i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy webcam Chat  | ChoCam Mature webcam  |  Live18 |

[ - ] Stampante Capitolo or Storia
Indice
- Text Size +
Note:
Non è per tutti
Note dell'autore:
Ho voglia di fotterti.
Ho voglia di fotterti.
In genere mi considero una persona normale. Normale l'altezza, normale il peso, normale il colore degli occhi, normale il colore dei capelli, normali le mie reazioni al sesso, se si vuol considerare normale avvertire e rispondere a tutte le sollecitazioni, da qualsiasi "genere" provengano. Le misure dell'organo sessuale sono normali. Il mio mondo, come lo considero io, è normale. Normale fino alla noia.
Eppure stamani mi sono alzato con una voglia anormale. Quella di fotterti. Fotterti, sì nel senso di "possederti". Non so se anche tu ce l'hai questo desiderio. Certo io non posso reprimerlo.

E sono corso a cercarti. Per fortuna eri a casa tua. "Stavo per uscire..." - sembravi interdetto nel vedermi. Poi mi hai guardato meglio, quasi per scoprire: "Che diamine vuole, qui, a quest'ora insolita?" - assumendo un'aria interrogativa. Quindi hai capito. "Dai entra!" - mi hai invitato. Uno sguardo intorno per vedere se ci fosse nessuno lì fuori, oltre me, e hai chiuso la porta.
Con una mano sulla spalla mi hai pilotato in salotto. Luminoso, affacciato sul terrazzo a vista mare, era in simbiosi col panorama marino che esplodeva dalla vetrata della stanza. Il tavolo rotondo di cristallo, le gambe arcuate e dorate, come le sedie, imbottite di un tenero tessuto a righini azzurri e bianchi, della stessa tinta del divano, era come racchiuso in uno scrigno che si rivelava, offrendomi le meraviglie che racchiudeva in tutta la loro bellezza.Non c'ero mai stato in quella stupenda camera. Ti sei affrettato a chiudere le tende sull'ampio cristallo a parete della vetrata. Subito i toni si sono smorzati. Sembrava stare in un acquario, tanto l'azzurro si diffondeva nella stanza.

"Aspettami..." - e mi hai lasciato, stordito dallo stupore. C'era calma, tranquillità, quando una musica delicata ha cominciato a diffondersi. Non so dire se fosse quella, ma somigliava ad "Ebb tide. " eseguito in modo sognante da Santo & Jonny. Dall'altra stanza mi sollecitavi: "Intanto spogliati. Mettiti a tuo agio...". Cominciai a farlo, mentre davo una occhiata ai personaggi che mi guardavano, affissi alle pareti.

Un'androgina odalisca mi fissava con un sorriso leonardesco che voleva dire tutto e nulla. Il corpo nudo era poco femminile, mentre il petto, per nulla prominente, aveva i capezzoli coperti da due dischi dorati da cui pendevano delle pietre preziose che si adagiavano sullo stomaco. La posa, discinta, era obliqua su di un sofà di un rosso scuro. Fortuny? Poteva essere. Dall'altra parte della parete una odalisca torceva la testa, adagiata sul letto, girando lo sguardo verso uno specchio, posto alle sue spalle, attraverso il quale mi osservava. Il personaggio era decisamente femminile questa volta. Si vedeva il seno rilevato e il delta di venere in primo piano, mentre i capelli corvini si distendevano sul cuscino. Sembrava fosse stata svegliata dall'importuno visitatore.Il tutto nell'alone misterioso di un rosso sangria.

"Vieni,,,!" compare il mio Adone! Sei qui, davanti a me, il ginocchio sinistro leggermente genuflesso, quasi a mostrarti nella tua abbagliante nudità, conscio del subbuglio che provochi in me. Mi accosto, ma ecco mi arresti la mano che avrebbe voluto toccarti, con atto sacrilego, la sequestri e la stringi nella tua, tirandomi, quasi a invitarmi a seguirti. Passiamo attraverso lo stipite di una porta. Entriamo in un'altra camera. Luci si soffondono da fonti nascoste. Il giorno si è eclissato per noi, lasciandoci nell'intimità sacrale del luogo.

Gli occhi si abituano alla differente illuminazione. È come uno sprofondare in una nuvola viola. Un profumo di giacinto bianco ci avvolge, stordendo i sensi. Ti accingi a baciarmi. Viso contro viso, avverto il calore del tuo fiato. Ci sfioriamo senza toccarci. Il gioco va avanti. Vorrei saltarti al collo e lasciarmi baciare dalle tue calde labbra, come sai fare tu, ma ogni volta che cerco il contatto ti discosti di un millimetro.E sia! Hai tu le carte in mano, sei tu che comandi. Conosci la potenza del tuo fascino e lo eserciti pienamente su di me. Sono tuo succube.

Il corpo si avvicina, i nostri membri si cercano, si toccano; tu sulla mia pancia, io, fra le tue gambe. Mi sovrasti di pochissimo, ma è come se fossi ai tuoi ordini. Ubbidiente aspetto la tua iniziativa. Ora strofini il sesso su di me, sulla mia pancia. Lo guidi verso il mio, lo circuisci, lo strofini, lo prendi in mano insieme al tuo. Mi stringo a te, cercando di contenere l'emozione che mi porterebbe in breve all'orgasmo. Mi cingi con le braccia, aggrappandoti alle mie chiappe che cincischi e modelli a tuo piacimento. Anch'io ti sono addosso e ti accarezzo sulla schiena, affondo le dita nei tuoi deltoidi, ti raschio, conto le vertebre ad una ad una.

Ti contieni, cercando di distrarre la tensione che ti ha preso. Mi allontani quel tanto che basta per accostare le labbra bollenti alle mie che si surriscaldano. Ora ci baciamo. Prima lentamente, sfiorandoci appena, poi incollandoci l'uno all'altro, per giungere ad un vorticoso cercarci, fino a penetrarci con l'umido strumento che ci lega, contorcendosi, nelle nostre bocche. Una sensazione viscida, come se stessimo mangiando un piatto di escargot, solo che sono vive, si muovono, articolano il loro desiderio di scendere nel profondo delle nostre gole, fino, quasi, a soffocarci.

Ti tiro sul letto, scivolando di sotto, e mi sei subito addosso. Mi guardi con quegli occhi di brace che infilzerebbero un qualsiasi cerbiatto, anche se non ho più l'età per esserlo. Ti sorrido felice di essere schiacciato dai tuoi muscoli guizzanti. Mi sorridi, ma l'occhio è tenebroso, d'assalto. Mi strofino sotto il peso che mi schiaccia. Ti sollevi sulle braccia, prima di sprofondarmi con un altro bacio appassionato. Oh, come ti desidero. Non so più da che verso, ma so solo che ti desidero. Il liquido pre-eiaculatorio ci inumidisce l'addome di un nettare propiziatorio.

