i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Dopo alcuni giorni dal rapporto con Luigi, sapendo che Manlio era in ufficio, andai da lui per confessargli la mia ‘infedeltà’, pur sapendo che lui non mi aveva mai chiesto d’essere l’unica persona con cui potevo andare a letto, e senza nominare mai il suo collega.
Manlio ascoltò in silenzio, del tutto imperturbabile a quanto gli stavo raccontando, come se confessare le mie esperienze sessuali fosse uguale a parlare di una pratica, per aprire bocca solo quando comprese che avevo finito.
“Vedi quello che m'infastidisce non sono le tue avventure da puttana da quattro soldi.” mi disse con un tono che metteva i brividi per quanto era glaciale “Ma sapere che vorresti da me come dire, una 'benedizione' che assolva i tuoi comportamenti. So bene che non posso pretendere che tu mi sia fedele, ma potevo ammettere un ragazzo, non certo triangoli lesbo od orgette fatte solo per passare il tempo.”
“Posso chiederti cosa intendi fare.”
“Assolutamente nulla.” mi rispose quasi con indifferenza “Al momento ho meglio da fare che pensare a te, senza dimenticare che sono molto deluso e quindi poco obbiettivo. Ripassa domani pomeriggio e ti comunicherò la mia decisione.”

Il giorno seguente, non appena rientrati dal pranzo, lui mi portò un pacco dicendomi di aprirlo alle otto in punto, ben sapendo che a quell'ora ero a casa mia.
Fissai quel pacco tutto il pomeriggio cercando d'indovinarne il contenuto, ma ogni risposta che trovavo mi sembrava troppo banale, quindi non in linea con quello che era da sempre il comportamento di Manlio.
Lasciai l'ufficio con un breve anticipo sul mio orario abituale, per poter tornare nel mio appartamento, fare una veloce doccia, e aspettare le otto in punto.
Quando l'orologio segnò le otto aprii il pacco con una certa foga, per poi rimanere stupita davanti al suo contenuto.
Dentro infatti c'era un miniabito verde molto audace che lasciava la schiena quasi del tutto nuda, un completo push-up e perizoma in raso nero, così come di quel colore erano le autoreggenti.
Quello che però mi lasciò più stupita fu un frustino da equitazione, e un biglietto su cui c'era scritto “Jana e io t'aspettiamo alle 10 in villa.”
Mi scaldai un precotto prima di vestirmi con quegli abiti così insoliti per uno come Manlio, per poi coprirmi con un lungo spolverino e recarmi in casa sua.
Manlio aveva in realtà due abitazioni, un appartamento in pieno centro che usava abitualmente come residenza, e un villino appena fuori città che divideva con la sorella, donna della quale però nessuno sapeva nulla, sennonché si chiamasse Teresa e fosse sua gemella.
Trovare la villa non fu semplice, e quasi arrivai in ritardo, ma una volta giunta Manlio m'aprì facendomi salire subito al primo piano.
“Al piano terra c'è mia sorella, e non voglio disturbarla per alcun motivo.” mi disse quasi sottovoce.
Una volta arrivati di sopra mi fece togliere lo spolverino, lasciando che portassi con me solo il frustino., poi aprì una porta e mi ritrovai in una grande stanza dove faceva bella mostra un letto, ma soprattutto la splendida ragazza bionda che vi era seduta proprio in mezzo.
“Lei è Jana, un mio piccolo regalo per me.” mi disse Manlio
“Non capisco... un regalo per la mia infedeltà ? Anche se non abbiamo una vera e propria relazione questo proprio non lo capisco.”
“E' semplice, visto che sei insaziabile, tanto vale che ne goda anch'io. Jana è ragazza d'indole sottomessa, quindi puoi fare ciò che vuoi, ma sempre nel limite del buon senso. Quel piccolo armadio è pieno d'ogni tipo d'oggetti che si possono usare per il esso, prendi ciò che vuoi e farne ciò che meglio credi.” mi rispose indicandomi un mobile in un angolo.
Guardai meglio Jana, e dovetti ammettere che era davvero di una bellezza unica, con un corpo che rasentava la perfezione.
Andai verso l'armadio che sembrava un piccolo sexy-shop, tanti erano gli oggetti che conteneva che non sapevo cosa scegliere, quando vidi una semplice benda che misi subito a Jana.
“Mettiti a pecora e che le gambe siano ben aperte.” le ordinai mentre mi toglievo le scarpe.
Mi sistemai al suo fianco ed iniziai a colpirla col frustino sulle chiappe, ma senza affondare in alcun modo i colpi, soprattutto quando li rivolsi contro la fica, che si bagnò in pochissimo tempo.
