i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante Capitolo or Storia
Indice
- Text Size +
Salve amici lettori, mi chiamo Mimmo, ho cinquanta anni e vivo a Monza.
Sono sposato con Sandra che è obiettivamente una bella donna di 49 anni, alta uno e settantacinque con un gran bel fisico, gambe lunghe e tornite e un culo prosperoso, così come il seno che è da 5^ misura.
Siamo sposati da ventuno anni e abbiamo due figli, Giulio di ventuno e Debora che ne ha compiuti diciotto tre mesi fa.
Siamo una bella famiglia. Viviamo in armonia, sia come marito e moglie e sia nel rapporto con i nostri figli, quello che però devo confessarvi è che da diverso tempo sono tormentato e ossessionato da certi pensieri piccanti su mia figlia Debora che è straordinariamente rassomigliante alla madre quando aveva la sua stessa età.
Quando Debora aveva tredici e si era sviluppata da ragazzina a donna ho iniziato a notare la somiglianza, e la cosa mi faceva sorridere e mi dava un piacere innocuo, infatti ne parlavo compiaciuto anche con mia moglie. Poi però questo guardarla si è fatto via via più penetrante e morboso. Dopo qualche mese ogni volta che guardavo mia figlia gli occhi cadevano sulla maglietta, all'altezza dei seni, o sui fianchi e sul culo e iniziavo a sentire un certo movimento nei pantaloni.
Nei primi momenti questa cosa mi suscitava ribrezzo, quasi disgusto. Un'erezione guardando mia figlia minorenne? Che schifo! Mi odiavo solo a pensarci. Poi mi sono detto di lasciar correre la cosa, e che col tempo mi sarebbe passata; che lo stigmatizzare quel cadere degli occhi sul suo corpo sarebbe servito solo ad ingrandire quello che in realtà era solo una fantasia niente affatto pericolosa. Ho quindi lasciato a quelle occhiate peccaminose e a quei moti all'altezza dell'inguine di presentarsi senza che io reagissi turbandomi e inquietandomi, e di passare. Sempre credendo che sarebbe servito ad esorcizzare la cosa ho preso a masturbarmi pensando a Debora, ed anche a pensare a lei mentre scopavo con Sandra.
E così per eccitarmi, farmi venire il cazzo duro, e scoparmi mia moglie sono dovuto arrivare a fantasticare di fare sesso con nostra figlia! Cosa aberrante di per sé, ed oltremodo assurda se si pensa che mia moglie è una strafiga di donna, e che diversi miei amici (per loro stessa confessione) ci hanno fatto su certi lussuriosi pensierini... Eppure è stato, ed è così. Ciò che pensavo potesse aiutarmi a guarire dal desiderio incestuoso verso mia figlia ha invece finito per farmi diventare schiavo di quell'osceno desiderio di possederla.
Oramai ossessionato da Debora non ho più posto limiti alle fantasie su di lei; non ho messo freni alla libidine che mi procura l'osservarla anche nei gesti e nelle pose più innocue e normali.
E così adesso mi ritrovo nel mio studio, sulla poltrona, a cercare di leggere. E' un tardo pomeriggio autunnale ed io sfoglio di continuo il giornale del mattino come se cercassi una notizia introvabile. In realtà sono distratto da una mia solita fantasia su Debora. Guardo una pagina è immagino un titolo a caratteri grossi: "PAPA' MARIO SFONDA LA FICA DELLA FIGLIA DICIOTTENNE!", sorrido e sospiro, poi stropiccio il giornale afflosciandolo sulle ginocchia mentre il cazzo si drizza per quel titolo e le mie fantasie.
In quel momento entra nello studio mio figlio Giulio che si siede sull'altra poltrona. Più che sedersi si lascia cadere e sbuffa, visibilmente scocciato e affranto. Io lo fisso e, preoccupato, gli chiedo cos'ha.
"Le femmine, papà. Già a quindici anni, se non prima, si atteggiano a donne di mondo, ti fanno credere di essere facili e poi al momento di dartela fanno le preziose e le difficili. Uff... ti rincoglioniscono!"
Mi sento maledettamente solidale con mio figlio. Gli dico che ha ragione e gli confesso che sono nella sua stessa situazione. Lui mi fissa sorpreso e mi fa: "Ma papà che cazzo dici! Tu nella mia situazione? Ma va. Hai una moglie che ti invidiano tutti. Se sapessi quante battute e quante confidenze mi fanno tutti i miei amici, sulla mamma. E cazzo, ti confesso che anche io sono anni che mi sego pensandola...". Nel dirlo fa il gesto di smanettarsi, portandosi la mano sulla patta dei pantaloni ed io scoppio a ridere, seguito a ruota da lui.
Quella risata mi mette a mio agio e mi spinge ad aprirmi un po' con Giulio.
"Sapessi chi sta rincoglionendo me, figliolo...", gli dico sospirando e scuotendo il capo. Lui riprende a squadrarmi con un'espressione ancora basita e un pizzico pure infastidita e mi fa: "Cazzo papà, hai una strafiga come moglie, che a cinquant'anni fa intostare cazzi a tutti i giovanotti che la conoscono e tu vai a rincoglionirti per un'altra? Ma sarai pirla o no?", poi incalza: "E magari trascuri pure mamma per andare dietro a qualche sciacquetta, che per quanto può essere carina non può mai valere il rischio di mandare a puttane un matrimonio con una bella MILF come mamma. Che coglione sei!"
Confesso a mio figlio che sì, da diverso tempo per eccitarmi e fare sesso con sua madre devo ricorrere a fantasticare su quell'altra, e lui rincara con il darmi ancora del coglione, cosa che a quel punto mi fa scattare di rabbia.
"Oé, coglione cosa?! Ma sarai coglione tu che hai una sventola di sorella e ti seghi pensando a tua madre! Idiota sfigato!...". Ecco, in un momento di rabbia ho confessato a mio figlio che esco matto dalla voglia di scopare con sua sorella. Lui adesso è così sconcertato che scoppia a ridere mentre io a sto punto mi metto e gli racconto tutto. In poco tempo viene a sapere di tutte le mie ossessioni morbose su Debora e mentre ascolta lo sento sospirare, sempre più interessato ed eccitato.

CONTINUA
per commenti: pensieriosceni@yahoo.it