i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante Capitolo or Storia
Indice
- Text Size +
Gaia e Luigi non sono la classica coppia cuckold, ma qualcosa di molto più spinto, con lei che di fatto è una giovane Mistress, e lui il suo aspirante slave. Il desiderio di Luigi di vederla con un altro uomo è molto forte, complice anche la totale incapacità a soddisfare la sua domina se non con la sottomissione. Gaia è ancora molto indecisa sul come compiere questo passo, non volendo iniziare col 'classico bull', ma con qualcosa non solo di diverso, ma anche di molto più perverso. Così si mette in contatto con me e decidiamo d'incontrarci nel mio appartamento di sabato pomeriggio Subito rimango non poco stupita nel vederli, Gaia è davvero una splendida ragazza, alta e bionda con tutte le forme al posto giusto, inoltre indossa un vestito molto semplice che però lasciava ben poco spazio alla fantasia, Luigi invece è il classico belloccio pieno di soldi, ma totalmente anonimo.
Dopo esserci presentati li faccio accomodare in salotto, e cominciamo a parlare delle loro esperienze come coppia Mistress-slave. Pur essendo poco tempo che stanno insieme, hanno già fatto notevoli passi nel percorso che porta un uomo a essere un perfetto schiavo.
Quel che però è più evidente, è la totale incapacità di Luigi di poter dare anche un minimo di piacere alla sua ragazza col suo pene.
"Vedi non solo ha un cazzetto quasi da ridere, ma dura anche qualche minuto." mi confida Gaia quasi vergognandosi al posto del suo ragazzo "Sai noi abbiano anche tentato più volte, ma dire che non provo nulla è forse anche riduttivo. Siamo anche stati da alcuni specialisti e provato diversi farmaci, ma è risultato tutto inutile"
"Ed è per questo che tu la vorresti vedere con un altro." chiedo al ragazzo che teneva gli occhi bassi.
"Non lo so, da un lato sono geloso, ma dall'altro è fin troppo evidente che non potrò mai darle ciò che per una donna è normale, cioè una bella scopata. E siccome so che prima o poi vorrà un rapporto 'normale' tanto vale che sia presente."
"E tu Gaia che mi dici ?"
"Guarda sinceramente io sono più propensa per il no. Scopare tanto per fare non è il mio genere, ma più che altro quando mi si presenta qualche bell'occasione non ha nessuna voglia di coinvolgerlo, insomma perchè dovrebbe vedermi con un altro ? Per me deve accontentarsi di quel che ha, insomma stiamo insieme nonostante la sua totale incapacità sessuale, gli permetto di farmi da schiavetto e l'inculo quando ne ho voglia, quindi perchè dargli di più ?”
"Per umiliarlo ancor di più, o se vuoi per fargli fare un'ulteriore passo verso la sua totale sottomissione. Uno come lui non dev'essere un semplice schiavetto, ma un vero e proprio servo a trecentosessanta gradi, pronto a tutto pur di soddisfare la sua padrona. Posso chiederti se hai mai avuto rapporti lesbo?”
“Si ma nulla di che, insomma le solite cose fatte tanto per provare.”
“E dimmi hai mai pensato a farlo con una trans vedendola come una donna ?"
La mia domanda spiazza completamente la ragazza, che rimane a lungo in silenzio, ma allo stesso tempo tradisce una certa curiosità nel voler provare qualcosa di nuovo.
"Effettivamente non sarebbero vere corna, giusto Luigi ?" chiede con malizia Gaia al suo ragazzo.
"Non saprei, ma quel che è certo è che non mi girerei dall'altra parte !" le risponde Luigi ancor più eccitato di lei.
"Intanto tu spogliati." ordino al ragazzo "Così vediamo se davvero sei inutile come dite."
Quando dopo essersi denudato, Luigi mi mostra il suo 'arsenale' e scoppio ridere colpendo subito a morte il suo orgoglio. Ma vedere un ragazzo grande e grosso, con un pisellino da bambino, non può lasciare certo seri.
"Ma ci riesci a farti una sega ?" gli chiedo per umiliarlo ulteriormente.
