i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
.............L’appetito sessuale è un istinto molto forte della natura femminile, che ha come scopo di assicurare la fecondazione. La monogamia, imposta alle donne allo scopo di assicurare al maschio una discendenza certa, a cui devolvere la proprietà ed i vantaggi del suo status sociale, è una condizione biologicamente innaturale.
Le prime società umane furono comunità matriarcali, dove il potere era femminile e dove ogni donna poteva accoppiarsi con chi voleva. Dei figli si riconosceva solo la madre, il padre non era identificabile.

Nella antica Persia, a corte, dopo il primo parto, sicuramente dovuto alla fecondazione del marito, alla donna era concesso di farsi chiavare dagli schiavi di domestici alla condizione del coitus interruptus, cioè di un rapporto non fecondativo, al solo scopo di permettere alla donna soddisfazione sessuale. Nell’antica Roma, durante le feste dei baccanali, che duravano 5 giorni e 5 notti, la donna poteva farsi chiavare da chiunque, anche in strada o in pubblico, senza alcuna inibizione.
I costumi di molti popoli primitivi spiegano che presso gli indiani d’America non vi erano vincoli o limiti alla libertà della donna di accoppiarsi, ed in tal modo di cambiare ufficialmente partner; presso il popoli polinesiani la libertà della donna era assoluta per il persistere di costumi matriarcali.
D’altra parte è ancora questa la ragione per la quale il tempo dell’orgasmo femminile è più lungo di quello maschile e non si esaurisce immediatamente dopo l’orgasmo. Inoltre l’orgasmo femminile può essere raggiunto sia per eccitazione del clito, cosa che non avviene nel coito, sia, ma molto più raramente , anche per penetrazione, alla condizione che la penetrazione riesca ad eccitare il punto G che è un plesso nervoso che si trova sulla volta della vagina. L’orgasmo maschile spegne la libido, e si ha una caduta di erezione; l’orgasmo femminile invece aumenta il desiderio e la disponibilità ad avere immediatamente un altro rapporto.
L’insufficienza del tempo dell’orgasmo maschile rispetto al tempo richiesto per l’orgasmo femminile provoca diversi fenomeni psicologici. Uno di questi fenomeni, molto frequente, è il sogno di avere un rapporto con due uomini insieme, il modo da poter prolungare il tempo della penetrazione. Un altro fenomeno, abbastanza frequente, è un status psicologico nel quale la donna gode a sentirsi troia, cioè disponibile ad accogliere nella sua vagina quanti più membri maschili sia possibile.
- Professore, quindi la troia è una condizione naturale per la donna?
- Si. Esprime la massima disponibilità a farsi chiavare da chiunque. In natura era una necessità e , difatti, nelle prime comunità umane una donna veniva penetrata da più individui di seguito, a volte dall’intera popolazione maschile del clan, inclusi il proprio padre, che le era sconosciuto, ed i propri figli, un’abitudine che fu anche delle matrone romane, le quali “svezzavano” i loro figli maschi insegnando loro il sesso. In seguito si è passati alla repressione dell’istinto riproduttivo femminile, imponendo che la donna dovesse “conoscere” un solo uomo, il marito.
- Professore, e come spieghiamo il lesbo? si dice risalga all’origine dell’uomo.
- Il lesbo, il più delle volte, è il prodotto della insoddisfazione sessuale femminile. L’organo del piacere femminile è il clito, ma la penetrazione maschile lo lascia in disparte. Nel lesbo, invece, il clito è l’oggetto fondamentale del rapporto; la pratica lesbica stimola il clito e provoca orgasmi certi, anche se questa pratica comprende la penetrazione con le dita o con oggetti fallici. Ma il lesbo non preclude alla donna il rapporto con l’uomo; nella omosessualità maschile, invece, si ha una vera e propria mutazione di ruolo. Il soggetto “paziente”, spesso non ha neppure erezione durante la penetrazione perché il piacere di essere penetrati non è fisiologico ma psicologico. La donna si sente donna anche nel lesbo; l’uomo, che ha un ruolo passivo nella omosessualità maschile, non si sente uomo nel senso tecnico del termine.
- Professore, ma vi sono anche i bisex.
- Il bisex è un soggetto la cui sessualità è in migrazione dal ruolo maschile a quello passivo omosessuale. Vi è un evidente conflitto tra le due cose e questo conflitto infine si risolve a vantaggio della omosessualità. I due desideri posso persistere per un certo lasso di tempo, ed il soggetto quindi svolge entrambi questi ruoli; ma alla fine prevale l’omosessualità, spesso versatile, ma infine passiva per l’amore del soggetto verso il pene maschile.
E’ significativo, a questo proposito, il fatto che la stimolazione dei capezzoli porti il soggetto bisex a raggiungere un grado di sensibilità anche maggiore di quella femminile sui capezzoli e che questa sensibilità, se stimolata, faccia insorgere nel soggetto il desiderio di essere penetrato. La prova è che il soggetto maschile, se sapientemente stimolato, si dirige verso l’omosessualità e raggiunge brevemente e facilmente un punto di non ritorno.
- Quindi professore, la penetrazione anale non dà piacere fisico?
- In alcuni casi ,si. Un eccesso di eccitazione dovuta a penetrazione anale può provocare un orgasmo spontaneo, il caZzo più frequente è la masturbazione mentre il soggetto è penetrato. Poi vi è il postillonage.
- Cos'è?
- In medicina viene chiamato "mungitura della prostata e viene utilizzato pr svuotare la prostata. Ma è anche una tecnica erotica molto raffinata; consiste in una penetrazione misurata il modo che il glande maschile sfiori la prostata: se fatto ad arte può provocare orgasmi spontanei. La penetrazione anale femminile, se farte ad arte, può provocae un orgasmo fortissimo alla donna; è una tecnica difficile, si tratta di pressae il retto verso il basso in modo che la pressione comprima il pinto G nella vagina. Accade sempre nel caso di una doppia penetrazione vaginale-anale alla donna da parte di due soggetti maschili dotati, ma anche un solo soggeto, se conosce la tecnica della penetrazione anale femminile può ottenere un risultato simile. L'uso di intrusori artificiali non consente di avere lo stesso effetto.Ma , ripeto, in tutte e due i casi di penetrazione anale, maschile e femminile, è necessario che l'attore conosca esattamente di quanto è necessario penetrare, me diante tastazione digitale. Ma tutti i soggetti mschili, occorre precisare, ricevono piacere se durante il rapporto orale la donna li penetra analmente.
- Anche i maschi?
- Si, certamente, se vincono l'inibizione a farsi penetrare. Di solito questa penetrazione digitale viene fatta durante il boccheggio con indice e medio e tenendo le dita incrociate il modo da aumentare la dilatazione anale. In queste condizioni l'orgasmo maschile diviene più intenso e più prolungato. Ma c'è da dire, però, che questo esercizio attiva la partre femminile della psiche maschile; un esercizio costante di questa pratica ingenera nel maschio il desiderio di essere penetrata dal pene maschile.
- Vale a dire che il maschio si arricchiona?
- Il termine non è scientifico, ma possiamo tollerarlo in quanto rende bene il concetto.