i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Oggi è il compleanno della mia bisnonna Orietta. Compie la bellezza di 100 anni. Un secolo vissuto nella dedizione totale alla famiglia.
Ha avuto dieci figli (erano altri tempi, allora!), ventiquattro nipoti ed al momento diciassette pronipoti. Ma quattro delle mie cugine sono vistosamente incinte.
È un pezzo di storia essa stessa. Quando è nata c'era a malapena la corrente elettrica, e solo nelle case dei più ricchi, ed ora ha perfino imparato ad usare un cellulare.
Il bisnonno Nicola, invece, è morto già da tempo, prima ancora che io nascessi (ho 19 anni).
Ci siamo radunati tutti in un albergo ristorante sulla riva del Lago di Como. Siamo un centinaio all'incirca, tra mogli e mariti dei suoi discendenti.
Non sto a dettagliare io mio albero genealogico, perché sarebbe troppo. Con così tanti zii e cugini…
Io sono Marco, il primo nato tra i pronipoti e da sempre sono innamorato di mia cugina Sara. Anche lei ha 19 anni, ma è nata nove mesi dopo di me. Io sono nato a gennaio e lei ad ottobre. Siamo cugini perché è la figlia della sorella di mio padre.
Le nostre due famiglie si frequentano spesso. Abitiamo ad un centinaio di metri di distanza una dall'altra. Passiamo insieme le vacanze e le festività. A volte ci ritroviamo anche la domenica.
Fin da bambini passavamo il pomeriggio (dopo la scuola) a casa della nonna. Con lei ho visto la mia prima farfallina e lei ha visto il mio pisellino (avevamo sei anni). Abbiamo giocato "al dottore" ed "ai fidanzatini" fino ai dieci anni. Poi con l'adolescenza abbiamo smesso, ma l'affetto per lei è sempre rimasto lo stesso.
Comunque…
Alla tavolata, ci siamo messi seduti vicini. Era tanto tempo che non me la sentivo così vicino… Mi sembrava che la vecchia complicità fosse ritornata. Quando mi voltavo verso di lei mi sorrideva ogni volta. Avevo l'impressione che… Mah!
Mentre le servivo il pane che mi aveva chiesto, mi ha sfiorato la mano… e ho sentito letteralmente una scossa elettrica.
— Scusa — dicemmo contemporaneamente. E subito dopo ci mettemmo a ridere.
— È colpa del mio vestito… è sintetico, e questo vento non aiuta di certo — disse lei.
— Ma ti sta divinamente. Sei così affascinante…
— Ma dai, smettila…
— No. È vero. Ti trovo così seducente…
E lei arrossisce. Per un po' non parla, poi sento la sua mano che si appoggia sul mio braccio.
— Grazie. Davvero.
Ci guardiamo negli occhi.
— Ma figurati. Comunque è la verità.
E le do un bacio sulla guancia.
Il pranzo continua tranquillo, fino a quando la bisnonna si ritira per il pisolino pomeridiano. Dormirà per un paio d'ore.
Ci alziamo tutti da tavola, suddividendoci in piccoli gruppetti a chiacchierare del passato, del futuro, del lavoro…
Ci appartiamo che io e Sara. Ci mettiamo in giardino, seduti sul dondolo a chiacchierare del più e del meno.
All'improvviso Sara mi prende la mano e mi chiede di andare con lei. La seguo curioso. Nella hall dell'albergo mi mostra una tessera tipo bancomat.
— È la chiave di una camera… Ti va di venire con me?
Sono senza parole. Però mi riprendo subito.
— Certamente. Ovvio che vengo con te.
Saliamo in camera. La camera è piccola: un letto matrimoniale, un piccolo armadio con cassettiera e un bagno. Non che me ne importi un granché.
— Sara… cosa vuoi fare esattamente? — chiedo ansioso.
— Non è ovvio? — abbassandosi una spallina del vestito.
— Beh, io non mi tiro di certo indietro. Ma sei sicura che è quello che vuoi?
— Sì. Voglio che tu sia il mio primo uomo — abbassandosi l'altra spallina.
Il vestito le scivola giù dolcemente. Me la ritrovo davanti nuda, con solo gli slip addosso. Non porta il reggiseno e, nonostante la grossa taglia delle sue tette, ha un seno favoloso. Grosso e pieno.
— Caspita… Sara… nuda sei ancora più meravigliosa…
— Davvero? Ti piaccio così tanto?
— Lo sai che ho un debole per te… Te l'ho detto anche l'anno scorso al mare.