"Se è per quello non fa altro, anche perchè sborra subito. Sembra strano ma se si masturba dura anche meno che quando prova a scopare." mi fa eco ridacchiando Gaia.
“Scusa se te lo chiedo, ma come mai stai con uno sfigato del genere ?”
“Per i soldi è ovvio ! Inoltre a Luigi fa comodo farsi vedere con una bella ragazza che non lo sputtani per quel che è, mentre io posso tirar fuori la mia anima dominante sapendo che lui non aspetta altro. Se vuoi saremo anche una coppia fuori dai soliti schemi, ma ognuno serve all'altro e tanto ci basta per rimanere insieme.”
Faccio sedere il maschio mancato per poi ammanettargli i polsi dietro la schiena, facendo in modo che non possa alzarsi senza portarsi via la poltroncina.
"Lo sai che sei davvero bella." sussurro a Gaia sfiorandole il collo con le dita, dopo essermi sistemata vicino a lei.
"Anche tu lo sei." mi risponde cercando di nascondere un certo imbarazzo per le mie avance.
"Tu sei più giovane, e il tuo corpo è perfetto." continuo a dirle morsicandole amorevolmente un lobo "Una ragazza come te merita il meglio, e non uno sfigato incapace di scopare. Non ti devi vergognare di fare sesso davanti a lui, anzi se c'è qualcuno che deve vergognarsi è proprio il tuo ragazzo."
Come sento che si sta 'scaldando', le infilo una mano nel vestito per tirarle fuori un seno, scoprendo che i suoi capezzoli erano già turgidi.
"Sai quasi mi dispiace non essere un tuo amante, ti scoperei sino a sfinirti, lasciando che il cornuto ti guardi godere. Però stai tranquilla, ti porterò a picchi del piacere che non hai mai provato, poi ci scoperemo quel frocio senza cazzo."
Quando faccio scivolare la mano fra le sue cosce, Gaia mi spinge la bocca contro la sua, ed iniziamo a slinguarci a vicenda come due ragazzine.
"Sai che quando abbiamo provato a scopare, si lamentava che sono troppo selvaggia ?" mi confida lei fra un bacio e l'altro.
"Che razza d'ingrato ! Invece d'esser felice che almeno ci provi nonostante sia uno sfigato ! Ma dimmi glielo hai già messo nel culo ?" le domando curiosissima.
"Ma certo ! Con un gran bel dildo ! E dovevi vedere come godeva, proprio come un perfetto frocio, di quelli che vengono senza neanche toccarsi l'uccello."
A quel punto ci alziamo per spogliarci a vicenda, rimanendo presto nude, davanti agli sguardi sempre più arrapati di Luigi.
"Stronzo guarda come mi faccio la tua ragazza !" dico al minidotato in chiara 'erezione' "Tanto con quel cazzetto ridicolo che hai fra le gambe non è che puoi scopare come un vero maschio."
"Siete solo due zoccole !" mi risponde Luigi cercando di fare l'uomo, ottenendo solo uno sputo in faccia.
A quel punto faccio sdraiare Gaia sul divano, per poi mettermi sopra di lei per poterla baciare a lungo, ma il solo sentire la sua passera bagnata contro il mio pene mi eccita oltremodo. Mentre lei insulta senza sosta il suo ragazzo per la sua virilità quasi nulla, io scendo con la lingua, dalla sua bocca sino all'interno cosce.
Non appena prendo fra le labbra il suo clito, Gaia inizia ad urlare per il piacere, stringendo allo stesso tempo le gambe tanto che quasi mi soffoca.
"Oh si mangiamela tutta !" grida lei "Quell'impotente va bene solo per leccarmi i piedi o il culo, ma quando deve passare alla fica è un perfetto incapace."
Per farla godere ancor di più, le infilo due dita dentro che poi ruoto in continuazione, mentre le succhio sempre più forte il clito.
"Mm mi fai godere già più di quell'incapace e senza usare il cazzo, dai continua così...."
Un terzo dito raggiunge le altre già dentro la sua passera, poi risalgo con la lingua sul suo corpo, sino a ritrovare la bocca.
