i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy webcam Chat  | ChoCam Mature webcam  |  Live18 |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Mi chiamo Gabriele, ho da poco compiuto 60 anni e sono divorziato da 15. I figli li vedo un paio di volte la settimana, ma mia figlia Mirella (40 anni) passa quasi tutte le sere con la mia nipotina Martina (18 anni).

Già da un paio di giorni il cazzo mi “prudeva”. La donna con cui di solito facevo sesso se ne era andata in vacanza col marito ed io ero rimasto solo.
Visto il caldo che faceva me ne andavo per casa con solo gli slip addosso, cercando di soggiornare nelle stanze più fresche. Dovevo proprio decidermi e far installare un climatizzatore…
Era pomeriggio e me ne stavo bellamente stravaccato su una poltrona massaggiandomi il cazzo eccitato, quando all'improvviso mia figlia entra dalla porta principale.
Accidenti… non ho nemmeno il tempo di mettermi qualcosa addosso!
— Nonno? Dove sei? Sei in bagno? — mi chiama Martina, cercandomi in ogni stanza. — Nonno? Ci sei? — e dopo un po' — Mamma? Lo hai trovato? Io non lo vedo.
Non mi ero ancora mosso dalla poltrona, aspettando che il cazzo mi si ammosciasse almeno per essere presentabile. Poi vedo Martina sulla porta.
— Mamma l'ho trovato! È nella camera piccola! Ciao nonno, che cosa stai facendo?
— Giocavo a nascondino, come quando eri piccola.
— Divertente. Dai vieni di là, abbiamo portato una cosa per te.
Pazienza, devo andare. Non è ancora del tutto molle, ma almeno non è completamente in tiro.
Martina mi allunga una mano per invitarmi ad alzarmi, ma il tappeto le scivola sotto i piedi. Cerco di afferrarla prima che mi cada addosso, ma finisce con la faccia proprio in mezzo alle mie gambe… e sbatte contro il mio cazzo. Che si risveglia.
Martina sembra far finta di niente. Senz'altro sa cosa nascondono gli slip. Dopotutto è già grande. Non è più una ragazzina.
Dopo un attimo, mi guarda dal basso e mi sorride.
— Nonno che hai? Ti senti bene? — rivolgendo di nuovo lo sguardo in giù e strofinando il naso sul mio cazzo eccitato.
— Sì tesoro… non è nulla. Adesso fammi alzare, però — e aggiungendo sottovoce — vai di là in camera a prendermi i pantaloncini che ci sono sul letto, eh? Non voglio che tua madre mi veda così.
Martina si alza, corre via e torna immediatamente con quello che le ho chiesto.
— Lo sai nonno, che ce l'hai ancora bello duro per la tua età? L'ho sentito perfettamente e mi ha quasi fatto male al naso — dando nel contempo una toccatina al mio inguine.
— E tu sei una nipotina impertinente! Lo sai?
Dopo queste leziose battute sono presentabile. I pantaloncini nascondono bene il cazzo.
Martina mi prende per mano e mi trascina in cucina.
— Eccoci mamma.
— Ah finalmente… papà ti ho portato queste cose. Dopodomani partiamo per il mare e se le lascio a casa marciranno. C'è un po' di frutta, verdura e formaggi — mostrandomi due borse piene.
— Beh, Mirella, se sapevi che stavi per partire, perché li hai comprati allora?
— Lo sai il perché. Antonio vuole solo roba fresca in tavola.
Poi rivolgendomi a Martina.
— Vai anche tu con loro? Non sei grande?
— Siamo qui anche per questo, papà. Lei non vuole venire con noi, ma va con le sue amiche. Però parte la settimana prossima. Non è che può stare da te?
— Per favore nonno… posso restare? — mi implora Martina.
— E me lo domandi! Certo che puoi rimanere. Lo spazio non manca di certo.
Un grosso sorriso esplode sul viso di Martina.
— Hai sentito? Cosa ti dicevo?
— Martina…! Dai smettila. Lo so che il nonno è sempre molto buono con te. Ma bisogna sempre chiedere prima. Magari aveva altri progetti. Che ne sai?
