpe. Mi alzo e faccio un lungo bagno rilassante. Esco dalla vasca e mi guardo allo specchio. La maternità mi ha appesantito un poco la linea ma mi ha dato in compenso un aspetto più sensuale. Il petto è abbondante ed ancora abbastanza sostenuto, i fianchi larghi e l'addome leggermente pronunciato. Mi giro più volte e mi ritengo soddisfatta. Mi asciugo indugiando sulle parti intime, in ricordo del sogno poi mi vesto sobriamente. Per un vezzo di civetteria indosso un body elasticizzato che mi assottiglia la figura. Esco e con la macchina mi dirigo al centro commerciale. Giro pigramente fra i negozi comprando diversi articoli. Appena uscita dal centro commerciale, mi sento chiamare.
Mi volto e vedo un bell'uomo più o meno della mia età, con i capelli leggermente brizzolati, alto, abbronzato, che mi sorride avvicinandosi. Mi faccio schermo con la mano per metterlo a fuoco ma sul momento non lo riconosco. Questi intuisce il suo imbarazzo e scoppia in una risata piacevole
- Come, non mi riconosci? Sono tanto cambiato? Sono Alberto, non ricordi? Pierluigi…
Solo adesso mi ritorna alla mente: era un bel ragazzo che frequentava lo stesso istituto e che era considerato uno dei più appetibili. Spesso quando passava lo seguivo con lo sguardo, pensando che mi sarebbe piaciuto uscire con lui, ma sapevo che era molto ambito e che non mi avrebbe certo scelta.
Ed ora ce l'ho davanti e noto che è ancora bello, forse più di prima. Lui intanto mi guarda sorridendo.
- Allora dimmi cosa fai? Sei sposata, vedo che hai la fede, e chi è il fortunato?
- Sì sono sposata, ma tu non lo conosci
Intanto cerco un posto dove posare gli acquisti. Lui se n'accorge e si offre di aiutarmi
- Lasciali a me, ti aiuto, dove hai la macchina? Ti accompagno
Raggiungiamo la 500 in silenzio. Carico gli acquisti poi mi volto a salutarlo. Lui sorride.
- Sono contento di averti rivisto. Sei sempre molto carina, ciao
Imbarazzata salgo e metto in moto. Il motorino fa un giro e si spegne. Riprovo, ma non parte nemmeno. Dalla rabbia do un colpo al clacson che suona. Sono a piedi! Come faccio a ritornare a casa? Sono talmente avvilita che non mi accorgo che l'altro è ritornato sui suoi passi, attirato dal suono e bussa discreto al finestrino.
- Cosa ti è successo?
- Accidenti la macchina non parte. Forse batteria è partita
- Sei sicura? Fammi provare
Sale sull'auto e prova a mettere in moto: nulla da fare. Allora scende e cerca di consolarmi
- Senti sarà una cosa da nulla, conosco l'elettrauto qui vicino, vieni. Andiamo a chiamarlo con la mia macchina.
Così dicendo si allontana di corsa. Dopo alcuni minuti arriva un fuoristrada con lui a bordo. Scende, carica i pacchi nel bagagliaio, poi apre la portiera e mi aiuta a salire. Usciamo dal parcheggio e ci avviamo verso l'officina che si trova a poca distanza. Giunti dall'elettrauto lo carichiamo e ritorniamo alla 500. Prova con una nuova batteria, ma l'auto non si mette in moto
- Deve esserci un contatto nell'impianto elettrico - dice - bisogna che ci dia un'occhiata. Me la lasci per due o tre ore.
Alberto mi guarda - Devo portarti a casa? Devi fare da mangiare a tuo marito?
Mi lascio scappare una frase compromettente.
- No, sono sola, mio marito ritorna questa sera e mia figlia è in montagna coi nonni.
Lui sorride.
- Ma questa sì che è fortuna! Pensa che non sapevo cosa fare oggi. Senti, posso offrirti un passaggio? Conosco un ristorantino qui vicino, cucina familiare. Mangiamo due cose poi torniamo a prendere la macchina, ti va? Dai che così parliamo un poco dei vecchi tempi…
Penso che forse farei meglio a rifiutare, ma lui insiste in modo così convincente che alla fine accetto. In fondo ho una certa fame e la compagnia di Alberto mi elettrizza. Tante volte avevo sperato che mi rivolgesse uno sguardo ed ora l'ho davanti e mi sta pregando di fargli compagnia. Salgo in macchina e mi tiro sulle ginocchia la gonna che è salita un poco.
Lui non ci fa caso e ingrana la marcia. Mentre guida ogni tanto mi guarda.
- Sai che ti trovo veramente bene. Devo confessarti che a scuola ti avevo notato, ma i miei amici mi dicevano che eri un osso duro, che non davi confidenza a nessuno e allora ho lasciato perdere. Ma adesso che ti rivedo, devo confessare che sei veramente bella. Soprattutto, se mi permetti, la maternità ti ha addolcito la linea e lasciamelo dire sei molto più interessante… è veramente fortunato tuo marito!
Faccio una smorfia, come non approvando, poi cerco di cambiare discorso.
- E tu cosa fai ora? Ti sei sposato? Vedo che te la passi bene, hai una bella macchina, anche se io non me ne intendo, e porti degli abiti di classe.
- Niente di particolare - risponde - ho avuto la fortuna di essere nato in una famiglia benestante. Ho ereditato da mio padre un'azienda, non grande ma che produce buoni prodotti. Non mi lamento, ma quello che mi cruccia è il lato sentimentale. Mi ero sposato con una ragazza che amavo, ma che ho sorpreso a letto con un altro. E' stato terribile! Pensa uno come me che a scuola era considerato uno sciupa femmine fregato da un idraulico… ma comunque è finita. Ci siamo separati quattro mesi fa. Sono ancora un po' sottosopra. Scusami se ti racconto questo ma ho bisogno di sfogarmi. Ti annoio? Ma tu dimmi piuttosto, come te la passi?
Rimango in silenzio. Non me la sento di raccontare al primo venuto le mie delusioni, anche se mi è piacevolmente simpatico. Lui vede la mia difficoltà e riprende a parlare.
- Eh sì, la vita è molto strana, quando l'occasione ti capita va presa al volo perché poi non è detto che si ripeta… ma ecco il ristorante.
Entriamo. Il locale è grazioso: piccolo e riservato. Sembra adatto per le coppie clandestine. Ci sediamo ed ordiniamo. Intanto lo guardo e lo trovo molto, molto attraente. Comincio a sentirmi strana e mi pento di avere accettato l'invito. Cominciamo a mangiare in silenzio, poi, lui riprende a parlare.
- Scusami se ritorno sull'argomento ma ho bisogno di sfogarmi, ti dispiace? Dimmi, sii sincera, se tu fossi mia moglie, mi tradiresti con un altro?
Mi muovo a disagio e dico - Scusami ma sono discorsi che non mi piacciono. Non sono abituata a dare giudizi. Penso di avere fatto male ad accettare il tuo invito. Avrei piacere che mi riportassi dall'elettrauto
- Certo, certo, scusami se ti ho seccato con i miei discorsi ma…
Tace guardando verso la porta. Mi volto e vedo entrare un uomo con un coltello dirigersi verso la cassa. Sto per gridare, quando Alberto mi mette una mano sulla bocca e mi attira a sé. Rimaniamo fermi in attesa degli eventi. Sono terrorizzata: non ho mai assistito dal vivo ad una rapina. Alberto ora mi stringe forte e avverto il profumo che emana dal suo corpo rimanendone un poco stordita.
Intanto il malfattore si è avvicinato a noi e puntando il coltello urla - La borsa! Fuori i soldi!
Non riesco a muovermi e vedo come in un sogno la mano del malfattore abbrancare la borsetta che tengo sulle ginocchia. E' questione di un attimo.
Alberto scatta come una molla, afferra il braccio armato e con un violento pugno atterra l'aggressore. Questi si rialza e si getta su di lui cercando di colpirlo. Alberto si scansa ma non abbastanza. Viene ferito di striscio al braccio. Reagisce con un violento pugno allo stomaco e con un calcio al basso ventre. Il malfattore, vista la piega degli eventi, si rialza a fatica e scappa, mentre anche il personale del ristorante accorre. Vedo Alberto tamponare la scalfittura e prepararsi a riportarmi alla macchina
- Aspetta che ti disinfetto - dico avvicinandomi a lui.
Alberto mi lascia fare poi, mi guarda negli occhi e mi accarezza i capelli.
- Grazie - dice baciandomi sulle labbra.
Rimango scioccata: quel contatto mi ha sconvolto. Senza pensarci mi avvicino alle sue labbra e vi appoggio le mie.
- Sono io che ti devo ringraziare, per la borsetta
Mi sento prendere per mano e sussurrare all'orecchio - Vieni andiamo via…
Mi lascio trascinare, senza opporre resistenza mentre nella mente si accavallano diversi pensieri contrastanti. Salgo sull'auto pensando sempre a quel bacio che mi sono lasciata scappare. Ma come ho potuto? Eppure una parte di me lo ha desiderato… Squilla un cellulare. Mi rendo conto che è il mio. Meccanicamente rispondo: è mio marito!
- Dove sei? Ti ho cercato a casa ma non c'eri? E' successo qualcosa?
- No niente, sono andata al supermercato e mi è partita la batteria - cosa devo dire ora? Poi continuo - Per fortuna ci vuole poco e sto aspettando che me la riparino.
Mentre dico così avverto la mano di Alberto appoggiarsi sul mio ginocchio e accarezzarmi la gamba. Ho un brivido.
Intanto al telefono - Pronto? Pronto? Ci sei?
La mano sale impercettibilmente lungo la coscia e io mi sento svenire. Il contatto mi inebria e mi atterrisce. Riesco a farfugliare - Sono qui, dopo vado a casa…
- Allora ciao - risponde la voce e riattacca.

Guardo la mano che continua ad accarezzarmi la gamba ma non riesco a muovermi. Dovrei ribellarmi, sono una donna sposata! Già. Una donna sposata. Ripenso ai momenti intimi con mio marito, pieni di espedienti per procurarmi piacere. All'improvviso Alberto rallenta e svolta in una stradina sterrata. Rimango col fiato sospeso. La macchina s'inoltra nel fitto della vegetazione e si ferma in riva ad un piccolo corso d'acqua. Senza parlare, Alberto spegne il motore, si gira verso di me e mi attira a sé.
Mi bacia sulle labbra a lungo mentre le sue mani esperte, salgono alla camicetta e la sbottonano lentamente. Uno strano torpore s'impossessa di me, mentre sento una mano inserirsi sotto il tessuto e palparmi il seno. Senza lasciarmi mi sfila la camicetta, mi abbassa la bretella del body mettendo a nudo il seno che fuoriesce finalmente libero. Con le dita mi accarezza il capezzolo con leggeri giri. Sento inturgidirsi il bottoncino sotto il sapiente massaggio ed avverto che fra le cosce s’inumidisce il sesso. Intanto lui ha abbandonato le mie labbra per succhiarmi il capezzolo e titillarlo con la lingua. Si ferma e mi guarda.
- Sai che quando ti vedevo passare sognavo questo momento? Eri così sensuale nella tua riservatezza, ed ora lo sei ancora di più. Mi piaci moltissimo. Devo smettere?
Mi sento perduta. Vorrei fuggire ma i sensi, destati dalle esperte mani di Alberto mi trattengono. Ora lui ha abbassato la mano, mi ha sollevato la gonna e si trova alle prese con la parte inferiore del body. Prima che io riesca a parlare, mi ha messo una mano sotto le mutandine, slacciato il fermo a graffette e sollevato il davanti, mettendo a nudo la peluria umida della fessura.
