i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Come da tradizione l’ultimo fine settimana prima delle ferie estive, tutto lo studio si trasferì in un prestigioso albergo della costa, per quello che Manlio chiamava 'il momento della scopata libera'.
Le donne-lupo dello studio, aspettavano quasi con ansia quel fine settimana, Nadia e Daniela in testa, mentre io non sapevo come comportarmi.
Perchè da un lato la mia relazione con Manlio era diventata quasi una routine sempre meno piacevole, pur avendo iniziato ad apprezzare il feticismo del mio mentore per i piedi. Pur piacendomi sempre di più quella sottile forma di dominazione, mi mancava un 'vero' rapporto sessuale, però in ogni caso non me la sentivo di troncare anche per paura di qualche ripercussione sul lavoro.
Dall'altro sentivo che stavo diventando quasi una suora che provava un forte senso d'invidia verso Daniela, e il suo modo di concepire il sesso come puro divertimento, senza alcun coinvolgimento emotivo. I nostri fugaci momenti d'intimità erano diventati la mia valvola di sfogo, e sentivo che non ne potevo quasi più fare a meno, pur non sentendomi in alcun modo una lesbica.
Come spesso succede nella vita, fu il caso a decidere per me.
Nel dopocena della prima sera, in molti alzarono il gomito, e anch'io mi ritrovai decisamente 'allegra con brio', anche se non del tutto ubriaca come Manlio, che a stento raggiunse la sua camera.
Vagando per l'hotel mi ritrovai a bordo piscina, e non avendo di meglio da fare, mi tolsi i sandali e misi i piedi in acqua. Ben presto fui raggiunta da due ragazzi che lavoravano nell'hotel, i quali vedendo poco sobria, ebbero la brillante idea di provarci.
“Lo sa signorina che è proibito mettere i piedi in acqua senza costume ?” mi disse uno dei due sedendosi alla mia destra.
“No e fra l'altro non ne ho neppure portato uno.” risposi con tono da finta ingenua.
“Allora saremo costretti a denunciare il fatto in direzione.” continuò l'altro che si mise alla mia sinistra.
“E la direzione certe cose non le sopporta proprio, a meno che..” gli fece eco il primo avvicinandosi tanto da spingermi contro l'altro.
“A meno che...che cosa ?” chiesi portando la mia bocca fin troppo vicina alla sua.
In un attimo mi ritrovai le loro quattro mani su di me, e poco dopo avevo il seno scoperto, così come le cosce. I due mi toccarono tutto il corpo, facendomi eccitare moltissimo, tanto che allungai le mani infilandole nei loro pantaloncini.
“Posso almeno sapere come vi chiamate ?” chiesi in un momento di tregua.
“Io sono Giacomo e lui è Federico.” mi rispose quello alla mia destra, mentre mi spostava il perizoma quel tanto che bastava per potermi toccare la fica.
Non sapevo cosa fare in mezzo a quei due ragazzi, perchè pur sapendo che era 'sbagliato' quello che stavo facendo, non riuscivo a muovermi bloccata da una fortissima eccitazione. Così quando uno dei due m'infilò un dito nella passera, non seppi far altro che allargare ancor di più le gambe, attaccandomi alla sua bocca per bloccare un gemito di piacere.
Il nostro menage a tre fu interrotto da alcuni rumori che arrivavano da fuori la piscina, e che ci fecero capire che da lì a poco non saremmo più stati soli.
“Vi aspetto alle 206.” dissi loro mentre mi rivestivo frettolosamente “Ma non fatemi aspettare troppo, al massimo cinque minuti.”

Me ne andai sculettando in modo osceno pensando a quanto stavo facendo.
Prima di conoscere Daniela, non avrei neanche preso in considerazione l'idea di trovarmi seminuda in mezzo a due ragazzi, figuriamoci il pensare d'invitare due perfetti sconosciuti in camera. Ora invece non solo avrei avuto di lì a poco il mio primo rapporto con due uomini, ma non vedevo l'ora di potermi buttare fra le loro braccia, e poco m'importava di come mi potevano considerare. A dire il vero in cuor mio speravo che fossero stati non proprio brutali, ma molto 'maschi dominanti', anche perchè altrimenti che senso avrebbe avuto andare con due uomini.
Una volta arrivata in camera, tolsi il vestito per indossare una vestaglietta trasparente molto corta, che avevo portato per Manlio nel caso avesse voluto fare sesso alla 'sua' maniera.