Uhm… che bella idea… la mia nipotina a casa con me…
Chissà se…
— Martina, perché non resti qua direttamente? Così tua mamma non ti deve scarrozzare in giro. Domani mattina, o magari tra qualche giorno, andiamo a casa tua a fare le valigie, con tutta calma.
— Che bella idea nonno! Sì! Mi lasci stare qua, mamma?
Mirella accetta e dopo mezz'ora di chiacchiere se ne va, lasciandomi solo con Martina.
— Sai nonno, sono passati molti anni da quando restavo a dormire qua. Ti ricordi?
— E come faccio a dimenticarlo! Volevi sempre dormire nel letto assieme a me!
— Posso dormire ancora con te, allora?
— Martina… sei grande ora… non è il caso… — memore ancora di quello che era successo prima.
Lei fa una smorfia triste.
— Dai… per favore… nonnino… — mi implora.
Non sono capace di resistere al suo broncio triste.
— E va bene, Martina. Puoi dormire con me.
— Sì! — urla trionfante.
Per cena ordino due pizze e poi ci mettiamo a guardare la tv. C'è un assurdo reality che a lei piace, ma a me sembrano che facciano finta… che recitino.
Alla fine non ce la faccio più.
— Ma si vede lontano tre chilometri che stanno recitando, Martina! Come fa a piacerti una cosa del genere! È solo patetico. Molto meglio guardare un film piuttosto.
— Lo so anche io che stanno recitando un copione. Ma a me interessa sapere solo chi si scopa chi. Qualche volta si intravedono i due che fanno sesso — si giustifica lei.
— Perché ti interessa una cosa del genere?
— Perché si riesce a capire quanto è grosso il cazzo di lui. E poi lo commento con le mie amiche.
— Tutto qua? Ti interessa il cazzo di un attore? Beh… allora guardati un porno,no? Quelli sì che sono cazzi! Non quelli di questi attori. Vieni con me.
La prendo per mano e la trascino verso la scrivania. Il computer è già acceso, per cui devo solo collegarmi ad internet.
— Siediti qua — battendo il palmo delle mani sulle mie ginocchia.
Martina si siede sulle mie gambe. Faccio passare le braccia sotto le sue e digito le istruzioni sulla tastiera. www.…………….com. Si apre la pagina con tante immagini.
— Che genere preferisci? Cazzi grandi? Ragazzine con vecchi? Donne mature con giovani? Negre, asiatiche, rosse, brune, bionde… Qui c'è ogni genere tra cui scegliere.
— Non so, nonno. Non ci ho mai pensato, veramente. A casa non posso guardare questi siti. Papà controlla tutto. Uhm… prova questo — indicando un uomo con una giovane.
Si tratta di un video che dura una decina di minuti. Il titolo dice che è il nonno con la nipote.
Ce lo guardiamo tutto, fino alla sborrata finale sulla pancia della ragazza.
— Wow, bello… Adesso questo.
Un altro vecchio con una giovane.
— No. Questo non mi è piaciuto — dopo che è finito. — Prova questo.
Ancora un vecchio con una giovane.
— Così-così. Adesso questo — indicandone uno tra due giovani.
Il mio cazzo stava esplodendo. Era già in tiro all'inizio del primo video.
Allungo una mano sulla pancia di Martina e me la spingo addosso, incuneando il cazzo tra i suoi glutei.
Ha addosso un vestitino leggero, piuttosto largo, e riesco a sollevarglielo alla vita. La mia mano si posa direttamente sugli slip.
— Dimmi Martina, quale vuoi vedere ora? — le sussurro all'orecchio mentre si appoggia a me.
— Preferisco il primo che abbiamo visto. Me lo fai rivedere?
Con la mano libera muovo il mouse e apro la finestra del video.
Glielo faccio vedere di nuovo, mentre con l'altra mano le sto solleticando il clitoride.
Muovo la mano allo stesso ritmo delle penetrazioni nel video e Martina ansima. All'improvviso sento le sue gambe che stringono sulle mie e lei appoggia la testa all'indietro sulla mia spalla. Accelero i movimenti, schiacciandole il clitoride e spingendo un altro dito sull'ingresso della fica. Sta quasi per venire.
Aumento ancora di più la pressione ed alla fine lei viene.