Si china a baciarla e la succhia leggermente. Inarco il bacino sospirando. Avverto le sue mani abbassarmi le mutandine, poi sento che sta armeggiando e lo schienale abbassarsi. La macchina è piuttosto ampia e con un agile movimento lo trovo su di me. Si sbottona i pantaloni, poi sento la mano s’insinuarsi di nuovo nella fessura, entrano due dita che si fermano sul clitoride, stimolandolo.
Ora sono in preda ad una viva eccitazione. Alberto si sposta sopra di me e sento un oggetto duro e grosso appoggiarsi alle mie grandi labbra e cercare di entrare. Mi lascio sfuggire un gridolino di dolore: è troppo grosso!
Lui si ferma perplesso poi mi sussurra - Ma come mai senti male? Con tuo marito?…
Arrossisco dalla vergogna e taccio.
Lui capisce, mi bacia e dice - Questa proprio non me l'aspettavo. Ma tuo marito non ti cerca alla notte? Con un corpo così io impazzirei… aspetta - allunga una mano e prende dal cruscotto un tubetto che mette nelle mie mani - Per favore aiutami, spargimelo sopra, vedrai che dopo non sentirai male
Con il cuore in gola, mi sento mettere in mano il membro turgido e caldo e ne colgo la morbidezza e le dimensioni. Con gli occhi chiusi spargo la crema sul pene e sul glande, provando brividi di piacere mentre lo maneggio. Una volta lubrificato, lo accarezzo con un movimento ondulatorio che fa fremere Alberto. Mi ferma la mano poi mi appoggia il pene di nuovo sulla fessura e comincia lentamente a spingere. Una volta entrato il membro aderisce strettamente alle pareti e il lento movimento mi procura sensazioni mai provate ma intense di piacere.
Man mano che avanza sento il piacere montare con un'intensità che quasi mi spaventa. Intanto il pene è entrato quasi del tutto.
- Adesso mi fermo per abituarti, poi comincerò a muovermi lentamente. Credimi, mi stai dando delle sensazioni fantastiche. Non avrei mai creduto che tu fossi così stretta. Vedrai che proverai un piacere mai sentito se lo hai fatto poche volte. Ci so fare credimi. Non temere, mi so controllare. Se sento di venire esco. Tu intanto concentrati…
Avverto il movimento ritmico del pene nella vagina e apro la bocca emettendo un profondo sospiro di piacere. Non ho mai sentito dentro di me muoversi così lentamente e ritmicamente un pene e ne sono deliziata. Apro per quanto posso le gambe, cercando di assecondare i suoi movimenti. Con le braccia avvolgo il torace di Alberto cercando di stringerlo il più possibile, per farlo penetrare fino in fondo. Il glande del pene sta toccando una zona particolarmente erogena ed emetto dei mugolii e mi dimeno, per quanto mi è possibile.
Sento la voce di lui, leggermente arroccata dallo sforzo.
- Sei fantastica, continua così… sei fantastica
Perdo la nozione del tempo. Il movimento del pene mi fa montare un orgasmo mai provato. Sento come un torrente in piena che travolge tutto e mi porta via verso l'infinito. Il mio corpo raccoglie tutte le sue più intime forze e le concentra in questo sforzo titanico. Sento la mia voce ansare ritmicamente mentre farfuglio in modo incoerente - Sì continua così, così… ah… - finisco con un grido prolungato.
Il movimento continua con alcune ultime spinte, poi cado sul sedile, affranta, sudata, totalmente sfinita. Avverto la bocca di lui scendere sui capezzoli, leccarli, mentre esce dalla vagina senza avere avuto l'orgasmo! Apro gli occhi e lo guardo meravigliata! Ma come può resistere tanto! Ma che razza di uomo è?
Lui sorride - Te l'avevo detto che non avresti avuto dei problemi. Mi so controllare molto bene anche se a un certo punto mi avevi quasi travolto. Allora dimmi ti è piaciuto?
Accenno di sì con la testa. Accidenti se mi è piaciuto! Non avrei mai creduto che una donna potesse godere tanto!
Lui continua.
- È stato fantastico! Ma qui in macchina è disagevole. E poi mi piacerebbe averti fra le mani completamente nuda. Pensi che potremo rivederci, e ripetere l'esperienza in un posto più adatto? Vedrai, mi attrezzerò con dei preservativi se vuoi e ti farò godere come non mai. Ma vorrei poter venirti dentro, riempirti col mio seme. Mi fai impazzire!
Beata la volta che quel rapinatore è entrato nel locale.
Lo bacio sulle labbra e mormoro.
- Vedrai, ci saranno senz'altro altre volte. Non vedo l'ora. Sei un amante fantastico. Non preoccuparti dei preservativi. Non mi piace usarli. Voglio poter sentire il tuo membro dentro di me. Voglio sentire che mi riempi la vagina col tuo seme. Ho sempre goduto così e non voglio cambiare ora che ho a disposizione un uomo eccezionale come te. E se per caso resto incinta lo faccio passare per il figlio di mio marito. Gli dirò che voglio un altro figlio. Vedrai non avrà dubbi sulla paternità.
- E se ti dicessi non voglio avere figli? - chiedo io.
- Non ti chiedo di mantenerli, voglio solo poter fare l'amore in libertà, con un uomo che soddisfa le mie esigenze.
- E tuo marito?
- Non è all'altezza delle mie aspettative. Comunque è fertile, perché ho una figlia di tre anni. Ora è dai nonni in montagna. Volendo possiamo andare a casa mia… non c'è nessuno ora.
- Davvero possiamo?
- Certo, mio marito non torna prima delle otto stasera. Torniamo indietro.
Intanto che mi rivesto, Alberto mi chiede il mio cellulare.
- Ti memorizzo il mio numero, così mi puoi chiamare quando vuoi.
Appena me lo ripassa telefono all'elettrauto. Devo avere pazienza, non riusciranno a darmela prima delle sei di stasera.

Abito in un condominio dove, per fortuna, tutti pensano ai propri affari. Arrivati a casa lo faccio parcheggiare in strada. Nessuno farà caso alla macchina.
Quando entriamo sistemo immediatamente le borse della spesa. Meno male che non ho comprato prodotti freschi che possano andar male!
- Ti va un caffè, Alberto? - gli chiedo dalla cucina.
Mi sento afferrare la vita da dietro, mi scosta i capelli e mi bacia il collo.
- Perché invece non andiamo subito a letto? - mi sussurra all'orecchio mentre mi bacia.
È talmente sensuale quello che mi sta facendo che mi viene la pelle d'oca. Mi sento sciogliere sotto i suoi baci incalzanti. Lentamente mi slaccia la camicia e la fa scivolare dalle mie spalle. Mi abbassa le spalline del body, liberando il seno. Mi slaccia la gonna, facendola cadere oltre i miei fianchi, abbassa completamente il body, togliendomi anche gli slip.
Si mette a succhiarmi i capezzoli.
- Che peccato che non ci sia del latte in queste fantastiche tette!
Faccio fatica a rispondergli.
- Se continui a succhiare, col tempo potrai farlo venire, il latte.
- Davvero? Anche senza essere incinta?
- È più difficile, ci vuole più tempo, ma sì. Potrai avere il latte.
Mi lascio palpare, accarezzare, pizzicare. Faccio fatica a tenere a freno la mia libido.
Poi, mentre mi bacia, con i fianchi mi spinge in camera. Mi lascio travolgere dalla sua sensualità.
Arrivati in camera, mentre io tolgo il copriletto ed il lenzuolo, Alberto si spoglia velocemente.
- Vedrai, ora ti farò godere come si deve.
Si avvicina a me e riprende a baciarmi. Lentamente mi fa sdraiare sul bordo del letto. Mi piega il collo di lato e comincia a baciarmi dolcemente, il suo respiro caldo e le sue mani che mi carezzano mi fanno provare brividi per tutto il corpo. Dalla mia bocca esce un debole gemito. Con delicatezza, mi fa cadere riversa sul letto e ricomincia a baciarmi e a leccarmi, prima sul viso e sul collo, poi giù verso le tette che lecca devotamente in tutta la superficie.
Arrivato ai capezzoli, si dedica a succhiarmeli con forza e passione, prima uno poi l’altro, provocandomi continue fitte di dolore e di piacere che mi fanno provare continui, piccoli orgasmi.
Poi scende lentamente verso il ventre e lo esplora minuziosamente con la lingua, le sue mani si intrecciano alle mie ed io non posso fare altro che inarcare la schiena e offrirgli il ventre, in preda a continui sobbalzi di piacere.
Mi prende le ginocchia e le porta verso l’alto, aprendole nel contempo per arrivare ad una visione piena e totale della mia fica ormai bagnata; si solleva in ginocchio e abbassa la testa a leccarmi. I pochi attimi di attesa mi provocano sensazioni di piacere mai provate per quella lingua che sta per farmi godere.
Lecca con perizia, prima l’interno delle cosce, poi le grandi labbra ed infine le piccole labbra, senza fretta, senza salti.
Arrivato al clitoride, lo prende delicatamente in bocca e comincia a succhiarlo come un capezzolo; poi a titillarlo come un piccolo cazzo. Vampate di piacere cominciano ad aggredirmi dalle viscere più profonde e mi agito scompostamente; gli prendo la testa tra le mani e gli premo la bocca sui peli, sulla fica, sul clitoride.
Sento il piacere montarmi ad ondate, avverto l’orgasmo avvicinarsi con violenta irruenza; alla fine gli esplodo in bocca, senza curarmi di strozzare l’urlo.
Alberto continua a leccarmi con dolcezza, quasi bevendo i miei umori con grande passione; rallenta progressivamente il ritmo della leccata, poi sostituisce alla lingua il dito medio e continua a titillarmi mentre si sollevava a guardarmi.
Il suo cazzo svetta prepotente tra le mie cosce ed io ora ho solo voglia di sentirmelo dentro, di farmi sfondare fino a farmi male, di godere su quel membro straordinario e di sentirmi allagare dal suo seme.
Credo di essere venuta almeno un paio di volte ancora; e lui doveva essere ormai al limite, perché, di colpo, si solleva, mi sposta leggermente e prende respiro.
È un amante instancabile e, dopo un poco, si piega ancora verso di me: è arrivato il momento tanto desiderato, ma anche un po’ temuto, di prendere nella fica quel meraviglioso membro.
Allungo la mano verso il cazzo, lo prendo delicatamente tra le dita e lo accosto ai peli della mia fica. Avevo un certo timore, non voglio sentire ancora male, e lui se ne accorge, perché il suo sguardo diviene più dolce e i suoi gesti quasi più lenti.
Apre delicatamente, con un dito, le piccole labbra e accosta lentamente la cappella, ma sin dal primo approccio era chiaro che i miei timori erano assurdi: la mia vagina si spalanca, ormai grondante, e lo accoglie con spirali di piacere che mi travolgono il ventre e mi bruciano il cervello; penetra dolcemente, si abbassa su di me fino a coprirmi tutta col suo corpo e, con un’ultima spinta, entra fino alle palle.
Lancio un urlo, perché la punta mi ha urtato contro l’utero; Alberto si ferma, si ritrae un attimo e rientra subito.
Comincia a scoparmi delicatamente; mi prende per i fianchi e mi spinge ad alzare il bacino per facilitare la penetrazione; poi le sue mani scivolano lungo le mie natiche.
- Ma che bel culetto che hai! Sei ancor vergine, lì? - mi chiede toccandomi il buco del culo.
- Tu lì non ci entri con il cazzo che ti ritrovi!
- Peccato. Comunque non è poi così grande… 21 cm di lunghezza per 5 cm di diametro.
