i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Subito dopo la laurea mi ero concessa una piccola vacanza, un regalo che i miei mi aveva voluto fare dopo quattro anni passati sui libri. Anni passati bene se era vero che non avevo preso trenta solo ad un esame, che la mia tesi era stata pubblicata, senza dimenticare il centodieci e lode col quale avevo terminato i miei studi.
Ora però era giunto il momento di girare pagina, e d'iniziare a mettere a frutto i miei studi, con un obiettivo ben preciso : entrare come praticante nello studio Liveni.
Perchè l'avvocato Manlio Liveni era qualcosa di più di un 'semplice' principe del foro, era l'unione perfetta di conoscenza dei codici, oratoria e capacità di persuasione che lo ha reso uno dei più ricercati legali del paese. Ovviamente aveva una lista pressoché infinita di neolaureati che vogliono entrare nel suo studio, e anch'io avevo fatto la classica domanda, senza però avere alcuna risposta.

Come a volte succede, la mia vita cambiò per puro caso.
Ero andata a trovare un'amica che viveva in centro, quando uscendo dal suo appartamento vidi l'avvocato Liveni sulla soglia di una porta, davanti ad una donna vestita in modo per me bizzarro. Non avevo infatti mai visto un vestito lungo in una pelle nera lucidissima, inoltre la donna portava lunghi guanti, anche loro dello stesso materiale, e dei sandali con tacchi altissimi in acciaio.
"Chi abita al numero nove ?" chiesi incuriosita alla mia amica.
"Per me quella fa la puttana." mi rispose senza alcun indugio "Anche se devo dire che nessuno vede mai un gran viavai d’uomini, al massimo un paio al giorno e neanche sempre."
Salutai la mia amica per scendere un piano a piedi e suonare al numero nove.
In realtà non sapevo neanche io cosa fare, ma allo stesso tempo ero certa che quell'occasione andava presa al volo, senza pensare troppo alle conseguenze.
Quando la donna aprì la porta, fui presa dal panico, e riuscii solo a dire nome e cognome.
"Guardi io non compro nulla." fu la sua risposta con tono a dir poco seccato.
"Ma io non vendo nulla, ho solo bisogno del suo aiuto. Ecco vede so che la persona che è appena uscita di qui è l'avvocato Liveni, e io ho fatto domanda per entrare nel suo studio, quindi mi chiedevo se..."
Non ebbi il tempo di finire la frase, che quella donna mi chiuse la porta in faccia, ma dopo un attimo di comprensibile sconforto, tornai alla carica e suonai nuovamente il campanello.
"Vuoi entrare davvero nello studio Liveni ? Allora entra e stai zitta." mi disse la donna dopo aver riaperto la porta di casa sua, ed io non ebbi alcuna esitazione a varcare quella soglia.
"Mi chiamo Flora e non sono una puttana come crede quella cretina della tua amica." mi disse mentre la seguivo per il corridoio sino ad arrivare al salotto "Io realizzo i sogni nascosti degli uomini, le loro fantasie più perverse, i segreti che le loro mogli non osano neppure immaginare."
"E l'avvocato Liveni...."
"Con calma ragazza mia, le informazioni sono merce preziosa ed hanno un costo."
"Ma io non ho una lira !" cercai di protestare "Anche se non ho ben capito cosa lei faccia."
"Mettiamo il caso che un uomo vuole vedere due donne con un altro uomo, ecco io faccio sì che questa persona possa realizzare il suo desiderio di bravo guardone."
"Quindi l'avvocato è un guardone ?"
"No lui ha ben altre fantasie, ma se vuoi sapere quali devi pagare, il come è secondario."
"Va bene dimmi cosa vuoi che faccia e finiamola qui."
"Potresti aiutarmi a realizzare il desiderio del mio cliente guardone. Quindi il programma prevede sesso lesbo, poi farsi scopare da un bel ragazzo molto dotato, il tutto in un ambiente fetish. Se credi che sia troppo puoi anche rifiutarti, nel qual caso sei pregata di uscire da casa mia e dire addio al tuo studio legale."
