i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Note:
Chiedo scusa se le traduzioni in tedesco non sono corrette. Ho usato un vecchio traduttore multilingue in mio possesso. E quelle in inglese sono volutamente sbagliate.
Finalmente siamo arrivati dopo otto ore di volo. Seychelles, una delle destinazioni più gettonate per i viaggi di nozze.
Quello che è diventato mio marito, non è il mio amore con la A maiuscola. Diciamo che mi sono accontentata di aver trovato un uomo tutto sommato accettabile. C'entra il sesso naturalmente. Non è per il suo cazzo, che è a dire la verità e di dimensioni più che abbondanti, ma la frequenza. Diceva sempre che era oberato di lavoro, che non aveva tempo, che era stanco.
Quando stavamo insieme, cioè fino all'altro ieri, capitava di fare l'amore una o due volte al mese. E non ci metteva neanche un briciolo impegno… Una volta che lui veniva, era finita lì. E io rimanevo quasi sempre insoddisfatta. Gli facevo credere che avevo goduto quando cercava di farmi venire con le dita.
In realtà pensavo a tutt'altro, cosa fare dopo, il lavoro che dovevo fare il giorno successivo… insomma cose così.
Ma ora che ci siamo sposati conto sul fatto che la situazione migliori.
Sbrigate le formalità della registrazione e dell'assegnazione delle camere, un addetto ci accompagna alla nostra.
Era già pomeriggio inoltrato e dopo aver sistemato le valigie, con la piantina in mano mi misi sul terrazzino ad orientarmi in quel fantastico resort. Individuai subito le piscine, il ristorante e l'accesso alla spiaggia. Poi ci cambiammo ed andammo a cena. Mangiammo divinamente.
Dopo ci fermammo ad uno dei bar, dove cantava una donna dalla voce strepitosa, che poteva fare concorrenza persino a Celine Dion.
Tornammo in camera dopo mezzanotte, stanchi del lungo viaggio. Facemmo l'amore. Come al solito. Lui era venuto ed io no. Si rigira nel letto e si addormenta subito.
Vabbè è stanco del viaggio… e anche io, un po'. Molto poco, a dire la verità.
E con il suo seme dentro di me, giusto per dire che il matrimonio è stato consumato, mi giro anche io dall'altro lato e cerco di dormire.
La mattina dopo alle sette sono già sveglia. Lui ancora dorme. Mi alzo, mi lavo, e mi metto sul terrazzino ad aspettare che si svegli. Intanto prendo un po' di sole. Si sveglia alle dieci. L'ora della colazione è passato da tempo e non ci serviranno più. Ci tocca prendere qualcosa al bar e pagarlo.
Gironzoliamo per il resort. Andiamo alla spiaggia. È magnifica! Una lunga distesa di sabbia, a forma di spicchio di luna, ampia più o meno un paio di chilometri, intervallata qua e là da scogli che sorgono dal mare e arrivano fin sul limitare del palmeto.
Si avvicina il maestro diver, che ci invita a prendere lezioni di sub e a noleggiare delle canoe per esplorare la barriera corallina. Gli rispondiamo che ci penseremo.
A mezzogiorno ritorniamo al ristorante per il pranzo (avendo scelto la soluzione a pensione completa).
Dopo pranzo torniamo in camera. E cosa fa lui? Si mette a dormire! Neanche avesse fatto un turno in fonderia! Ma quanto può stancarsi un ragioniere, cazzo! Potrei capire se andassimo a letto a fare del buon e prolungato sesso! NO! Russa pure!
Non posso crederci che sarà per dieci giorni così!
Sempre più scoraggiata, vado di nuovo sul terrazzino, che è al riparo dal sole del pomeriggio tropicale. È piuttosto appartata la nostra camera, anche se da sul mare, e mi tolgo il top del costume. La brezza è piacevole da sentire sulla pelle.
Mi metto a leggere un libro sul mio e-reader. Non me ne separo mai.
Dopo più di un'ora che sono lì, mi accorgo che un uomo, da un terrazzino simile ma lontano una decina di metri, mi sta fissando. Non mi importa, che guardi pure!
Rientro un momento in camera a prendere una bottiglia d'acqua e poi ritorno sulla sedia. L'uomo è ancora lì. Faccio finta di niente e ritorno al mio libro.
Alle cinque mio marito si risveglia dal letargo. In tempo per fare… niente. Decidiamo lo stesso di scendere in spiaggia, anche se il sole è già basso sull'orizzonte.
Lui si sdraia subito su uno dei lettini.
— Io resto qua — mi dice. — Non ho voglia di camminare.
Manco fosse appena tornato dal lavoro! Si è appena alzato dopo aver dormito per tre ore!
— Va bene. Ti lascio la borsa. Passeggio un po' per la spiaggia, io.
Cammino sul bagnasciuga, dove la sabbia è sempre bagnata e non si fa fatica. Ogni tanto trovo dei pezzi di corallo, ma so che non si possono raccogliere.