Prende a chiavarmi quasi con metodo, lentamente ma con decisione; ed io sento i turbini del piacere che si accavallano e mi travolgono. Non so quante volte vengo; finché, dopo la mia ennesima sborrata, lo supplico di venire.
- Sei convinta che mi vuoi dentro? A che punto sei del ciclo?
- Sì, fallo. Dovrei essere in ovulazione. Non sono poi tanto sicura… sono anni che non tengo il conto.
- Lo sai vero che potrei metterti incinta già da oggi? Quando mi ero appena sposato avevo fatto un test per la fertilità. A quanto pare ho un seme da sballo.
- Non importa se mi metti incinta… vai… non ti fermare.
Allora comincia una cavalcata quasi violenta che mi squassa tutta. Perdo il senso della realtà, sento solo che sto per esplodere in un orgasmo violento; e lo accompagno con le viscere, con la mente e col cuore, quell’orgasmo incomparabile.
Esplodo come un vulcano in attesa da secoli, lo inondo coi miei umori e gli urlo addosso tutto il mio godimento.
Risponde con altrettanto entusiasmo, sbatte più volte con violenza la cappella contro il mio utero, che non da più segni di sofferenza; ed alla fine esplode come un fiume in cui si sia rotta una diga: sento il suo seme esplodermi dentro e scorrere nell’utero allagandomi tutte le pieghe della vagina.
Si abbatte su di me quasi come un corpo morto. Solo che è ben sveglio: semplicemente, si rilassa lentamente e il suo cazzo perde pian piano vigore, pur restando ancora fin troppo grosso, per me.
- Sai, - mi dice mentre si sdraia al mio fianco - non è frequente avere un orgasmo simultaneo… e di questa forza, poi. A noi è capitato, la prima volta per giunta. E ti assicuro che è stata un’esperienza esaltante.
Mi sento gratificata dal commento: dopo anni di digiuno, una grande scopata è davvero meravigliosa.
- Sei davvero incredibile, Alberto. Avevi proprio ragione: mi hai fatto godere come non mai. Ho perso il conto di quante volte mi hai fatto venire. Grazie.
Mentre riprendiamo fiato, programmiamo i nostri incontri.
- Gianni inizia a lavorare alle otto e trenta, per cui esce di casa verso le otto. Per le nove devo portare la bambina all'asilo. Dove abiti esattamente?
- In piazza Roma, vicino alla farmacia.
- È meglio che venga io da te. Lì non mi conosce nessuno. Posso essere da te per le nove e un quarto. Avremo la mattina tutta per noi.
- È perfetto. Io non vado mai in fabbrica, la mattina. Hai detto che tua figlia non c'è in questi giorni, per cui vieni prima che puoi.
Siamo ancora distesi e abbracciati a letto, carezzandoci l'un l'altro. Il desiderio ci assale di nuovo. Scopiamo per tutto il pomeriggio. Alberto mi riempie la fica col suo seme quattro volte ed io ho goduto almeno il triplo.
Alle cinque ci rivestiamo e sistemo il letto. Cancello ogni traccia della presenza di un uomo nel mio letto.
Alberto mi accompagna dall'elettrauto. La macchina è pronta. Pago e ci separiamo, tanto siamo già d'accordo di vederci domani mattina.
Non faccio in tempo a entrare in casa che mi arriva un messaggio da Alberto.
«Sento ancora il mio cazzo dentro di te»
Sorrido. «Anche io ti sento dentro. Sono piacevolmente indolenzita nei punti giusti. Grazie ancora.» gli rispondo.
Finisco di sistemare la casa, prima che rientri mio marito.
Alle otto arriva Gianni. Si stende per un po' sul divano. Mentre ceniamo gli chiedo come è andata la giornata, tanto per fare conversazione. Mi dice che anche domani sarà via tutto il giorno e che tornerà ancora verso le otto.
Appena finito di mangiare, rassetto la cucina e carico la lavastoviglie. Gianni è andato in bagno a fare la doccia, poi si mette ancora sul divano e si addormenta quasi subito.
Ora ci vado io in bagno. Non ho voglia di farmi la doccia, perciò riempio la vasca, ci metto degli oli profumati e mi immergo. Tengo il telefono a portata di mano e infatti poco dopo mi arriva un altro messaggio.
«Ti farò impazzire di piacere anche domani»
«Sai, mio marito sarà via per tutta la giornata anche domani. Cosa vuoi che mi metta domani? Body? Pizzo? Tanga? O che altro?»
«Non metterti niente.»
Sento ancora lo sperma di Alberto dentro di me. Nel tempo che sono immersa, faccio progetti per domani. Come vestirmi, se depilarmi… cose così.
L'acqua calda mi rilassa le parti doloranti. Quando esco dal bagno, vado a svegliare Gianni che ancora dorme sul divano.
Poco prima di mettermi a letto mi arriva l'ultimo messaggio.
«Sto tenendo da parte il mio seme, lo conservo tutto per te. Buonanotte amore»
«Buonanotte.»
Per fortuna avevo tolto la suoneria dei messaggi…

Alle sette suona la sveglia. Mi alzo e preparo la colazione. Dopo che Gianni esce per andare al lavoro, mi precipito in camera e attacco il tiralatte ai capezzoli. È ancora quello che usavo quando era appena nata mia figlia. Mi aiuterà a farmi venire il latte. Pompo le tette per venti minuti, come avevo già fatto la sera precedente prima che arrivasse Gianni. Ho anche fatto il conto esatti dei giorni del ciclo. Oggi sono esattamente in ovulazione.
Poi vado in bagno e mi depilo la fica. Lascio solo una strisciolina di peli. Decido anche di prendere appuntamento con un'estetista per fare una depilazione seria.
Intanto mando un sms ad Alberto.
«Arrivo per le nove.»
«Fai prima che puoi. Ti aspetto con ansia.»
Mi vesto con cura senza mettere niente sotto, come mi aveva chiesto. Però metto slip, reggiseno ed un assorbente nella borsa. Mi serviranno poi, per non sporcare il vestito. Non metto le calze perché fa caldo. È quasi estate.
Alle nove meno dieci suono il suo campanello. Faccio appena in tempo a mettere un piede oltre la soglia che Alberto mi è addosso e mi sta baciando. Non mi da neanche il tempo di appoggiare la borsa.
Fa scorrere la mano sul mio corpo e si sofferma sul seno. Lo sento gonfio e i capezzoli sono molto sensibili. Li sente inturgidirsi sotto la stoffa del leggero vestito scollato.
- Sono diversi da ieri. Più grossi. Cosa hai fatto?
- Un piccolo trucco. Ho attaccato il tiralatte che usavo quando mia figlia era appena nata. Aiuta a far venire il latte.
- Wow. Sono diventati enormi! Li voglio assaggiare subito!
Con uno studiato movimento mi toglie il vestito. Sono letteralmente nuda… come mi aveva chiesto.
- Sei davvero bellissima! E qui? Cosa hai fatto? - mi dice mettendomi una mano in mezzo alle gambe e accarezzando leggermente con un dito la fica.
- Lo vedi da te. Non ti piace?
- Cavoli se mi piace! È spettacolare! È splendida! Così nuda… mi piace. Proprio come te - e mi bacia. - Hai fatto i conti del ciclo? - mi chiede tra un bacio e l'altro.
- Sì. Sono in ovulazione proprio oggi.
Mi prende per mano e mi porta in camera.
La borsa ed il vestito sono rimasti a terra, nell'ingresso. Lascio lì anche i sandali.
Mi butta sul letto con lui sopra, si assesta con la sua asta dura fra le mie gambe. Per un attimo ci guardiamo.
- Lo ripeto. Sei bellissima - e si tuffa sulla mia bocca, le nostre lingue si accarezzano con passione.
Gemiamo entrambi per quel contatto. Sento la sua lingua calda, come fosse diversa dalle altre. Comincia a muoversi affannosamente come per scoparmi e gemo scompostamente. Preme bene l'asta dura contro di me.
- Oh Elena… Adesso ti scopo… ti fecondo col mio seme…
- Oh sì, lo voglio sì! Voglio sentire il tuo seme dentro di me…
Non so se stia giocando, ma potrebbe veramente fecondarmi… l'inebriamento della situazione ed il suo profumo mi portano come in un'altra dimensione.
Posa le mani sui miei fianchi, bacia il mio ventre e passa la lingua dall'inizio del mio boschetto fino all'ombelico. Fra poco il suo cazzo pulserà lì dentro, allagandomi col suo seme fecondo… come ha già fatto ieri.
Con la lingua mi lecca dalla base del collo fin su in cima, per poi proseguire sul mento e mi lecca avidamente le labbra. Estraggo la lingua ed insegue la mia fino che le lingue si rapiscono e sprofondano dentro di me in un bacio passionale come non mai…
- È magnifico quello che mi fai - e comincio a gemere.
Ci giriamo. Mi mette a cavalcioni sopra la sua pancia. Il cazzo sfiora la mia fica, come a chiedere il permesso di entrare. Mi attira verso di se e prende a leccarmi le tette gonfie e turgide. I capezzoli sono come caramelle, duri e morbidi insieme. Riesce a stento a mettere in bocca metà del seno, succhiandolo a lungo, desiderandolo pieno di latte che lo nutre, schiacciando il capezzolo contro il palato, mungendolo. Con voracità passa da una tetta altra.
Il cazzo si assesta fra le labbra morbide del mio sesso. Le carnose ali brune avvolgono la cappella semiscoperta e si spinge un poco dentro di me.
Si sposta sopra di me, mi apre le gambe e dirige il cazzo tra le grandi labbra. La fica è già bagnatissima, gronda di umori e sarà facile entrare in me; lo posiziona all'ingresso della vagina e comincia a spingere con più decisione.
- Non ti faccio male, vero?
Faccio segno di no con la testa, quindi spinge il cazzo risalendo di un paio di centimetri, sento le pareti vaginali scorrere sul suo cazzo.
Devo fare delle smorfie perché si ferma. Forse la mia fica non si è ancora adeguata al suo grosso cazzo, sebbene ieri mi sia già venuto dentro parecchie volte. Quando è a metà percorso, da un colpo di reni e affonda in me. Sobbalzo quando la punta del cazzo tocca la cervice uterina. Rimane fermo qualche secondo poi riprende a spingere.
- Sei ancora piacevolmente stretta, che quasi fai male anche a me.
Però riesce ad infilare dentro tutti quei 21 cm di cazzo.
Il glande si scopre completamente e con un ruggito di piacere, Alberto scivola fino in fondo nella vagina zuppa di nettare fertile.
Muove il cazzo dentro di me ed io chiudo gli occhi, mi mordicchio le labbra mentre il suo movimento comincia a essere più ampio e profondo. Il suo respiro, anzi i nostri sospiri sono pieni di piacere e di estasi, ogni volta che il cazzo sprofonda in me, è un sospiro di piacere. Dalle mie labbra escono mormorii, suoni, che lo eccitano ancora di più, accarezza i miei seni e stringe i capezzoli leggermente fra le dita, il piacere aumenta.
- Sì, ti sento a fondo… Ah … mi stai massaggiando l'utero!
Un lungo gemito lo fa contrarre dal piacere. Mi stringo a lui gustandomi il suo nido di piacere.
- Oddio Elena, che fica meravigliosa che hai!
- Com'è grosso! è meraviglioso sentirti dentro, com'è bello…
Resta fermo contraendolo e rilasciandolo più volte dentro la mia fica, bagnandomi con gocce di lubrificante.
- Oh Alberto come lo sento duro, si muove come un serpente…
Comincia a muoversi lentamente avanti e indietro, il piacere che mi da il massaggio alla vagina mi fa impazzire. Gemo ad ogni affondo, accanto al suo orecchio, con lui dentro di me.
