i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy webcam Chat  | ChoCam Mature webcam  |  Live18 |

[ - ] Stampante Capitolo or Storia
Indice
- Text Size +
Sono Marco un imprenditore del produttivo nord est, 50enne, alto un metro e ottanta per 90 kg di peso, un fisico non propriamente atletico, leggermente brizzolato, giovanile e solare, sposato da trentanni con figli grandi.
Ad un certo punto della mia vito ho deciso di crearmi una vita parallela per dare sfogo alle mie fantasie.
Per prima cosa ho cercato, e anche se con fatica sono riuscito a trovare una casa come volevo io adatta allo scopo.
Si tratta di una ex casa colonica restaurata formata da tre edifici posizionati a ferro di cavallo, quindi molto grande e sopratutto molto isolata. Infatti è circondata da 20.000 metri di terreno con molti alberi e il tutto recintato da un alto muro di pietra.
Dopo aver fatto eseguire una serie di lavori, relativi alla sicurezza con installazione di molte telecamere ad alta definizione in tutta la proprietà e alcune nell’edificio che una volta era il fienile, che vi spiegherò nel corso del racconto, ero quasi pronto.
Per gestire una casa del genere avevo bisogno di personale di servizio per cui ho messo alcune inserzioni su alcuni siti, giornali e riviste.
Ho ricevuto molte mail di richiesta di colloquio. Di queste una in particolare mi forniva quello che cercavo in una sola soluzione. Madre e figlia che si proponevano come cameriere. Ho organizzato il colloquio in un albergo di Verona.
Quando apro la porta e le faccio, mi trovo davanti a una bella donna di circa 45 anni capelli biondi mossi fino alle spalle leggermente formosa e una ragazza di circa 23 anni capelli mori lisci e lunghi fino a mezza schiena.
Vado loro incontro presentandomi e le faccio accomodare sul divanetto. Entrambe sono vestite in modo sobrio. Mi raccontano le loro precedenti occupazioni.
Faccio loro alcune domande sulla loro vita privata e scopro che il marito è morto da poco in un incidente stradale e che si sono ritrovate loro due più un altro figlio 18 enne.
Sto già pensando che non accetteranno la mia proposta, ma decido di fargliela ugualmente.
Dico loro che sto cercando del personale per la via villa. Preciso chiaramente che cerco persone molto disinibite e che accettando la mia proposta di lavoro lautamente remunerativa non potranno più tornare indietro se non al termine del contratto. Nel lavoro è compreso vitto e alloggio visto che dovranno vivere nella villa. A quel punto la madre mi dice che non può lasciar solo il figlio. Ci penso un attimo e propongo loro di assumere tutti e tre, alle stesse condizioni, ma che volevo incontrare anche il figlio prima di stipulare il contratto.
Le due mi sembrano un pò dubbiose.
Propongo loro di pensarci sopra e discuterne tra loro anche con figlio e di rivederci il giorno seguente alla stessa ora.
Ci lasciamo con questo impegno, se non si presenteranno ……..
Il giorno dopo con dieci minuti di ritardo sull’appuntamento bussano alla porta. Vado ad aprire e mi trovo davanti a madre e figlia che hanno smesso i panni sobri di ieri per un abbigliamento più sexy, calze a rete, gonna sopra il ginocchio e camicetta sbottonata tanto da far notare i loro seni.
Dietro di loro, un giovane ragazzo alto circa 1,75 con i capelli corti sempre biondo.
Dopo averli fatti accomodare, la madre, Roberta, prende la parola e mi dice che loro avrebbero intenzione di accettare sempre che l’offerta sia ancora valida.
“L’offerta è ancora valida, ma voglio vedere la merce che sto per acquistare” dico loro e prendo per la mano Roberta e la porto al centro della stanza e la invito a spogliarsi.
Si toglie la camicetta mostrando un seno importante un 4 misura dentro un bel reggiseno a balconcino nero, si sfila la gonna mostrando i collant a rete che subito toglie. Slaccia il reggiseno facendo uscire il seno che dimostra essere abbastanza sodo. Per ultime si toglie le mutandine rilevando un bosco di peli che copre il suo pube. Fa un giro su se stessa per mostrarsi meglio. Non è magra e non è grassa, una via di mezzo con un pò di pancetta. Il culo abbondante al punto giusto.
Mi avvicino e le sfioro i seni.I capezzoli reagiscono immediatamente diventando duri. Vado a tastare la sua fica che trovo bagnata.