"Certo che scopo meglio di lui, io almeno le so usare le dita !"
La ragazza viene tanto violentemente, che schizza il suo piacere neanche fosse un uomo, e subito dopo è lei a scivolare in basso per ritrovarsi il mio sesso davanti alla bocca.
Nonostante sia 'vergine' in quanto a rapporti non convenzionali, Gaia non impiega molto a capire come farmi godere, soprattutto accarezzandomi le chiappe mentre mi spompina da vera maestra, e forse il solo vedere Luigi sborrarsi addosso come un pivello, mi eccita tanto rischio di avere subito un orgasmo.
Quasi senza accorgermene, mi ritrovo seduta al fianco di lei, per parlare delle loro esperienze, come se fosse la cosa più naturale al mondo.
"Quindi glielo hai già messo nel culo ?" le chiedo nuovamente con una certa curiosità.
"Sì, sai com'è volevo essere la prima. All'inizio pensavo d'usare uno strap-on, ma poi ho preferito un bel dildo realistico, di quelli che superano i venti centimetri..."
"E quanto ha goduto il porco ?"
"Tantissimo, all'inizio si lamentava per il dolore, ma dopo sborrava in continuazione gemendo come una puttanella."
"Che dici, lo scopiamo tutte e due ?"
"Ma certo che si ! Scommetto che hai anche un bello strap-on per insegnarmi ad usarlo come si deve."
"Per quello ne ho diversi, ti sembrerà strano, ma a volte vengono delle donne che vogliono essere anche attive." le rispondo mentre mi alzo per liberare Luigi dalle manette "Tu in ginocchio davanti al divano !" gli ordino non appena ebbe le mani libere "Inoltre c'è stato un porco che mi diceva sempre che non gli bastavo, così invitavo delle donne che l'inculavano insieme a me. Gaia credimi alla fine non sapevo più neanch'io come fargli il culo tanto era diventato frocio ! E non è che sia una persona priva di fantasia !" concludo ridacchiando.
Mi avvicino al sedere di Luigi dopo aver preso del gel lubrificante, e con la sua ragazza gliene mettiamo tanto dentro il buchetto da fargli quasi un mezzo clistere. Poi con noncuranza gli infiliamo un dito a testa nell'ano, riprendendoci a baciare con sempre più voglia.
Il porcello ormai geme senza sosta, e gode ancor di più quando le dita furono sostituite da due piccoli vibratori. Mentre Gaia lo scopa in maniera classica col siluro in miniatura, io col mio giro introno al suo, dilatando al massimo lo sfintere del frocetto.
"Che dici è pronto per fotterlo ?" le chiedo dando due piccole pacche sulle chiappe del ragazzo.
"Si si ! Se vuoi puoi scoparlo per prima, tanto io l'ho già fatto."
"Grazie " le rispondo prendendo uno strap-on da farle indossare.
Non appena il suo culo è davanti al mio cazzo, sodomizzo brutalmente Luigi, infilandoglielo tutto nel culo con un solo affondo.
"Vedi amica mia, per scopare un frocio in fondo ci vuole ben poco, inizi buttandogli dentro tutta la mazza, poi gli dai qualche secondo per abituarsi, ed infine la butti fuori per rimettergliela dentro come prima. Dopo un po' di questo trattamento il maschio mancato inizia a gemere come una cagna in calore, insomma diventa una troia a tutti gli effetti, disposta a tutto pur di soddisfare le sue voglie da puttana. A questo punto l'afferri come meglio credi, io preferisco per i capelli, e lo scopi a perdifiato, immaginando magari di fare sesso con un vero maschio e non con una checca !"
"Wow ma sei bravissima ! Io non sarei mai arrivata a tanto neanche usando tutta la mia fantasia !"
"E' solo una questione d'esperienza, ora vieni qui e scopati questa puttana."
Gaia prende il mio posto per ripetere quanto avevo appena fatto al suo ragazzo, replicando ogni mio gesto, e aggiungendo solo una massiccia dose d'insulti. Il vedere in azione quella così giovane dominante, fa nascere in me la voglia di possederla, così le poggio una mano sul suo bel sedere per eccitarla ancor di più.
