i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy webcam Chat  | ChoCam Mature webcam  |  Live18 |

[ - ] Stampante Capitolo or Storia
Indice
- Text Size +
1
Mi chiamo Giovanni ma tutti mi chiamano Joe o John. Ho diciotto anni, frequento l'università, Archeologia, con risultati non eccelsi ma sufficienti diciamo....
Quattro anni fa mia madre è morta di quella brutta malattia che sembra un segno zodiacale e da allora siamo rimasti solo papà, mia sorella ed io.
Papà fa intermediazioni immobiliari fra Italia e Cina quindi è spesso all'estero anche per quindici giorni di fila. Mia sorella studia Arte a Firenze e vive la quasi tutto l'anno quindi, di fatto, sono praticamente solo.
Visto che ero ancora minorenne mio padre mi ha messo in casa una badante di origine russa. Un donnone di quasi cinquanta anni che di bello aveva solo due tette grosse come due angurie che ciondolavano ad ogni passo.
Forse è per quello che ho cominciato ad avere questa venerazione sia per le tette enormi sia per le donne mature o forse ero già così da prima visto che anche le altre familiari tipo mia zia o mia nonna hanno delle pere che sono uno spettacolo.
L'unica piatta era la mia povera mamma che non mi aveva nemmeno potuto allattare al seno per una mastite. Di preciso non so quale di questi eventi mi abbia reso così “tettomane” ma di certo, Nania, la badante fu l'evento scatenante.
In pratica dopo due mesi che mi faceva compagnia e che mi facevo un sacco di seghe spiandola finimmo a letto insieme.
La cosa fu molto diretta come nel suo carattere. Ero sotto la doccia e mi ero pure fatto un segone quando lei entrò perchè non avevo asciugamani.
Io ero li col cazzo ancora eretto (è un po una mia particolarità: schizzo almeno tre volte prima che si ammosci) . Nania mi guarda col suo faccione rubicondo e sorride. “Tu fatto un bella sega”.
“Una sega. Femminile ma non hai ancora imparato” mormorai minimizzando sul fatto che dalla cappella mi colava un rivolo di sborra.
“Tu hai bel cazzo da uomo” disse gentile.
“Bhe.... Grazie.....”.
“Molto bello grosso” aggiunse esaltandomi un po.
Sorrisi. Lei ammiccò e senza esitare aveva già la mano sul mio uccello.
“Tu vergine?”.
“Emmmmm.... Si” ammisi mentre sentivo le sue tettone strofinarsi su di me.
Mi avventai su di lei mentre la sua mano sapiente mi segava alla grande. Via la camicetta, via la gonna, via le mutande (orrende) e via il reggiseno da elefante.... Le lasciai solo le calze autoreggenti color carne che mi eccitavano da matti.
Ora con quelle tette in tutto il loro splendore fu un sogno che si realizzava. Nania si chinò in ginocchio, si fece scivolare il cazzo fra le tette e aperta la bocca mi fece la mia prima ed indimenticabile spagnola.
Non durai molto, meno di dieci minuti, ero troppo eccitato. Alla fine mi partì uno schizzo che quasi le fece una doccia. Faccia, bocca, tettone...tutto inzaccherato del mio sperma.
“Ora devo fare io doccia” disse senza lamentarsi.
Io, ormai convinto di guidare il gioco la invitai a entrare e le aprii pure l'acqua. In realtà tutto volevo tranne che farle fare una doccia tranquilla.
Olga lo capì appena sentì la mia presenza dietro la schiena.
“A porcellone tu.... A vuole ficona di Nania porcello”.
“O si, la voglio tutta. Te la tappo” sussurrai.
Lei tutta mansueta allargò le gambe quel tanto che bastava, me lo prese con la mano e se lo guidò dentro.
Sapeva che non ero esperto e si impalò tutta spingendo per farselo entrare fino ai testicoli.
In seguito mi avrebbe confessato che mancava dal suo paese da cinque anni e che da allora non aveva mai più fatto sesso quindi aveva anche lei una voglia incredibile pari se non superiore alla mia.
