i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Note:
Tutti conoscono la storia di Heidi (il cartone animato), ma quella che sto per raccontarvi è la "mia" storia riveduta.
Si sa già che sono cresciuta con una zia e che mi portò a vivere dal nonno quando ero solo una bambina.
Qualche anno la zia venne a riprendermi, perché vuole farmi lavorare come domestica presso una influente famiglia tedesca. Devo fare la cameriera alla figlia paralitica dei padroni.
Saliamo sul treno con direzione Francoforte, lontano dalla Svizzera, dalle montagne e dal nonno a cui ho imparato a voler bene.
La zia mi porta in una grande casa e mi lascia lì. La padrona di guarda, mi osserva, mi tocca dappertutto, anche dentro le mutande e mi dice che andrò bene.
Quello che la zia non mi disse era che dovevo mettere al mondo i figli del padrone. La padrona aveva una tara, secondo il dottore, che non le permetteva di avere dei figli sani.
Così mi presero in casa con loro. Di giorno facevo da cameriera e damigella di compagnia alla loro figlia. Mi insegnarono a leggere, a scrivere e far di conto.
Ma la notte la passavo nel letto col padrone.
Ero solo una verginella allora, in tutti i sensi, e non sapevo niente degli uomini. Devo dire che il padrone fu molto affettuoso, indulgente ed appassionato. E la padrona non mi trattò mai male, anzi.
Al padrone piacevano molto le ragazze giovani e per lui io rappresentavo il massimo della sensualità: un piccolo seno da cui spuntano due chiari capezzolini ed una passera non ancora infranta.
La prima volta che mi possedette, la stessa notte in cui arrivai in quella grande casa, lui mi fece molto male, ma già subito dopo fu molto piacevole. Quella notte si soddisfò diverse volte, spruzzandomi dentro il suo seme ogni volta.
L'eccitazione, il desiderio, l'appagamento divennero per me emozioni ben note. Quando poi mi sentivo invadere dal suo seme… era un'emozione ancora più grande.
Il padrone poi mi insegnò come dare piacere ad un uomo e come goderne io stessa.
Il padrone continuava a possedermi tutte le notti per più volte, fino a che la padrona notò che da quando mi ero trasferita da loro non avevo ancora sanguinato. Ma lui continuò lo stesso a passare le notti con me fino a quando fu certo che mi ebbe ingravidato.
Quando la notizia della mia gravidanza arrivò alla loro figlia Klara, lei fu molto contenta di avere un fratellino o una sorellina.
Da qualche tempo la mattina mi svegliavo con la nausea. A volte avevo appena il tempo di raggiungere il catino e vomitare. Vomitavo spesso la mattina, ultimamente.
Prima che fu passato un anno dal mio arrivo, partorii un maschio. La padrona me lo portò via, perché era il figlio del padrone e non mio.
Mi ammonì severamente di considerarmi la sua balia e non la sua madre, perché non avrei mai potuto tenerlo con me.
Il padrone mi tenne nel suo letto per molto tempo. E infatti l'anno dopo partorii di nuovo. Una femmina. E l'anno dopo ancora un maschio.
Dopo aver partorito per la quarta volta, venne a parlarmi la padrona.
— Il tuo compito è finito. Puoi tornare da tuo nonno, in montagna. Questi sono i soldi che ti serviranno per il treno più una ricompensa per il lavoro svolto. Domani il cocchiere ti porterà alla stazione con la carrozza. Ti darò due vestiti, una giacca pesante e delle scarpe.
Ringraziai e la signora se ne andò. Il giorno dopo salutai tutti quanti, presi il treno tornai a casa da mio nonno.

La ferrovia era arrivata anche al mio villaggio e quando scesi dal treno riconobbi anche due o tre persone. Chiesi se qualcuno poteva portarmi con un carro sulla montagna, ma solo uno mi portò per un pezzo di strada. Avrei dovuto continuare a piedi.