"Tirati più su...!" mi consigli, indicandomi la testata del letto, intanto ti giri di lato, apprestandoti al tuo numero preferito. Un magnifico 69. Adagiato di lato, distinguo in primo piano il turgido sesso che si protende verso la mia bocca, mentre la borsa dei tuoi gemelli è anch'essa ridotta al minimo essenziale. La tua selva inguinale mi sfiora la bocca, mentre l'addome, plastico, si tende nella forma della tartaruga. Più su, il tuo petto è abbellito dai capezzoli altrettanto turgidi. Lontano, quasi all'orizzonte, imbocchi il mio cannolo. Lo sorbisci, succhiandomi tutto il contenuto delle mie vertebre .

Anch'io mi dedico al tuo piacere, anch'io spompino, succhio, bacio,ripasso il tuo prepuzio, lo batto con la punta della lingua, finché non cerchi di tirarmi all'orgasmo. "Nooo!" grido, temendo di perderti. Una botta sugli appendicoli mi fa torcere di dolore. Mi sembra che i testicoli siano rientrati e mugolo senza fiato. Guaisco come un cane bastonato. Ma tu ci sai fare e, mentre stringo le cosce, con le mani fisse nell'inguine, mi accarezzi il sedere e cerchi di lenire il mio strazio.

Finché mi calmo, tremando ancora. Ti avvicini a me. Anche la tua erezione non è più quella di prima. Mi getto sul tuo batacchio e lo imbocco. "Piano, mi fai male...!" mi dici. Io vorrei risponderti: "Non sai quel che mi hai fatto passare tu?!". Quasi leggendomi negli occhi, pronto, continui: "L'ho dovuto fare...Stavi arrivando e non potevo toglierti il piacere di continuare." "Lo so, amore mio. Hai fatto bene. solo così potevi arrestarmi. Soltanto che è molto doloroso. " "E credi che non lo sappia? Sai quante volte ho dovuto subire quell'umiliazione?". "Non mi va che mi parli di altri.." sostengo.

"Quanti ne hai avuti anche tu? Te l'ho mai chiesto? Io ti accetto così come sei. La perfezione non è di questo mondo. Ci amiamo: e questo basta." "Hai ragione. Spero solo che possa continuare a lungo." "Continuerà, continuerà..." mi soffi sul viso, mentre t'accosti per baciarmi. Ti sono al collo e ti stendo sotto di me. Mi lasci fare, come se fossi il cane chefa le feste al suo padrone. Ridi, mentre ti smanaccio, ti prendo, ti lascio, ti stiro. Ti abbraccio, il petto contro il tuo dorso.

Posizione delicata che prelude a sviluppi arditi. Ti gioco il sesso che s'ingrossa nella mano. La mia asta è rigida, pronta all'attacco. Tu la senti, la strofini con le chiappe. Siamo di lato sul giaciglio; ancora un poco e saremo un "unicum". Non ti tiri indietro, sei deciso, sfrontato, mi aizzi col tuo sedere. Me lo prendi con le chiappe e lo lasci andare. Ti sono addosso e fremo. Continui il gioco. Allora tendo la mia arma che s'inonda di liquido prostatico. Lo arresto nel suo vibrare dal desiderio che lo scuote. Ansimo sula tua spalla. Tu giaci aprendoti il più possibile. Accarezzo le crespe dell'ano, prendendone le misure.

Ah! Innesto la marcia e tu non fai altro che accoglierlo. Un leggero scotimento segnala che il tuo corpo ha avvertito l'assalto. Ora spingo, tenendo ferma l'asta nel senso di marcia. I tessuti cedono progressivamente alla pressione. Mi agevoli dilatando i glutei con le mani. Un'ultima spinta e l'asta penetra, scivolando all'interno. Ti accosti di più al mio inguine, tenendoti ancorato ai miei fianchi. La posizione è giusta, l'apertura è massima. Avverto il calore intimo dell'intestino sul mio cannone. Un sollucchero mi scioglie il cuore, mentre l'uzzolo di andare oltre già mi pervade.

Non posso fermarmi solo a godere del momentaneo possesso. Ti ho invaso, ma ora ti devo sconfiggere, umiliarti, sentirti...mio.Ti sto scopando. Il tuo corpo mi desidera ed io desidero te. Ti muovi col bacino, mentre cresce la mia voglia di possederti. Ti agiti, fremi, mi assecondi, mentre io non posso più frenarmi e stantuffo, stantuffo...stantuffo. Fino a sentirmi invadere la testa da un calore che dalle guance sale ...sale sino alla radice dei capelli. Ti fotto, ti fotto, ti fotto... e tu sei irrefrenabile nell'adeguarti al mio stantuffo. Pare che sia tu a pestarmi e non io, tanto ti agiti...

Ansimiamo, sfiatiamo...! Grufoli come un maiale, mentre io accelero, istigato dai tuoi rantoli. Sto per giustiziarti, ma, strano, sei più vitale di me. Quasi non ce la faccio più ad andare su e giù, mentre tu avanzi e indietreggi, infilandoti e sfilandoti dalla mia biella. Sei tu che comandi. Odo una voce che urla: "Ancora, ancora, ancora...!". Me lo ordini imperiosamente, ma io non ce la faccio più e chiudo gli occhi, abbandonandomi ad un moto scomposto. Avverto l'attrito del tuo corpo. Mi pare di scoppiare. E infatti esplodo. Una due, tre quattro, cinque, sei volte...in diminuendo continuo, arrestandomi sfinito sul tuo groppone.

Ti muovi a destra e sinistra, mentre i miei occhi ormai sono serrati. L'affanno mi distrugge e sento una sonnolenza che mi attanaglia. Galleggio leggero nel mio paradiso, mentre ti sfili da sotto facendomi ricadere a faccia in giù. Non so, né m'interessa, cosa tu faccia.
Ahiaaa! Un dolore lancinante mi sveglia dal torpore. Il tuo muggito pare un ringhio, un ruggito. Mi atterrisce. Ma ancora di più è il tuo pistone che mi dilata, mi penetra. Mi trapassa senza pietà. Il tuo spiedo vuole vendetta e sa con chi prendersela. Non posso né voglio difendermi e... Sono tuo!

Il tempo non ha più senso.

Ancora!
Godo, oh quanto godo! A più non posso, irrefrenabilmente. Lo trattengo a stento, stingendogli le reni con le mani. La carne combatte nel rovello fra il timore e il desiderio di essere devastata nella intima natura. Cede all’assalitore che penetra sempre più a fondo. La sensazione è quella di subire l’affondo di un coltello nelle viscere.
La lama bianca provocava l’intensa sensazione di calore che risale dall’addome fino al cuore, fino alla gola, fino al cervello. Ogni ostacolo è superato. Nego la volontà di oppormi. Si alternano ondate crescenti d’incommensurabile piacere, insieme a repressa, latente, profonda nausea. Non ho il tempo di soffermarmi sui miei patimenti, mentre gioisco dell’opera della trivella che scandaglia i visceri; col suo moto continuo risale e sprofonda. Scende, oh, come scende nel ventre gonfio di piacere.