— Sì, è vero… Solo che l'anno scorso… il ragazzo con cui stavo era un cretino. Non è andata come speravo e l'ho mollato prima che iniziassi la scuola. Ora sono libera.
— Hai detto che vuoi che io sia il tuo primo uomo. Quindi non hai fatto sesso con lui?
— No, per fortuna. Ho capito che tipo era prima di compiere quel passo.
Mi avvicino a lei. Allungo una mano toccandole un capezzolo. L'eccitazione lo fa ergere immediatamente.
Sara inizia a slacciarmi la camicia, poi i jeans. I pantaloni cadono a terra assieme ai boxer. Li allontano con un calcio mentre mi tolgo la camicia.
Sara si inginocchia davanti a me e osserva il mio cazzo da vicino.
Sorride.
— È cresciuto parecchio dall'ultima volta che l'ho visto! — mi dice mentre inizia a massaggiarmelo.
Al comando, si impenna subito.
— Beh, sono anche passati tanti anni… Avevamo nove anni l'ultima volta che abbiamo giocato al dottore…
Sara me lo prende in bocca ed inizia a farmi un pompino. Cavoli se è brava! Ha una bocca deliziosa.
— Ah, sì… sì… dai non smettere… continua… sì… ah… ah…
Sara mi circonda le gambe con le sue braccia, arrivando ad accarezzarmi il culo. Sento le sue mani che giocano con il mio ano.
— Fermati Sara… sto per venire…
Ma lei non si ferma. Continua imperterrita fino a quando le vengo in bocca. Si ingoia tutto quanto.
— Ha un gustoso sapore il tuo seme, cuginetto…
— Ehi guarda che sono più grande di te. Di nove mesi! Sono io che dovrei chiamarti cuginetta!
— Già.
Si rialza e si siede sul letto, non prima di aver tolto gli slip.
— Ora tocca a te farmi venire…
Si sdraia, appoggiando i piedi sul bordo del letto e spalancando le ginocchia.
Mi inginocchio di fronte alla sua fica. È strana… perché non si è depilata completamente, ma ha tagliato i peli molto corti… un po' come noi ragazzi quando vogliamo fare i fighi e ci lasciano crescere la barba.
I peli sono morbidi al contatto con la mia lingua e non mi danno fastidio. Lecco tutto avidamente… succhio quelle sue labbra rugose… la apro per bene e cerco di infilarci la lingua più che posso. Mentre la lecco così, ci infilo dentro un dito, fino a toccare l'imene intatto. Succhio e mordicchio il clitoride, come fosse un piccolo cazzo. La sento vibrare…
— Ah, sì… sì… dai non smettere… continua… sì… ah… ah… — mi dice lei.
Poi, all'improvviso, chiude le gambe attorno alla mia testa e cerca di girarsi su un fianco, ma io la tengo ferma, supina.
Passata l'ondata dell'orgasmo, si rilassa e io lecco tutti i suoi sughetti che escono dalla sua fica.
Mi rialzo e mi sdraio accanto a lei.
— Wow… sei stato fantastico.
— Come lo sei stata tu prima. E ora?
Intanto le accarezzo dolcemente le tette.
— Abbiamo ancora tempo… continuiamo?
— Problemino! Non ho portato preservativi con me. Non pensavo di averne bisogno.
— Fa nulla. Io voglio andare avanti.
Ripresi ad esplorarla dappertutto, la mia lingua guizzava veloce ora a leccare il seno, ora il collo o il ventre. Le dita scivolarono sulla fessura e affondarono nella sua intimità. Sara gemeva sottovoce guidando la mia mano in un lento andirivieni, io la guardavo, ne ero innamorato, in quel attimo volevo solo darle piacere, sentirla godere era tutto.
La misi a cavalcioni sopra la mia pancia. Il mio cazzo sfiorava la sua fichetta, come a chiedere il permesso di entrare. L'attirai verso di me e presi a leccarle quelle sue grosse tette piene e turgide. I capezzoli erano come bottoni, duri e morbidi insieme. Riuscii a mettere in bocca mezzo seno, succhiandolo a lungo, schiacciando il capezzolo contro il palato, mungendolo. Con voracità passai da una tetta altra.
Mi spostai sopra di lei, le aprii le gambe e diressi il cazzo tra le grandi labbra. Era già bagnatissima, grondava di umori e sarebbe stato facile entrare in lei, lo posizionai all'ingresso della vagina e cominciai a spingere leggermente; aveva un po' di paura e disse: — Stai entrando, vero?
