i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy webcam Chat  | ChoCam Mature webcam  |  Live18 |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Ecco a voi alcune mamme e sorelle porcelle come da confessioni ricevute:
***
Ho dovuto “raddrizzare” mio figlio
Ciao, sono Licia e ho 35 anni e per quanto folle e perverso possa sembrare questo metodo funziona sul serio. Non era mia intenzione scrivere su questo sito, perchè non voglio farlo sembrare solo un racconto erotico dato che è tutto vero, ma su siti di psicologia educazioni e femminili che conosco ho provato a scrivere e chiedere la pubblicazione ma è sempre stata rifiutata perchè violava le loro regole...non me la sento di dargli torto, ho cercato di raccontare tutto nel modo più casto possibile ma la sostanza era quella e fino a qualche tempo fà l'avrei schifata anche io una storia simile.
Mio figlio a 16 anni è mezzo è arrivato a combinare casini tali da vergognarci e preoccuparci, vergognarci per i continui richiami da scuola e da genitori di compagni di scuola e preoccuparci per come andava a scuola e sul futuro. Andava male perchè non perchè non si applicava ma non studiava proprio, scoprimmo che faceva il bullo a scuola e si faceva fare compiti da altri e aveva diversi ragazi che teneva di mira chi per soldi chi per offendere e via dicendo. Questo nonostante sia cresciuto in una famiglia benestante e per bene, educato e senza fargli mancare nulla. Sono sposata e mio marito ha 38 anni e non ne poteva più di umiliazioni che gli causava il figlio lo dava per spacciato e on lo ascoltava, solo me sentiva se gli girava bene. L'ho beccato un sacco di volte a vedere cose pornografiche al computer e sul cellulare ed erano gli unici momenti in cui se ne stava calmo e li ho avuto l'idea di tutto sapendo da tempo che aveva un debole per me da come mi guardava e diventava mansueto con me. Ho dovuto solo capire se ne fossi stata veramente capace di farlo prima di dirglielo e poi l'ho detto. Il voto minimo per doveva essere assolutamente il 6 non meno e avrebbe potuto solamente palparmi, col 7 mi scoprivo solo le gambe o levavo la gonna, con 8 mi scoprivo i seni, col 9 levavo le mutande col 10 nuda completamente. Non mi ha creduta all'inizio anzi si incazzo perchè credeva che lo prendessi per il culo e gli dissi di avvicinarsi e toccarmi allora e lui lo fece senza un briciolo di contegno, mi mise le mani ovunque e fu li che comincia a raddrizzarlo, lo allontanai con una spinta e gli dissi che se io gli offrivo quella oppurtunità doveva giurare di ascoltarmi e fare quello che gli dicevo e gli offrivo e comportarsi con rispetto nei miei confronti e non andare oltre quello che gli davo e si meritava se accettava. Per convincerlo gli dissi che se superava l'anno con la media dell'8 facevo sesso con lui. Questo successe a Ottobre 2015 dopo che aveva già perso un'anno, sospeso una volta e richiamati da scuola, professori e genitori di compagni non sò nemmeno quante volte. Mi chiese un sacco di volte se mantenevo la parola sulle cose promesse e che non avrebbe accettato prese per il culo e si mi se veramente a studiare. Chiaramente doveva smetterla anche di fare il prepotente, bollo e lasciare stare i compagni e lo fece.
Solo a Gennaio 2016 iniziò a prendere le prime sufficienze ed io a mantenere la promessa, mi feci palpare da vestita dove voleva ma non doveva esagerare e andare oltre quello che gli permettevo altrimenti si giocava tutto e fine. Da allora è cambiato tutto era sempre sui libri ed eravamo noi a dirgli che poteva, anzi doveva, staccare ed uscire e scoprimmo che era stato uno dei suoi amici a istigarlo a seguire il suo esempio per avere la sua amicizia e del suo gruppo di ragazzi e ragazze e che ora lo prendevano di mira come lui faceva prima con gli altri da quando lo avevano visto rigare. Non volle che facessimo nulla, disse che sarebbe stato peggio così per lui a scuola a fare la spia e denunciare suoi compagni mentre ora era solo un fastidio e che si sarebbe fatto rispettare e così fù. Da allora furono solo 6 e 7 e al primo 8 ora come avesse il fuoco addosso in attesa del suo "premio", poteva solo toccarmi i seni, non gli avevo detto che poteva anche succhiarmi dai capezzoli ma lo fece lo stesso e lasciai stare.