Porta con se gli umori, i sudori, gli odori, i sapori dei due corpi inebriati; si confondono, miscelandosi nel gioco più antico del mondo. I seni gonfi, simili a quelli di giovane femmina, inturgiditi dall’afflusso violento del richiamo sessuale, drizzano ardite cuspidi, offerte in sacrificio alla blasfemia irriverente che succhia e sbava in rivoli della bocca affamata. La pelle, insultata dal maschio rampante, pena a compattarsi sotto lo sfregamento che l’arrossa nei punti di maggiore usura ma non cede, irretita, estasiata dall’irruente rincorsa.

Cavaliere e giumenta, amazzone e puledro. C’è chi monta e chi giace, senza soluzione. Ciascuno conduce a suo modo. Ma, ecco, il busto si torce, freme la mano, allargando e distendendo i glutei, divaricando l’ingresso all’ospite desiderato; s’inarca la schiena, l’addome, convesso, pende, partecipe nella tremebonda attesa del vile colpo, alle spalle vibrato. Che centri il concupiscente bersaglio in spasmodica voglia!

L’attacco è portata, alla fine si salda; sono un insieme con l’ospite che non chiede permesso, spavaldo! Attimi, secondi, secoli. Il tempo si ferma, mentre il moto continua. La mente traballa, s’accende. La fiamma ha facile esca nella trepida carne che crepita, si contorce, divampa. Arde il cuore che, potente, batte in sequenza, seguendo le regole del gioco. Il midollo è secreto, alimentando le gonadi.

Stuprata, sudata, latrice di amore pene e di pene, si riempie la tana al lubrico serpe che viscido avanza, vigoroso, con moto ondulato. Gonfia il collo l’anaconda nel profondo dello sfintere. Finché, stretti i polsi, in un ultimo ansito scalpita il seme a lungo racchiuso nei dolenti pendenti. La piena stracolma rompe gli argini e trabocca. Esonda! E dilaga e riempie il profondo fosso che umido gronda, colmo, stilla.

Le membra si calmano ora, disciolte, spossate; ansima il respiro. Ma, come subdola donna, sono ormai gravido nel deretano. Incollato al quarto di manzo squassato, a mia volta con rapida mossa lo giro e lo prendo. Nel vigoroso amplesso gli insinuo nel retto il cannello potente e rivelo il randello svelando il mio essere concupiscente. Ganimede l’ha preso e lo porta in cielo con sé. Completo è il godere; concupito è l’Adone che perplesso, sofferto, stravolto, stringe i denti e sopporta l’onta che redento lo vede nel ricambiare l’animalesco piacere al suo pari sesso.

Ultimata la cena d’animale bisessuale, anch’egli stremato s’affloscia e stordito rimane riverso sotto il peso del mio corpo. Ormai ha perso. Entrambi sfiniti ma uniti, il capo reclino, gli occhi persi, nell'angolo stretti sul letto disfatto da Amore e Diletto, ansiamo: le menti sgombrate da ogni desiderio, gli otri svuotati, rattrappiti i membri non più tesi, saziata la sete dal colloso liquido arcano profuso e riverso, nei corpi diffuso, perduti ci beamo del nostro riflesso.

Davanti allo specchio

Davanti allo specchio mi guardo. Non il volto, certo. Non ha senso su quel corpo. Mi piaccio. Armonico, slanciato, non molto alto. Proporzionato. Il ventre, il petto le ascelle lo ho completamente depilati. I capezzoli s'inturgidiscono mentre ammiro il loro splendore che risalta nel loro biancore contro le braccia e le gambe moderatamente villose. Per fortuna non sono molto peloso. I muscoli risaltano
conferendo bellezza all'insieme. Il loro disegno armonico modellano la carne. Gli allenamenti della giovinezza hanno il loro merito, ma ora? Non sono male in fondo. Mi accarezzo il seno, mi stringo i capezzoli rabbrividendo per il dolore che è fonte di piacere.

Le lacrime spuntano sul ciglio degli occhi. Mi avvisano che non posso andare oltre. Il mio indivisibile compagno di viaggio, al centro delle gambe, si sveglia, gonfiandosi come un pneumatico. Turgido, dondola il capo rubizzo e vibra come l'ago di una bussola alla ricerca del Nord. Fedele amici! Rivedo le immagini dei corpi che ho posseduto e di quelli che mi hanno visto complice dei loro piaceri. Riprovo quel desiderio di godimento che è difficile archiviare; le carezze che mi sono entrate nella carne, quelle elargite,quelle patite... E sì! È sempre legato alla sofferenza il piacere.

Ci lascia esausti, soddisfatti, al momento e poi... Ricomincia quel dannato desiderio, quella frenesia crescente che ti occupa la mente pian piano, sale fino a non farti più ragionare, fino a tracimare in un irrefrenabile ricerca di soddisfazione della tua fame. E sei daccapo! La ricerca si diventa febbrile, finché non ottieni quel che pretendi. Un altro essere, pure lui in caccia, che incrocia le sue antenne alle tue. Le intreccia...e comincia il gioco.

Le mani...., quelle mani che investigano il tuo corpo. Ed è così accurata l'ispezione che nulla sfugge al tatto. L'avverti mentre scivola sulle tue spalle, ti accarezza il collo, sale sulla tua faccia. Il mento, le labbra,entra nella bocca, mentre succhi il suo dito che ti tocca la lingua. L'avvolgi come un serpente. La sua presenza si fa pressante. Le narici fremono all'odore, forte, maschio, che stimola il tuo testosterone. Poi, sempre più su, sulle tue palpebre. Gli occhi chiusi avvertono la leggera pressione. Ti accarezza i capelli. In un impeto di passione, ti comprime la faccia con le due mani chiuse sulle guance e ti stampa un bacio sulle labbra.

La sua lingua penetra nella chiostra dei tuoi denti, guizza, t'invade. Vorresti ritrarti, ma il segnale la eccita di più. S'avvinghia alla tua. Ti concedi. L'assecondi. Ti profana, scendendo in profondità. È morbida, viscida come una lumaca. Ti eccita. E tu la lasci fare; ti abbandoni ai suoi assalti. Ti schiaccia così forte le orecchie on le mani che non senti più nulla. Ma non t'importa. Sei invasato da quella forza che ti perseguita. Ti possiede. Le lingue non si stancano di esplorare gli alvei orali. Succhi e baci sono il naturale completamento. Mentre le sue mani completano il periplo appena iniziato. Con uno slancio lo trattieni comprimendogli la testa contro la bocca vogliosa di sapori.



Le mani strofinano il tuo petto. Giocano e stringono i capezzoli, con forza progressiva, con determinazione. Mentre lo baci, cerchi di trattenere le lacrime, ma non apri gli occhi. Tutto diventa sogno. Il dolore non esiste più sostituito dal godimento che ti sfibra. Un tremito ti sfibra. Dopo un'ultima stretta quelle mani, che ti perseguitano, scendono sull'addome, lo accarezzano e poi si tuffano nel ciuffo di peli che ornano il tuo delta. Ora toccano il lembo "estremo" fonte del tuo piacere. Turgido barcolla sotto il peso del sangue che lo riempie. Brancola a destra e sinistra. Tu lo afferri come fosse un giocattolo troppo ghiotto per permettergli di sfuggire alle tue attenzioni. Lo accarezzi, lo percorri dalla radice al glande, sfiorando il prepuzio sensibile.