Non le risposi, limitandomi ad accarezzarle il viso con molta dolcezza, quindi spinsi il cazzo piano risalendo di un paio di centimetri, sentivo le pareti vaginali scorrere sul mio cazzo.
Sara faceva delle smorfie di dolore. È molto stretta. Ed il mio cazzo è ancora grosso per la sua giovane fichetta. Quando giunsi a contatto con l'imene mi fermai un secondo, poi con decisione, diedi un colpo di reni e affondai in lei. Sara urlò per il dolore, ma le tappai la bocca con un bacio. Rimasi fermo per quasi un minuto per darle il tempo di riprendersi, le diedi un altro dolce bacio sulle labbra e continuai a spingere. Era talmente stretta che faceva male anche a me. Però riuscii ad infilarle dentro tutti i miei 20 cm di cazzo.
L'avevo sverginata! Che goduria una fichetta vergine appena sfondata! È la seconda volta che mi capita…
Muovevo il cazzo dentro di lei e Sara aveva gli occhi chiusi e si mordicchiava le labbra mentre il mio movimento cominciava a essere più ampio e profondo. Il suo respiro, anzi i suoi sospiri erano pieni di piacere e di estasi, ogni volta che il mio cazzo sprofondava dentro di lei, era un sospiro di piacere, dalle sue labbra uscivano mormorii, suoni, che eccitavano ancora di più il mio desiderio, accarezzavo i suoi seni, e stringevo i suoi capezzoli leggermente fra le mie dita, il piacere aumentava.
— Sì, ti sento a fondo. … Ah … mi stai massaggiando l'utero!
Pian piano i suoi movimenti accelerarono, i suoi sospiri sempre più profondi… Un rumore strozzato e l’irrigidimento del suo corpo erano il segnale del suo primo orgasmo vaginale.
— Ah, Marco, sto volando…
La tenni stretta a me baciandola sul viso sul collo, accarezzandola, mentre la sua fica si contraeva a seguito delle ondate di piacere.
Ci baciammo con passione, la strinsi a me, istintivamente lei incrociò le gambe attorno alla mia schiena e mentre scivolavo dentro e fuori da lei, i suoi fianchi iniziarono dolcemente a roteare, afferrai i seni baciandoli affondando sempre di più, sentivo la sua fichetta avvolgere la mia verga, il calore dei suoi umori che colavano. La strinsi a me rovesciandola sul letto, seguiva i miei movimenti, le mie spinte la facevano gemere di piacere, affondavo con dolcezza in quella deliziosa fichetta stretta e morbida, il pelo soffice che le copriva le grandi labbra rosse dall’eccitazione e dal poco sangue che colava mischiato ai suoi umori. Era bellissima; mi lasciai andare alle sensazioni più belle della mia vita mentre la scopavo.
Continuava a sentire gli effetti del mio uccello che entrava e usciva con regolarità dentro di lei. Le piaceva e lo disse: — Lo sai che sto godendo molto? E' bello scopare, non l'avrei mai pensato, piace anche a te?
— Sì amore mio, mi piace tantissimo e tu sei bellissima
Mi girai di nuovo sopra di lei. Continuai a stantuffarla con un ritmo sempre più veloce, le infilavo tutto il mio uccello e lo ritiravo fuori per poi rimetterlo ancora dentro, mi stava facendo eccitare così tanto, da impazzire di piacere. Lei aveva le cosce aperte al massimo, io muovevo il bacino avanti e indietro, lei assecondava i miei colpi. Sentendo giungere l'orgasmo accelerai e accelerai sempre di più, stavo per venire. Era bellissimo.
— Oh sì, continua così, sfondami, ah, com'è bello farsi chiavare e tu lo stai facendo benissimo. Ti amo.
Quella frase contribuì a eccitarmi sempre più e sentii montare prepotente l'orgasmo.
— Anche io ti amo piccola mia, ancora un po', ci sono quasi.
Quando cercai di togliermi da lei, si allacciò di nuovo le gambe dietro la mia schiena, impedendomi di uscire.
— Oddio, ah sì, ecco così, vai più in fondo, sono pienissima di te, ti sento tutto, sì stai gemendo anche tu, godiamo assieme dai, ah ecco sto venendo, è… è bellissimo. Sì continua, non ti fermare. Dai, oh sì scopami, sì scopami.
Continuai a muovermi per un po' gustandomi gli ultimi spasmi che le provocavano brividi profondi, poi dal mio cazzo partirono gli schizzi di sperma che riempivano la sua vagina. Mi sdraiai su di lei, con il cazzo ancora dentro.
