i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy webcam Chat  | ChoCam Mature webcam  |  Live18 |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Note:
Mamma 40enne e Luca ragazzo 18enne raggiungono il sesso dopo varie peripezie.
Accidenti...le 12 e 30, ero in ritardo con l'appuntamento con mia madre, eravamo rimasti d'accordo che ci saremmo incontrati in via Giovanni Pascoli in pieno centro cittadino per poi recarci da mia nonna a Riccione, il luogo dell'incontro era a pochi passi della fermata del bus extraurbano nell'immediata vicinanza di un noto supermercato cittadino.

Trafelato dalla corsa per essere puntuale all'incontro arrivai con qualche minuto di ritardo e sapendo della mania di mia madre per la puntualità mi preparai alla solita ramanzina ma stranamente non disse nulla e la trovai calma e tranquilla seduta sotto la pensilina del Bus.

Avvicinandomi mi resi conto quanto fosse carina la mia genitrice, il suo fisico snello ed aggraziato non aveva riscontro con la sua realtà anagrafica, era una mamma di 43 anni ma ne dimostrava facilmente una decina in meno, il suo abbigliamento sportivo ma nel contempo elegante e curato le davano una nota di freschezza e giovinezza.

Lei mi accolse con un sorriso e con voce squillante disse “Ciao tesoro siediti accanto a me” mi sentii felice e orgoglioso della sua presenza, le diedi un bacio sulla guancia, il profumo di gelsomino emanato dalla sua pelle il mio senso olfattivo ne fu colmato, istintivamente con una rapida occhiata il mio sguardo si posò sul suo seno, piccolo quasi adolescenziale ma ben fatto, le sue gambe sinuose e lunghe ricoperte dal Nylon delle calze risaltavano per la loro bellezza.

La fermata del bus in breve tempo si riempii di studenti e pendolari, l'attesa fu breve e dopo pochi minuti salimmo sul bus, mi posizionai dietro mia madre prevenendo cosi eventuali situazioni imbarazzanti a cui erano soggette le donne sui mezzi pubblici.

Mia madre si rese conto della mia manovra e mi rivolse un cenno di approvazione, dopo alcune fermate il mezzo era pieno di persone, la sua capienza era giunta al limite, di conseguenza il mio corpo si strinse a quello di mia madre e successe quello che assolutamente non doveva capitare.

Gli scossoni e lo struscio continuo mi portò progressivamente ad una lenta ma inevitabile erezione, il mio pene si creò un leggero varco fra le sue natiche e mia mamma, ad un certo punto lei si girò di scatto e con uno sguardo severo e fulminante disse “Ma cosa diavolo fai” mi sentii sprofondare nel disagio più nero e balbettando risposi”Mamma non è colpa mia”.
Cercai di spostare il busto indietro con il risultato di trovarmi poco dopo nella stessa identica posizione.

Senti la sua insofferenza gravarmi pesantemente, mia madre cercando di sottrarsi dal contatto diretto con il mio pene si spostò da una parte all'altra, inconsapevole che quel movimento non faceva altro che aggravare la situazione.

Una sorta di piacere, di calore, risalii dal mio inguine e si diramò in tutto il corpo....incredibilmente venni appoggiandomi con forza addosso al suo corpo, lei si rese conto di quello che stava succedendo e forse per vergogna o per paura rimase immobile, fu un eiaculazione rapida, veloce e da parte mia silenziosa, nella ressa generale nessuno si accorse di questo mio comportamento.

Quando la ressa si diradò e trovammo posto a sedere fisicamente e moralmente mi sentii sporco e pieno di rimorsi.
Scendemmo alla fermata 23 non avevo il coraggio di guardarla in volto, ma poi lei si fermò di scatto e con il volto tirato e livido di rabbia sibilando disse “Ma ti sei reso conto di quello che hai fatto, sei un fottuto maiale sei venuto su tua madre porco”.
La sosta da mia nonna fu breve e nel più assoluto imbarazzo e il rientro a casa avvenne senza alcun contatto verbale.

Una volta giunti fra le mura domestiche cercai di scusarmi con l'unico risultato di ottenere una seconda sfuriata meno aggressiva ma comunque colpevolizzante e accusatoria, una ramanzina impostata sui valori famigliari e sui legami Madre/Figlio, con le relative restrizioni e i doveri di entrambi le parti.

Sapevo che lei in quanto madre “single” aveva un compito difficile da sostenere, pertanto accettai le sue lamentele con remissione annuendo senza fiatare.

Passarono diversi giorni e un poco alla volta le tensioni accumulate si stemperarono senza lasciare conseguenze visibili.

Un giorno mentre lei era in ufficio e io bighellonavo per casa complice la noia e la curiosità mi recai in camera sua, la stanza sobria e profumata dava un senso di virgineo candore, questo m'invogliò a frugare fra le sue cose, ad un certo punto mi ritrovai con le mani tremanti a palpare la sua biancheria, l'eccitazione mi avvolse in una sorta di palpabile euforia.