La proposta di Flora mi aveva completamente spiazzata, lasciandomi senza parole.
“Ma io non sono bella !” dissi cercando di scappare da quella situazione a dir poco imbarazzante.
Più che non-bella mi consideravo 'banale'.
Alta circa uno e sessanta, seconda di seno a esser ottimisti, avevo sì un fisico asciutto ma non certo da modella.
“Primo io non cerco grandi bellezze, ma soprattutto tu sei una bella ragazza che si veste male e si trucca anche peggio. Così invece di far risaltare i tuoi punti forti, li nascondi mostrandoti sciatta e senza personalità.”
“Se accetto poi mi dirai qual’è il punto debole dell’avvocato Liveni ?” le chiesi come se volessi una giustificazione per me stessa per il compromesso che stavo accettando.
“Certamente ! Anche perché lui è uno di quei clienti che posso perdere. Sì chiaro che è una persona generosa, ma per me è poco interessante a livello sessuale.”
“Accetto.” le dissi tendendole la mano.
“Allora ci vediamo dopodomani sera, quindi venerdì alle otto. Inutile che ti dica che devi essere presentabile, quindi depilata e fresca di doccia. Quanto al trucco e all’abbigliamento provvederò io non appena arrivi. Scusami ma ho dimenticato il tuo nome.”
“Monica Faziole.”
Ci mettemmo d’accordo su alcuni dettagli, quindi la salutai per tornare a casa mia, o meglio dai miei genitori con i quali vivevo perché non potevo permettermi un appartamento tutto mio.

Passai due giorni a pensare se avessi fatto bene ad accettare quella proposta così indecente, ma alla fine arrivavo sempre alla stessa conclusione, ed era quella d’andare sino in fondo.
Anche se mi ero sempre considerata una ragazza di sani principi, con poche relazioni alle spalle, e solo col mio ultimo ragazzo mi ero forse completamente aperta da un punto di vista sessuale. A lui avevo anche concesso la mia verginità anale, trovando anche un po' piacevole quel tipo di rapporto che prima consideravo scabroso, peccato che qualche giorno dopo l’avevo scoperto a letto con un’altra. Durante le mie ultime vacanze ero stata anche con una ragazza, o almeno eravamo un po’ oltre i preliminari prima d’addormentarci ubriache.
Mi convinsi che in fondo non ero certo la prima persona al mondo a scendere a compromessi, promettendomi però che sarebbe stata anche l’ultima.

Mi presentai a casa di Flora con qualche minuto d’anticipo, ma soprattutto tesa come una corda di violino. Lei comprese il mio stato e cercò di mettermi a mio agio scherzando sugli uomini e sulle loro debolezze. Anche quando iniziò a truccarmi, non smise mai di sorridere, così che mi ritrovai ‘vestita’ in modo a dir poco scandaloso, senza che quasi me ne accorgessi. Non era tanto il trucco, che pure era marcato e appariscente, quanto un mini di dimensioni irrisorie che non riusciva neppure a coprirmi tutto il sedere. Completavano l’opera delle autoreggenti a rete e un top anche questo cortissimo, il tutto ovviamente nero.
“Sei perfetta.” mi disse togliendosi la vestaglia e rimanendo col solo intimo di pelle nera, mostrando un fisico eccezionale nonostante la non più giovane età “Ora non ci rimane che aspettare i nostri ospiti.”
Alle otto e mezza precise suonò il campanello, e Flora fece entrare due uomini tanto diversi da mettere il dubbio che appartenessero entrambi alla stessa razza.
Uno era infatti un giovane mulatto con un fisico scolpito che si spogliò senza dire una parola, rimanendo ben presto con i soli boxer, i quali facevano ben trapelare le dimensioni ‘importanti’ del suo pene.