***
Con mia sorella tutto è iniziato da bacetti dolci
ciao mi chiamo Michele, voglio raccontarti la mia esperienza che ho avuto con mia sorella alcuni anni fa. oggi ho 42 anni lei ne ha 32, all'epoca dei fatti lei ne aveva 13 io 23. Lei Flavia, è molto attaccata a me, e giocavamo sempre insieme. io in quel periodo ero sempre in piena tempesta ormonale, cercavo fiche ovunque, e il fisico di mia sorella cominciava a cambiare e diventare donna... spesso ci coricavamo al pomeriggio per il riposino insieme e capitava a volte che le carezzavo la fichetta senza che nessuno ci vedeva fino a farle avere degli orgasmi sommessi.... accadde tutto un giorno, eravamo soliti andare a trovare nostra nonna materna che aveva una grandissima soffitta che usavamo come camera dei giochi, avevamo tutto la su, e nonna era sicura di farci stare li perche non vi erano pericoli. era primavera e i vestitini di lei cominciavano ad essere leggeri, anche la sua curiosità nel campo sessuale cominciava a crescere e giocando e scherzando a darci cuscinate, ci cominciavamo a toccare sempre di piu. Lei era alta poco piu del metro e sessanta, capelli lunghi fino al sedere castani e occhi verdi, magra, con un bel culetto e una seconda misura con due boccioli rosa deliziosi.
Dalle carezze alle prese per tenerci bloccati e mentre giocavamo, mi ritrovai a tenerle entrambe le mani sui seni e lei non faceva nulla per spostarle, al che guardandoci negli occhi senza dirci nulla ci siamo baciati, prima bacetti leggeri e veloci poi sempre piu lunghi e profondi. ricordo ancora il suo sapore delizioso, le mani che cominciano ad esplorare... le tolsi il vestitino che indossava, sotto aveva solamente le mutandine ancora da bambina i seni erano liberi e cominciai a succhiarglieli... io avevo gia alcune esperienze e sapevo come far godere una ragazza, perche lei ora questo era non era piu mia sorella... si sentivano solamente i suoi mugolii di piacere... mi fermò e mi fece spogliare e distendere sul tappeto ... comincio ad osservarmi e con fare deciso andò ad assaggiare il mio cazzo con la bocca. era la prima volta che ne vedeva uno ma da come mi disse con le sue amichette a volte ne avevano parlato ... la feci girare e tolte le mutandine la misi in un favoloso 69 dove potei assaggiare gli umori virginei che le colavano senza che lei si staccasse un secondo dal mio cazzo. quando raggiunse il suo primo orgasmo ci fermammo un secondo e la sdraiai di schiena salendole sopra per darle bacetti e coccole. il mio cazzo era ancora in tiro e premeva sulla sua micina, baciandola ancora e giocando con i suoi seni piano piano comincia a sfregare il cazzo sulle sue labbra vaginali, ci guardammo e ci baciammo di nuovo, e lei , ricordo come ora le sue parole, staccandosi mi disse, lo voglio. era la prima volta che avevo una fica vergine di fronte a me, feci piano le puntai la cappella sulle labbra e piano cominciai a spingere arrivando al punto di non ritorno per lei. Feci piu forza e entrai in lei con tutta la mia lunghezza lei non senti molto dolore nel perdere la verginità. rimasi piantato in lei a fondo per un po per poi cominciare a muovermi portandola presto al suo primo orgasmo. le piaceva e ci stava prendendo gusto, assecondando le mie spinte col bacino . ci baciavamo , le succhiavo i capezzoli le i si dimenava tutto in silenzio solo dei mugolii e io che le sussurravo nelle orecchie che la amavo. ma l'inesperienza e la giovane età mi fece commettere un grave errore. ancora pochi colpi e sentendola venire di nuovo, venni anche io scaricando sei o sette potenti schizzi