i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy webcam Chat  | ChoCam Mature webcam  |  Live18 |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Si chiude in camera e si butta subito sui compiti appena finita la cena. La versione del primo capitolo di Beowulf è a meno della metà, deve presentarla per domattina, ci si deve mettere proprio sotto. – Mi devo concentrare, altrimenti non ne cavo piede – Nora si riduce sempre all’ultimo in tutto ma nonostante questo e nonostante il minimo sforzo, riesce comunque ad essere la prima della classe.
Qualche ora più tardi la madre viene a salutarla prima di andare a letto.
“Nora, mi raccomando, non fare troppo tardi, hai bisogno di riposarti… ormai quello che è fatto è fatto, avresti dovuto pensarci prima” il tono non è di rimprovero, sa che comunque Nora riesce a gestirsi i suoi doveri scolastici.
Spente le tv e le luci, la casa cade in un silenzio ovattato; Nora prosegue la sua versione alla luce della lampada da tavolo. Ormai sente la stanchezza morderle i muscoli delle spalle, gli occhi sono affaticati e annebbiati. – Basta così, davvero inutile andare oltre… Spero di riuscire a svegliarmi presto domattina, mi manca poco, dovrei farcela – Nora chiude il libro e il quaderno e ripone tutto nello zaino, pronto per il giorno dopo.

Si spoglia veloce e indossa il pigiama. Si infila nel letto e accende la luce sul comodino. Prende in mano il libro che si trova di fianco alla radiosveglia: La morte della bellezza di Patroni Griffi. Ha lasciato il segnalibro su una scena particolarmente eccitante, letta purtroppo in un momento di distrazione quello stesso pomeriggio, mentre sua madre entrava ed usciva dalla sua stanza per sistemare della biancheria. Adesso ha modo di leggerlo con più calma e attenzione.
Gli occhi scorrono veloci e famelici fra le righe, la mente ingurgita ingorda le immagini che si animano in vivide e colorite scene. Tutto le si presenta davanti, come la scena di un film: segue gli eventi, i corpi che si denudano, si sfiorano, si toccano. Il respiro diventa pesante e profondo. Nora sente tirare i capezzoli, le fanno quasi male. Infila la mano libera sotto il pigiama e ne sfiora uno, sobbalza quasi come avesse preso la scossa, afferra delicatamente fra due dita il capezzolo, lo massaggia piano per lenire quella dolce sofferenza. Il suo massaggio non fa che aumentare la tensione che si propaga lenta e inesorabile al suo addome, scendendo fino al suo pube. Un formicolio persistente si impossessa del suo sesso. Gli occhi continuano a inseguire le parole, il suo corpo segue attentamente quelle descrizioni così reali. Nora stacca la mano dal suo seno, solleva l’elastico dei pantaloni in pile e ci si infila dentro. Accarezza il suo monte di Venere da sopra gli slip, si sposta verso l’inizio della sua fessura e il contatto la fa ansimare mentre ancora gli occhi restano incollati alla scena descritta. Le carezze si fanno più decise, più mirate, più pressanti. Uno sguardo rapido alla porta per sincerarsi sia chiusa e poi Nora riprende a leggere senza rendersi conto dell’espressione di lussuria e godimento impressa sul suo volto: gli occhi semichiusi, la bocca aperta e il respiro veloce e ansante. Le sue dita scostano lo slip per raggiungere le labbra, il contatto con la sua stessa pelle la fa trasalire, le sfugge incontrollato un leggero gemito gutturale. Gli occhi desistono, si chiudono arrendendosi al piacere. Il libro cade sul cuscino, la mano che lo reggeva corre su un capezzolo, Nora si distende sulla schiena. La mano sul suo sesso scova il clitoride, prende a stimolarlo con irruenza, con violenza quasi. Nora inarca la schiena, puntando la nuca nel cuscino, in preda a degli spasmi incontrollabili, continua a pungolare il suo punto di piacere quasi contro la sua stessa volontà, è troppo forte quel piacere eppure non riesce a tirarsi indietro, non riesce a fermarsi. D’improvviso l’orgasmo la investe, come un’onda di calore che si espande in un lungo attimo e si impossessa di tutto il suo corpo. La mano dal seno scappa veloce verso la bocca per bloccare un gemito, le dita sul clitoride premono e trattengono, irradiando nuove piccole onde come cerchi concentrici su un lago. Il suo corpo è teso e convulso, Nora non riesce a controllare i fremiti che la pervadono, quei fremiti che da dentro, dal profondo, arrivano fino alla sua pelle. La mano allenta la presa delle dita sul clitoride, il corpo si rilassa lentamente, il respiro si acquieta, sulla fronte di Nora i capelli sudati formano strani disegni. Gli occhi ancora chiusi, la testa gira e gira tutta la stanza.
Lentamente scivola da quello stato di estasi al sonno, la mano ancora abbandonata dentro lo slip.