Brividi continuano a scuotere tutte le membra. L'impugni, lo molesti, lo stiri, lo palpi con quelle dita esperte che non vogliono perdere un millimetro delle sue fattezze. Lo titillano, lo sfregano, lo spingono, lo tirano, lo stendono. Provi la torbida ebbrezza del gioco. È come essere ubriachi. Sfiati, cercando di trattenermi. Lo schiaffeggi brutalmente. Ha l'effetto di ritardare la pulsione all'eiaculazione. Ora sbava liquido prostatico come se fosse lava. Continua, liquida, trasparente, collosa, viscida, si rapprende lungo l'asta.

Ora l'abbandoni al suo destino. Hai altro da fare. Afferri i glutei e mi costringi ad alzare le gambe. Ti obbedisco. Sono alla tua mercé. Eseguo folle del tuo desiderio. Mi strofini le chiappe, allargandomi l'indifeso buchetto che, al centro dell'attenzione, stupito, sgrana l'unico occhio che si ritrova.Ti umetti l'indice. Atterrito, aspetto. Desidero che tu vada avanti nel rito. Lo introduci fra le crespe che si richiudono per movimento riflesso. Ma io controllo la situazione e ordino che il fiore riapra la sua corolla. Subito obbedisce e si prostra all'invasore. Lo circonda, con il suo calore gli dà il benvenuto.

Lo sfintere gioca, povera anima candida. Non sa che cosa lo aspetta. Ma il gioco si fa rude. Non è più l'introduzione di una o due dita, sia pure a fondo, che mi fa gemere di piacere. C'è qualcosa di più solido che pretende di entrare. Brividi mi assalgono, mentre chiudo gli occhi e mi sforzo di allentare il più possibile i muscoli perineali. Attendo, contando i minuti, i secondi che mi dividono dall'olocausto finale. Lo sento avvicinarsi come una bestia in calore. Annusa l'orifizio girandogli intorno, facendomi provare la grossa taglia che ruvida mi sfiora. La testa è grossa. Un molosso pare. So che quando mi azzannerà non avrà pietà.

Ora prova, s'innesta. Intromette la testa a cono. Ho un tremito violento che non vuole sottrarmi alla prova. È solo un movimento riflesso. Il cono si apre la stra...da...aaah, ma...è il resto che..."Non entraaaa!" grido, agitandomi. "Fermati, stronzetta...!" mi intima. Non mi muovo più. Ma ora fatica, ansima, sbuffa..., ma non cede. Continua la sua opera devastatrice. Come un bulldozer avanza piano, piano, piano. Tiro con le mani le chiappe, cercando di agevolare l'operazione. Anch'io ansimo e tremo. "Piaa...anooooo...!!!" È dentro!

Lui ha un moto di soddisfazione. Ma è poca cosa rispetto al seguito. Ora sono gravido di quella bestia feroce che ha introdotto il capo fino al collo e mi rulla dentro, rovistandomi come fossi una fogna da ripulire. Il corpo estraneo aderisce completamente alle mie interiora. Mi sento pesante, come fossi invaso da mille invasori ultraterreni. Devo dire che la situazione, anche se non è piacevole, non mi risulta sgradevole. Comincia a piacermi. La prostata, compressa, emette la sua bava collosa, dispensandola sul ventre. Cola sul cuscino ceh mi comprime lo stomaco.

E mi piace ancora più quando riprende a carotarmi, scendendo ai piani inferiori. Ma ormai è dentro e la sensazione è come quella di un serpe che strofina il suo corpo all'interno del tuo. Il calore, l'umidore è piacevole. Ora viene la parte migliore. Dopo tanto tribolare, finalmente si agita, martella, cavalcandomi a dovere. È come una ginnastica salutare che viene svolta su di un tappetino. E il tappetino sono io.

Intanto cavalca, affannandosi il passionale guerriero. E io, sotto, divarico le gambe. Spingo in alto le anche, offrendo i glutei. Aderisce completamente alle mie cosce aperte. Le palle sbattono sotto del foro ischiatico ormai sbanato. Godo! O sì..., come godoooo! Sono io a incitarlo:"Su, dai, dai, dai...! Non ti fermare!...Vaaaa...iii! Non mi lasciare per stradaaaa...!" La sua cavalcata prolunga la mia voglia e non so trattenermi dall'urlarglielo. La bestia ormai mi ha sottomesso; non mi dà che piacere. Un piacere in crescendo. Vorrei non finisse mai.

Ma, ecco, rallenta. Soffia. Sbuffa. Vorrebbe fermarsi, invece continua. "Forza, forza, dai, daiiii! Non ti fermareeeee...!" gli urlo. Contorcendomi, gli acchiappando la testa che s'affaccia sulla mia spalla. Attiro la sua bocca sulla mia. Purtroppo la debacle è vicina. Si lascia andare, mentre avverto il calore del suo liquido che si riversa nelle mie visceri come una fontana impazzita. Me ne rendo conto, AMORE MIO! Lo bacio teneramente, mentre il caldo umore che gli schizza fuori dal corpo mi riempie. Il suo seme è mio! Lo assumo tutto, cercando di stiparlo nell'intestino. Che sensazione straniante!

Fermo, immobile; mi comprime contro il lenzuolo. Mi soffoca. Abbasso le gambe allargandole, mentre mi rimane incastrato dentro. Poi, scivola lateralmente. Lentamente, il grosso cannolo sgonfio,si adagia sul lenzuolo. Si gira rivoltandosi al mio fianco. I polmoni si dilatano con un sospiro che sembra un tremito. Mi è completamente fuori! Adagiato di fianco, respira, prima affannosamente, poi sempre più flebilmente,sfociando in un leggero sospiro. Gli occhi fissi nel cielo che mi ruota intorno disegnano putti e angeli che continuano a cantarmi dolci nenie, odo il ritmo regolare del respiro di chi ora mi dorme al fianco.

Il mio intrigante..."amico".

Intermezzo
Sms:"Sei libero oggi pomeriggio alle 19?"
R:"Ok! Ci vediamo."
Pomeriggio.
Sms:"Sono qui. Mi apri?"
Tlack. La serratura scatta; si apre lo scrigno magico. Niearr! I cardini dell'uscio cigolano rivelando la sua esiguità rispetto al corpo maestoso del portone.
L'androne dalla volta a botte ingoia la figura che sgattaiola dentro. Un lume si affaccia dietro l'arco che separa l'androne dal vano delle scale. L'illuminazione della strada viola appena,dalla rosta che sormonta l'ingresso, il buio ovattato dal silenzio.