Fra i vari indumenti che passarono fra le dita fui colpito dalla ricercatezza e dalla modernità dei suoi indumenti, perizomi, mutandine trasparenti, reggiseni a balconcino e mutandine dai colori tenui e delicati, automaticamente portai il mio volto ad annusare questi usberghi inebriandomi del profumo di lavanda che emanavano.

Un crescendo vertiginoso accentuò la mia libido portandomi a fare pensieri audaci e sconci, e come diretta conseguenza mi diressi verso il bagno per frugare nel cestone della biancheria sporca.

Con sentimenti contrastanti, consapevole della violazione che stavo attuando fiutai la sottile ed impalpabile stoffa delle sue mutandine impregnate dal profumo asprigno del suo sesso, leccai alcune macchie biancastre lasciate sul tassellino assaporando il gusto leggermente salato delle sue secrezioni.

Mi masturbai con inaudita violenza, per poi finire esausto lungo e disteso sul pavimento del bagno per un tempo indeterminato.
La porta dell'appartamento si apri inaspettatamente, la mia genitrice era rientrata, avrei potuto nascondere velocemente la mia malefatta, ma con calcolata determinazione rimasi fermo nella stessa posizione che mi aveva portato al piacere, con i suoi slip attorcigliati al mio membro intrisi del mio seme lattiginoso.

La sua voce calma e vellutata mi chiamò più volte “Luca sono arrivata dove sei?” non risposi e dopo alcuni minuti la porta del bagno si spalancò, l'effetto che provocai in lei fu scioccante, i suoi occhi sbarrati e la bocca semi aperta dimostravano tutta la sua sorpresa, la vidi appoggiarsi al muro e pian piano scivolare verso il pavimento, il suo corpo assunse una posizione innaturale, le gambe leggermente divaricate e il volto rigato dalle lacrime mi fecero capire quanto grande fosse la sua frustrazione, mi fissò intensamente e sussurrò piano “Perché Luca”.

Questa sua debacle stranamente mi eccitò, la posizione anomala e inconsueta lasciava scoperta una porzione abbondante delle tornite gambe incurante di quello lasciava intravvedere sillabò con passività “Ed ora? Cosa vuoi da me Luca” meccanicamente risposi “Voglio scoparti mamma” un sussulto e un groppo in gola le strappò un singhiozzo secco e rumoroso “No per favore Luca non dire cosi...Luca sono tua madre e innaturale e vergognoso quello che mi chiedi” e raggomitolandosi in una posizione fetale cominciò a piangere sommessamente.

Ora potevo vedere la parte posteriore del suo corpo, la gonna risalita dalla postura insolita verso l'alto metteva in mostra il sedere coperto dal Nylon dei collant e le bianche mutandine velate dalla trama delle calze.

Con cautela e timore avvicinai la mia mano alla sua gamba sfiorandola con timore, i suoi arti furono scossi da un tremito involontario, con voluta audacia la mia mano proseguii verso l'alto, il polpaccio, la morbida carne della coscia, ed infine il morbido rigonfiamento del pube.

Le mani di mia mamma si coprirono il volto scosso dai singhiozzi in un estremo tentativo di estraniarsi da quella prova per lei durissima ma per me surreale e splendida.

Era bella i capelli scuri sciolti dalla coda di cavallo erano sparsi a raggiera sul bianco tappetino del bagno la gonna rialzata fino alla vita le gambe leggermente divaricate furono per me il massimo che potessi desiderare. Incurante delle sue preghiere di non andare oltre, la sollevai di peso e soffocando ogni suo tentativo di resistenza riuscii a portarla nella sua camera, l'adagiai sulle bianche coltri e nonostante le resistenze e la riluttanza nel non voler cedere alla mia cupidigia dopo una breve lotta affondai il mio viso fra le sue gambe, annusai il tanto agognato sesso, un odore intenso con leggere nuance di pipi colpirono il mio sistema olfattivo un profumo intenso ed invitante pregno di feromoni femminili fecero salire la mia concupiscenza ai massimi vertici.

Raggiunsi quasi l'eiaculazione quando poco dopo mi accorsi che la tensione del momento la paura e la ritrosia le aveva rilassato i muscoli della vescicali portandola a bagnare i candidi slip con una macchia giallo paglierino....ebbene si, mia madre si era pisciata addosso.

Ruppi la leggera barriera dei collant e infilando le dita sotto il nylon con rapide mosse lacerai il pizzo delle mutandine fradice di calda urina, mia madre nell'estremo tentativo di difendere la sua femminilità strinse le cosce provocando in me una sferzata di puro piacere.

La spogliai della gonna, del morbido maglioncino di cachemire, poi in rapida successione le afferrai il reggiseno strappandolo con violenza, le bretelline e il gancetto cedettero contemporaneamente con un rumore secco di stoffa lacerata, quel suono mi diede un piacere immenso, mi resi conto in quel momento dell'elevata dose di sadismo che albergava in me.
Avvicinai il mio volto al suo e provai a posare le mie labbra sulle sue, ma una sua improvvisa reazione mi fece desistere.