Facemmo la nostra bella pecorina con l'acqua che ci cadeva addosso. Dai gemiti e dagli urlì Nania ribadì che avevo un cazzo molto sopra la media e si fece venire dentro senza tanti problemi.
“Sborrooooooooooooooooooooo!” urlai con tutto il fiato che avevo mentre sentivo di aver finalmente posseduto la prima donna della mia vita.
Da quel giorno cominciammo a scopare il più possibile. Nania veniva a letto con me ogni notte e anche di giorno non capitava mai meno di due volte che i miei ormoni impazziti richiedessero un suo “aiuto”.
Scopammo ovunque. Sul divano, in cucina, sulla lavatrice, sul lavandino mentre lavava i piatti e addirittura sul balcone mentre stendeva i panni.
Dopo una quindicina di giorni acquisita una certa padronanza del gioco le presi anche il culo togliendole l'ultima verginità che aveva conservato per tanto tempo. All'inizio fu doloroso per entrambi ma poi piano piano ci fece l'abitudine. Dopo un mesetto dal giorno della doccia la scopavo minimo 3 volte al giorno con punte di 7 volte e un record di 10 una domenica che aveva messo le calze a rete nere. Culo, fica, bocca. Mi dava tutto in ogni posizione e con grande entusiasmo e non si tirava mai indietro ma, il meglio restavano sempre le spagnole fra quelle sue enormi tette. Le succhiavo, le strizzavo, le adoravo. Le chiedevo di girare senza nulla in casa anche quando faceva solo i lavori perchè guardarle era già uno spettacolo. Adoravo quando si chinava in avanti e i due cocomeri penzolavano tesi al massimo. Mi piaceva contare le nervature delle poppe, mi piaceva metterci la testa in mezzo e sentirne il profumo....
Era il paradiso. Speravo sempre che papà non rientrasse mai a casa per poter fare il porco con Nania come mi pareva.
Naturalmente tutto ha un rovescio della medaglia i nostri furono due. Il primo, più grave, dopo sei mesi di sesso intensivo: quindi, calcolando una media di tre al giorno, parliamo di almeno 600 scopate Nania si accorse di essere incinta. A nessuno dei due era mai venuto in mente che pur se matura la badante non era ancora in menopausa.
L'altro rovescio, più grave, fu doverlo dire a mio padre. Nania, per fortuna, non voleva fare casini. Nessuno l'aveva costretta e tutto ciò che era accaduto era stato consensuale. Non mi chiedeva di pensare al bimbo (che comunque era decisa a tenere) ma voleva solo del denaro per tornare al suo paese.
Quando papà seppe che l'avevo ingravidata io sgranò gli occhi incredulo anche se non mi disse mai nulla era evidente che la cosa l'aveva lasciato di stucco.

Non rividi mai più Nania. Non so quanti soldi le passò papà ma la donna sparì quel giorno stesso e anche anni dopo non riuscii più a ritrovare le sue tracce. Potere dei soldi.
Per me la punizione fu di restare da solo. Ormai ero quasi maggiorenne, potevo cavarmela da solo e sarebbe bastata una donna ad ore due volte la settimana.
Probabilmente per essere certo che non ricadessi in tentazione papà mi mandò una Filippina alta un metro e un tappo, senza seno e pure un po mascolina di faccia. Assolutamente inchiavabile!
Così mal volentieri tornai alle pippe quasi ogni sera anche se, per fortuna riuscii a sedurre Gianna la tettona del bar sotto casa. Una quarantenne separata, non bellissima e molto volgare con una sesta che le penzolava dietro al bancone ad ogni caffè.
Non era uno splendore e l'aveva già data a mezzo paese ma non mi importava. Per svuotare la canna ogni tanto andava benissimo.
Ci furono anche un paio di avventure con una vedova di 60 e con una pensionata che amava i ragazzini e che per darmela mi obbligò a depilarmi ogni pelo del corpo ma ve le risparmio.
Fatto sta che, a parte qualche serata al cinema o per un drink con le mie coetanee non riuscivo ad accendere scintille. Era come se fossi timido all'inverosimile con loro mentre eruttavo come un vulcano con le mature.
E poi, tanto per complicarmi la vita arrivò Maria....