Scivola la suola sul pavimento di selce. Accenna a uno squittio, subito zittito.
L'ossatura della balaustra in ferro guida la mano, passo dopo passo. Il pianerottolo interrompe la prima rampa. Un arco stretto si disegna sulla destra con una porta d'ingresso di legno chiaro, sbarrata. Silenzio assoluto. Sulla sinistra continua la successione di gradini. Una luce s'affaccia dal soffitto del pianerottolo superiore, giocando con le ombre della scalinata. Altre porte mute. Ancora più su. Tenta lo scalino il passo incerto, prima di avanzare nella fioca luce. Più su ancora: due pianerottoli dopo e una serie di porte indifferenti, una passerella di ammattonato rasenta il vuoto del cavedio interno. S'intravede, in alto, il lucernario nel buio della sera; finestre dagli scuri semichiusi accompagnano. Ecco, la ringhiera, ora, è cinta da un filare di canne legate insieme. Assicurano la privacy del visitatore dell'unica abitazione che s'apre, in fondo, sul ballatoio. Accostata leggermente appare la porta che accoglie l'ospite.

"Ciao, come stai?" - una voce amica,quasi un sussurro. Maschia, ma cortese, come di un vecchio compagno. All'interno l'ingressino è privo di luce. Non si distingue bene se non per l'aiuto di un lume da tavola che spande il suo raggio fioco da lontano, dall'altra stanza. La mano stringe la mano in segno di saluto."Vieni, entra...". La voce è un po' tremante, esitante, ma accogliente.Gli occhi si abituano al semibuio. Ora distinguono l'immagine. È nudo! Un perizoma string gli cinge i fianchi infilandosi, a scomparire, fra le chiappe.

Muscolarmente calibrato, come sempre! Addome perfettamente piatto, tonico. Accosta all'ospite la testa dalla capigliatura perfetta. Capelli che sembrano stampati sul cranio, tanto è recente il taglio. Aspetta un bacio, ma non lo chiede. Dà solo la sua disponibilità. Perfettamente addestrato! Un bacio non si rifiuta e c'è lo scambio nell'ingresso. Morbide le labbra,sembrano disponibili a qualunque cosa. Questo è il bello! Non è come quelle "puttane" che se la tengono tutta. "No, non bacio!" - dicono - "E non mi toccare i capezzoli.". Qui è differente.

Accende la luce centrale, sicuro che nella bambagia della sua tana potrà coccolare il suo "cliente" senza che nessuno venga a disturbarlo. Dopo i convenevoli di prammatica chiede:"Hai portato un cd?" - sa che l'ospite preferisce la musica classica. Sostiene che piace anche a lui, ma preferisce il jazz. Ha dato prova che non ne capisce molto né dell'una né dell'altra specialità musicale. Ma l'ammette candidamente. - "Oppure vuoi mettere su un DVD? Hai preferenze... gay, trans o etero?" Un cenno lo autorizza a mettere su quello che vuole. E così iniziano le "nove settimane e mezzo", ridotte a circa due ore. "Questo è nuovo...!" - afferma con orgoglio. Ma l'altro non guarda nemmeno il televisore.

Si spoglia il visitatore mentre lui chiacchiera di argomenti futili. È piacevole sentire la sua voce che non si compromette mai. Cerca solo di essere cordiale. Mentre l'uomo si spoglia, piegando i pantaloni sulla poltrona, sfilandosi camicia, maglietta, mutande e calze, mostra le mammelle e le chiappe che ancora attirano gli appetiti sessuali. Capezzoli e addome sono ricoperti da una leggera peluria che esalta le aree erogene. Ganimede è contento della visita dell'ospite,non solo per l'inevitabile (volgare) compenso che gli verrà elargito, ma anche per il piacevole intrattenimento che gli darà, felice di passare il tempo con quello che ha classificato come "una brava, tranquilla persona", così afferma.

Mentre l'ospite si lava, insaponando l'attrezzo che fra poco tornerà utile, gli porge gli asciugamani in carta che sono a lui riservati.
Poi il padrone di casa spegne la luce al centro della stanza e tlack. La clip del lume liberty con fili di perle multicolori consente che si crei una romantica atmosfera. La lampada diffonde una luce rosa ambrata, riflessa dalle mille perline

Ora si affrontano i due amanti, petto contro petto. In piedi, accostati al letto, si sfiorano i capezzoli, l'uno nelle braccia dell'altro. È generoso il temperamento del "professionista". Non si risparmia l'"ospite". Baci sul collo, carezze lussuriose e rudi su tutto il corpo, strofinii del glande sulle cosce dell'altro, divaricazione delle chiappe con massaggi dei glutei, fino all'inserimento di uno, due dita nell'ano. Intanto praticano alternativamente il sesso intercrurale, giungendo quasi a sfinirsi, badando bene a non eiaculare.

Tutta questa frenesia porta al bisogno di soddisfare la condizione di eretismo di cui entrambi sono vittime. Così, avvinghiati in un solo amplesso, cadono sul letto continuando a gustare il reciproco incunearsi della lingua fra le labbra. Umide, calde scivolano le bocche una sull'altra. Le punte vibrano, si toccano nervosamente, mentre scendono a tastare le pareti orali,fino al molle velo pendulo. Viscide come lumache elevano la temperatura del rapporto, destando il desiderio di possedere ed essere posseduti. Lunga è la licenziosa pratica.

Finché, boccheggianti, si staccano. Riprendono fiato mentre il "maestro" si accosta al partner e prende a leccargli il petto, passando la vibrante punta della lingua da una mammella all'altra, da un capezzolo all'altro. Turgidi, le punte dei capezzoli si rizzano, mentre si gonfia il pacco inguinale. Svetta l'appendice di carne, protendendosi nell'aria a cercare qualcuno o qualcosa che la soddisfi. Pronto, l'atleta del sesso lo impugna e, delicatamente, lo fa scorrere tra le dita portandolo alla giusta erezione.

Poi soffia sulla cappella per temperare l'eccitazione. È un costante alternarsi di fasi di eretismo e di calma apparente che sfocia nel sentimento puro che lega entrambi in un bacio suadente, morbido, delicato. Per poi riprendere a caricare la tensione. Il richiedente si gira, incuneando le chiappe nel delta di venere dell'amico. Sente la verga che, obbediente, lo tasta nell'intima apertura, mentre il suo ventre s'appoggia sul lenzuolo, seguito dal pene, disteso sulla coscia, ma non gonfio come prima.

Il dio dell'amore lo gioca, lo trastulla con le sue carezze, col suo unire il membro al corpo del devoto suddito. Gli apre le crespe dell'ano, glielo appoggia con dolcezza.Con estrema cura diventa parte di lui. Lo penetra. Senza forzare lo gingilla facendoglielo provare, ma senza andare in fondo. Gli palpa le mammelle che tendono verso il materasso per l'ordinaria forza di gravità. Adagiato sul fianco, invita l'amico a compiere la penetrazione.

Un sobbalzo, e il serpe è dentro. Scivola ora verso il fine corsa. Gonfio, duro, invasivo ora si ritrae in un'altalena avanti e dietro alla ricerca dell'orgasmo. Aumenta l'eccitazione di entrambi. Il ricevente torce il collo donando le labbra all'amico, che, appassionatamente, lo bacia, gli introduce la lingua invadente. Finché restano entrambi presi nella morsa. L'uno si agita cercando l'agognato premio alla sua fatica, l'altro vorrebbe prolungare l'estasi che prova nell'essere posseduto. Sono una massa informe, unica, che si agita freneticamente sul cigolante giaciglio che ne subisce le conseguenze.