Ricambia il massaggio premendosi bene in fondo e roteando il bacino per massaggiare le pareti vaginali con la sua asta dura, impietrita.
Poi lo estrae completamente e affonda di nuovo dentro, inclinandolo lateralmente. Grido e sobbalzo col bacino per inseguire le sue acrobazie. La mia vagina è completamente zuppa ed il suono dei nostri sessi bagnati che si muovono unito ai dolci gemiti lo fanno impazzire.
Si solleva sulle braccia per guardare la sua verga entrare e uscire da me, dal mio ventre piatto, sensuale e fertile. L'asta entra ed esce lucida del mio nettare.
- Elena, non posso più resistere, sono pieno di seme da sborrare. Adesso ti riempio col mio seme…
- Ah, Alberto lo sento sempre più duro.
Sento la mia fica contrarsi dal piacere attorno al glande. Sento quel piacere che segna l'arrivo dell'orgasmo sprigionarsi dal suo cazzo. Il punto di non ritorno è ormai irreparabilmente varcato. Si ferma per gustarsi il più a lungo possibile quel piacere che sale, poi sento dentro di me una contrazione che fa stringere la mia vagina, e poi…
- Ah, Ah, Ah…!!!!
I suoi occhi si chiudono ed enormi e lunghi getti di seme bollente mi allagano la fica, mentre libera tutto il suo piacere.
Chiudo gli occhi e anche io grido al piacere di quelle possenti contrazioni profonde nel mio ventre… Le sento spremere il cazzo e potevo sentire come la mia pancia fosse piena del suo seme.
- Ah!! Ah!… Ah…!
Ricade su di me mentre il suo cazzo mi irrora e gli ultimi getti del suo seme mi riscaldano. Mi abbraccia stretta sbattendo il suo bacino contro di me. Un lungo orgasmo mi scuote, grido dimenandomi con il suo membro ancora completamente duro dentro di me.
È stato un orgasmo senza precedenti. Completamente diverso dagli altri. Esce da me e si sdraia a fianco.
- Oddio Elena com'è bello dentro di te, è così diverso, mi hai fatto godere così tanto, meraviglia mia…
- Anch'io ho goduto tanto Alberto. È stato così bello, hai sborrato così tanto ed il tuo seme è così caldo… mi sento un lago dentro…
Porta una mano sulla fica bagnata ed affondo la lingua nella sua bocca in un bacio passionale. Mette le dita fra le labbra della fica, bagnate del suo seme.
- Sì Elena, ti ho riempita col mio seme…
Scende e lecca le dita bagnate di sborra, apro le gambe per farmi leccare meglio la fica. Spinge la lingua nel mio pertugio. Un grosso fiotto viene spinto sulla sua lingua. Lo raccoglie prima che cada sul letto. Immerge due dita nella mia vagina, le estrae bagnate del suo seme e me le mette in bocca. Le succhio.
La sua verga è di nuovo dura al massimo. Con un gemito entra ancora dentro di me. Si muove lentamente, dentro e fuori dalla mia fica.
- Sei preoccupata perché sei nel periodo fertile, Elena? Che differenza fa se ti metto incinta adesso? Io ti amo Elena…
- Anche io Alberto, ti amo
- Vieni a vivere con me!
- Non so. Ma come faccio con mia figlia? Non posso abbandonarla.
- Un padre ce l'ha. Lasciala a lui!
Non so cosa rispondere.
- Vieni a vivere con me! - ripete.
- Aspettiamo ancora un po'. Vediamo se funziona veramente tra di noi. Ti prometto che penserò seriamente alla tua proposta.
Sono nuovamente sotto di lui e riprende a baciarmi sul collo e ad accarezzarmi i seni che si muovevano a ritmo del mio respiro che si faceva più veloce, stringendo piano i capezzoli turgidi di eccitazione. Sento quel vigoroso cazzo indurirsi ancora di più e sono scossa dal piacere.
- Mettimi a pecora… montami e dammelo da dietro, ti prego, fallo!!
- Sì amore mio, ora ti monto… dio quanto mi fai impazzire!
Con fare sicuro mi prende per i fianchi e mi mette a pecorina, affonda il suo viso nella mia fica grondante e ne beve gli umori, poi inizia a sfregare la sua cappella gonfia tra le mie labbra e mentre io godo di quel dolce contatto, spinge il suo cazzo dentro di me quando meno me lo aspettavo, lasciandomi senza fiato.
Mi scopa ancora vigorosamente, gemendo per l’eccitazione. Io sono in estasi e ad ogni colpo il piacere si diffonde per tutto il mio corpo sudato. Il suo cazzo entra e esce dalla mia fica scuotendomi e io godo di questi gesti così brutali e primordiali. Siamo come due animali che si accoppiano, incuranti di tutto il resto.
E dopo una lunga scopata mi riempie ancora la fica col suo seme.
Sono sfinita. Non riesco a sopportare altro. Mi sembra di aver partecipato ad una maratona. Mi sento ancora piacevolmente indolenzita, proprio come ieri. Resto lì sdraiata a riprendere fiato.
Alberto mi tiene abbracciata a sé. Ho la testa appoggiata al suo torace che si alza e si abbassa al ritmo del suo respiro che lentamente si calma.
- Erano anni che non godevo così tanto. Sei un amante fantastico, Alberto. Devo farti i miei complimenti.
- Grazie, ma anche tu sei stata fantastica. Neanche la mia ex è come te.
Dopo quasi mezz'ora, Alberto si alza.
- Vado a preparare da mangiare. Tu resta qui quanto vuoi. Ti chiamo quando è pronto.
- No, mi alzo anche io. Vengo con te.
Mi prende per mano e mi mostra la casa intanto che andiamo in cucina. Non credevo che fosse così grande. Quattro camere da letto, due bagni, lavanderia, uno studio, un soggiorno e la cucina. È grande: un vero e proprio attico.
Mi sento lo sperma di Alberto colarmi sulle gambe e glielo dico. Alberto si inginocchia e lecca la fica e le gambe pulendomi a dovere. Quando si rialza, mi bacia. Sento ancora nella sua bocca il sapore del suo seme.
- Vuoi una mano? - gli chiedo.
- No, non serve. Ieri ho comprato il pranzo in una rosticceria. Perché non vai a vedere il terrazzo, nel frattempo?
Anche il terrazzo è fantastico. È grandissimo e circondato da piante che nascondono alla vista. Anche se sono nuda, l'edificio è il più alto e nessuno mi vede mentre guardo ovunque.
C'è un grande tendone che ombreggia un angolo del terrazzo arredato un tavolo con quattro sedie. In un altro angolo ci sono due divanetti con due poltroncine e un basso tavolino. Ci sono anche due lettini prendisole.
- Ti manca solo una piscina e hai tutto! - gli dico affacciata alla finestra della cucina.
- Ho anche quella! Quest'anno non l'ho montata. Piaceva alla mia ex. Ma se la vuoi la preparo per domani.
- No. No, dicevo tanto per dire. Non preoccuparti. Hai una casa fantastica. È veramente splendida.
- Nel primo cassetto trovi le posate. Perché non apparecchi fuori mentre finisco di scaldare le pietanze?
- La trovo un'ottima idea.
La giornata è calda e c'è una lieve brezza a rinfrescare la giornata. Ci sediamo al tavolo del terrazzo e siamo ancora entrambi nudi. Tra una forchettata e l'altra riusciamo a parlare del più e del meno. Lasciamo fuori dai nostri discorsi marito ed ex moglie. Parliamo solo di noi.
Quando abbiamo finito di mangiare, sparecchiamo e prendiamo i lettini. Alberto li accosta uno all'altro e con dei morsetti li blocca.
- Così è come se fossero un letto matrimoniale e non si sposteranno.
Fa ancora caldo e ci stendiamo all'ombra del tendone. Non passa molto tempo che il desiderio ci assale di nuovo.
Alberto mi piega il collo di lato e comincia a baciarmi dolcemente, il suo respiro caldo e le sue mani che mi accarezzano mi fanno provare brividi per tutto il corpo. Dalla mia bocca esce un debole gemito. Poi le sue carezze cominciarono a concentrarsi sul mio seno e ben presto la sua bocca prende il posto delle mani. Lo sento succhiare con forza e a lungo…
Con una mano scende ad accarezzarmi le cosce spalancate, avvicinandosi sempre di più al fulcro, già bagnato, del mio piacere. Io non pensavo a nulla, godevo solo di quel contatto di mani esperte e calde.
Finalmente si avvicina con le dita alle mie grandi labbra, le stringe e le accarezza un poco, poi con mio immenso piacere passò un dito tra le mie piccole labbra, senza mai staccare la bocca dai miei capezzoli.
Con due dita afferra il mio clitoride gonfio, facendomi scuotere per la forte sensazione, alza bene la pelle che ricopre il mio bottoncino e comincia a massaggiarlo con ritmi alternati. Mi sta facendo andare letteralmente fuori di me dal piacere, nessuno mi aveva mai saputo toccare in quel modo. Solo Alberto.
- Ti piace… vero tesoro? Senti come sei calda ed eccitata… - mi dice staccandosi dal seno lasciando la mano al suo posto.
- Sì, sì! Lo adoro non smettere ti prego! Ancora Alberto, ancora! Più forte! Sì! Sì… sì… Vengo ancora!!! - e con un urlo esplodo in un orgasmo che mi piega dal piacere.
All'improvviso si mette sopra di me e in un unico movimento fluido mi entra dentro. La mia vagina ormai si è perfettamente adattata alle sue dimensioni e non sento più dolore. Mi scopa ancora con forza e vigore, senza mai rallentare il ritmo.
- Elena sto per venire e voglio darti quel figlio che tanto desideri. Mio figlio. Voglio per davvero metterti incinta. Ti amo…
- Sì fallo, svuotati dentro di me… sì, sì… dai spingi… dammi il tuo seme.
Dopo poco Alberto con le gambe tremanti e il fiato corto, schizza con forza il suo sperma dentro di me e io lo sento così caldo e copioso invadermi tutta.
Le contrazioni si susseguono una sull'altra, le sento tutte spremere e aspirare il seme del mio amante. Ho continuato a godere a lungo, anche quando ho percepito il cazzo pulsare dentro di me. I suoi fiotti caldi di sperma si sono riversati direttamente nell'utero e il caldo bruciante sperma mi ha fatta godere per l'ennesima volta.
Era la cosa più eccitante del mondo, quel seme racchiuso nella mia vagina. Avrei voluto tenerlo lì e non farlo uscire più, ma quando toglie il suo cazzo dal mio corpo, lo sperma comincia a colare giù per le mie cosce. Mi sdraio stanca e contenta e Alberto mi segue accomodandosi al mio fianco, dandomi un bacio sulla fronte.
Restiamo lì sdraiati sotto il tendone fino alle cinque.
- Come mai non sei andato al lavoro?
- Perché mi hai detto che eri disponibile tutto oggi perché tuo marito non c'era e torna tardi. Se hanno bisogno di me, mi chiamano. Non ti preoccupare. Oggi mi sono preso "un giorno di ferie" - mi dice ridendo. - Anche domani sarai disponibile tutto il giorno?
- Non lo so. Gianni non mi ha detto niente per domani. Quando torna stasera glielo chiedo e ti mando un sms con la risposta.
- Guardati. Hai una leggera abbronzatura.
- Già. Mi piace.
- Anche a me. Devi andare, ora?
- Sì, purtroppo. In ogni caso torno comunque domani mattina.