All'inizio del sentiero mi tolsi le scarpe, le calze, ed anche il vestito. Con solo la sottoveste addosso mi presentai alla casupola della madre di Peter. Lasciai un paio di pacchettini con dentro del cibo e poi salii dal nonno.
Prima ancora di arrivare sentii un cane abbaiare. Poteva essere solo Nebbia.
Mi abbassai, lasciandomi annusare.
— Nebbia! Come stai bel cagnone? — gli dissi mentre lo accarezzavo sul collo.
Il cane prese a leccarmi la faccia.
— Buono Nebbia!
Mi rialzai e andai verso la baita. I tre enormi pini c'erano ancora. Era rimasto tutto uguale.
Il nonno era seduto a riposarsi sulla panca, appena fuori dalla porta.
Gli corsi incontro e mi gettai sulle sue gambe.
— Ciao nonnino! Mi sei mancato tanto! — gli urlai abbracciandolo.
Il nonno non mi disse niente, ma piangeva dalla felicità.
— Non sei grande per girare in sottoveste? — mi disse dopo un po' che piangeva.
— Non importa nonno. Chi vuoi che mi veda. Non c'è nessuno.
Erano le stesse parole che mi aveva detto più lui dieci anni prima, quando ci siamo conosciuti la prima volta.
— Ma guardati! Che splendida donna che sei diventata! Chissà quanti spasimanti hai avuto in città!
Non riesco più a trattenere le lacrime e gli racconto tutto. Della casa, del padrone, e dei bambini che ho avuto.
Il nonno mi accarezzava la testa e le spalle mentre gli raccontavo quello che mi era accaduto.
— E così sei diventata una vera donna. Che peccato però per i bambini. Avrei voluto almeno vederli qualche volta… Però… sei vuoi avere ancora dei figli te li posso dare io… Oppure Peter. Sai, non si è ancora sposato.
— Oh, sì nonno… Ne voglio ancora tanti di bambini. Vivendo in quella grande casa, ho imparato come far godere un uomo.
Gli apro i pantaloni e comincio a massaggiargli il membro. Ci impiega un po' perché il nonno non è più giovane, ma il vigore che mi mostra è notevole. Molto più di quello del padrone.
Mi alzo in piedi e mi sollevo la sottoveste, mostrandogli la mia passera senza peli.
— Sai nonno. In città si usa così. Senti annusa un po'. È profumata.
Il nonno avvicina il viso e annusa sonoramente. Tira fuori la lingua e mi lecca un pochino.
— Sa' di fragole!
Prima che gli passi l'eccitazione mi siedo sul suo membro. Lo faccio entrare tutto dentro la mia passera. Prendo il bordo della sottoveste e me la levo. Mi mostro a lui completamente nuda, come facevo da bambina.
Mi muovo su e giù sul suo membro mentre lui mi afferra il seno ancora gonfio di latte. È da poco che ho partorito e non mi è ancora andato via del tutto.
— Se del latte esce, allora bisogna farlo rientrare in qualche modo — mi dice mentre mi sento invadere dal suo seme.
— Grazie nonno. Per tutto quello che mi hai dato quando ero solo una bambina. Ora che sono una donna e mi occuperò di te in ogni modo. Divideremo lo stesso letto e mi darai il tuo seme. Se vuoi mi sposerò con Peter. Sono sicura che mi accoglierà nel suo letto anche lui. Possiamo vivere qui tutti insieme. La casa di sua mamma è troppo piccola e piena di spifferi.
— Io sono ancora in forze e posso costruire una stanza per voi.
— Lo sento bene il tuo vigore, nonno.
Infatti ero ancora seduta sulle sue gambe con il suo durissimo membro ancora dentro di me. Il nonno si alza in piedi tenendomi infilzata, come dice lui, e mi porta dentro casa. Ci sdraiamo sul suo letto profumato di fieno appena tagliato, mettendomi sotto di lui.
— Sai ragazza… ho sempre desiderato farlo. E poi quella donna ti ha portato via da me, prima che potesse accadere. Ma ora sei mia e desidero solo riempirti la passera col mio seme in modo che tu possa darmi dei figli.