di sperma giovane e bello carico nel suo fertilissimo utero. appena venuto non realizzammo subito quello che era accaduto, anzi lei se ne stava tranquilla e pure io. dalla sua giovane fica sgorgava un liquame biancastro con striature rosè. lei mi abbraccio e disse ti amo. poi dopo mi disse che era preoccupata perche si stava rendendo conto che le ero venuto dentro e poteva essere rimasta incinta. ci colse subito il panico, lei tentò di tirare fuori tutto spingendoe piangendo io cercando di rassicurarla cdi stare tranquilla e di ricordare quando aveva avuto il ciclo e quando le doveva tornare.mi disse che le doveva venire tra 3 giorni. ora so che fortunatamente in quel periodo è difficile rimanere incinta anche se giovani e con spermatozoi e ovuli belli carichi, ma all'epoca eravamo nel panico. ci rivestimmo e tornammo a casa . i nostri ci videro un po tesi ma dicemmo che era per la scuola e amici... 3 giorni dopo le venne il ciclo e la cosa finì li. dopo quella volta abbiamo fatto ancora sesso altre volte ma stando molto piu attenti. ora io sono sposato ed ho 2 figli, lei convive e ne ha uno ed uno in arrivo tra 4 mesi, una femminuccia. questa volta non siamo stati attenti l'ultima volta che ho scopato mia sorella le ho scaricato in utero tutto il mio amore mentre lei come le prime volte urlava il suo orgasmo con me. ma non ce ne facciamo troppo peso... nessuno se ne accorgerà e amo mia sorella tantissimo per questo.

***
Se il cognato è in Romania….
Ho dei rapporti sessuali con mia sorella dall'anno scorso, avevo appena 18 anni e lei 28, non è esattamente una gnocca ma è pur sempre una bella ragazza e come avrei poi scoperto a letto ci sa fare eccome! Comunque lei aveva partorito la mia nipotina tre mesi prima, mio cognato era sempre in Romania per gestire la sua azienda e mia sorella lì non ci voleva vivere, non riusciva ad adattarsi. La lontananza da proprio partner quindi ha giocato a mio favore, poi il desiderio di appagamento sessuale che è un 'esigenza fisiologica e il fatto che comunque mi considerasse un bel ragazzo hanno fatto il resto. Una sera ero passato da lei a sincerarmi che fosse tutto a posto, stavamo sul divano a chiacchierare e scherzare, lei si avvicinava sempre di più a me fino a quando ha cominciato a baciarmi, io ho ricambiato con piacere e lei ha cominciato a sbottonarsi la camicetta e mi ha invitato a palparle il seno, poi all'improvviso è salita a cavalcioni su di me, ha alzato la gonna e slacciato i miei pantaloni, io l'ho guardata un pò scioccato, non sapevo cosa fare e lei mi ha pregato di lasciarla fare perchè aveva troppa voglia e di non dire nulla altrimenti sarebbe scappata via per la vergogna.....Secondo me il rapporto sessuale che abbiamo avuto quel giorno, così come tutti gli altri che sono venuti dopo, non si possono descrivere, perciò non tenterò di farlo. Posso solo dire che io ho, comunque la mia vita, ho altre donne con cui faccio del buon sesso occasionalmente, ma nulla a che vedere con il rapporto incestuoso, da un appagamento di sensi e degli orgasmi di piacere che solo chi li ha provati può capire. da un anno a questa parte facciamo sesso quando ci va, suo marito sta sempre in Romania e ricompare si e no una volata al mese, credo che di fatto si siano lasciati ma son fatti loro e io non metto bocca, ritengo che la situazione attuale stia bene a tutti ed io farò sesso con mia sorella fin quando potrò!!!

Leggete questi ed altri racconti sul mio blog: amoreinfamiglia.blogspot.it
Note finali:
Leggete questi ed altri racconti sul mio blog: amoreinfamiglia.blogspot.it