Mi dispiace molto lasciare questa magnifica casa e quel suo meraviglioso cazzo. Rientro in soggiorno, raccolgo i miei vestiti dal pavimento, prendo la borsa e vado in bagno. Farò la doccia a casa. Mi rivesto, mettendomi l'intimo e l'assorbente per non sporcare il vestito. Mi sento la vagina piacevolmente dolente e mi sento addosso l'odore del suo sperma. Speriamo che non se ne accorga anche Gianni.
- Mi spiace, ma ora devo proprio andare.
Lui è appoggiato alla porta della camera, ancora nudo. Il suo cazzo però è rilassato e più contenuto.
Mi avvicino a lui e lo bacio. Un lungo bacio passionale.
- Ci vediamo domani mattina. Ciao, amore.
- Ti amo. Ciao.
Un ultimo bacio ed esco dalla porta. L'ascensore è già al piano. Non credevo che mi sarebbe dispiaciuto così tanto lasciarlo. Ho quasi voglia di tornare indietro e restare tutta la notte. Ma non posso farlo. Non ancora. Devo decidere bene cosa fare.
Arrivo a casa alle sei e faccio immediatamente una nuova sessione col tiralatte. Immagino che ci sia la sua bocca al posto della pompa. Sul fondo del serbatoio c'è una piccola quantità di colostro. Neanche un cucchiaino.
Però! Ho iniziato solo ieri e già c'è colostro! Bene! Avrò il latte molto presto. Appena finito, vado a farmi la doccia. Con un dito cerco di levarmi quanto più sperma posso. Ne ho preso talmente tanto oggi, che questo è superfluo.
Alle otto arriva Gianni. È molto stanco e si sdraia sul divano, guidare per molto tempo lo sfianca.
- Cosa vuoi mangiare? Ho scongelato delle bistecche. Vanno bene con un po' di insalata.
- Sì, andranno benissimo. Sono esausto.
- Perché non vai a farti una doccia mentre preparo?
- Ancora qualche minuto, poi vado.
Io vado in cucina a preparare le bistecche. Le cospargo di spezie ed olio e le rimetto in frigo per una mezz'oretta. Torno brevemente in soggiorno e Gianni sta ronfando con la bocca aperta. È incredibile. Ma che razza di uomo è, uno che si addormenta solo per aver guidato per 200 km! Mi avvicino e lo scrollo per svegliarlo.
- Gianni! Svegliati! Dai vai a farti la doccia, che metto le bistecche a cuocere.
Finalmente si alza. Torna venti minuti dopo con i vestiti che mette solitamente in casa.
Si siede al tavolo in cucina e mangiamo.
- Come mai sei così stanco, oggi?
- C'era un traffico della miseria sull'autostrada. Sono stato in tensione per tutto il viaggio. Fortuna che non ci devo più andare fino alla settimana prossima.
- Quindi domani torni a mangiare?
- No, resto in ufficio. Arriva gente dalla Germania e usciamo a pranzo insieme.
- I soliti tedeschi?
- Sì, i soliti. Vorranno sicuramente andare a quell'agriturismo dove siamo andati l'anno scorso. C'era una cameriera "molto disponibile" e due di loro sono spariti per mezz'ora. Ci credi?
- Non è poi così strano che degli uomini vadano con una donna, sai?
- Sì. Ma neanche la conoscono! Neanche sanno chi è. Come si può fare del sesso con una sconosciuta?
- Saranno problemi loro, non tuoi. Lasciali fare se si divertono. Che male c'è se la ragazza è d'accordo?
- Io non farei mai una cosa del genere!
“Lo so. Tu non fai affatto una cosa del genere, idiota!” penso.
- Mangia che si fredda.
Venti minuti dopo è di nuovo sul divano che russa. Vado in camera e mando un sms ad Alberto.
«Anche domani mio marito non c'è tutto il giorno. Resta in ufficio perché arriva gente dalla Germania e vanno a mangiare in un agriturismo in campagna».
Mi risponde subito. «Meno male. Ho molta voglia di riempire di nuovo quella bella fica che ti ritrovi. Resto a casa tutto il giorno anche domani. Ti farò godere un sacco anche domani, vedrai»
«Vengo per le nove»
«Ti aspetto con ansia. Ti amo Elena. Buonanotte, amore»
Gianni è ancora sul divano a dormire ed io mi chiudo in bagno col tiralatte. Questa volta sul fondo della bottiglietta c'è quasi 30 cc. di latte. Si vede già ad occhio nudo che il mio seno è più rotondo e sodo per il latte che contiene. Provo ad aspirarne ancora. Mi esce ancora 10 cc. di latte, poi più niente. Lavo il tiralatte e torno in camera. Scelgo il vestito che metterò domani. Poi vado in soggiorno e sveglio Gianni.
- Dovresti andare a letto e non dormire qui. Forza, alzati!
- Uhm, lasciami stare. Non adesso, Sara.
Sara? Chi è Sara? Nostra figlia si chiama Martina! Che razza di bastardo! Ha un'amante anche lui! Per questo non mi scopava più! Domani mi sente!
- Dai vieni a letto. Sono le undici.
- Sì, arrivo.
Si alza svogliatamente e barcolla fino alla camera. Crolla sul letto e russa di nuovo.
Mi metto a pensare a tutte le donne che conosco che si chiamano Sara, a cominciare dal suo ufficio. Una delle segretarie si chiama Sara, ma ha sessant'anni. A meno che ne sia arrivata una nuova e che non mi ha detto niente. Poi c'è la mia amica, sposata anche lei con due bambine. Sua sorella, si chiama Sara; non è sposata ed ha un anno in meno di lui. La nostra vicina di casa. No, la vicina non può essere, a meno che non si incontrino da qualche altra parte.
- Vieni qua Sara. Siediti sulle mie gambe. - biascica nel sonno.
“Deve essere una ragazza giovane”
- Guarda che bel lecca-lecca c'è qui - dice, sempre dormendo - fammi vedere come lo mangi.
Con una mano nel frattempo cerca di farsi una sega. Ma dormendo non ne ha la forza.
Lo faccio io, ma lo faccio lentamente perché non voglio svegliarlo. Voglio sentire ancora quello che dice a Sara.
- Ma che brava bambina che sei. Fammi vedere la tua patatina dai.
“Non sarà mica un pedofilo, per caso?”
- Vieni qua piccolina. Non ti faccio del male.
Sospendo un attimo la sega e mi fiondo sul cellulare. Attivo la registrazione audio e gli metto il telefono accanto alla testa, così magari registra meglio.
Riprendo a fargli la sega nella speranza che parli ancora.
- Ma che tesorino che sei. Apri la boccuccia, dai. Ti do ancora un po' di lecca-lecca e poi la cremina di papà. Sì, ma che brava bambina. Adesso arriva la cremina, sì, sì, oh. oh.
Gianni sborra sulla mia mano. Si gira di lato e ricomincia a russare.
Spengo la registrazione. Non so cosa fare. Certo quello che ha detto può benissimo essere una fantasia così come essere un evento da lui vissuto. Ci penserò domani.
Ma faccio fatica ad addormentarmi. Questo tarlo continua a rodere. Se è davvero un pedofilo non voglio che si avvicini più a mia figlia. Quello che ho registrato non basta.
Alle sette suona la sveglia. Non ho chiuso occhio per tutta la notte per la preoccupazione.
Gianni si alza e non si accorge del mio stato d'animo. Quando esce di casa, vado in camera a prendere il tiralatte. No, non lo faccio. Mi sento il seno duro e pieno. Se tolgo il latte, non ce ne sarà per Alberto. Mi vesto svogliatamente e vado da lui.
Quando mi apre la porta, si accorge immediatamente che qualcosa non va. Mi fa entrare.
- Amore? Cosa c'è? Che cosa ti preoccupa? Tuo marito sa di me? - chiede serio.
- No, non è come credi. Ieri notte è successa una cosa che non so come gestire. Può essere niente, come può essere una cosa grave. Non so cosa fare. E per di più stanotte non ho chiuso occhio per la preoccupazione.
Mi accarezza il viso.
- Dimmi cosa ti è successo.
- A me niente. È per mio marito. C'è la possibilità che sia un pedofilo, ma non lo so con certezza.
- Un pedofilo? Come lo sai?
- Mentre dormiva, parlava con Sara. All'inizio credevo che fosse una donna, una delle segretarie magari, ma poi… poi ha iniziato a parlare come ci si rivolge ad una bambina… Senti, ascolta, sono riuscita a registrarne una parte.
Gli faccio ascoltare la registrazione.
- Beh, hai ragione. Può essere sia una fantasia che una cosa accaduta veramente. Questo non basta per fare di lui un pedofilo.
- Non so come comportarmi. Se fare finta di niente, chiedergli di Sara o andare a denunciarlo.
- Con una simile registrazione non faranno niente. Ci vogliono delle prove. Conosco uno che fa il fotografo per un investigatore. Sono entrambi miei amici. Posso chiedergli di pedinare tuo marito e vedere cosa succede. Lo chiamo subito.
Dopo poco più di mezz'ora il tizio arriva. Gli spiego la cosa e gli faccio sentire la registrazione. Mi chiede una sua foto per riconoscerlo, modello e numero di targa dell'auto, l'indirizzo dove lavora, gli spostamenti abituali.
Cerco di dare più risposte che posso. Gli dico che in questo momento è al lavoro e che poi andrà a pranzo con i tedeschi.
- Posso fare finta di andarci a mangiare anche io e vedo come si comporta. Ci vorrà del tempo.
- Un'altra cosa. Ieri e l'altro ieri è andato a Piacenza ed ha detto che ci tornerà la settimana prossima. Magari è una cosa successa là.
- Ne terrò conto. Lei mi faccia sapere quando ci andrà di nuovo, così mi preparo per tempo.
- Va bene, grazie.
Mi lascia il suo biglietto da visita con i suoi recapiti.
- Arrivederci. Le farò sapere al più presto.
Mi siedo sul divano. Alberto arriva subito ad abbracciarmi.
- Vedrai, saprai tutto tra qualche giorno. Lo pago io l'investigatore. Vieni, rilassati qui accanto a me, lasciati andare.
Non smette un attimo di accarezzarmi. Ma non cerca di baciarmi, o fare del sesso. Che gentile, che è! Ha capito che non sono in vena.
- Mi dispiace di averti messo in mezzo a questo casino. Tu speravi in un'altra giornata di sesso come ieri, ma non me la sento in questo momento. Sono preoccupata. E se è davvero un pedofilo? Cosa faccio?
- Che domande! Ovvio. Lo denunci. Non vorrai vivere con un delinquente del genere, vero?
- No, certo che no. Ma è pur sempre il padre di mia figlia! E i miei suoceri? Moriranno dalla vergogna, quando lo sapranno!
Mi metto a piangere dallo sconforto. Alberto resta lì, seduto accanto a me a lasciarsi inzuppare la camicia dalle mie lacrime. Alla fine mi addormento esausta.
Mi sveglio che è quasi mezzogiorno. Il seno mi fa male. Ci sono due aloni proprio sui capezzoli.
- Accidenti! Proprio adesso mi doveva venire il latte!
Mi tolgo il vestito e vado in bagno a lavarlo. Lo stendo fuori sul terrazzo. Si asciugherà subito.
Sento Alberto fischiettare in cucina e vado da lui.
- Ciao splendore. Ti senti meglio ora?
- Sì grazie.
- Che fine ha fatto il vestito?
- Ho dovuto lavarlo perché era bagnato di latte. Il mio seno ha bisogno di essere svuotato.
- Provvedo subito.