Il nonno ha più di sessant'anni, ma mi sconvolge con il suo vigore. È un martellamento incessante. Dentro e fuori, dentro e fuori, dentro e fuori. Si ferma un momento e mi fa mettere a quattro zampe. Lui si mette dietro di me e mi infila ancora il suo membro nella mia carne. Mi sento squassare dalla lussuria e da un godimento che non avevo mai raggiunto col padrone. Ed alla fine libera ancora il suo seme nella mia passera.
Crollo sul letto ed il nonno mi cade addosso, perché è ancora dentro di me.
Lentamente sento che scivola fuori, ormai di dimensioni più contenute.
— Oh, nonno… Che vigore che hai… Non ho mai goduto così tanto col padrone!
— Fammi un favore, amore di nonno. Non nominare più quella canaglia. Cancellalo dalla tua mente. Ora ci sono io.
— Oh nonnino… l'ho già dimenticato!
Dopo qualche ora sento i campanacci delle capre che tornano a valle.
Mi alzo e lascio il nonno che sta dormendo. Sulla porta aspetto che Peter rinchiuda le capre nella stalla e lascio che veda bene il mio corpo nudo.
— Ciao Peter. Mi riconosci? Ti ricordi di me?
Mi osserva con attenzione. Mi guarda i seni e poi si sofferma sulla mia passera. Osserva anche il seme del nonno che mi cola sulle gambe. Non mi sono pulita apposta. Voglio fargli capire che sono disponibile ad andare con qualsiasi uomo.
Il responso non tarda a farsi vedere. Si vede perfettamente gonfiarsi il cavallo dei pantaloni.
— Domattina vengo con te sugli alpeggi, Peter.
Si avvicina un poco e mi tocca il seno gonfio. I capezzoli cominciano a gocciolare. Con un dito raccoglie un po' di latte e se lo mette in bocca, assaporandolo a lungo.
— Va bene. Non farmi aspettare, però. Se vuoi vengo a trovarti dopo cena.
— No. Stasera no. Voglio stare un po' col nonno. E da tanto che non lo vedo…
— Beh, anche me se per questo — avvicinandosi ancora di più.
Mi passa un dito in mezzo alle gambe e annusa.
— Questo è il seme di un uomo… Ne riconosco l'odore — mi dice.
— Non preoccuparti — lo rassicuro. — Domani avrai lo stesso trattamento. Ora vai, che le capre stanno scappando.
Mi lascio osservare mentre Peter si avvia verso valle.
— Promettilo… lo stesso trattamento! — urla mentre è quasi scomparso dalla mia vista.
— Promesso!! A domattina!!
Ritorno dentro casa. Il nonno dorme ancora e allora preparo qualcosa per cena. Rimesto la zuppa, taglio il formaggio, verso il latte in due scodelle e quando è tutto pronto aggiungo due ciocchi di legna al fuoco e mi sdraio di nuovo accanto al nonno.
Lui dorme ancora, ma quando mi sente di nuovo al suo fianco mi abbraccia, premendomi contro il suo membro rinvigorito. Sollevo leggermente una gamba, lasciando che il suo membro scorra sul davanti della mia passera.
Sento il suo membro sussultare, eccitandomi. Con la mano lo aiuto ad entrare nel mio buchetto.
Va a finire che ci addormentiamo così tutti e due.
Mi sveglia il nonno a notte fonda. Si era alzato per mettere un po' di legna ancora. Quando si accorge che sono sveglia, si mette di profilo mostrandomi il suo membro eccitato ed eretto.
— Vieni, nonno. Vieni ancora dentro me.
Il nonno mi sale sopra e mi penetra ancora con lo stesso vigore del pomeriggio. Mi penetra a lungo, lasciando scorrere di nuovo il suo seme dentro di me.
— Sai nonno. Prima ho visto Peter ed ho lasciato che mi guardasse. Gli ho promesso che sarei andato con lui domattina. Non ti spiace, vero nonno? Non ti spiace che anche lui metta il suo seme dentro di me? Perché gliel'ho promesso.