Anche io, però sto per venire. Mentre la accarezzavo, strusciava il culo sul mio cazzo.
Libero il cazzo dai pantaloncini, lo infilo dentro le sue mutandine e lo strofino sul davanti della sua fichetta. Due menatine… e sborro.
— Wow nonno! Questo sì che è un bel vedere. Che cosa c'è ancora che mi puoi mostrare?
— Che ne dici se ce ne andiamo di là in camera? Così te lo mostro io… — le sussurro all'orecchio.
Martina annuisce.
La prendo in braccio, che tanto è un peso piuma, e la porto in camera. La deposito sul mio letto. Mi tolgo i pantaloncini e gli slip. Ero già senza maglietta.
Mi inginocchio sul letto e le tolgo il vestitino. È senza reggiseno e allora le tolgo le mutandine.
Si è depilata completamente la fica e così sembra ancora più giovane. Dimostra almeno quattro anni in meno.
— Cavoli, Martina! Sembri una bambina così!
— Davvero? E non ti piaccio? E le mie tettine? Hai visto?
— Ti trovo favolosa! Ancora meglio delle ragazzine dei video di prima! E sai una cosa? A me piacciono le tette piccole piccole. Per me sei perfetta così come sei!
Mi sdraio al suo fianco e me la tiro sopra la pancia.
— Sei splendida tesoro. Davvero.
Allungo le mani a coprire il suo seno. Sento i suoi capezzoli duri sotto i palmi.
— Oh, sì… proprio splendida…
Le afferro la nuca e la tiro giù su di me. Ora i suoi capezzoli strusciano sul mio torace, mentre la bacio.
Il mio cazzo si sta di nuovo gonfiando. Lo sento che si drizza e le sfiora il culo e la fica.
— Ehi, tesoro… perché non te lo infili dentro come hai visto nel video?
— Davvero nonno? Vuoi che lo faccia davvero? — mi risponde con un sorriso estasiato stampato su quelle labbra che stavo baciando fino a quel momento.
— Sì. Lo faresti? Posso entrarti dentro?
Senza dire una parola, si solleva un pochino, punta la cappella tra le labbra della fica… e si lascia cadere lentamente.
È maledettamente stretta. Si vede che non fa sesso così frequentemente. Ad un certo punto si ferma. Non sono ancora entrato completamente in lei.
Sorride dolcemente.
— Sai nonno… me lo voglio ricordare per sempre questo momento.
E poi si lascia cadere. È strettissima ma, anche se con fatica, pian piano l’ho messo tutto dentro in quel paradiso, toccando il fondo del suo utero. Io urlo, lei grida quando le raggiungo l'utero.
— Ah, nonno… non credevo che facesse così male! — quando riprende un po' fiato.
L'avevo sverginata.
— Tesoro… cosa hai fatto? Perché?
— Perché era così che volevo.
Poi, con molta delicatezza ho cominciato a muoverlo dentro di lei con brevi escursioni, che pian piano ho aumentato fino a vedere la mia cappella quasi uscir fuori per poi affondarlo nuovamente.
— Ah, nonno, sei tutto nel mio corpo, ora. Sei tutto dentro…
Sento il cazzo pulsare all’impazzata dentro quella fica stretta. Sono emozionato per quello che Martina sta facendo. Il cazzo pulsa ritmicamente nella sua fichetta. Metto le mani sul culo, muovendomi dentro di lei. Sfilo quasi del tutto il cazzo per poi penetrarla di nuovo. Il cazzo entra ed esce dalla sua fica sempre più veloce.
D'improvviso mi fermo e la giro sotto di me. Ricomincio a stantuffarla molto lentamente, aumentando sempre più fino ad raggiungere un ritmo veloce. Me lo sento anche nel cervello, ogni cellula del mio corpo urla di gioia per il mio bel cazzone piantato nel suo corpo.
Dal canto suo, Martina ha cominciato a fremere e ad inarcare il bacino accompagnando il mio ritmo, gemendo dal piacere con piccole urla soffocate; ho aumentato il ritmo e l’ho seguita fino al raggiungimento del suo orgasmo. L’ho tenuto dentro di lei ancora un po’, per farle godere fino in fondo la sua prima scopata, poi ho ricominciato ad andare avanti e indietro.