Spegne i fornelli e mi trascina su una delle sedie. Si siede e mi fa sedere a cavalcioni su di lui. Mi abbassa le spalline del reggiseno, si toglie il cazzo dalle mutande, mi scosta il perizoma, mi prende in bocca un capezzolo e comincia a succhiare. Sento una leggera pressione invadere la mia fica. Man mano che il suo cazzo si allunga, mi penetra direttamente nella vagina.
Dopo un inizio piuttosto disagevole, ora riesce a prendermi in bocca il seno come si deve. Man mano che la tetta si vuota, riesce a mungermi meglio. Quando è vuota, passa all'altra. Dieci minuti dopo, il mio seno è vuoto e la mia fica è piena di sperma.
- È ottimo il tuo latte. Peccato che sia già finito. Tra quanto potrò averne dell'altro?
- Ci vorrà qualche ora. Cosa stavi cucinando?
- Nulla di complicato. Pasta con sugo alle olive e filetto marinato con piselli.
- Quasi quasi ti assumo come cuoco. Sei bravo anche in cucina oltre che a letto.
- Mi è sempre piaciuto cucinare. Ma non sono uno chef.
Mentre finisce di cucinare, apparecchio il tavolo sul terrazzo e mi sdraio sul lettino. Mi sono tolta il reggiseno, ma mi sono tenuta gli slip. È una giornata calda, ma non afosa.
Dieci minuti dopo siamo a tavola. Alberto parla del più e del meno, per non farmi pensare a mio marito. Infatti riesce a distrarmi, ma non del tutto.
Nel pomeriggio facciamo l'amore solo un paio di volte, ma io sono troppo distratta. Alle quattro me ne vado a casa.
Per prima cosa, mi attacco il tiralatte alle tette. Ne ricavo ancora 30 cc. di latte. Poi, per svagarmi, rassetto la casa. Non che ci sia disordine… solo per tenermi impegnata. Alle sette arriva Gianni e mi sembra normale, come al solito.
Faccio finta di niente mentre preparo la cena e mentre mangiamo. Alle dieci mi chiudo in bagno. Mi preparo un bagno con aromi rilassanti. Mentre sono immersa nella vasca, mando un sms al mio amante. «Domani potremo vederci solo al mattino. Mio marito torna a mangiare. Mi dispiace.»
«Non fa niente. Mi accontento di averti per mezza giornata. Mi ha chiamato l'investigatore. Oggi non è successo niente.»
«Se capiterà qualcosa, credo che avverrà quando andrà a Piacenza. Grazie per l'aiuto che mi dai. Lo apprezzo molto.»
«Grazie a te per esserci. Buonanotte.»
Finito il bagno, mi pompo ancora le tette col tiralatte: questa volta ne faccio 80 cc.
Per non buttarlo, lo bevo io. Ha ragione Alberto: ha un ottimo sapore.
Quando esco, Gianni è già a dormire. Mi tengo il telefono sul comodino, così posso registrare se si mette a parlare nel sonno.
Succede all'una di notte. Io sono ancora sveglia. Appena inizia a biascicare qualche parola inizio a registrare. Le prime parole non si capisce niente. Poi inizia a parlare più chiaramente.
- No, Sara, dove vai? Resta a giocare con me! C'è ancora il lecca-lecca per te, con le campanelle attaccate! Dai apri la tua boccuccia. Mostra alla tua amichetta come si gioca con il lecca-lecca. Mi dici come si chiama la tua amichetta? Carola? Davvero? Anche mia figlia si chiama così. Ed è bella come te. Su avvicinati, fammi vedere anche la tua di patatina, dai! Ma come è bella! E qui cosa c'è? Che cosa è questo? Ah, ma è il bottoncino dell'amore! Sali sopra la mia pancia, ti faccio sentire il mio lecca-lecca sul bottoncino. Anche tu Sara, avvicinati. Ma che belle patatine che avete… Avvicinati di più Carola, fammi leccare la tua patatina… Uhm, come è buona! Ora facciamo un nuovo gioco, vi va? Sì? Adesso vi metto il lecca-lecca nella patatina. Sentirete che bello… No, non vi faccio male! Io vi voglio bene… vi amo entrambe. Chi vuole provare per primo? Tu Carola? Va bene, hai vinto tu. Vieni, siediti in braccio a me. Non preoccuparti. Sentirai solo un pochino di male, ma passa subito. Ah… ah… ah… sì… sì… adesso sentirai la mia cremina dentro di te. La cremina di papà. Vieni a vedere Sara! Guarda come le piace. Hai visto? Anche a lei piace questo gioco, vedi? Vero Carola che ti piace sentire il lecca-lecca nella tua patatina? Ah… ah… vengo… vengo… ah… Ora tocca a te, Sara. Siediti in braccio, come ha fatto la tua amichetta. Ah… ah… ah… sì… sì… ah… ah… vengo… vengo… ah…, ti piace sentire il lecca-lecca dentro, vero? Certo che ti piace! Sento come godi, sei una piccola puttanella, sì… sì… ah… vengo… ti riempio la patatina di cremina… sì… arriva… ah… ah… Vi è piaciuto il nuovo gioco? Sì? Adesso venite qua, c'è il lecca-lecca da finire… ah… come siete brave… Diverrete delle grandissime puttane tra qualche anno… ma che brave… è di nuovo diventato duro… visto? Forza Carola, ora finisci tu, continua a leccare… sì… come un gelato… vedrai che bel regalo che arriva adesso… stai attenta… non lasciarlo uscire dalla bocca… sì… arriva la cremina di papà… ah… ah… sì… prendilo puttana, prendi il mio cazzo… sì… ah…
Poi smette di parlare. Si rigira e inizia a russare. Spengo il microfono. Mio Dio sembra davvero che sia un pedofilo.
“Cosa faccio adesso? Devo continuare a registrare quello che dice la notte? O devo farlo sentire subito alla polizia? Difficilmente interverranno per delle parole registrate nel sonno.”
Fatico ancora ad addormentarmi. Alle sette suona la sveglia e mi alzo a preparare la colazione. Intanto che Gianni è in bagno mi tolgo il latte dal seno, 120 cc. e me lo bevo a lunghi sorsi. Quando esce per andare al lavoro, avviso l'investigatore. Poi mi preparo di corsa e vado da Alberto.
Quando ha sentito la registrazione, anche lui è del mio stesso parere.
- Servono più informazioni per denunciarlo alla polizia. Non prenderanno mai sul serio la registrazione.
- Lo so! Ma questo dubbio mi sta lacerando. Non dormo più. Sono angosciata.
- Dai! Vieni con me. Andiamo a letto. Così ti riposi un po'.
Mi spoglio e mi infilo nel suo letto completamente nuda. Immediatamente mi raggiunge e si distende accanto a me.
- Vieni qua. Lasciati abbracciare.
Mi infilo tra le sue braccia. Appena sento l'odore della sua pelle mi addormento.
Mi risveglio dopo due ore.
- Grazie Alberto. Ora mi sento riposata.
E lo bacio. Lui risponde ai miei baci, mi accarezza la schiena, fino ad arrivare al culo. Il suo respiro si fa veloce. Con una rapida mossa, mi tira sopra di lui e inizia a baciarmi e a leccarmi. Appena arriva al seno, si mette in bocca il capezzolo e inizia a ciucciare. Sembra un bambino affamato. Succhia con una tale forza che quasi mi fa male. Ma è eccitante. Mi sento già un lago nella fica.
Mi lascia i capezzoli solo quando entrambe le tette sono vuote. Sento il suo cazzo cercare la mia fica e lo aiuto ad entrare. Appena dentro, mi fa sdraiare sotto di lui e inizia un rapido dentro e fuori dalla mia fica. Sento montare l'orgasmo. Il mio respiro si accorcia e lui spinge… spinge… spinge… sento la cappella sbattere sul collo dell'utero. I suoi colpi sono sempre più veloci e raggiungiamo l'orgasmo insieme. Sento quattro potenti schizzi di sperma riempirmi la vagina e nel contempo le contrazioni dell'utero mungono il suo cazzo.
- Che fantastica scopata Elena… Ti amo.
Sono le undici e trenta; devo andare. Mi diventa sempre più difficile andare via da questa casa… da lui…
Gianni rientra per il pranzo. Mi dice che hanno fatto la mensa e da domani preferisce rimanere in ufficio per il pranzo.
- Così consumerò meno benzina. E tu avrai più tempo per te e per Martina.
- Quando torneranno i tuoi dalla montagna?
- Ancora dieci giorni.
- Senti una cosa. Martina ormai è grande e va all'asilo. Che ne dici di avere un altro figlio? Tra pochi giorni sarò in ovulazione così sarà più facile rimanere incinta. Ti va?
- Sì è una buona idea. Tieni tu i conti e fammi sapere quando lo dobbiamo fare, ok?
- Grazie, tesoro.
Il pollo c'è cascato. Bene. Spero solo che il seme di Alberto faccia il suo dovere. Non potrei sopportare l'idea di Gianni dentro di me, se davvero è un pedofilo.
Alla una e mezza esce per tornare al lavoro. Carico la lavastoviglie e vado al supermercato a fare la spesa. Passando davanti all'edicola, vedo i titoli dei giornali.
«Un uomo stupra due bambine di 12 anni in provincia di Piacenza.»
Compro il giornale e leggo l'articolo. Per la privacy non mettono il nome delle bambine, ma il racconto è simile a quello che ha detto Gianni la notte scorsa. In particolare il lecca-lecca.
Chiamo subito Alberto e glielo dico. Avviserà lui l'investigatore.
- Amore. Non restare sola, dove sei adesso?
- Sto facendo la spesa. Al supermercato dove ci siamo incontrati.
- Non ti muovere di lì. Arrivo subito. Siediti sulle panchine e aspettami… Mi raccomando, non ti muovere. Aspettami. Ecco sono già in macchina. Parlami.
- C'è gente qui. Non posso dirti niente.
- No, raccontami di te. Non di quello che hai visto. Dimmi, che cosa volevi comprare?
- Mah… le solite cose… latte, yoghurt, pasta, pane, prosciutto, bistecche… cose così…
- Sono arrivato… sto parcheggiando. Dove ti trovi esattamente?
- Sono davanti l'edicola.
All'improvviso lo vedo arrivare trafelato. Gli corro incontro e lo abbraccio. Mi metto a piangere. Mi trascina oltre l'uscita, lontano da occhi indiscreti. Piango la mia disperazione.
- È stato lui… è stato lui… - continuo a ripetere tra le lacrime.
- Non lo sai per certo. Ho parlato con l'investigatore stamattina. Non è una prova sufficiente, ma ora lo chiamo e gli dico di mandare la registrazione al pubblico ministero. Gli chiedo che resti anonima, per il momento. Su smetti di piangere ora, che lo chiamiamo.
Cerca il numero sulla rubrica e lo chiama.
- Pronto sono Alberto Rossi, posso parlare con Stefano Albertini? Grazie… Ciao Stefano, sono Alberto. Senti ho appena visto il giornale… sì esatto… quello. La registrazione che ti ho fatto avere stamattina, la puoi far avere al pubblico ministero che si occupa dell'indagine?… Sì… Ah, per il momento non fare il nome della mia amica… Chiedi al PM di far ascoltare la voce alle bambine, se lo riconoscono digli nome e cognome del marito… Sì, esatto… - poi rivolto a me - dove si trova ora?
- È in ufficio. Tra l'altro mi ha detto che da domani resta a mangiare in mensa. Non so se ci sia per davvero, la mensa intendo, altrimenti occorrerà che il fotografo lo segui se esce.