— No, amore di nonno. Non mi dispiace. Lui è giovane e sarà un buon marito per te. È giusto che anche lui ti dia dei figli. Troveremo il modo di accomodarci, vedrai. Avrai tutti i figli che vorrai. Dal seme migliore. È così che si fanno dei figli forti! Il seme migliore vince.
Siamo entrambi stanchi e ci addormentiamo subito.
Il nonno mi sveglia quando il sole entra dalla finestra. La cena di ieri è ancora lì sul tavolo.
Mi alzo e vado fuori a fare la pipì e a lavarmi un poco. Con l'acqua che esce dall'abbeveratoio mi lavo via dalle gambe i residui del seme del nonno. Poi mi lavo la faccia e mi intreccio i capelli che poi faccio passare sopra la testa.
Rientro di corsa in casa e mi metto la sottoveste, perché ho sentito i campanacci delle capre che stanno arrivando.
Prendo le due fette di formaggio che ho tagliato ieri sera, mezza pagnotta, più un'altra forma di formaggio. Metto tutto nello zaino e mi metto ad aspettare fuori che arrivi Peter.
Il nonno ha già portato fuori le nostre capre e si stanno già avviando.
Peter e il nonno si guardano ed annuiscono entrambi. Ognuno ha dato il consenso all'altro.
— Portati il cane, Peter. Baderà lui alle capre mentre voi vi divertite.
Dopo mezz'ora siamo sui pascoli alti.
Peter stende una vecchia coperta sull'erba, si toglie gli scarponi e la maglia e si sdraia al sole.
Mi guardo attorno. Il panorama è sempre magnifico e l'estate inoltrata ha acceso le montagne di un tono smorto, spento. Tra un mese qui non ci si potrà più venire. Ci sarà solo nebbia e freddo. Anche il laghetto è sempre lo stesso.
Ritorno da Peter. Mi ha osservato per tutto il tempo e nei pantaloni si è già formato un bozzo.
Mi levo la sottoveste e mi mostro a lui completamente nuda. Mi inginocchio al suo fianco, gli slaccio il cordone dei pantaloni e glieli tolgo.
Il suo membro è già bello dritto, ma non completamente duro. Non è grosso come quello del nonno, ma poco gli manca. Lo prendo in mano e faccio su e giù per un po'. Ogni tanto lo lecco. Per fortuna ha avuto il buon senso di lavarsi e non ha un cattivo sapore.
Lui allunga le mani e mi tocca il seno. Sento il latte uscire dai capezzoli.
Dopo alcuni minuti, Peter mi spinge supina sulla coperta, lui si distende sopra, tenendomi le gambe divaricate al massimo. In quella posizione, prende il suo membro come l’elsa di una spada, punta la grossa cappella tra le labbra della mia passera, e comincia a spingere fino a penetrare interamente fino in fondo.
Appena sente il suo membro dentro di me, si allunga completamente sollevandomi le gambe spalancate sulle sue spalle. In quella posizione comincia a chiavarmi con una veemenza bestiale.
Il movimento fu subito spedito e penetrante.
Oscillava sopra di me in modo agile e veloce, facendo scivolare il suo membro dentro, con angolazioni che non avevo mai provato fino ad allora. Quel modo di chiavare era originale, perché provocava sensazioni incredibili e stimolava tutte le parti della mia passera.
— Oh! Sì! Mmm! Sei magnifico!
— Cavoli! Sei così eccitante! Assaggia il mio membro! Toh! Toh!
— Sì! Mmmm! Amo così tanto chiavare! Mmmm!
Sentivo le pareti della passera che si contorcevano come se qualcuno le stesse scuotendo con il fuoco.
Peter si muoveva rapidamente dentro di me, senza cedere un momento. Poi, ad un certo punto, mi afferra dai fianchi, imprime due possenti colpi con i reni, e si lascia andare liberando dentro di me il suo seme.
Appena finito, si alza per dare un'occhiata alle capre. Ritorna dopo una decina di minuti e si siede al mio fianco.