L’altro era invece un uomo di mezza età, grassottello e ampiamente stempiato, che salutò ossequiosamente Flora prima di sedersi in poltrona.
La padrona di casa mise della musica d’atmosfera e m’invitò a ballare con lei, anche se sarebbe meglio dire che ci strusciammo l’una all’altra, scambiandoci dei piccoli baci sulla bocca.
“Ora inginocchiati e leccami la fica.” mi disse dopo essersi sfilata gli slip che lanciò all’uomo seduto vicino a lei.
Iniziai così a passare la lingua in mezzo alla sua passera, cercando di farla eccitare nonostante la mia quasi inesistente esperienza nei rapporti saffici. Non so dire se ero brava i darle piacere o lei a fingere, ma quello che è certo è che ben presto l’atmosfera si fece rovente, con Flora che m’incitava anche con degli insulti a farla godere, dandomi delle sculacciate che mi eccitarono moltissimo. Per lunghi tratti mi dimenticai della presenza dei due uomini, tanto era intenta nel far godere Flora, che trovai ancor più sensuale quando si mise carponi sul divanetto, offrendo così alla mia bocca anche il suo bel sedere.
Mi ritrovai così a leccarle il buchetto che tenevo aperto con una mano, mentre con l’altra la masturbavo, facendo entrare sempre più in profondità le mie dita. L’odore della sua pelle m’inebriava, dandomi però la voglia di non fermarmi mai, come se non fosse la prima volta che facevo sesso non per amore.
“Adesso prendi il mio posto.” mi disse Flora prima di darmi un veloce bacio in bocca.
Obbedii fingendo di tirare anch’io il perizoma all’uomo che pagava per lo ‘spettacolo’, ma non appena fui carponi ebbi una sorpresa. Flora infatti aveva preso una strana pala di pelle, con la quale mi colpì le natiche mentre mi massaggiava la passera. All’inizio trovai quasi fastidiosa quella bizzarra pratica, che col passare del tempo scoprii invece essere molto eccitante, anche perché i suoi colpi erano molto blandi e lenti, mentre le sue dita entravano sempre più in profondità dentro la mia fica.
Quando sentii dell’olio scivolarmi nell’incavo delle chiappe, compresi che i giochi si sarebbero fatti via via più perversi, ma poco dopo mi tranquillizzai quando vidi che i vibratori nelle mani di Flora non erano più grandi di un pene di medie dimensioni.
Lei mi sodomizzò iniziando col più piccolo dei tre, per poi salire di grandezza, sculacciandomi senza troppa forza, ma senza smettere un solo istante. Nonostante la mia pratica nel sesso anale si poteva ridurre ad un solo rapporto seppur molto piacevole, trovai naturale concedere il mio fondoschiena a quella donna, e cominciai a gemere dal piacere senza alcun ritegno, arrivando ad invocare un vero cazzo per il mio culo.
“Stai tranquilla che avrai la tua dose di sano cazzo, per il momento accontentati di questo.” mi disse Flora mentre indossava uno strap-on, per me di dimensioni notevoli.
La donna unse il fallo prima d'infilarmelo dentro l'ano ed iniziare a fottermi con un buon ritmo fin dai primi affondi, e poco dopo il ragazzo si piazzò davanti a me e fece scendere i boxer.
Non avevo mai visto un cazzo così grande, e fra l'altro non era neanche in piena erezione, e quando lui me mise davanti alla faccia, ebbi qualche difficoltà a prenderne anche solo metà in bocca.
“Succhiami il cazzo troia che dopo ti rompo il culo in due.” mi disse il ragazzo spingendomi quella verga fino all'ugola.
Io sbavavo cercando disperatamente di non vomitare, sentendomi in quei momenti una vera puttana che doveva soddisfare le voglie di chi aveva pagato per lo spettacolo. Vedendomi in difficoltà Flora decise di cambiare posizione col ragazzo, ma solo dopo avergli sussurrato d'esser meno violento ed essersi tolta lo strap-on.
