i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy webcam Chat  | ChoCam Mature webcam  |  Live18 |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Io e mia sorella avevamo seguito i miei genitori in occasione di una vacanza nei mari del meridione.
E ci andammo volentieri perché con noi venne anche il mio migliore amico Nando.

Con lui condividevo molti interessi, a cominciare da quello per la musica. Avevamo avviato un gruppo musicale che faceva ricerca in ambito delle tradizioni musicali popolari. Fummo i primi, in quel periodo a fare un simile esperienza. Ne eravamo orgogliosi e cominciavamo a ricevere chiamate per serata da tutta Italia.

E a proposito di serate, avevamo in programma, proprio in mezzo al periodo di quella vacanza, dicevo, avevamo una data per una festa di paese in Abruzzo.

Il giorno prima della serata, di buon mattino, partimmo io e Nando per raggiungere gli altri due componenti direttamente sul luogo del concerto. A noi si volle aggregare mia sorella. Aveva appena festeggiato diciotto anni, la sera prima. E i miei genitori, che si fidavano di me (e anche di Nando, che conoscevano sin da quando eravamo ragazzini) le diedero il permesso.

Pieni di entusiasmo ci sobbarcammo l’impresa di farci quei seicento chilometri che ci dividevano dalla meta.
Fu un viaggio piacevole, provavamo i brani in macchina, alternandoci alla guida e alla chitarra.

Ogni tanto beccavo mia sorella, che ha sempre avuto un debole per il mio amico, guardare Nando con aria sognante e ammirata.

E già durante il viaggio, la mia mente stava elaborando qualcosa di porco, perché le mie palle, nel vederla così, si agitavano dentro lo scroto.

Arrivammo la sera prima del concerto, pernottando in una casa che i genitori del mio amico avevano da quelle parti.

Io e Nando siamo coetanei. In quella casa, l'estate prima, da soli, ci eravamo avventurati a scambiarci attenzioni con la bocca ai rispettivi uccelli.

Prima di mezzanotte siamo sotto casa.

Una volta scaricati i pochi bagagli e gli strumenti, cominciamo a fare ipotesi su come organizzarci per dormire.
La nostra pigrizia (e la mia malizia) ci indusse ad approntare un solo lettone matrimoniale, per dormire tutti e tre insieme.

Io ricordo benissimo con quale intento avevo pilotato verso quella scelta: dicevo che mia sorella aveva un debole per il mio amico. Questa cosa, abbinata al fatto che io avevo una gran voglia, già allora di fare il porco ad ogni occasione mi si presentasse, mi fece intuire che quella era una occasione da non perdere.

Finalmente ci mettiamo a letto.

Un attimo prima di assegnare i posti, e visto che Nando si era già accomodato su un lato del letto, io azzardo a dire a mia sorella di porsi lei nel mezzo, perché io la notte avrei avuto bisogno di alzarmi per bere…

Passano le ore ma non dormiamo.
Non riusciamo a prendere sonno.
Nessuno di noi tre.

E il motivo di tanta insonnia, non era perché facesse poi così caldo. anzi...

Chiacchieriamo…
Chiacchieriamo…
Chiacchieriamo…
Chiacchieriamo, per ore.

Era percettibile una tensione diversa da quella che ci aveva accompagnato durante il viaggio.

Una tensione che si manifestava partendo ogni volta da punti diversi e approdando sempre a qualcosa che aveva attinenza col sesso.

L'eccitazione e la confusione che ne derivava, mi ha lasciato nella memoria pochi ricordi. Pochi ma chiari. Come ad esempio il fatto che io ad un certo punto dissi: “Bhè... se volete approfondire il discorso mi faccio da parte; non dovete preoccuparvi di me".

Il discorso era approdato, ancora una volta, al tema sesso.

A quella mia dichiarazione di intenti, seguì un momento di imbarazzo notevole. Sia Nando che mia sorella farfugliarono qualcosa ma senza approdare a nulla. Io concludo, allora, che per rompere il ghiaccio devo essere io a prendere l'iniziativa.

Ingenuamente penso che se mi allontano per un pò, magari, loro si sciolgono e cominciano a pomiciare.

Così, mentre sto andando in bagno annuncio che ne avrò per un po'.

Esco dalla camera e mi apposto nella penombra del corridoio; dalla porta aperta posso mantenere la visuale del letto senza essere visto.

Aspetto, un pò...
Sbircio...
Osservo...
Spero...
Guardo meglio...
Acuisco i sensi, attento come un felino, aspettando che qualcosa accada.

Loro sono immobili, distesi. Guardano il soffitto.

Sbircio e constato che sono troppo distanti tra loro, perché possa esserci un contatto.

Non dispero. Confido nel fatto che Nando possa essere arrapato e approfittare del bocconcino che gli ho offerto su un piatto d'oro.

Un bocconcino che, io lo sapevo, non vedeva l'ora che lui facesse il primo passo.

Decido di aspettare ancora...
Passano molti minuti... troppi!

Spero di intercettare con i miei sensi, qualche segnale che mi indichi l’inizio delle danze ma…
Ma... Ma, macchè!

Sono sempre immobili e silenziosi.

Troppo statici.

Basta! Decido di agire.

Spero valga la pena osare.
Se non per rendere reale la possibilità che accada qualcosa, almeno per chiarire definitivamente che non c'era speranza; "In fin dei conti - pensavo - se è tutto un equivoco, una visione malata e perversa della mia percezione, sarebbe meglio addormentarsi senza perdere altro tempo".

Mi riaffaccio alla loro vista, lasciando intendere di essere stato in bagno

"Bhè!? - dico - tutto bene?".