Lasciammo che i nostri respiri si calmassero. Poi uscii.
— È stata una pazzia impedirmi di uscire da te. E se ti metto incinta? A che punto del ciclo sei?
— Non lo so e non me ne frega niente… te l'ho detto. Dovevi essere tu il mio primo uomo. E i fatti mi hanno dato ragione. Sei fenomenale… ho goduto un casino!
Appena ci riprendemmo, ricominciammo. Continuai ad accarezzarla dolcemente e non smisi mai di baciarla ovunque. Quando le nostre labbra infine si staccarono, le coprii il viso di piccoli baci, le mordicchiai le orecchie, poi la sdraiai su un fianco, le strinsi la vita con le mani e la attirai a me, eccitato, e di nuovo ci baciammo a lungo. Le infilai dentro il mio cazzo. Ripresi a chiavarla di nuovo. Siamo entrambi molto eccitati. Abbiamo scopato per quattro volte e ogni volta le ho riempito la fica di sperma.
Poi abbiamo fatto una doccia e siamo usciti.
Siamo di fronte all'ascensore, quando vediamo i nostri rispettivi genitori (sua madre e mio padre, fratelli) entrare in una delle stanze.
Ci guardiamo e appena chiudono la porta corriamo ad origliare.
Non si capiscono tutte le frasi che dicono, solo qualche parola qua e là, ma sentiamo distintamente il letto che si muove.
— Tu lo sapevi? — mi chiede Sara.
— No! Non ne avevo idea…
Poi sorride. — Allora è un vizio di famiglia… Andiamo dai. Avremo tempo per indagare.
Scendiamo di sotto. Mano nella mano. La bisnonna sta ancora dormendo e ne approfittiamo per una breve passeggiata sul lungolago.
— Scherzi a parte… ma se ti metto davvero incinta?
— Che vuoi che sia! Me lo tengo, ovvio.
— Abbiamo 19 anni, non so se sono pronto a fare il genitore.
— Neanche io, se è per questo. Di certo non abortisco. Magari non capita…
— Me lo dirai, vero, se sarai incinta? Anche se ti viene il ciclo, me lo dici?
— In un modo o nell'altro lo saprai.
— E le cose tra di noi? Come proseguiranno?
— Spero con la stessa costanza di questo pomeriggio… Mi sono divertita parecchio con te e tu sei un sublime amante. Davvero coi fiocchi.
— Sembra che tu sia parecchio esperta. Anche se eri ancora vergine.
— Vergine sì, tonta no. Ho visto anche io qualche film porno, sai?
— Sono stati i miei maestri, infatti!
E ci mettemmo a ridere. Poi vedemmo i parenti rientrare nel ristorante. Sicuramente la bisnonna è ritornata in sala da pranzo.
Ci sediamo a tavola e continuiamo il pranzo. Ogni tanto la sua mano scivola sulla mia gamba, arrivando a toccarmi il cazzo. Per fortuna la lunga tovaglia copre la mia erezione. Ad un certo punto sento che Sara mi apre la zip dei pantaloni e mi accarezza dolcemente il cazzo.
Poi, non vista, scivola sotto al tavolo. Sento la sua bocca avvolgersi attorno al cazzo. Cerco di fare l'indifferente più che posso quando vengo ancora dentro la sua bocca, ma qualche rumore devo averlo fatto, perché quello seduto di fronte a me, si volta a guardarmi.
— Tutto bene? — mi chiede. È uno dei miei cugini più grandi.
— Sì, mi è andato di traverso un po' d'acqua… — cerco di giustificarmi come meglio posso.
— Ah… — e ritorna a chiacchierare con un altro dei cugini, ignorandomi.
Sara ritorna seduta al suo posto come se niente fosse.
— Sei pazza… — le sussurro all'orecchio — ci hai quasi fatto beccare da Davide.
— Ho sentito tutto. Ma ero troppo eccitata… non potevo evitare.
— Cerca di non farlo più. Se ci scoprono è un casino per entrambi.
— Va bene, d'accordo.
È stata di parola. Comunque il pranzo finisce poco dopo. Dopo aver fatto gli auguri di nuovo alla bisnonna, parecchi se ne vanno.
Restiamo solo in venti.
— Che ne dici di scoprire qualche cosa di più dei nostri genitori?
— Non oggi… troppa gente. E poi non sono così curioso. Lo sappiamo entrambi cosa hanno fatto in camera, dai!
— Sono curiosa, vorrei almeno sapere se è una cosa che dura da tempo o se è una scoperta recente.