Per mia fortuna avevo ormai il retto ben unto, ma soprattutto un po' aperto, così il pene del mulatto entrò quasi senza farmi troppo male. Inoltre lui mi scopava sia davanti che dietro, facendomi così godere tantissimo mentre leccavo nuovamente la fica di Flora.
Non trovai strano il provare il maggior piacere quando il ragazzo mi scopava nel culo, forse perché in quei momenti mi masturbavo furiosamente, sino ad arrivare ad infilarmi quattro dita nella fica. Quando invece mi riempiva la passera col suo pene, infilava il pollice nel mio ano, in modo che questo rimanesse sempre dilatato, e anche per farmi sentire un po’ troia.
Ebbi finalmente l'orgasmo, ma i miei gemiti furono soverchiati da quelli dei miei due amanti, che furono interrotti solo quando l'uomo seduto in poltrona aprì bocca per la prima volta.
“Ragazza vieni qua.” disse con voce ferma e subito Flora ed il ragazzo mi lasciarono andare da lui.
Presa com'ero dal rapporto a tre, non m'ero accorta che lui s'era aperto i pantaloni, facendo uscire un pene abbastanza piccolo e molliccio.
Senza dire una parola m'accucciai fra le sue gambe ed inizia a succhiarglielo, mentre Flora s'impalava sullo stallone della serata, urlando per il piacere.
L'uomo mi venne in bocca senza neanche raggiungere una piena erezione, schizzandomi in gola poche gocce di sperma, seguito dopo diversi minuti dal ragazzo che invece inondò il seno di Flora.
"Vieni qua a pulirmi." mi disse la donna non sapendo che quello era anche il mio desiderio.
Raccolsi un rivolo di sperma con la lingua e lo portai alla bocca di Flora, che lo raccolse con un lungo bacio, per poi ripetermi sino a quando ci fu piacere da scambiarsi.
"E' stato un piacere." disse l'uomo a Flora dandole una busta.
"Sempre a sua disposizione." rispose lei.
I due uomini uscire insieme, così mi ritrovai con la donna che mi aveva coinvolto in quello strano rapporto, in cambio delle informazioni che volevo sull'avvocato Liveni.
"Prima di tutto volevo dirti che ho usato un piccolo trucco." mi disse mentre mi rivestivo "Nella bibita che ti ho dato c'era un 'piccolo stimolante', per far sì che tu non avessi problemi durante la serata. Stai tranquilla che non ha nessun effetto collaterale, al limite stasera dormirai un po' di più. Inoltre ti do una specie di 'bonus', se un giorno vorrai delle informazioni su qualcuno, ti basterà chiamarmi e non vorrò nulla in cambio. Quanto al tuo avvocato è un feticista dei piedi di prima grandezza, quindi basterà che tu gli metta in mostra i tuoi per avere ciò che desideri. Non avere però fretta, fai che lui ci possa giocare, ma non da subito, quanto allo scopare sappi che se non prende qualche aiutino dura davvero poco."
"Io non ho mai usato i piedi per far sesso !"
"Questo non è un problema, in rete troverai tutti i video che vuoi, ma quello che devi sapere è che devi prenderlo come un preliminare, magari lungo e poco piacevole, ma mai sgradevole. Quindi presentati con un bel tailleur e delle belle decolté col tacco alto, truccati senza eccessi e se proprio sei in difficoltà fai il mio nome."
"Grazie Flora, ma a proposito chi era l'uomo per il quale hai organizzato la serata ?"
"Non l'hai capito ? Un ricco guardone a cui l'uccello non tira più neanche col Viagra ! Stasera ha pagato e bene tre persone solo per farsi fare un mezzo pompino da te.”
La salutai per tornarmene a casa stanca ma felice per le informazioni avute, pensando già a come avrei potuto giocare le mie carte quando sarei stata a colloquio con l’avvocato Liveni.

Invito tutti a visitare il mio piccolo blog
http://serenathemiss.wordpress.com/