"Sai una delle cose che preferivo." le dissi parlando quasi sottovoce "Era farmi scopare da un gran bel stallone, mentre fottevo quel porco di cui ti dicevo. Forse era il vedere come potevano essere così diversi due uomini, uno un toro da monta, e l'altro un frocio buono solo a farsi inculare mentre gli scopavano l'amante."
"In effetti un po' di voglia di cazzo vero è venuta anche a me." mi confessa lei quasi vergognandosene.
"Se vuoi provvedo io ..."
Lei si tira un po' su lo strap-on in modo da liberare la passera, e non mi rimane che penetrarla, facendola gemere già al primo affondo.
“Sii hai ragione, è bellissimo farsi scopare mentre si fotte un frocio ! Devo proprio trovarmi uno stallone, magari di colore visto che questo mezz'uomo è anche un po' razzista, per farmi qualche scopata come si deve.”
“E non hai paura che poi questo finocchio ti rubi i cazzi ?”
“Questo è più che sicuro. Sai che il frocione andava a succhiare le mazze dei ragazzini in un cinema porno ? Credo che un giorno ne chiamerò un paio perchè lo schiavizzino come merita un essere simile, sbattendolo come una troia sfondata.”
Più io la scopo e più lei infierisce sul quel ragazzo, arrivando anche a picchiarlo con una certa forza.
“Perchè ho perso tutto questo tempo con uno come te.” urla la ragazza dando all'aspirante cornuto due schiaffi sul culo “D'ora in poi niente più pietà o compassione, la fica potrai solo guardarmela e quando lo vorrò io. Per il resto mi vedrai scopare con chi voglio e come più mi piace, e solo se ti comporterai bene alla fine ti farò leccare un po' di sborra di maschio. Poi diventerai una vera troia da cazzi, ti porterò a battere in modo che il tuo culo merdoso serva a qualcosa, e non solo a farti godere puttana che non sei altro !”
Gaia ha un orgasmo talmente violento, che mi ci vuole tutta la mia forza per non ritrovarmi disarcionata da lei, tanto forti furono i sussulti provocati dal piacere.
“Ora succhiami il cazzo sino a farmi venire.” ordino a Luigi mettendomi davanti a lui “E guai a te se fai godere anche solo una goccia di sborra.”
Scoparlo in bocca è molto eccitante, ma lo diventa ancor di più quando Gaia si mette dietro di me e riprende ad accarezzarmi le chiappe, sino a farmi un mezzo ditalino infilandomi un dito nel culo.
“Dai riempi di sborra la gola di questa mezza sega, che ho ancora voglia di te.” mi mormora Gaia all'orecchio facendomi capire che per lei non è certo finita.
Poco prima d'avere l'orgasmo blocco la testa di Luigi contro il mio ventre e gli vengo in bocca, mentre la sua nuova padrona lo insulta senza sosta.
Non paga di quello che gli abbiamo fatto, prendo Luigi per i capelli e lo porto nel ripostiglio, dove gli lego le mani dietro la schiena.
“Bravo il mio maschione !” esclama Gaia “Adesso tu rimani qui mentre io e la mia amica facciamo un po' di sesso. Cosa faremo usciti di qui non te lo so dire, a parte che io godrò mentre tu subirai solo umiliazioni, e dovrai considerarti fortunato se ti farò assistere alle mie scopate o se t'inculerò senza pietà, ma del resto sei un buono a nulla, non è vero ?”
“Si Gaia.” risponde lui molto timidamente.
“Si Padrona !” lo corregge la giovane Mistress dandogli uno schiaffo in piena faccia.
“Dai andiamo di la, per occuparsi di lui c'è sempre tempo, ora ho solo voglia di godere con te.”
Prendo Gaia per mano per portarla in camera, dove passiamo il resto della giornata a donarci reciproco piacere, e pensare al loro futuro come coppia cuckold fin troppo estrema, ma del resto con un mezzo uomo del genere, non è che ci siano tante alternative.

Invito tutti a visitare il mio piccolo blog
http://serenathemiss.wordpress.com/