- La mia amica ha detto che dovrebbe essere in ufficio e che da domani si ferma in mensa. Occorrerà verificare se esiste per davvero il servizio mensa e che lui resti lì, altrimenti bisogna pedinarlo, se esce. Tu intanto manda la registrazione al PM poi vediamo… Sì, ciao. - e riattacca - Ha detto che è una buona idea e ci parla subito. Mi farà sapere appena possibile. Ti senti meglio? Cosa vuoi fare?
- Devo fare la spesa, mi accompagni?
- Certo, andiamo a prendere il carrello.
- L'ho lasciato dentro, vicino alle panchine, ma era vuoto.
- Non c'è. Forse l'ha preso qualcuno. Resta qui, vado a prenderne uno.
Va e torna subito con un carrello. Ci avviamo verso l'ingresso del supermercato. Il carrello lo spinge lui, mentre io gli cammino di fianco.
- Dammi la lista.
- Non la faccio mai, perché tanto sono sempre le solite cose che prendo.
In mezz'ora facciamo tutto e mi riaccompagna a casa.
Alle cinque squilla il suo telefono. È l'investigatore.
- Pronto… sì ciao Stefano… ah… sì… no… d'accordo. - e riappende.
- Cosa ha detto?
- Le bambine hanno riconosciuto la sua voce. Bisogna denunciarlo.
- No!!!
Scoppio di nuovo in lacrime.
- Devi dirlo ai tuoi suoceri. Non devono farlo avvicinare a tua figlia. Devi andare a parlarci. Subito. Mentre tuo marito è ancora al lavoro. Dove sono e quanto è lontano? Se vuoi ti porto io.
- Sì, per favore, non ce la faccio a guidare. Sono qui vicino, a Maggio, in Valsassina.
- So come arrivarci. Sistema la spesa che ci andiamo subito.
In un ora di viaggio siamo arrivati. La macchina di Alberto è molto comoda.
- Tu vai. Io resto qua. Meglio che non mi faccia vedere.
- Grazie… - e lo bacio - di tutto.
Scendo dalla macchina e suono il campanello. Sono sorpresi, ma mi fanno entrare. Chiedo della bambina. Mi rispondono che sta dormendo.
- Ho una brutta notizia. Tra qualche giorno Gianni verrà arrestato per aver stuprato due bambine di 12 anni.
- Ma che cazzo stai dicendo? - mi urla contro mio suocero. - Come ti salta in mente 'sta storia?
- È successo l'altra notte… mentre dormiva ha iniziato a parlare nel sonno. Si rivolgeva a una persona di nome Sara. All'inizio credevo che avesse un'amante, una collega di lavoro… ma il tono… sembrava che si rivolgeva a una ragazzina. Ascoltate ve lo faccio sentire.
Avvio la prima registrazione.
- Ma questo non significa niente… Stava sognando!
- C'è dell'altro. Aspettate.
Faccio sentire la seconda registrazione. Entrambi sbiancano. Mio suocero sembra quasi sul punto di vomitare.
- Avevo chiesto ad un investigatore di pedinare Gianni, ma finora non ha fatto nulla. Ma stamattina, quando ho letto questo articolo sul giornale, ho capito che non potevo fare finta di niente. Ho chiesto all'investigatore di mandare la registrazione al PM anonimamente, e lui ha fatto sentire la voce alle due bambine che lo hanno riconosciuto immediatamente.
- Oh, mio dio. Povere bambine! - dice mia suocera.
- Beh, adesso lo sapete. Io ora devo tornare a casa. Devo essere forte e fare finta di niente.
- Resta qui noi!
- No, devo tornare. Se si accorge di qualcosa potrebbe scappare. Per favore non ditegli niente e non fatelo avvicinare a Martina.
- Non preoccuparti. Ci pensiamo noi a lei fino a quando tutta questa storia sarà finita. Ciao.
Li lascio e ritorno da Alberto, che mi riporta al supermercato a prendere la macchina.
- Sta tranquilla, eh? Finirà presto. E quando ti senti turbata mandami un messaggio. Ti risponderò subito. Ok?
- Sì… grazie di tutto, Alberto.
Gianni è già a casa.
- Dove sei stata?
- Scusami. Dovevo fare benzina. Mi sono dimenticata di farla nel pomeriggio. Ho dovuto girare un po' per trovare un self service.
- Potevi avvisarmi. Mi sono preoccupato.
- Pensavo di fare in tempo a tornare prima che rientrassi… Preparo subito da mangiare… Tu intanto vai a farti una doccia, uhm? Faccio presto.
Metto a bollire l'acqua per la pasta e preparo un vassoio di affettati con dei pomodorini.
Ceniamo, poi lui si mette sul divano e io vado in bagno. Resto lì, seduta sul wc a fissare il muro per una buona mezz'ora, poi apro il rubinetto della doccia e mi infilo sotto lo scroscio dell'acqua.
“Devi resistere solo qualche giorno ancora. Resisti. Per te e per tua figlia” continuo a ripetermi.
Quando esco dal bagno vado in soggiorno. Gianni sta russando sulla poltrona. Lo lascio lì, spengo le luci e me ne vado in camera. Mi stendo, ma come al solito faccio fatica a dormire.
Ad un'ora imprecisata della notte, sento che viene a letto. Faccio finta di dormire. Fortunatamente si riaddormenta subito.
Alle sette, mi alzo, preparo la colazione e gli chiedo se davvero ha intenzione di fermarsi in mensa.
- Sì, mi fermo lì. Costa anche poco. Ah, domani vado di nuovo a Piacenza, per cui tornerò tardi.
- Va bene.
- Ciao tesoro. Ci vediamo stasera.
- Ciao. Buon lavoro.
Appena sono sicura che sia partito, telefono all'investigatore.
- Buongiorno. Posso parlare con il signor Albertini, per favore…
- Un momento signora.
- Pronto?
- Buongiorno signor Albertini, sono l'amica di Alberto Rossi. Le telefono per avvertirla che mio marito è partito per andare al lavoro e che domani andrà a Piacenza.
- La ringrazio signora. Avverto subito il PM. Deciderà lui cosa fare. Se ci sono problemi lo dirò ad Alberto.
- Grazie. A risentirla.
Riappendo. Finisco di vestirmi e poi vado immediatamente da Alberto. Mi sento soffocare in questa casa.
Mi accoglie con un abbraccio stritolante.
- Ti prego Alberto, fammi dimenticare…
Siamo ancora all'ingresso. Mi accarezza e mi bacia, mi sbottona lo scamiciato e lo lascia cadere a terra. Indosso un reggiseno senza spalline, a fascia, che mi comprime il seno. È zuppo di latte. Con un rapido movimento, fa uscire i capezzoli, lasciando che il reggiseno sostenga il peso delle tette colme di latte.
Il seno è tondo, duro al tatto. Appena lo sfiora con un dito, un capezzolo inizia a gocciolare. Lecca la goccia, lentamente, poi imbocca il capezzolo e inizia a succhiare con vigore, senza staccarsi, senza stancarsi.
Mi lascio trasportare dalle sensazioni che mi procura. Mi toglie il reggiseno. Lentamente mi sospinge verso il divano. Mi fa sedere, poi si sdraia sulle mie gambe. Riesco a prendere un cuscino e glielo metto sotto le spalle. Si stacca con un "plop" dal capezzolo e si attacca all'altro. Si dedica con maestria a ciucciare, si sta godendo il mio latte.
Intanto che lui si dedica al mio seno, gli slaccio i pantaloni e infilo la mano nelle mutande. Gli accarezzo il cazzo che è già duro, circondo il suo palo e lentamente lo sego. Voglio solo dargli piacere senza farlo venire.
Dopo che mi ha svuotato il seno, mi toglie gli slip e mi fa sdraiare per terra, sul tappeto. Rapidamente si toglie pantaloni, mutande e maglietta. Mi sale sopra, allargo le gambe per fargli posto, si inginocchia davanti alla fica, mi prende per i fianchi appoggiandomi alle sue gambe, punta il cazzo tra le labbra della fica e mi tira verso il suo bacino, infilandomi quel suo meraviglioso cazzo tutto dentro fino alla radice.
Già solo questo movimento mi fa quasi venire. Infila le braccia sotto le ginocchia e si allunga verso di me. Mi ritrovo ad avere il culo sollevato e la schiena curva. In questa posizione lo sento colpirmi l'utero con possenti spinte. In pochi minuti esplodo in un spettacolare orgasmo. Mi lascia qualche minuto per riprendermi, poi ricomincia a spingere. Sento distintamente lo sciacquettio dei nostri sessi bagnati dai miei umori. Sento sopraggiungere un secondo orgasmo. Anche lui è al limite.
- Oh! Amore mio, tesoro mio! Mi piace! Mi fa impazzire! Sì, scopami! Sto impazzendo! Sì, dammi il tuo seme.
Alla fine stremato, quando percepisce il movimento delle pareti vaginali che si stringono come morse infuocate attorno al suo cazzo, mi afferra dalle natiche e, imprimendo l’ultima spinta, mi tiene a stretto contatto del suo grembo liberando in me tutta la bramosia accumulata.
Svuota il seme dentro la mia vagina mentre continua a muoversi. È una sensazione incredibile, l’estasi estrema.
- Oh!!! Tesoro! E’ bellissimo! Mmmmm! - continuo a ripetere.
Il suo viso è completamente stravolto in una maschera di pura passione. Ed io all’unisono godo di quello istante di assoluto piacere.
Il tempo si era fermato. È rimasto a contemplarmi, con il cazzo ancora dentro di me per parecchio tempo.
- Sei stupenda… verrai a vivere con me, vero?
Finisco per cedere.
- Sì…
È felice e mi bacia appassionatamente.
Resto a casa sua fino alle sei, poi vado a casa.
Poco prima aveva chiamato l'investigatore. Domani, quando mio marito arriverà a Piacenza, verrà arrestato. Lo devo sopportare solo per questa sera e questa notte.
Nel frattempo preparo la cena. Gianni arriva alle sette. Entra in bagno a farsi la doccia, poi si mette sul divano.
A tavola la conversazione fatica a decollare. Gli chiedo della mensa, ma risponde a monosillabi. Lascio perdere del tutto. Si rimette sul divano e poco dopo russa.
Il seno inizia a farmi male. Vado in bagno a togliermi il latte e poi me ne vado a letto. Anche stavolta mi tolgo 150 cc. di latte.
Gianni non lo sveglio nemmeno. Verrà a letto quando si sarà stufato di restare sul divano. Questa volta mi addormento subito. Sogno di essere di nuovo tra le braccia di Alberto.
Quando suona la sveglia, mi accorgo che il letto dalla parte di Gianni è intatto.
“Che stupido! Ha dormito sul divano!” penso mentre vado in cucina.
No. Gianni non c'è neanche sul divano. Vado in bagno, ma non c'è nessuno neanche lì. Le chiavi, il cellulare, la borsa, sono ancora dove li ha lasciati ieri quando è rientrato.
Mando un sms ad Alberto dicendo che Gianni è sparito. Mi risponde che contatterà Albertini, per sapere se lui ha notizie.
Mi risponde dopo un paio di minuti.
«Nessuno lo ha visto»
«Cosa faccio adesso?»
All'improvviso sento un urlo provenire dalla strada. Mi affaccio e vedo decine di persone correre verso la stradina laterale che da accesso ai garages. Cambio stanza. Dalla finestra del bagno si riesce a scorgere un fazzoletto di strada, ma non vedo nulla di particolare. Prendo le chiavi di casa ed esco sulle scale. In fondo al ballatoio ci sono le scale di emergenza che scendono proprio ai garages. Quando apro la porta vedo un bel gruppetto di persone che si sono addossate attorno ad una figura distesa a terra. C'è parecchio sangue sparso a terra.