Mi allontano di parecchio, arrivando ad un grosso scoglio levigato dal moto della marea. Ci giro intorno e nascosta dietro c'è una coppietta che sta scopando. Non voglio disturbare e torno indietro.
È già ora di cena e torniamo in camera a cambiarci.
Mentre lui è ancora in bagno entro io. Io sono nuda, lui è nudo, e… non succede niente! Un bel niente! Nemmeno una minima reazione.
Andiamo al ristorante e, come ieri, ci fermiamo allo stesso bar. Sul tardi, torniamo in camera. Mi metto a letto con solo gli slip, sperando che prenda l'iniziativa. E invece si addormenta subito.
Cazzo! Io voglio scopare!
Mi alzo e vado di nuovo sul terrazzino, così come sono. Resto lì un bel po', a luci spente, a prendere il fresco. Chissà se l'uomo di oggi mi sta guardando… Quando mi viene sonno vado a letto.
Faccio per avvicinarmi a mio marito, ma lui si scosta. Rassegnata, mi metto a dormire.
L'indomani mi sveglio presto ancora. Mi cambio e scendo a fare colazione. Questa volta non lo aspetto. Quando torno, lui dorme ancora.
Non è possibile! Ma quanto cazzo dorme!
Insomma è ancora come ieri. Si alza tardi, salta la colazione e dopo pranzo va di nuovo a dormire. A me non sta bene e glielo dico.
— Senti, io non voglio restare chiusa qua. Scendo in spiaggia. Tanto tu dormi e poi scendi anche tu quando ti alzi. Va bene?
Per lui va più che bene.
Allora io prendo il mio e-reader, il borsone da spiaggia, il grande cappello che mi sono comprata appositamente per questo viaggio e scendo in spiaggia.
Mi allontano dalla spiaggia attrezzata, e vado in un punto dove non c'è nessuno. Lontana da occhi indiscreti, stendo la salvietta all'ombra di una palma e mi sdraio. Quando inizio ad avere caldo, mi tolgo il costume, tutto, e mi butto in mare. Non mi allontano dalla riva, giusto l'altezza per stare seduta e restare immersa nell'acqua.
Dopo un po' esco, mi asciugo e mi rimetto il costume. Mi metto a leggere.
Poi all'improvviso…
— Ich sah dich auf der Strand, und ich folgte dir. Du bist eine schöne Frau. Ich sah dich, gestern.
Alzo lo sguardo. È l'uomo che ieri mi fissava dalla sua camera. È biondissimo, occhi azzurri, mascella squadrata. Un tipico tedesco nel fiore degli anni, al meglio della sua prestanza.
— Mi dispiace ma io non lo capisco il tedesco — cerco di scusarmi.
Allora prova in un inglese stentato.
— I see you. You are beautiful — aiutandosi con i gesti e facendo con le mani il profilo di una persona.
— Grazie. Thanks — rispondo inchinando leggermente la testa.
Anche io non sono meglio con l'inglese.
— Can I? — indicando la mia salvietta.
Annuisco e si siede accanto a me.
Lo guardo di nuovo. È sulla trentina, bello come Brad Pitt, ma con il fisico del pugile russo del film di Rocky.
Anche lui mi guarda.
— You are beautiful — mi ripete accarezzando i miei lunghi capelli.
Poi un suo dito segue il profilo del mio seno. Lo lascio fare. Mi guarda negli occhi.
È incredibile! Me ne sto qui seduta con uno sconosciuto che mi sta facendo una plateale proposta. E io lo lascio pure fare!
— You are beautiful — ripete ancora.
Fa uscire le mie bocce dal reggiseno.
— Großartige Brüste. Wunderbare!
Ma io non capisco niente, non lo so il tedesco!
— I'm sorry. I don't understand you.
Mi toglie il reggiseno.
— Much beautiful.
Mi prende in mano una tetta e comincia a massaggiarla delicatamente, si impossessa di un capezzolo e comincia a stringerlo tra le dita provocandomi fitte di piacere.
Si piega un poco su di me, infila una mano tra le mie cosce e arrivando senza esitazioni alla fica. Scosta leggermente lo slip e comincia un sapiente massaggio delle grandi e delle piccole labbra, con sensazioni mai provate prima.
Quando raggiunge il clitoride, lo prende tra il pollice e l’indice e comincia a massaggiarlo delicatamente, che si ingrossa fino a diventare una sorta di piccolo cazzo.
Ho un primo orgasmo, leggero, dolcissimo, che gli provoca un sorriso di gioia e di soddisfazione; abbandona il clitoride ed entra in vagina con due dita unite. Comincio a dimenarmi per il piacere: un secondo orgasmo mi coglie di sorpresa.
Per non essere passiva, gli accarezzo il cazzo sempre più duro e possente, intenzionata a portalo all’orgasmo; mi ferma. Mi fa sdraiare sulla salvietta, mi toglie lo slip e poi si toglie il suo.
Il suo cazzo è mostruoso. Sono sicuramente più di 20 cm e largo 5 almeno!
Molto, molto di più di mio marito.
Si piega verso di me e la sua lingua guizza veloce ora a leccare il seno, ora il collo o il ventre, fino ad insinuarsi all'interno delle cosce.