I due ragazzi arrivarono dopo un paio di minuti, e ovviamente non persero neanche un secondo.
Mi ritrovai fra loro due con Giacomo che da dietro m'infilava una mano nel reggiseno e l'altra dentro le mutandine, mentre Federico mi baciava palpandomi il sedere, e ben presto la vestaglietta ed il mio intimo finirono sul pavimento, insieme con quel che rimaneva del mio pudore.
Giacomo iniziò a masturbarmi la fica infilandoci due dita dentro, e quando poi Federico m'allargò le chiappe, le fece scivolare un altro dentro l'ano.
“Se non ricordo male i vostri cazzi sono più grandi delle dita.” dissi portando le mani sulle loro patte ben gonfie dall'eccitazione.
“Sì ma è meglio che li vedi da vicino.” mi rispose Giacomo togliendosi pantaloncini e slip.
M'inginocchiai davanti a lui e, dopo avergli afferrato il pene, iniziai a leccargli la cappella molto lentamente, tenendo la bocca ben aperta in modo che potesse vedere ogni passaggio della mia lingua.
“Non vuoi assaggiare anche il mio ?” mi disse poco dopo Federico che nel frattempo si era denudato.
Mi girai quel tanto che bastava per prendere in mano la sua mazza, ma a differenza di quanto fatto prima, a lui leccai a lungo le palle prima di prenderglielo in bocca.
I due iniziarono a contendersi le mie labbra, non paghi del fatto che non smettevo mai di masturbarli, sino a quando Federico non mi fece alzare per portarmi quasi di forza sul letto.
Mi ritrovai così carponi con davanti Giacomo che m'infilò il cazzo in bocca, sicuramente poco felice che il primo a prendermi fosse l'amico.
Federico mi penetrò con tanta violenza da farmi quasi gridare per il dolore, per poi tirare fuori tutto il cazzo e subito dopo rimetterlo dentro con la stessa forza.
“A queste puttane di città devi fargli capire che sono solo vacche da monta.” disse Federico all'amico dandomi due sonori ceffoni sulle chiappe “Ora le sfondiamo la fica e dopo il culo, quello però glielo apri prima tu.”
“E alla fine ce la scopiamo insieme.” gli rispose Giacomo “Uno davanti e l'altro dietro.”
“Per me parlate troppo e scopate poco !” affermai sfilandomi per un attimo il pene di Giacomo dalla bocca “Quindi vedete di darvi da fare perchè voglio godere.”
Le mie parole eccitarono, se mai era possibile, ancor di più i due ragazzi, che iniziarono a scoparmi nelle più diverse posizioni, facendo sì che avessi sempre un cazzo in bocca. Quando poi mi ritrovai sdraiata su di un fianco, Giacomo da dietro mi sodomizzò da vero porco, infilandomi dentro tutta la sua nerchia con pochi e violenti affondi.
“Ora non parli più puttana che non sei altro.” mi disse vedendo che stavo cercando di non urlare per il dolore.
“Sei tu che parli troppo.” gli risposi spingendolo via per mettermi carponi “Dai Federico fai vedere a questo stronzo come s'incula una vera donna.” conclusi mettendomi due dita dentro la fica.
Federico fu forse ancora più violento del suo amico, ma del resto ero stata io a volerlo.
Non solo fece entrare quasi tutto il suo pene nel mio retto al primo affondo, ma poi si divertì a farlo uscire completamente per sodomizzarmi di nuovo con maggior forza. Nonostante fosse fin troppo chiaro che mi stavano trattando come la peggior puttana, era evidente che stavo godendo, e che volessi sempre di più alzare l'asticella della perversione. Così dopo che il mio sedere aveva subito le attenzioni d'entrambi, approfittando di un cambio di posizione, spinsi sul letto Giacomo per impalarmi sul suo pene.
“Indovina cosa devi fare adesso.” chiesi con malizia a Federico.
“Sei peggio di una cagna in calore.” mi rispose lui mentre m'inculava con tutta la sua forza dopo avermi afferrato per i fianchi “Pensa un po' quante corna avrà chi ti sposa ! Magari qualche collega frocetto di quelli a cui piace guardare la propria donna mentre se la scopano.”