— E così chiavi anche col nonno, eh? — mi chiede subito.
— Già. Giù in città ho imparato come far godere un uomo e non mi importa che sia mio nonno. Io gli voglio bene, così come voglio bene a te.
Poi gli racconto tutto quello che è successo quando stavo in quella grande casa e quello che mi ha detto il nonno ieri sera.
— E ora che sono tornata — continuo — il nonno mi ha detto che mi può dare tutti i bambini che voglio e che sei vuoi, io e te possiamo sposarci. Ha detto che costruirà una stanza tutta per noi. Ma io non voglio che stia da solo. Lo voglio ancora il suo seme dentro di me.
— Già, anche mia mamma mi ha detto che faremmo bene a sposarci. Ha detto che, visto che sei tornata, non mi farà più chiavare con lei, che ora che avrò una donna tutta per me è giusto così. Mi faceva chiavare con lei solo per evitare che lo facessi con le capre.
— Devo dire che tua mamma ti ha insegnato bene…
— Tu sei più brava, però.
Sento la sua mano che mi strizza un seno e si china a succhiare il latte.
— È la prima volta che bevo il latte di una donna. Non è male, ma quello delle capre è più saporito — mi dice quando si stacca.
Il suo membro si alza di nuovo. Si sposta in mezzo alle mie gambe e mi penetra di nuovo a lungo, fino a liberarsi di nuovo dentro di me.
Fu una giornata di fuoco e chiavammo ripetutamente. Abbiamo lasciato i pascoli a pomeriggio inoltrato, stanchi ma non sazi.
Quando tornammo alla baita il nonno era lì ad aspettarci.
— Sai vecchio, — disse Peter — io me la prendo, la ragazza. Quest'autunno sarà il caso di scendere al villaggio ed ufficializzare il matrimonio. Adesso non posso assolutamente farlo, con le capre da portare su agli alpeggi. Ma… per me non ci sono problemi se te la chiavi ancora. Possiamo averla tutte e due. Mi ha raccontato tutto e sono d'accordo con te. Il seme migliore per dei figli più forti.
Il nonno annuisce e Peter se ne va.
Di giorno salivo ai pascoli alti con Peter e non facevamo altro che chiavare in continuazione e la notte la passavo nel letto assieme al nonno, che mi riempiva la passera col suo seme almeno due volte prima di addormentarci.
All'inizio dell'autunno notai che, da quando ero tornata, non avevo ancora sanguinato una volta. Era passato più di un mese, ormai.
Continuai ad aspettare, ma ormai sapevo che non sanguinare significava che ero di nuovo gravida.
Lo dissi al nonno. Era felice e gli luccicavano gli occhi dall'emozione. Anche Peter ne fu felice.
Quando i giorni divennero più freddi, io col nonno e Peter con sua madre, ci trasferimmo il villaggio.
Il nonno ci aveva fatto una sorpresa. Aveva sistemato la vecchia casa che possedeva e ci avremmo abitato tutti durante l'inverno.
Appena arrivati al villaggio, Peter si informò su quando fosse stato presente l'ufficiale che ci avrebbe sposato. Non sarebbe arrivato prima di altri due mesi.
Io e Peter avevamo una stanza tutta per noi e passavamo giornate intere a letto assieme. Anche se ero già incinta, mi piaceva e godevo molto chiavare con lui e col nonno.
La mia pancia intanto cresceva. La mamma di Peter era contenta che sarebbe diventata nonna anche lei e, visto che già mi voleva bene come ad una figlia, pretese che la chiamassi mamma.
La mamma di Peter recuperò dalla sua cassapanca dei vestitini che aveva tenuto da parte negli anni. Li lavò e rammendò i buchi, pronti da essere usati.
Io e Peter ci sposammo quando mancava una settimana a Natale e la mia pancia era già molto evidente. Tutto il villaggio assistette alla cerimonia e le comari già commentavano del fatto che sarebbe stato un maschio per come ero grossa. Ero molto più grossa delle mie quattro gravidanze precedenti. Un giorno passò a casa la levatrice e ci disse che mi avrebbe aiutato a partorire quando sarebbe stato il momento. La ringraziai della sua offerta.