A lungo dura l'amplesso. Un'esplosione di colori conclude il sensuale innesto.Il lubrico, lascivo pendio è percorso. Il moto perpetuo si blocca, mentre, passivamente, il sottoposto ne subisce le conseguenze. Un'invasione di caldo liquido gli scorre nell'intestino,mentre cerca di non perderne neanche un goccio, sigillando i glutei al bastone che lo ha percosso.Si muove, si agita dietro le ultime spinte di chi ha attivato il meccanismo. La mano del passivo agita il suo organo che suona musiche celestiali che solo a lui donano emozioni.Poi cedono entrambi.

Entrambi s'arrestano, incollati dal vinavil del loro seme. Lentamente il basto che caricava l'amico, si ritrae, cade sul lenzuolo, ormai esausto.

Continua la saga
Sono qui! Ancora una volta giaccio con te. Non ero così determinato quando tutto è iniziato. Eri giovane... Non imberbe, questo è vero! Un bel giovane biondo, rossiccio, castano. Un misto che non si capiva bene. Una indeterminatezza di colori che variava a seconda della luce come e dove ti colpiva. Una barbetta ben disegnata lungo il mento fino sulle guance, alla radice delle basette. Ben ordinato, mi parevi.

Un po' più basso di me, ma ottimamente proporzionato. Soprattutto giovane, come piace a me. Preferivo che non fossi un ragazzino sprovveduto, perché mai ti avrei guardato. Troppa differenza generazionale storpia. Invece, tu eri al punto giusto. Giusta educazione, giusta cultura, senza eccessi, riservato. Un perfetto gentiluomo, allegro, ma romantico e così ti ho preso.

I primi tempi ti sei fatto guidare da me, anche se ne sapevi già molto per conto tuo. Hai preferito che fossi il tuo mentore. Ed io, felice, ho colto il tuo magnifico fiore e ho estinto i miei desideri. Tu hai lasciato che ti adorassi come un dio greco. Ti ho posseduto in tutti i modi, con tutte le perversioni che un uomo può attuare.Con tutto l'amore che, pian piano, è venuto fuori dal nostro rapporto.

E quando mi hai conquistato, mi hai irretito, mi hai soddisfatto, mi hai plagiato, solo allora hai deciso di passare al contrattacco. Hai sottilmente atteso che fossi così pieno di te da gradire che fossi tu a montarmi e così ho lasciato che mi cavalcassi come sai fare tu, senza sella, senza freni, addomesticandomi ai tuoi voleri. Tu, magnifico cavallerizzo nella brughiera del mio spirito sempre in subbuglio. Mio "Asha Manetoo"!

Quante volte ti accarezzo, dolcemente. Ti sussurro delicati apprezzamenti delle tue fattezze, dei tuoi pettorali, del tuo ventre piatto, delle gambe muscolose, finché non arrivo al tuo inguine, al frutto saporito del mio desiderio, al cannolo pieno di crema ancora non montata. Adagiato sul tuo ventre, lo bacio, facendo scorrere le labbra dal rigonfiamento dello scroto, ruvido e rugoso, su, lungo il dorso della canna, fino al frenulo che lega il pene al glande. Più e più volte, finché non si accresce, non assume quelle dimensioni ideali per il prosieguo.

Ti accarezzo i capezzoli, mentre rizzi il tuo brando. E finalmente mi accosto alla tua cappella, umidiccia, salata. La lingua,con le avide papille, gusta il tuo umore, il tuo sapore di muschio. Benedico la tua benevolenza, fino a passare dai baci alle leccate, per finire con assumere il grosso corpo carnoso nelle mie fauci desiderose di provarne la consistenza. Com'è duro il tuo attrezzo. In confronto al mio è acciaio, mentre il mio è molto più duttile. Ti spalli contro il doppio cuscino e incominci a mugolare di piacere.

Affanno, osservando il tuo piacere, e raddoppio gli sforzi per acuirlo. Ma tu, dopo avermi preso la testa, comandando il movimento della mia bocca sulla tua scimitarra, mi stoppi, snudando l'arma bianca e respingendo la mia impulsività. Sei tu a comandare e non vuoi perdere nulla del godimento che ti sei costruito. Mi distacco da te, mentre soffi sul glande e ti sforzi di rinviare l'eiaculazione. E ci riesci a meraviglia. Medice cura te ipsum!

E lo fai con estrema cura. Mi abbandono, disteso al tuo fianco. Mi baci appassionatamente, mentre l'omero contiene il mio corpo abbandonato contro il tuo petto. Avverto che il tuo braccio scende dietro le mie spalle e mi raggiunge in quel posto in cui presto vorrai avere udienza. E sai che ti sarà concessa. Le tue dita agili trovano l'apertura indifesa che si prostra ai tuoi desideri. E la profani, prima con dolcezza, misurandone l'apertura per poi appurarne la profondità. Mi rilasso concedendomi ai tuoi desideri, mentre il mio tubero sul ventre comincia a filare una tela invisibile, collosa.

Agiti due dita nelle mie profondità, dilatando a tuo piacimento le crespe dello sfintere. Ora sono in tre, a cuneo, a chiedere udienza. È concessa di buon grado e mi penetri con disinvoltura. Sai che ti appartengo e che non ho più alcuna remora. Continui a scavare nell'antro in cerca dei miei sospiri, del mio sfiatare, mentre metti a dura prova le pareti del mio intestino. Vorrei che non uscissi più, anche se so che, presto, dovrò affrontare ben più solido e agguerrito nemico.

Mentre sfiato e tremo di desiderio, tocco la lama affilata che dovrà colpirmi. Il randello è pronto, turgido, gonfio di desiderio. Anche tu sei rosso in viso come la testa del tuo corpo contundente che si agita frenetico avanti e indietro. Rapido mi giri. E, subito obbedisco, mettendomi prono. Ti do le spalle. sono alla tua mercé! Fanne quel che ti aggrada. E tu gradisci molto la mia adesione ai tuoi programmi. Sono cosa tua e non hai che da ordinarmi.

Non guardo dalla tua parte, sapendo perfettamente il motivo per cui il contatto ritarda. Il liquido lubrificante mi sorprende, colpendomi sul coccige. La sensazione di freddo provoca una scossa, un moto riflesso, ma è solo un attimo. Comincia a scorrere. Cola lungo la fessura fra le natiche. Tu la spalmi con un massaggio che comprende la sacca scrotale. Mi allunghi i testicoli che sono già lunghi di loro. Quindi alzi un ginocchio sul letto, come un arciere che incocca la freccia. Attimi di tensione! Attendo che parta e che colga nel segno...

Sono qui sotto di te che mi agito aderendo al tuo nodoso bastone. Un pene da toro che mi sconquassa. Che potenza i tuoi attacchi. Mi squarti! Cerco di restare più aderente possibile a quel metro e mezzo che mi penetra, dilatandomi al massimo con le mani. Non molli, spingendo e sfiatando. Avverto il tuo inguine sudato che sgocciola sui miei glutei. Ti tengo con le mani per evitare che ti sfugga un solo attacco. Le mani sulle tue natiche.

