i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
- Non abbiamo molto tempo –
Lo dico ansioso ad Annalisa, l’impiegata della contabilità che è venuta nel mio ufficio per farmi vedere un fascicolo. Glielo dico dopo che per un paio di minuti mi sono riempito le mani, gli occhi e anche la bocca delle sue favolose tette racchiuse in una camicetta di seta color panna che quasi le ho strappato di dosso.
Era entrata con fare sussiegoso, algida nella sua tenuta da perfetta impiegata: occhiali grandi, capelli racchiusi in una coda lunga e morbida, gonna appena sopra il ginocchio.
- Dottore? Sono qui con la pratica che mi ha chiesto –
Parole ad uso e consumo della mia segretaria che l’ha guardata con ostilità, l’ostilità di chi la vede come una rivale. Ne ha ben ragione, perché oltre che con lei, amante abituale da più di un anno, è circa un mese che scopo con Annalisa. Vorrei vedere voi come resistere ad una venticinquenne che non fa nulla per essere provocante ma lo è appunto per questo, con la sua aria da educanda, con le labbra tumide evidenziate da un sapiente uso del rossetto che ti fanno pensare ad un solo uso possibile di esse.
Ho detto alla segretaria di non disturbare per una ventina di minuti e lei, efficiente come sempre, ha annuito pur continuando a lanciare occhiate di fuoco ad Annalisa.
E’ bella anche la mia segretaria, trentacinque anni portati benissimo, curata fin nei minimi particolari nel corpo e nell’abbigliamento, ma Annalisa è un’altra cosa.
Come si è avvicinata alla scrivania poggiando il faldone davanti a me, in piedi al mio fianco, le ho subito messo una mano sulla coscia, all’interno, salendo sotto la gonna. La sua pelle calda, liscia come seta, ha esasperato la mia erezione malamente costretta nei pantaloni..
Lei ha continuato a parlare a bassa voce come se non stesse accadendo nulla. E’ questo suo modo di fare che mi fa impazzire. Perfetta, distaccata, professionale e poi, l’istante dopo, appassionata e calda come poche. Anche ora la sua recita continua il tempo necessario a raggiungere la sua intimità, a intrufolare le dita sotto le mutandine e sentire il calore della sua micina, a stuzzicare il bottoncino appena sotto il vertice di un triangolo perfettamente scolpito di peli corti. No, non vedo con le dita, ho avuto ampio modo di vedere dal vivo il suo nido d’amore.
Appena le sfioro il clitoride smette di parlare, sospira, stringe le cosce sul mio braccio imprigionandomelo. Continuo a stimolarla e tento di entrare con un dito nella sua intimità sentendo il primo accenno di un’umidità eccitata ed eccitante.
Si scosta di un passo e perdo il contatto ma è solo per pochi istanti, il tempo per lei di slacciare due bottoni della camicetta e mostrare un reggiseno in pizzo da cui fa uscire il seno porgendomelo invitante. Mi ci fiondo con le mani, lo impasto, titillo i capezzoli e poi la tiro a me per succhiarglieli.
Sospira ancora, le piace quando le lecco i capezzoli, però il tempo è tiranno, la segretaria può bussare in qualsiasi momento per un qualsiasi motivo. E’ eccitante anche questo rischio che corriamo, rischio relativo ma presente.
Mi sbrigo a slacciarmi la cintura e liberare il mio uccello che si erge voglioso verso di lei, e li si lecca le labbra guardandolo prima di inginocchiarsi sulla moquette e prenderlo in bocca.
E’ una sensazione sublime quella che mi dà, ogni volta la sua lingua pare essere in grado di raggiungere punti mai toccati prima, il calore della sua bocca è infernale. So che se volesse potrebbe farmi godere in pochi minuti ma anche lei vuole la sua parte. Si toglie rialzandosi e lasciando tracce di rossetto sull’asta, con occhi libidinosi mi guarda, mi invita chinandosi sulla scrivania e facendo scorrere la gonna in su fino ai fianchi.
Indossa un tanga striminzito che mi sbrigo a scostare per affondare da dietro la lingua nel suo luogo segreto. Mi agevola allargando le cosce più che può e i suoi due buchini sono a mia disposizione: li lecco, li tento con un dito intriso nella mia saliva e nei suoi umori ora evidenti. Maledetta fretta che mi impone di alzarmi in piedi, mettermi dietro di lei e affondare lì dove poco prima avevo le dita.
Le entrò nella micina scivolando come un coltello nel burro. Ancora calore, i suoi muscoli interni che mi stringono. Geme piano, è importante non farsi sentire e anche io stringo i denti per non mugolare come un caprone eccitato mentre la monto con forza tirandole la coda fino a farle rovesciare la testa.
Mi piace troppo la sua espressione: occhi chiusi, labbra semiaperte, la punta della lingua che scivola da destra a sinistra bagnandole, il suo respiro che si fa affannoso. Mi sporgo per baciarla, le affondo la lingua nella bocca e subito la sua mi si fa incontro, lotta con la mia, ricambia l’invasione, e io la scopo con più forza aggrappato ora alle anche, fantino lanciato sulla sua cavalla nella dirittura di arrivo.
Ancora pochi colpi, un altro, un altro ancora
- Annalisa ci sono, sto arrivando –
Come una biscia si contorce facendomi uscire, si volta e si inginocchia sostituendo la sua bocca alla sua vagina. Stesso calore, stessa umidità, in più una lingua impazzita che scorre sull’asta tesa allo spasimo.
Cedo nel momento in cui mantiene in bocca solo la cappella, succhiando come un’idrovora, la mano che scorre dove prima erano le labbra.
Uno, due, tanti schizzi di seme sgorgano dal mio uccello trovando rifugio nella sua gola.
Senza scomporsi ingoia ciò che le dono man mano che schizzo fino a quando non ho più nulla da darle e le resta solo il compito di ripulire l’asta, di donarmi ancora stille di piacere.
Mi chiudo i pantaloni, allaccio la cintura e mi siedo nuovamente. Sento bussare:
- Dottore, le ricordo il suo appuntamento col responsabile marketing, mancano dieci minuti –
La mia segretaria entra l’istante dopo che Annalisa ha finito di tirarsi giù la gonna e riabbottonare la camicetta.
Il fiato ancora corto le dico:
- Va bene signorina. Faccia le correzioni che le ho detto e mi riporti il fascicolo dopo pranzo per un riesame –
- Certo Dottore, sarà un piacere –
Lo dice con tono neutro eppure carico di promesse che non so se la mia segretaria coglie mentre la guarda uscire, l’ondeggiare del suo culetto nella gonna ora stropicciata.
E’ tempo di tornare al lavoro.