Il respiro si fa sempre più affannato ma non diminuivo il ritmo delle penetrazioni. Il mio ventre sbatte contro il suo, accelero ancora di più le penetrazioni, fino a che anch’io ho avvertito che il mio sperma stava per esplodere e, senza indugiare oltre, ho aumentato ancora il ritmo.
— Vengo Martina, vengo, vengo…
Poi mi tolgo velocemente dalla sua fica, sborrando l'attimo dopo sopra la sua pancia, gemendo e grugnendo per il piacere. Mi distendo al suo fianco.
— Grazie nonno, sei stato grande!… Ora mi sento quasi una donna!
Non rispondo subito perché sono affannato.
— Perché quasi?
— Beh… volevo… non so… volevo che tu… mi annaffiassi…
— Cosa? Annaffiarti?! — ridendo.
— Sì… bagnarmi… col tuo sperma… dentro… non sopra…
— Vuoi che ti venga dentro? Ma sei matta? E se resti incinta?
Lei fa spallucce.
— Non puoi volerlo veramente, tesoro… Sei giovane… Senti, e se usassi un profilattico? Così posso venirti dentro. È più sicuro.
— No. Non voglio così. Sei mio nonno dopotutto. Non sei un estraneo.
Mi appoggio su un gomito per osservare meglio la ragazzina distesa al mio fianco. È davvero splendida… e mi fa arrapare, il cazzo mi si rizza ancora. Mi allungo verso di lei e mi metto a succhiare un capezzolo che nella mia bocca diventa grosso come una ciliegia. Passo da uno all'altro più volte.
Mi metto di nuovo tra le gambe di Martina ed entro in lei. Il mio cazzo è talmente duro che la impalo come niente. Ho cominciato a menare il cazzo avanti e indietro dentro di lei sempre più a fondo. Alterno ritmi lenti e veloci. Istintivamente Martina allaccia le gambe sulla mia schiena, impedendomi di uscire dalla sua fica.
Abbiamo scopato con calma, godendoci lungamente, per poi abbandonarci appagati, ancora stretti nelle braccia di uno dell'altro. Il cazzo è restato ben piantato dentro di lei e al momento culminante lei ha stretto ancora di più le gambe dietro la mia schiena per percepire più a lungo possibile quella inebriante sensazione della mia sborrata.
Martina si sentiva tutta umida, le avevo riempito la fica col mio caldo sperma.
Alla fine ci addormentiamo abbracciati.

La mattina successiva, mi sveglio che ho di nuovo il cazzo in tiro. Vado in bagno a fare pipì, ma la situazione non migliora. Quando torno in camera, Martina mi sta aspettando sdraiata a pancia sotto con le ginocchia piegate, i piedi in aria ed il busto sollevato sui gomiti.
— Pronto per la seconda parte? — mi dice appena mi vede.
— E me lo chiedi? Guarda in che condizioni sono.
Sono eccitato ed il cazzo sporge orizzontale. Mi sdraio sotto di lei. Martina mi sale sulla pancia e si impala sulla mia verga. Il cazzo ormai è un pezzo di marmo e comincio a scoparla con foga. Ad un primo sconvolgente orgasmo ne è seguito subito il secondo e il terzo. Sudati, ansanti, ci siamo fermati, abbracciati strettamente, con il cazzo che le schizza sperma nel profondo del suo utero. Ho iniziato a sentire le contrazioni uterine spremere il cazzo e potevo sentire come la pancia fosse piena del mio seme.
Ho lasciato che il cazzo uscisse da solo dalla fica di Martina, per poi sdraiarmi sulla schiena respirando pesantemente.
Ritrovata una certa calma, abbiamo iniziato a coccolarci e a baciarci. Le nostre labbra si sono unite e pochi istanti dopo le lingue si sono intrecciate in un bacio passionale e sfrenato. Le mani di entrambi hanno palpato e accarezzato il corpo dell'altro, in un susseguente vortice di passione. Il cazzo mi ritorna duro.