Si sente la sirena di una ambulanza che si avvicina. Scendono gli uomini del pronto soccorso e uno di loro, chino sulla figura scuote la testa. È morto. Quello che sembra il capo avvicina la radio alla bocca e parla. La distanza non mi permette di sentire quello che dice. Sicuramente starà dicendo di far venire i carabinieri o la polizia.
Infatti poco dopo si sente di nuovo una sirena che si avvicina. Quelli che scendono sono carabinieri. Uno di loro alza la testa quando si rendono conto che è caduto dalla scala. Mi vedono affacciata. Ho visto abbastanza e rientro.
Mando un altro sms ad Alberto.
«Gianni si è morto. Si è suicidato»
Resto con in mano il telefono per un tempo infinito.
«Mi dispiace… non volevo che finisse in questo modo… vengo subito da te.»
«No. Aspetta. Chiama l'investigatore e digli di avvisare il PM. Tra poco arriveranno i carabinieri. Preferisco non metterti in mezzo, almeno finché posso evitarlo.»
Vado in bagno e mi vesto. Poco dopo suona il campanello della porta.
- Buongiorno signora. Sono il maresciallo Paolo Luciani. Possiamo entrare?
Li faccio accomodare.
- Sì certo. Vi stavo aspettando. È mio marito, vero?
- Sì signora. Mi spiace doverla informare che è morto.
- Peccato… si meritava di finire in prigione.
Il carabiniere mi guarda sorpreso.
- Oggi doveva essere arrestato dalla procura di Piacenza. Ha stuprato due bambine, qualche giorno fa.
- Ho letto l'articolo sul giornale. È sicura che sia stato lui?
- Sì, le bambine lo hanno riconosciuto. Deve parlare con il dott. Calandra. È lui che si occupa della vicenda.
- È sola in casa?
- Sì, mia figlia è in montagna con i miei suoceri. Anche loro sono al corrente della vicenda. Poi li chiamerò per avvisarli che il loro figlio è morto.
- Come è successo, signora?
- Non lo so. Ieri sera l'ho lasciato che dormiva sul divano. Quando mi sono svegliata stamattina mi sono accorta che non è venuto a letto. In casa non c'era e le sue cose sono ancora lì sul tavolo, dove li ha lasciati quando è rientrato a casa dal lavoro. Ho mandato un messaggio all'investigatore che ha tiene i contatti con il PM chiedendo se aveva notizie. Nessuno ne sapeva niente. Poi ho sentito urlare dalla strada e ho visto la gente che accorreva alla strada laterale. Allora sono uscita sulla scala di sicurezza, fino a quando mi avete vista.
- Com'era? Di umore, intendo.
- Ieri sera era taciturno. Di solito riuscivamo a parlare, ma ieri sera no. Se vuole altre notizie parli col dott. Calandra o con il signor Stefano Albertini dell'Agenzia Investigativa Albertini.
- Perché il signor Albertini?
- Ultimamente mio marito parlava nel sonno. All'inizio pensavo avesse un'amante e allora ho chiesto aiuto ad un amico, che mi ha indirizzato ad Albertini. Comunque senta il dott. Calandra.
- Ha una famiglia o amici da cui andare?
- Sì. Per qualche giorno andrò a casa di un amico, qui in paese. E dico ai miei suoceri di restare in montagna con la bambina.
Prendo il cellulare, faccio scorrere la rubrica fino a trovare il numero di telefono di mio suocero.
- Questo è il numero di telefono di mio suocero. Preferirei dirglielo io, se non vi spiace.
- Lo chiami subito, per favore. E poi mi ci faccia parlare.
Faccio partire la chiamata.
- Pronto? Sono Elena, buongiorno. Volevo solo avvisarla che Gianni è morto. Si è… si è tolto la vita… no si è buttato dalle scale di emergenza… Non si preoccupi per me. Non rimarrò sola. Vado da un amico, poi. Senta qui c'è il maresciallo Paolo Luciani che vuole parlarle.
Gli passo il telefono. Parlano per un po'… lo ha sentito… come ha saputo della vicenda… cose del genere. Poi mi ripassa il telefono.
- Mi dia il suo numero di telefono, così se ho bisogno di contattarla la trovo subito. Le farò sapere al più presto quando potrà avere il corpo di suo marito per il funerale. Condoglianze.
E se ne vanno.
Avviso anche l'ufficio di Gianni. Per il momento dico loro che è malato.
Prendo un borsone, ci metto dentro biancheria e vestiti per una settimana e vado da Alberto.
Come ieri mi accoglie in un abbraccio stritolante.
- Va a stenderti per un po', uhm? Poi ti raggiungo anche io.
- Grazie…
Mi spoglio e mi infilo a letto. Il seno mi fa male tanto è gonfio, ma non mi interessa più di tanto.
Quando arriva Alberto, si accorge del mio stato. Si spoglia e si sdraia accanto a me. Avvicina la bocca al capezzolo e inizia a ciucciare. Fa la stessa cosa con l'altro, fino a svuotarli completamente. Poi mi viene sopra, allargo le gambe e lui entra in me. Si muove con estrema lentezza. Un lento massaggio che mi culla. È così lento che non mi viene neanche il fiato corto.
- Vuoi che continui o esco?
- No continua, mi piace. Cosa faccio ora? È morto!
- Trasferisciti da me. Con la bambina se vuoi. Vendi l'appartamento e ti tieni i soldi da parte. I suoi vestiti regalali ad una qualche associazione che si occupa di senzatetto. Mi occuperò io di te. Non rimarrai da sola. E poi dobbiamo ancora vedere se c'è mio figlio dentro di te. Quando ti deve venire il ciclo?
- Tra una settimana.
- Solo un'altra settimana e poi sapremo. Dai, non ti abbattere. È meglio così. È meglio che sia morto prima del processo. Tutta quella pubblicità non avrebbe fatto bene né a te né a tua figlia.
Esce da me.
- È quello che mi ripeto anche io. Ma è pur sempre il padre di mia figlia e in questi quattro anni, anche se non mi ha mai soddisfatto sessualmente, non ha mai mancato un anniversario, un compleanno. In fondo gli volevo bene. È come se fosse morto un amico.
- Usciamo da questa casa, dai. Voglio farti un regalo. Vestiti.
Andiamo a Milano. Via Monte Napoleone. Negozio Dior.
- Mi vuoi regalare un abito firmato? Ma sei matto?
- Assolutamente sì. Sono pazzo di te.
Entriamo. Si avvicina una commessa.
- Buongiorno. Come posso esserle utile?
Guardo lui. Lui sta guardando la commessa.
- Salve a lei. Voglio un vestito assolutamente elegante e sexy per lei.
- Certamente. Seguitemi.
Mi mostra un'infinità di abiti, ma non sono il mio stile. Non mi ci vedo con quegli abiti addosso.
- Ma tesoro! Secondo te quando metterei un abito del genere? Non è il mio stile! - gli sussurro.
Mentre la commessa è impegnata a trovare altri abiti, avvicina la bocca al mio orecchio.
- Lo so. Ho detto che ti facevo un regalo, non che ti compravo un vestito. Non mi posso permettere di regalarti un abito del genere, anche se sono ricco. Il mio regalo è farti divertire e non pensare alla tua situazione.
Poi si rivolge alla commessa.
- Mi spiace. Ma non vedo nulla che mi piace. Forse tornerò per la prossima collezione.
Usciamo. Appena fuori dalla porta, ridiamo come matti.
- C'è rimasta male! Hai visto la sua faccia? Andiamo, ti offro un caffè in Via Monte Napoleone. Questo me lo posso permettere.
Giriamo un po' per le vetrine. Guarda caso non c'è nessun cartellino di prezzi esposto. In fondo alla via c'è l'indicazione per una farmacia. Tiro Alberto dietro di me ed entriamo.
- Un test di gravidanza, per favore.
- 5 euro. Grazie, arrivederci.
- Così sarò pronta.
È mezzogiorno passato. Ci fermiamo a mangiare in un bar. Giriamo ancora un po' per il centro e verso le quattro torniamo a casa.
Mentre sono in macchina telefono ai miei suoceri. Loro stanno bene e sono rimasti scioccati dal gesto di Gianni, non se lo aspettavano neanche loro. Ma concordano sul fatto che hanno evitato la pubblicità di un processo.
- Ho un'altra cosa da dirvi. Da qualche settimana ho rivisto un mio vecchio compagno di scuola, e da cosa nasce cosa… e si è riaccesa un'antica passione. Sono diventata la sua amante. Ho deciso di andare a vivere con lui e di vendere l'appartamento.
- Avevi già deciso di lasciare Gianni, quando lui si è ucciso? - mi chiede mio suocero.
- No. Non avevo ancora deciso nulla. Non credo che nemmeno sapesse che ho un amante. Forse si era solo reso consapevole di quello che aveva fatto e non volesse andare in prigione.
- Non lo sapremo mai, credo. Comunque sono felice per te. Lo vedevo che con Gianni non eri soddisfatta. Quando ti ho visto ieri, mi sono reso conto che qualcosa in te era cambiato, al di là della situazione. Eri più serena, più appagata. Cosa vuoi fare con Martina?
- In che senso?
- La porti con te? O la lasci a noi?
- Per il momento vorrei che passasse l'estate con voi. Verrò a trovarvi domani, così vi farò conoscere Alberto. Penseremo con calma cosa fare. Anche Martina deve conoscere Alberto. È una brava persona, vedrete. Mi ha aiutato molto in questi giorni.
Come d'accordo, il giorno dopo andiamo in montagna. I miei suoceri sono rimasti impressionati positivamente da Alberto. Anche a Martina è piaciuto. Non voleva più scendere dalle sue gambe. Rimaniamo d'accordo di tornare la settimana prossima.
Dopo tre giorni mi telefonano i carabinieri. Mi chiedono di presentarmi il pomeriggio in caserma per un colloquio informale. Mi dicono che hanno chiuso sia l'inchiesta dello stupro delle bambine sia della morte di Gianni. È confermato che il DNA corrisponde a quello dello sperma preso dal corpo delle bambine. Anche il medico legale ha determinato la morte da suicidio. Posso mandare una agenzia di pompe funebri all'obitorio per ritirare il corpo. Vorrei farlo cremare. Acconsentono. Loro hanno già quello che serve.
Con i miei suoceri decidiamo di evitare un funerale in chiesa. Non siamo dei credenti. Facciamo cremare il corpo e poi mettiamo le ceneri al cimitero.
A cose fatte avviso l'ufficio di Gianni che è morto. Passerò a breve a ritirare gli effetti personali. Non che mi interessino, ma non voglio che se le prendano qualcun altro.
Passata la buriana del funerale e tutto quello che ci gira intorno, chiamo una associazione che si occupano di senzatetto e chiedo loro di mandare qualcuno con un furgone a ritirare i vestiti. Accettano senza problemi. Passerà un ragazzo l'indomani.
C'è così tanto da sistemare prima di mettere in vendita la casa che non mi accorgo del tempo che passa.
È Alberto che mi rammenta che sono passate tre settimane da quando è morto Gianni.
- Il ciclo non ti è ancora arrivato, vero? - mi chiede sorridendo.
- No - rispondo felice. - Lo facciamo il test o aspettiamo ancora?
- Fallo subito, dai. Anche se non ho dubbi al riguardo.
Tre minuti di paziente attesa… Et voilà. Sono incinta.

Sono passati sei anni da quando è accaduto tutto. Ora sono la madre soddisfatta di tre bambini. C'è Martina, la figlia di Gianni, che ha 9 anni, Luca, che ne ha 5 e Beatrice, che ne ha 3, i figli di Alberto.
Oggi è il mio compleanno: ho 42 anni e stamattina ho saputo che sono ancora incinta.