Sono in estasi, sento il suo respiro affannoso tra le tumide labbra, le sue mani sono dove più sento piacere. Spingo la sua testa sulle pieghe pregne di umori, si disseta dalla mia fica, leccando le preziose gocce che pian piano scendevano.
Poi le sue dita scivolano sulla fessura e affondano di nuovo nella mia intimità. Gemo sottovoce al ritmo del suo lento andirivieni.
Esplodo ancora in un fantasmagorico orgasmo.
Prende di nuovo in mano i miei seni. Lecca le mie grosse tette piene e turgide. Per l'eccitazione, i capezzoli sono come bottoni, duri e morbidi insieme. Prende in bocca il capezzolo, lo succhia a lungo, schiacciandolo contro il palato, mungendolo. Con voracità passai da una tetta altra.
Si sposta in mezzo alle mie gambe. Apre delicatamente, con un dito, le pieghe della fica e accosta lentamente la cappella, spinge un pochino e la mia vagina, ormai grondante, si spalanca e lo accoglie con spirali di piacere che mi travolgono il ventre; penetra dolcemente, per larga parte dell’asta; si abbassa su di me fino a coprirmi tutta col suo corpo e, con un’ultima forte spinta, entra fino alle palle.
Urlo, perché la punta mi ha urtato l’utero.
Lui si ferma, si ritrae un attimo, mi chiede scusa — Sorry. Is too much?
Gli sorrido. — No.
Comincia a chiavarmi delicatamente; mi prende per i fianchi e mi spinge ad alzare il bacino per facilitare la penetrazione; poi le sue mani scivolano lungo le mie natiche.
Prende a chiavarmi con metodo, lentamente ma con decisione; ed io sento i turbini del piacere che si accavallano e mi travolgono. Non so quante volte vengo; finché, dopo l’ennesima sborrata, lo supplico di venire.
Non so se capisce quello che gli dico.
Continua la sua violenta cavalcata: perdo il senso della realtà, sento solo che sto per esplodere in un violento e incomparabile orgasmo.
Esplodo come un vulcano in attesa da secoli, lo inondo con i miei umori e gli urlo addosso tutto il mio godimento.
— Kann ich in deinen Mutterleib kommen? — chiede lui tra una spinta e l'altra.
— Non capisco, non lo so il tedesco.
Lui continua a sbattermi con violenza il cazzo contro il mio utero, ormai insensibile. Alla fine esplode: è come un fiume in piena. Sento la sua sborra esplodermi dentro e scorrere nell’utero allagandomi tutte le pieghe della vagina.
Ecco cosa mi chiedeva. Mi chiedeva se poteva venirmi dentro.
Si abbatte su di me a corpo morto. Si rilassa lentamente mentre il suo cazzo perde pian piano vigore. Poi si toglie da me e mi si sdraia a fianco.
— Phantastisch! Wonderful! You are wonderful.
Mi sentii gratificata per la prima volta. Una grande scopata è davvero meravigliosa.
Mi bacia sulla bocca.
— Ich liebe dich. I love you. I'm Greger.
— Io mi chiamo Marta. I'm Marta.
Dopo un po', mi alzo e mi butto in mare. Mi segue.
— Können wir es wieder morgen machen? Can we do it again tomorrow? In my room?
Annuisco distratta.
Mi prende il mento tra il pollice e l'indice e mi gira verso di lui. Mi guarda negli occhi e mi bacia di nuovo. Un languido bacio, mentre con una mano mi accarezza la schiena e l'altra il seno.
Esce dal mare, si rimette il costume e se ne va.
Dopo una decina di minuti me ne vado anche io. Quando guardo l'orologio mi accorgo che sono passate più due ore.
Quella sera, quando feci l'amore con mio marito, non si accorse di nulla e come al solito io rimasi insoddisfatta.
Ma questa volta non me ne importava niente. Non dopo quello che avevo fatto nel pomeriggio…!
Il pomeriggio successivo mi incontrai ancora con Greger. Mi prese per mano e mi portò in camera sua. Scopammo ancora per ore e mi venne dentro diverse volte.
In un inglese traballante riusciamo a parlare. Viene da una piccola città della Baviera, ha una ragazza che è rimasta a casa, e che ha vinto la vacanza ad una specie di lotteria.
Passammo insieme ogni pomeriggio, fino alla fine della vacanza. L'ultimo giorno mi diede un biglietto.
— Ich hoffe, daß du in Zukunft an mich erinnern wirst. Ich überlasse dir meinen email. Kann mich so kontaktieren, wenn du wollen wirst.
Naturalmente non capii niente. Poi leggo il biglietto e vedo che è un indirizzo email.
— It's my email. If you have… If you need… Please, remember me.
Non finisce la frase ma credo di avere capito. Annuisco. Gli lascio la mia.

Grazie al viaggio di nozze ed a Greger ho capito che se voglio essere sessualmente soddisfatta devo trovarmi un amante.

Tre settimane dopo il giorno del mio matrimonio seppi di essere incinta. Di chi non so.