Mi siedo a gambe incrociate sul letto, accanto a mia sorella: "Sembrate due mummie!"

Ridono...

Non ho bisogno di altro; ho capito come agire.

Mi rivolgo a mia sorella, con tono suadente e ammiccante, per chiederle se ride così perché si sente è in imbarazzo.

Se avesse detto di no, avrei provato un'altra strategia. Invece lei annuisce col capo.

"Ci siamo!" grido dentro di me.

Il suo annuire guardando in basso aveva per me il significato di una certezza. Ora sapevo che qualcosa sarebbe accaduto. O meglio, avrei fatto accadere.

Senza dire nulla presi il polso di Nando accompagnandolo verso il pube di mia sorella.
E subito dopo accompagnai la mano di mia sorella appoggiandola sul cazzo di Nando.

Da lì, fui spettatore. Solo spettatore...

Spettatore di quello che, ne sono convinto, sia stato lo spettacolo che mi innescò il germe del guardone.

Divenni in quell'occasione un voyeur di lusso: guardare mia sorella, giovane e inesperta, prendere in bocca il cazzo al mio migliore amico. UAOOOO!

Un'emozione indescrivibile!

Mi batte il sangue alle tempie al ricordo di vederla socchiudere gli occhi, muovendosi goffamente, con poca dimestichezza, con la testa avanti e indietro.

Vorrei sborrare anche ora mentre mi rivedo a studiare ogni dettaglio del suo viso e del suo corpo che reagiva, perdendosi nel piacere che le dava evidentemente la sensazione di quella cosa nuova.

Ero sicuro che, ad eccezione dei nostri giochi di infanzia, che non aveva avuto molte esperienze con i ragazzi.

Era troppo bella per rendersi facilmente abbordabile o appetibile.

Il mio amico volle ricambiare le attenzioni della bocca di mia sorella, con altrettanta generosità. E mentre Nando le succhiava la fichetta, mia sorella mi teneva la mano. La senti esplodere in due orgasmi mentre Nando suggeva il nettare della sua profumata fichetta.

Sembra che al secondo orgasmo di mia sorella tutto fosse finito ma quando Nando mi guardò, come a cercare il mio consenso; io gli sorrisi e mi avvicinai a mia sorella e le chiesi sussurrando: “Sei pronta?”

Lei non mi rispose ma i suoi occhi mi dissero di si…

Anche Nando colse quel silenzioso "si". Si portò su di lei, le carezzo le labbra della passerina con il glande e prese a penetrare quella fichetta stretta. Pareva non volesse decidersi ad entrare.

Iniziò lentamente, fermandosi ogni tanto per poi riprendere, spingendo appena un po’ di più.

Ad ogni piccolo affondo, mia sorella gemeva.
E lo faceva con una voce che non le conoscevo.

Una delle cose che mi colpì di più, allora, e che mi fa sborrare nel ripensare a quei momenti, erano le natiche del mio amico, che si contraevano nel movimento necessario a portare i suoi affondi nella vagina vergine.

Dopo un po', cominciò a spingere più velocemente e più profondamente. I colpi si fanno più intensi e veloci, mia sorella asseconda le bordate del mio amico che, con un grugnito soffocato, estrae il cazzo e spara forti innumerevoli schizzi sulla pancia e sulle tette di mia sorella.

Avrei voluto succhiargli il cazzo, al mio amico.

Ma, per chissà quale pudico motivo, non volevo che mia sorella pensasse a chissà quale rapporto omosessuale intercorresse tra me e lui.

Nando che, dopo aver goduto, pulì delicatamente col lenzuolo lo sperma sul corpo di mia sorella si accasciò sfinito sul lato del letto.

Fu quello, il momento che osai davvero troppo.
Fu quello il momento che io presi consapevolezza di essere davvero un gran porco.

No... non mi scopai anche io mia sorella.
Volevo regalarle un ulteriore piacere: mi posi con la tesa tra le sue cosce ancora aperte e iniziai a leccarle la fica fino a farla sprofondare in un altro orgasmo.

Un orgasmo che la fece sussultare, forte.

Era come se avesse accumulato tensione erotica per anni e l'avesse liberata tutta in un'unica soluzione, tutta insieme, in quel momento...

Mi illudo che quel deflagrante orgasmo fosse dovuto al ricordo dei nostri giochi di infanzia o, forse, determinato dal fatto che sapevo come procurarle piacere: io conoscevo bene la sua anatomia.

Per me fu come se non fossero passati dieci anni dall’ultima volta che gliela leccai.

Mi masturbai mentre leccavo quella fica familiare.

Non gustavo così tanto una fregna da quando avevamo interrotto quel nostro rapporto incestuoso.

Percepivo il profumo dei suoi umori, misti a quelli della carne del cazzo di Nando e allo sperma ancora fresco depositato poco prima sul suo pancino.

Un attimo prima, proprio come facevamo da piccoli, un attimo prima di venire mi alzo e mi pongo in ginocchio portandole il mio cazzo a portata delle sue labbra.

Pochi secondi dentro la sua bocca ed esplodo.

Rispetto a quando eravamo piccoli ora quel gioco era arricchito di un nuovo elemento: la sborra.

Al primo schizzo copioso, la vedo sgranare gli occhi.

Per un piccolo istante lascia intendere che vorrebbe ritrarsi ma poi evidentemente ci ripensa. E si ingoia tutto…

Ci addormentammo...

E il giorno dopo, tutto come se niente fosse accaduto.

E nulla accadde più tra noi, da allora.
Note finali:
per eventuali commenti in privato: Lorenzonottola@live.it
altri miei racconti:
confessionidiunerotomane.blogspot.com
raccontieroticieporchi.blogspot.it