— Lascia perdere, Sara. Mai stuzzicare il cane che dorme…
— Uffa! — dice mettendo il broncio.

A festa finita torniamo a casa. Il giorno dopo, finita la scuola, me la ritrovo davanti casa.
— Che fai qui? — chiedo.
— Volevo continuare quello che abbiamo iniziato ieri. Tanto lo so che sei a casa da solo.
— Dai, sbrigati, entra.
Ci dirigiamo in camera. E riprendiamo da ieri. Questa volta mi sono attrezzato con un paio di scatole di preservativi. Se ne va mezza prima dell'ora di cena, quando rientrano i miei.
— Ciao Sara. Che fai qui? — chiede mio padre.
— Avevo bisogno di un po' di ripetizioni… e Marco mi ha aiutata.
— Ti fermi a cena?
— Volentieri, avviso solo mamma che resto qua. Giusto per non farla stare in pensiero.
Mia madre è in cucina che prepara la cena e io, Sara e papà siamo in soggiorno.
Ad un certo punto Sara mi dà una leggera gomitata, come per avvertirmi.
— Scusa una cosa zio, ho come l'impressione che tu e la mia mamma siete molto uniti. Non è vero?
Papà si muove imbarazzato sulla poltrona, sbirciando in cucina.
— Sì, hai ragione, le voglio molto bene. Dopotutto è mia sorella.
— Già, hai ragione. Ma non è solo questo, vero?
Papà guarda nervosamente in cucina. Mi giro ad osservare, ma mia madre è concentrata a preparare e non fa minimamente caso a quello che succede qui.
— Cosa vuoi dire, Sara?
— Ti ho visto, ieri pomeriggio, insieme a lei.
— Sh! Abbassa la voce! Ehm… quando ci hai visto?
— Nelle camere. Ti ho visto mentre entravi assieme a lei.
— E tu che ci facevi lì?
— Ero appena uscita da una camera… dopo che ho scopato… che ho scopato con Marco.
Papà sbianca. Evidentemente non si aspettava una cosa del genere.
— Non dire più niente! Usciamo fuori! — sussurra — Madga? Io e i ragazzi usciamo un attimo in giardino!
— Non vi allontanate perché tra poco è pronto. Va bene? — risponde mamma dalla cucina.
Papà è stravolto. Appena fuori, davanti al garage, inveisce contro di noi.
— Avete fatto sesso? Voi due?
— Che c'è di strano papà! Sono un ragazzo e lei è una ragazza. Che c'è di male?
— Il punto è che lei è tua sorella…
Io e Sara ci guardiamo…
— Oh. Davvero, zio? Sono tua figlia?
— Sì. È successo la notte dopo che è nato Marco. Tua madre era venuta a farmi le congratulazioni, e da cosa nasce cosa, abbiamo iniziato a baciarci e siamo finiti a letto insieme. Non era una cosa prevista e ci siamo fatti prendere la mano. Avevo finito i preservativi e prima che mi rendessi conto di quello che facevo ero già venuto due volte dentro di lei. È rimasta subito incinta. E nove mesi dopo sei nata tu. Tra l'altro aveva provato molte volte a restare incinta con tuo padre, ma non è mai successo. Neanche dopo. Anche i tuoi fratelli sono figli miei. Non lo sa nessuno, né mia moglie, né tuo padre.
Sara si mette una mano sulla pancia e poi mi guarda.
— Sono in ovulazione. Ho guardato il calendario ed ho contato i giorni.
— A quanto pare la storia si ripete… Papà… ieri pomeriggio abbiamo fatto l'amore e anche io le sono venuto dentro, per quattro volte. Potrei averla messa incinta.
— Oh, mamma mia! Che casino!
— Non preoccuparti, papà. Io non dirò niente alla mamma. Sarà il nostro segreto, vero Sara?
— Sì, zio… papà… non so neanche come chiamarti! Comunque non dirò niente né alla zia, né a papà.
— Continua a chiamarmi zio. È meglio per tutti. Entriamo ora, mia moglie ci sta chiamando.

Con la scusa delle ripetizioni, Sara viene a casa mia tutti i pomeriggi. A scopare, naturalmente. Continuiamo ad usare i preservativi, anche se ormai sono convinto che Sara sia gravida.
Come volevasi dimostrare, due settimane dopo il ciclo è in ritardo. Sara ha appena fatto il test. Naturalmente è positivo…
Per festeggiare abbiamo scopato. Senza preservativo. Ormai è inutile.