Ora arranchi, ti sbandi, mentre agito freneticamente il buco d'ingresso, che si serra intorno al tuo guerriero, inglobando tutta la mazza. Come una cagna succhio col mio intestino tutto il seme che sento sgorgare dal "verro" che mi hai inserito e che grufola nei cavernosi anfratti del mio addome. Mi devasti, ma mi soddisfi!

Attendo!

Un misto di paura e di desiderio che non so dire.
Sotto le tue grinfie! Mi stendo, cercando di non pensare a quel che sono, a quel che diventerò, a quel che mi farai diventare, a cosa proverò, a cosa proverai,a cosa saremo dopo, io e tu.

Sono istanti, ma sembrano ore. Nessuno mi trattiene in questa posizione innaturale per me, eppure sono immobile come trattenuto da invisibili catene, pesanti catene che mi legano ai polsi e alle caviglie, schiavo della situazione. Potrò accettare il florilegio che mi dedicherà la tua brutalità. Leggerai in me e mi sfoglierai, dilaniandomi, strappandomi pagina dopo pagina, fino a soddisfare la tua bramosia?

Mi tremano le vene al solo pensiero di ciò che potrai fare di me, mentre mi griderai nelle orecchie: "Godi, puttana! Ti aprirò le valve; eviscerò le tue malandre, puttaanaaaaaaaa...!". E ti sentirò disserrarmi l'orifizio, vincendo ogni mia remora, ed entrarmi nella profonda intimità, senza che io possa o voglia battere ciglio. Il progredire della tua lama ottusa penetra le carni, ingravidandomi con la sua robusta, compatta presenza.

Non dico che sia fastidiosa, la tua ingombrante invadenza, ma un certo senso fa, a chi non è abituato. Potrei addirittura dare di stomaco e già sento le nausee, dilatando la bocca in un moto riflesso, ma, per fortuna,senza conseguenze. Come vorrei che tutto questo fosse solo un ricordo, un meraviglioso ricordo e non un incubo ancora da vivere!

Avverto il soffio del tuo fiato sul collo! Ti avvicini, mi tocchi...!Strofini le mie spalle, mentre ti acconci a cavalcioni su di me,nel modo a te più comodo. Scendi con le mani sotto le ascelle...verso i pettorali...i pollici e gli indici serrano i miei capezzoli e...Ahhhh! Ah, ah, aaaaaah! Continui a stringere fino a spillarmi lacrime di dolore. La bocca è spalancata, ma non un grido proferisce da quella gola arida, disseccata dal desiderio.

È appena l'inizio, lo so! Quello che non so è se riuscirò a tenerti testa sino alla fine. Continui a strizzare, ma ormai è subentrato l'indolenzimento e anche il piacere, dopo il dolore, è passato. Te ne accorgi da vero bastardo e allora cominci nella tua opera. Da vero chirurgo, conosci il corpo umano alla perfezione e hai un'ottima manualità e perizia nel manovrare i tuoi attrezzi. Sai esattamente l'effetto che ciascun colpo di bisturi avrà sula carne dilaniata.

Io sono lì, narcotizzato dal tuo anestetico. Ho provato il dolore che dà il piacere e sono pronto ad accettarne un'altra massiccia dose. E tu mi accontenti. Mi sollevi le anche disponendo un cuscino sotto il mio ventre in modo da sollevare la parte da mettere a fuoco, in cui si concentrerà l'azione. Respiro con calma ora, cercando di rilassare la parte. So quel che mi aspetta. Tu cincischi ancora, mentre avverto la durezza del tuo attrezzo che mi ballonzola sui glutei, provando il verso del suo taglio. Poi mi ungi le chiappe con un liquido vischioso, curando di inumidirmi l'ano. Mi chiudi e dischiudi le frogie, mentre il lubrificante discende sulle crespe, colando con lentezza esasperante verso l'interno.

Tu agevoli l'azione divaricando l'orifizio con le dita, invitandomi a rilassarmi. La tua voce profonda e carezzevole mi calma completamente e mi sembra di essere nelle mani di un bravo massaggiatore. Curi il mio corpo, mirando ad alleviare lo spirito. Comincio a provare piacere alla tua palpazione. Giungi a prendere in mano il mio gingillo che ha raggiunto le dimensioni massime sotto le tue sollecitazioni. Mi ritrovo in uno stato di beatitudine mai provato prima. Sonnecchio, quasi, mentre scuoti il mio giocattolo.

Un attimo di distrazione e mi porti a una lenta erezione. All'improvviso avverto il tuo fiato sul collo come una belva affamata, mentre il petto e il ventre mi schiacciano, premendo sul dorso.
Ma non è solo il tuo ventre a penetrarmi! È tutto il tuo essere, concentrato in quei venti o venticinque centimetri che divorano lo spazio, togliendomi l'aria e calandosi dall'unica bocca rivolta sotto il tuo bisturi.

Dolore improvviso, di un attimo. Termina non appena il glande supera l'ingresso, come il tappo infilato a forza sulla bottiglia di champagne. Ora la testa turgida si incunea, facendosi spazio, spinto da quel tubo enorme che pompa senza sosta. Piacevole, diventa, anche quando mi dà un senso di pienezza. Mi piace! Mi distendo per agevolare la penetrazione. Cerco di aderire, con la mia parte anatomica più esposta, i morbidi glutei, ai ripetuti attacchi di quel mostro che mi rovista le interiora, che mi scava nel ventre.

Trapano stupendo! Gioia e dolore sono un tutt'uno. Non c'è l'uno senza l'altro. Sono io a non arrestarmi, a pretendere di più, finché non arriviamo entrambi, senza fiato, senza forze, sul ciglio del burrone. E precipitiamo entrambi, uno nelle braccia dell'altro, bagnati dai nostri umori che si riversano fuori come lava incandescente dalle viscere... della terra. Coperti di lapilli incandescenti, trasformati in calchi pompeiani, restiamo immobili nel nostro spento ardore.

Così ti ricordo, mia Gioia, mio Dolore!

Compromesso

"Come si sta bene, oggi!" Mi stiracchio sul lettino da sole; mi crogiolo felice. Una leggera brezza rinfresca l'aria quel tanto che basta per impedire di accaldarmi troppo sotto i raggi del sole mattutino di estate. Non mi va di pensare a nulla. Ma proprio quella mia indisponibilità, piano piano sarà scalzata e mi allontanerà dall'iniziale sano godimento di una giornata al mare.

Stilla dopo stilla si condensano i ricordi e con essi scivolano le praline dei sentimenti. È quell'insistente irraggiamento sul corpo a destare i sensi, finora assopiti. Sul terrazzo della casa isolata, in riva al mare,ricoperta agli occhi dei curiosi dalla lussureggiante chioma di fluenti buganville, che sfoggiano la migliore livrea nelle infinite gradazioni di rosa e di viola, mi sento perfettamente indifferente allo scorrere del tempo. E di là nascono i primi desideri, i diavoletti nascosti che, a tratti,balzano fuori, quando meno te lo aspetti, punzecchiandoti ferocemente.