Durante l'inverno nevicò molto e fummo costretti a stare chiusi in casa per molti giorni. Fu durante quei giorni che la mamma di Peter ci disse che anche lei era incinta perché passava le notti col nonno. Il suo bambino sarebbe nato poco prima dell'inverno prossimo.
Era ormai la fine di marzo quando l'inverno cominciò a cedere il passo alla primavera.
La mia pancia ora era grossissima, tanto che ormai non avevo dei più vestiti che mi andavano bene. Così presi l'abitudine di girare per casa solo con lo scialle addosso perché nemmeno la camicia da notte mi andava più bene.
Passò ancora la levatrice, quando seppe che ero esageratamente grossa. Mi tastò a lungo la pancia e ci disse che ero così grossa perché erano dei gemelli. Ci consigliò di non salire sulla montagna prima di partorire.
La notizia ci lasciò di stucco, ma enormemente felici.
Il nonno aveva già iniziato a costruire una culla, ma ora si dava da fare per farne un'altra. E la mamma cominciò a cucire nuovi vestitini e chiederne in prestito altri dalle donne del villaggio.
Ai primi giorni di maggio iniziarono i dolori del parto. Peter corse a chiamare la levatrice e tutto si svolse piuttosto rapidamente. Nel giro di mezza giornata avevo partorito senza troppi problemi due bambini: un maschio ed una femmina.
Chiamammo il maschio Joannes e la bambina Margareta. Joannes ha i capelli scuri e gli occhi verdi come i miei e Margareta è bionda con gli occhi chiari come Peter.
Io rimasi al villaggio coi bambini e la mamma. Il nonno invece era salito alla baita già da tempo e Peter saliva agli alpeggi e poi tornava la sera.
Ora anche la pancia della mamma si vedeva bene. Non mancavano le chiacchiere in paese perché tutti pensavano che avesse rubato il marito di qualcuna. Ma la mamma disse loro la verità, che il padre del suo bambino era mio nonno. E visto che erano entrambi vedovi nessuno ebbe più niente da dire.
I bambini crescevano bene e un paio di volte a settimana li lasciavo alla mamma e salivo alla baita del nonno.
Il nonno era sempre felice quando mi vedeva e non mancava mai di riempire la mia passera col suo seme almeno tre volte prima che io scendessi a valle. Ogni volta gli dicevo che la mamma stava bene e che i bambini crescevano.
Anche Peter mi riempiva la passera col suo seme diverse volte ogni notte e ben presto mi ritrovai di nuovo gravida. Secondo la levatrice il parto sarebbe avvenuto la prossima primavera.
Con l'approssimarsi dell'inverno, il nonno scese a valle.
La mamma partorì una bambina un mese prima di Natale. La chiamò Ingrid.
Come per l'inverno precedente il nonno e la mamma passavano le notti insieme e lui la ingravidò ancora. La famiglia si sarebbe allargata ancora. Ormai era chiaro che non saremmo mai saliti di nuovo sulla montagna. Così Peter, aiutato dal nonno, svuotò la vecchia casa di tutto il suo contenuto e lo portarono a valle.

Passarono gli anni.
Io e Peter abbiamo continuato a vivere al villaggio, assieme alla mamma.
Il nonno passava l'autunno e l'inverno con noi e non mancava mai di ingravidare la mamma fino a che non sanguinò più. Partorì cinque figli, tre maschi e due femmine.
La baita del nonno in montagna fu svuotata ed abbandonata. Non ha più le forze di un tempo.
Il nonno insegnò a Peter a lavorare il legno che divenne un abile artigiano.
Il maggiore dei miei figli prese il posto del padre nel portare le capre ai pascoli.
Per quanto riguarda me, invece, ho già partorito dodici figli. E per nessuno di essi so chi è il padre, se Peter o il nonno.
Ma la vita è ancora lunga ed il membro di mio nonno non è ancora avvizzito del tutto.