“Brava Roberta, vedo che la situazione ti eccita”
“Ora vediamo tua figlia”
Serenella, così si chiama la figlia si porta al centro della stanza scambiando il posto con la madre.
Si spoglia più velocemente della madre rilevando un corpo tonico con due tette 3 misura e un culo sodo. Anche lei presenta un’importante presenza di peli a coprire la fica. I capezzoli sono durissimi. Le sfioro la schiena fino alle natiche provocandole dei brividi. Quando la mano arriva alla sua fica la trova un lago.
“Bene!!! Roberta mi sembra che tua figlia sia ancora più eccitata di te!”
“Ok Serenella lascia il posto a tuo fratello”
“Marco vieni, tocca a te” gli dice.
Il ragazzo evidentemente in imbarazzo, con la testa bassa si porta al centro della stanza , ma non riesce ad iniziare.
“Roberta vieni ad aiutare tuo figlio” le dico
Lei arriva e comincia ad armeggiare con la cintura dei pantaloni e in un sol colpo gli abassa pantaloni e mutande mettendo in mostra il suo cazzo completamente duro. Poi gli toglie velocemente anche la camicia lasciandolo nudo. Il ragazzo ha un bel fisico normale non eccessivamente palestrato ma nemmeno molliccio, ha pochi peli. Il cazzo di circa 22 cm è ben proporzionato circondato da un ciuffo di peli biondi. Il culo sodo e alto è molto invitante. Mi avvicino e gli afferro il cazzo con la mano, glielo massaggio un pò. Lo sento pulsare, quindi nonostante la timidezza è eccitato dalla situazione.
Li faccio mettere tutti e tre in ginocchio con Roberta al centro, Marco alla sua sinistra mentre Serenella alla sua destra.
“Bene ora vediamo se ci sapete fare”
Roberta prende l’iniziativa e mi slaccia i pantaloni facendo uscire il mio cazzo già abbastanza duro.
Lo prende in mano e dopo un paio di smanettate se lo porta alla bocca iniziando a leccarlo dalla cappella alle palle e viceversa, poi lo passa alla figlia che dopo due leccate se lo infila in bocca iniziando a succhiarlo. Il mio cazzo ormai e completamente duro.
Lo riprende Roberta per succhiarlo un po prima di metterlo davanti alla bocca di Marco, che non sa cosa fare.
La madre glielo appoggia sulle labbra e lo invita a baciarlo. Come schiude le labbra Roberta gli spinge la testa contro il mio cazzo facendogli entrare la cappella.
Dopo poco sento che sta cominciando a muovere la lingua e successivamente a succhiare. Il giaccio è rotto.
Cominciano a passarsi il mio cazzo di bocca in bocca leccando anche le palle.
Roberta mi sta spompinando mentre Marco lecca le mie palle e la sorella mi sta leccando il culo.
Quando sento che sto per sborrare, glielo tolgo di bocca e menandomelo sborro in faccia a tutti e tre. Roberta lecca la sborra dal viso dei figli che subito dopo ricambiano.
Dopo che ci siamo ricomposti.
“Allora, l’offerta è questa: vi assumo tutti e tre. Vi dovrete occupare della casa e di tutto quello che vi dirò. Dovrete imparare alcune cose e adattarvi. Potrò ordinarvi qualsiasi cosa tranne che ne vada della vostra vita. Il contratto durerà un anno e non potrete interromperlo anzitempo, al termine potrete decidere se rinnovarlo o no. Il vostro stipendio sarà di 5xxx a testa al mese che verrà depositato in un conto a voi intestato. Vivrete nella mia villa per tutto questo tempo, per tanto non avrete bisogno di nulla.”
“Qual’è la vostra decisione?”
Roberta guarda in faccia i figli e poi dice:
“Ne avevamo già parlato tra di noi e pensiamo di accettare”
“Bene, allora compiliamo il contratto e firmiamolo. Avrete un mese di tempo per disdire il contratto d’affitto del vostro appartamento e sistemare le vostre cose in un deposito. Il 10 aprile ci troveremo alla stazione dei treni di Treviso da dove partiremo per la villa.”
“Un’altra cosa. Per quando ci troveremo dovrete essere completamente depilati e questa sarà una delle operazioni che dovrete svolgere quotidianamente assieme alla pulizia interna”
Dopo aver firmato il contratto suggellato da un bacio con ciascuno e con una stretta di mano ci lasciamo.