Ero mezzo spogliato e non faticai molto a togliermi gli ultimi indumenti, ma prima che il mio pene in erezione entrasse dentro l'utero materno le sprofondai il dito medio dentro la passera, era calda morbida e ancora umida dell'urina recentemente evacuata.

Il mio arnese e i relativi testicoli si appoggiarono su suo ventre piatto soffermandosi sul rientrante bottoncino dell'ombelico, poi in uno stato di pura estasi godereccia la mia bocca si avventò con avidità sui candidi globi del seno.

Mordicchiando, succhiando e violando con bramosia quelle teneri carni, le rosee aureole dei capezzoli diventarono paonazze dalla continua manipolazione delle mie dita, godevo nello strizzare i turgidi bottoncini di quel seno che una volta mi allattò e che ora era fonte del mio piacere.

Mia madre cerco per l'ultima volta di scongiurare l'affronto della penetrazione implorandomi di non proseguire nel mio intento, la sua voce supplicante mi mise in crisi, ma il folle desiderio di violare la parte più intima e recondita del suo corpo mi fece soprassedere alle sue richieste.

Il mio arnese si presentò all'ingresso dell'oscuro antro che diciotto anni prima mi aveva espulso in una fredda notte invernale all'ospedale di Rimini e lo penetrò con brutalità.

Con movimenti armonici e cadenzati cominciai a pompare dentro la sua pancia fissandola negli occhi....occhi di un bellissimo azzurro intenso quasi un colore pervinca scuro.

Avvicinai nuovamente la mia bocca alle sue labbra con cautela le mie labbra si posarono sulle sue, la baciai, leccai le sue gote che avevano raccolto le sue lacrime e mi resi conto in quel momento che se prima la sua reazione imperiosa e decisa aveva interrotto un mio desiderio ora la sua permissività la sua resa incondizionata mi fecero assaporare la vittoria una sorta di vittoria che che riconosceva la sua sudditanza dove io principe e signore disponevo del suo corpo incondizionatamente senza limiti.

Quella sensazione accentuò il mio ego e il godimento crebbe smisuratamente, sentivo la cappella ingrossarsi ma nel contempo bruciarmi per il continuo sfregamento contro le pareti non ancora irrorate dal liquido vaginale, poi le mucose un poco alla volta cominciarono a secernere la soluzione lubrificante dentro la cavità uterina e la mia cadenza aumentò possentemente i colpi, del mio pube urtando il suo emettevano tonfi sordi e cupi, e fu in quel momento che cominciai a vedere segni di cedimento sul volto tirato della mia genitrice dalla sua bocca piccoli gemiti fecero da apripista a gorgoglii più intensi e squillanti... cristo mia madre stava godendo, ero ebbro di felicità le nostre labbra s'incollarono in un bacio lussurioso, osceno, inebriante, le nostre lingue si attorcigliarono in un balletto folle e i fluidi delle nostre bocche travasarono da una parte all'altra sbavando succhiando e mordendosi reciprocamente.

Dalle sue labbra uscirono un po alla volta frasi che non credevo lei potesse pronunciare, in pieno delirio erotico la senti ripetere a voce alta e con una tonalità stridula “Si Luca spaccami la figa, riempimi di sborra, sono la tua puttana, la tua troia voglio che tu mi rompa il culo” i suoi tratti fini e delicati ora avevano sembianze inquietanti le sue gambe oscenamente spalancate mettevano in mostra un'agilità che indubbiamente erano frutto di precedenti esperienze, il ciuffetto di peli sul pube lungo e sottile suonò come ulteriore stimolo a concludere quel meraviglioso rapporto sessuale con la più classica delle uscite, la eiaculazione dentro quel meraviglioso, elastico, e accogliente pancino.

Con voce concitata le chiesi “Mamma ci sono problemi se ti vengo dentro”
lei con rispose “No Luca tesoro riempimi di sborra in assoluta tranquillità non ti preoccupare prendo la pillola altrimenti sai quanti fratelli avresti” fra me e me, feci una rapida considerazione, non potei fare a meno di notare il rapido cambiamento in un tempistica cosi breve, da mamma pudica e succube a vera troia da strada, una miriade di pensieri si accavallarono nella mia mente, il dubbio di chi fosse e cosa fosse veramente mia madre si fece strada nella mia testa.

Ero al limite dell'eccitazione l'atto finale non si fece attendere con un furore mostruoso, un fiotto di sperma denso e caldo s'incanalò dentro il suo utero, in quel momento pensai....sai che ridere se la pillola facesse “cilecca”.

Tutto questo fu accompagnato da un rantolo di liberazione e in perfetta sincronia anche lei lancio un urlo di piacere, conficcandomi le unghie nella schiena....ci trovammo in una fusione corporea perfetta, i nostri corpi sudati e stanchi si lasciarono andare nel più classico dei riposi uno accanto all'altro mano nella mano.

Quello che era iniziato come una presunta violenza si era trasformato in un rapporto consenziente madre e figlio, un rapporto che crebbe nel tempo dove lei fu solamente veramente mia e di nessun altro, tuttora questa storia continua con intensità sempre crescente e con un amore sempre più radicato.

LUCA.