La faccio mettere a quattro zampe e la impalo da dietro. Poi, prendendola per i fianchi, inizio a tirarla e a spingerla. Le strizzo i capezzoli facendola gemere, le massaggio il clitoride mentre non smetto di muovere il cazzo dentro di lei. Ben presto gli orgasmi di Martina si susseguono ed alla fine anche io, le sparo dentro la fica il resto del mio seme.
Martina, stanca, si sdraia sul letto. Ed io la seguo, sdraiandomi sopra di lei, perché ho ancora il cazzo dentro la fica che pulsa gli ultimi schizzi.
Ci alziamo dal letto poco dopo le 11.
Per prima cosa vado in bagno a farmi una doccia per levarmi di dosso il sudore appiccicoso e mi faccio anche la barba.
Martina resta a guardarmi, appoggiata allo stipite della porta.
— Sai una cosa nonno? Ho fatto bene a scegliere te per farmi sverginare. Se avessi scelto anche uno solo dei ragazzi che conosco, non avrei goduto nemmeno un decimo. Grazie.
Appoggio il rasoio sul lavandino e faccio un inchino con la riverenza.
— A vostra disposizione, madamoiselle. Servo vostro.
— Lo sai che sei un buffone, a volte? Comunque dicevo sul serio, nonno. Grazie.
— Non c'è di che tesoro. Spero solo che, con tutte le volte che mi hai fatto venire dentro di te, non ti metta incinta… Sei ancora troppo giovane per occuparti di un figlio.
— Che vuoi che sia nonno… Al massimo abortisco.
Inorridisco. Non sono un credente, perché altrimenti non avrei nemmeno scopato con mia nipote… Ma un aborto, no. Non posso accettarlo.
— Non posso permetterti di fare una cosa del genere Martina. Si tratterebbe anche di mio figlio. Non lo dimenticare.
— Ah… sì… sarebbe anche tuo figlio… — mi risponde guardandomi senza vedermi veramente.
Si avvicina alle mie spalle, mi abbraccia e posa la testa sulla mia schiena.
— Scusa nonno… È vero si tratterebbe di tuo figlio.
Poso una mano sulle sue.
— Se resto incinta, allora il tuo bambino lo tengo — continua lei.
— Tranquilla… magari non succede nulla e noi stiamo discutendo per niente.
Mi giro, la abbraccio e la bacio sulla testa.
— Comunque, quando hai avuto le mestruazioni l'ultima volta, tesoro?
Martina risponde quasi subito.
— Ho finito la settimana scorsa.
“Cazzo… sta per andare in ovulazione… cazzo, cazzo, cazzo”
Martina deve essersi accorta di qualcosa perché mi chiede cosa c'è che non va.
— Beh, tesoro… stai per andare in ovulazione… potrei davvero metterti incinta.
Solleva la testa per guardarmi negli occhi.
— E allora speriamo che capiti…
— Cosa!? Ma che ti salta in mente!? Un attimo fa parlavi di abortire e adesso speri di restare incinta?
— Beh, sì nonno… Finora pensavo che quando avrei iniziato a fare del sesso sul serio… fare l'amore completo, no? sai che intendo… voglio dire, non solo pompini o cose del genere… beh insomma… che quando avrei fatto l'amore, se restavo incinta avrei abortito, no? Ma poi hai detto che il bambino sarebbe anche il tuo, no? e ho pensato che non potevo farti questo. Voglio dire… un conto è il bambino di uno che magari conosci appena e allora non ci pensi su troppo ad abortire… ma col tuo bambino, no. Non lo posso fare. Io ti voglio bene, nonno, non potrei mai farti una cosa del genere. Il tuo bambino non lo ucciderei mai…
La stritolo in un forte abbraccio.
— Scusa, nonno — mi ripete ancora.
— Va tutto bene, amore di nonno.

Ogni giorno scopiamo diverse volte, e ogni volta le riempio la fica di sperma.
Dopo quattro giorni Martina parte con le sue amiche.
Quando Martina ritorna dalla vacanza, due settimane dopo, noto che è gioiosa, rilassata, calma, serena e raggiante. Le ha fatto proprio bene questa vacanza.
Appena ci vediamo, corre ad abbracciarmi.
— Sai una cosa nonno… non ho fatto l'amore con nessuno al mare. Nessuno era te — mi ha sussurrato all'orecchio per non farsi sentire dalla madre.