In quel momento pensai a Manlio, e quello che avrebbe potuto pensare di me vedendomi in mezzo a quei due ragazzi. D'altronde con lui non potevo far uscire tutta la mia perversione, che invece non riuscivo a trattenere in altre situazioni, iniziando proprio da quella in cui mi stavo trovando.
Bastarono però pochi affondi di Federico per farmi tornare alla realtà, e con lei ai piaceri del sesso.
I due ragazzi diventarono via via sempre più violenti, senza però volermi fare davvero male, se non scopandomi con tutta la forza che avevano in corpo. Soprattutto Federico si dimostrò un vero maschio alfa, arrivando ad infilarmi un pollice nell'ano insieme alla sua gran mazza.
“Scommetto che ti fai scopare da qualche vecchio, peccato che non ti dia tutto il cazzo che vuoi, non è vero puttana ?” mi disse Federico tirandomi a se per i capelli.
“In ufficio mi piace solo la fica.” gli risposi mentendo “Solo che lei sta già scopando con chissà chi.”
“Magari dopo la chiamiamo così vediamo chi è più troia fra voi due” propose allora Giacomo “Intanto dammi il culo così ti porti in vantaggio.”
Federico s'alzò per permettermi d'infilarmi il cazzo dell'amico nel deretano quasi sedendomi sopra, ma una volta che questo fu dentro di me, mi fece bloccare da Giacomo prima di puntare anche il suo pene verso il mio ano.
“Ora ti facciamo vincere il primo premio.” mi disse spingendomi dentro il retto la cappella.
“No due nel culo no !” cercai di protestare pur sapendo che sarei rimasta inascoltata.
“Taci troia !” m'apostrofò Giacomo spingendomi dentro mezzo cazzo “Così impari a fare la puttana col primo che incontri. Ora infilati almeno due dita nella fica o ti porto a battere sul lungomare.”
In realtà non c'era bisogno d’alcuna minaccia, perchè dopo un po' di dolore all'inizio di quella perversa doppia penetrazione, stavo godendo senza riuscire in alcun modo a nasconderlo, e masturbarmi fu l'unica maniera di dare un po' di piacere alla mia passera.
Mi mossi solo quando i due arrivarono quasi all'orgasmo, allora mi fecero sdraiare fra loro per poi venirmi in faccia e farsi quindi pulire le cappelle a colpi di lingua.
“Fatti una foto con la faccia piena di sborra.” mi disse Giacomo mentre si rivestiva “Così domani la fai vedere alla tua amica per mostrarle quanto sei troia.”
“E magari anche lei vuole farsi una bella scopata con noi due.” gli fece eco Federico.
Non risposi distrutta com'ero da quel rapporto, così come non dissi nulla quando uscirono dalla mia stanza.
Solo dopo quasi mezz'ora riuscii ad alzarmi per andare in bagno, ma una volta arrivata davanti allo specchio, uscì nuovamente fuori tutta la perversione che avevo dentro.
La ragazza che era riflessa allo specchio aveva il volto pieno di sperma, e non so il motivo, ma ne presi un po' con un dito per poi portare questo alla bocca per pulirlo. Pian piano bevvi ogni goccia del piacere dei due ragazzi, sentendomi sempre più eccitata, tanto che non riuscii a fermare l'altra mano che scivolò fra le mie gambe. Iniziai così a sditalinarmi infilandomi sempre più falangi dentro la fica, sino a quando non mi ricordai che avevo portato un paio di vibratori con l'idea di usarli con Manlio. Presi allora i due giocattoli dalla borsa per poi sdraiarmi al centro del letto ed infilarmeli nella passera.
Pensai a quanto dovevo essere porca per arrivare a masturbarmi dopo essermi fatta scopare da due ragazzi, ma la voglia d'orgasmo era tale da cancellare ogni altro pensiero.
Venni strozzandomi in gola un urlo di puro piacere, crollando nuovamente in uno stato dove benessere e stanchezza andavano a braccetto.
Quando però mi rialzai fu solo per sistemarmi per la notte, ma prima d'addormentarmi decisi che se non il giorno dopo, almeno in quelli seguenti, avrei confessato tutto a Manlio, non trovando giustificazioni per nascondergli quella che stavo scoprendo d'essere, anche perchè se stavo scoprendo una nuova anima, un po' era anche colpa della sua idea del sesso.


Invito tutti a visitare il mio piccolo blog
http://serenathemiss.wordpress.com/