Non sopporto più la striscia di asciugamano che mi copre l'inguine. Due dita fanno saltare i lembi che lo frenano sulle anche. Finalmente libero! Libero da che? Libero dalle convenzioni e prescrizioni proibizionistiche che corrompono lo spirito e imprigionano la mente. È tutto questo il significato, il nocciolo duro di un esiguo fazzoletto di stoffa? Il contenuto è ben altro. È materia, è realtà del proprio corpo, della propria maturità, del proprio spirito.

E che significano queste parole messe in fila in modo da confondere tutto? Le parole sono un vestito per la mente, quindi è bene liberarsene e lasciare la propria anima nuda. Allora corpo e anima non avranno condizionamenti e potranno esercitare le loro funzioni senza costrizioni. Vivere la propria vita senza condizionamenti, in simbiosi. Pia illusione, che, poi, si è sempre costretti ad accettare una imposizione, un condizionamento.

Mentre cerco di allontanare quelle dannate elucubrazioni sesquipedali, un bel giovane inizia a posizionarsi sul lettino affianco a me. Da dove è uscito questo stupendo esemplare di animale di sesso maschile? Resetto la domanda. Non voglio saperlo. Solo così sarò libero. Non posso fare a meno, però, di sbirciare da sotto il cappellino che mi sono posizionato sulla testa per difendere la vista dai raggi solari. Uh,uh! Anche lui si sfila l'asciugamano.

L'occhio che subito lo ha inquadrato e non lo abbandona mai, seleziona informazioni a migliaia. Identity: uomo giovane; dati antropomorfici: armonico, non eccessivamente alto, slanciato. Corre, quindi,all'obiettivo primario del suo interessamento. Attributi dell'individuo sopra classificato: è dotato di un notevole esemplare di "flessibile"; quanto estensibile: n.c.,da appurare. Anzi è il successivo compito dell'indagine che intendo "approfondire" con la dovuta cautela e discrezione.

Siamo stesi al sole. Sui lettini elastici dimentichiamo il tempo. Il caldo ci cuoce. Quasi m'assopisco, quando avverto un tocco leggero all'altezza del polso. Una mano bollente si adagia sulla mia giuntura. Non occorre che guardi. Ne sono contento. Non si muove dalla posizione raggiunta. Allora torco la mano facendo scivolare la sua nella mia. Felici(penso che anche lui lo sia), restiamo di nuovo immobili, mano nella mano. Non c'è ragione di accelerare i tempi. Non apro gli occhi e credo che lo stesso faccia lui. Lentamente la voglia di un contatto maggiore si impossessa di entrambi, mentre il sole arroventa le nostre membra.

Fa piacere essere considerato ancora appetibile da un corpo giovane. Le spalle larghe, le mammelle piene, un po' rilassate dall'età che ha allentato i muscoli pettorali, una volta guizzanti, l'addome leggermente prominente, ma non gonfio come succede ai bevitori di birra, le gambe asciugate, ma con i muscoli ancora ben disegnati, hanno la loro parte nel rendere ancora attrattivo l'aspetto.

"Andiamo?" mi inviti. Do un segno di assenso e ci alziamo. Nell'alzarmi, l'asciugamano scivola via e sono completamente nudo per te! Mi guardi lì dove il mio tubero si gonfia. "Però! Stai bene." "Grazie, anche tu..." Anche lui ha il cannoncino che inizia a inturgidire. Ma è solo il primo accenno in attesa di verificare le future capacità. "Aspetta,- lo fermo premendo con le dita sulla pancia - Prendiamo prima qualcosa di fresco?" "Perché no.", sei pronto a rispondermi. e ci arrotoliamo gli asciugamani sui lombi.

La sosta al bar dura poco. Il tempo di stemperare i bollori derivanti dall'esposizione ai raggi solari e, nel contempo, riabituare gli occhi alla fresca ombra dell'interno. "Una doccia?" - proponi. "Ci vuole proprio..." ribadisco. In sala docce siamo soli. Le docce sono singole, ma noi siamo già un "unicum". Appendiamo gli asciugamani alle sporgenze dei pioli davanti al vano ed entriamo quasi insieme.

Petto contro petto non ci esimiamo dallo strofinarci uno contro l'altro. Anzi, è piacevole sentire la sua consistenza e ricambiare con la mia, mentre attendiamo che qualcuno di noi, prima o poi, apra la doccia. Ci concediamo uno all'altro. Prima lunghi baci appena sfiorati; poi, più consistente contatto che si dilunga in una abbraccio incatenante; quindi intervengono le lingue ad affastellarsi una sull'altra per poi circumnavigare le pareti morbide della mucose orali.

"Ci stiamo legando uno all'altro..." sospiro. "Hai ragione. Ora ci vuole!" risponde, mentre alza la levetta dell'acqua a tutta birra. Una sferzata gelata raffredda i nostri bollori. Ridiamo, staccandoci uno dall'altro, ma non usciamo dalla cabina. L'acqua si scalda subito e piove su di noi con l'effetto di una doccia scozzese rinvigorente. Finché non diventa bollente, costringendomi a ridurne la portata e la temperatura dell'acqua.

Ora ci uniamo di nuovo in un frenetico, libidinoso bisogno di reciproche licenziose lascivie. Le bocche unite, capezzoli contro capezzoli, gli addomi appoggiati uno contro l'altro , si contrastano, vibrando, i nostri apprezzabili strumenti di piacere. Li afferro, avido, e li strofino uno sull'altro, uno contro l'altro, mentre lui mi strizza i capezzoli fino a farmi male, fino ad indolenzirmeli. Andiamo avanti, caparbi, nel nostro disegno. È un continuo alternarsi di sofferenza e piacere. La masturbazione continua, finché lui non si ritira. Non vuole arrivare all'orgasmo, non vuole che tutto finisca in una eiaculazione forzata. Gli accarezzo i peli dell'addome, risalendo, fino ad arrivare al petto, e lì un succhiotto è indispensabile. Gli aspiro anche l'anima. Stenta a riprendersi quando ho finito il lavoro di lingua e di bocca."Uff! Ci sai fare." si congratula con me.

Turgidi, i nostri attrezzi ballano davanti ai nostri occhi, mentre ci accarezziamo e ci baciamo, strofinandoci le spalle. Sono rudi carezze, sono raspe che tolgono anche la pelle alla ricerca dei nervi che trasmettano al cervello quegli inequivocabili segnali dei nostri sensi. Ci vogliamo, ci desideriamo, ci possediamo. Ci stringiamo in un bacio affannoso, famelico, da orsi che vogliono sbranarsi e misurano l'apertura delle loro fauci su quelle dell'altro. Lingua contro lingua, se le estirpano, mentre le mani premono sui glutei, allargandoli a dismisura,andando a penetrare con le dita lo sfintere dell'altro, cercando di dilatare anche quello, premendo il proprio sesso fra le gambe dell'altro.

Chi cederà all'altro, chi acquisirà il ruolo di penetrativo e chi di ricevente? Chi l' attivo e chi il passivo?
Note finali:
Commenti?