“Posso davvero fare ciò che voglio ?” chiesi a Manlio in cerca di un'inutile conferma.
“Certo l'importante è non usare dell'inutile violenza.”
Feci sdraiare Jana e la baciai su una guancia prima di riprendere a picchiarla sulle chiappe col frustino, per poi lasciare quel nerbo di pelle ed infilarle un dito fra le gambe.
“Ma quanto sei bagnata !” le dissi facendole annusare quel dito così già carico dei suoi umori “Non voglio farti male, ma neppure che tu abbia un orgasmo senza il mio consenso, sono stata chiara ?”
“Si” mi rispose aprendo ancora un po' le gambe.
“Allora siediti e tu Manlio mettiti dove vuoi per goderti lo spettacolo.”
M'inginocchiai dietro di lei e subito le mie mani corsero sulle sue belle tette e fra le lunghe gambe, mentre le baciavo il collo e i lobi delle orecchie. Il solo sentire il suo corpo contro il mio m'eccitò molto, così come udire il suo respiro farsi sempre più affannoso, per diventare quasi un rantolo quando la penetrai con due dita.
La masturbai a lungo poi la feci sdraiare per poterne disporre ancor meglio. La baciai in bocca cogliendola di sorpresa, poi le mie labbra scivolarono sul suo corpo sino a raggiungere il monte di Venere trovando in realtà un lago. Mi divertii a succhiare il suo piacere, e quando questi finiva, la sditalinavo quasi con furia per poterne averne ancora.
“Ora basta pensare a te, fammi vedere cosa sai fare con la lingua.” le dissi andandomi a sedere davanti a lei poi sfiorarle il viso con un piede.
Con Manlio avevo iniziato ad apprezzare le attenzioni verso le mie estremità, ma non avevo mai fatto nulla del genere se non con lui. Jana però si dimostrò nel leccarmi i piedi anche prima di sfilarmi le calze. Per un attimo mi girai verso Manlio che era in piena estasi, anche se aveva le mani in tasca la sua eccitazione era ben visibile, e del resto il mio esibizionismo era anche un modo di ringraziarlo per quel folle regalo.
“Adesso sali.” ordinai a Jana dopo essermi sfilata il perizoma.
La sua bocca salì lungo le mie gambe forse con troppa fretta, ma del resto era difficile per entrambe mantenere una certa calma in un momento così carico di sensualità. Quando la sua lingua arrivò sulla mia passera, mi sdraiai lasciandomi andare al piacere più completo, godendo d’ogni singola leccato o tocco, sino al raggiungimento dell'orgasmo. Jana però non volle fermarsi, anzi andò avanti come se nulla fosse successo, facendo risalire in me la stessa eccitazione che avevo all'inizio del rapporto.
“Manlio prendimi un dildo, uno medio, e tu leccami il culo visto che ti piace usare la lingua.” dissi loro girandomi per offrire il mio culo a Jana.
Lei quasi m'infilò la lingua dentro l'ano mentre io mi masturbavo lentamente col dildo che mi aveva dato Manlio, poi quasi me lo sfilò dalle mani per usarlo lei.
“Tu pensa solo a godere.” mi disse facendo scivolare quasi tutto quel pezzo di silicone dentro la mia passera.
“E tu fammi vedere di cosa sei capace.”
Jana non solo iniziò a scoparmi con una dolcezza infinita, ma ogni tanto spostava la lingua dal buchetto alla passera per leccare il mio piacere, ma solo dopo aver tolto il dildo, in modo da poter passar la lingua dentro ogni anfratto della mia fica.
Per un attimo sperai che mi sodomizzasse per provare ancor più piacere, ma poi compresi che una donna del genere non avrebbe mai fatto nulla che credesse poco consono a chi la stava dominando.
Il nuovo orgasmo fu molto più travolgente del primo, lasciandomi questo sì senza fiato e forze, completamente appagata, ma anche desiderosa di ricambiare, se pur in altra maniera.
Feci sistemare Jana carponi per poi farmi passare da Manlio del gel lubrificante, e con questo ungermi la mano. Molto lentamente iniziai a penetrarla con due dita, per poi passare a tre, ed infine a quattro. Quando anche il pollice s'unì alle altre dita, lei s'irrigidì per un attimo, ed io le diedi due pacche sulle chiappe per farle rilassare i muscoli.
“Godi Jana.” le dissi mettendomi al suo fianco in modo da poterla baciare in bocca “Voglio sentirti urlare per il piacere.”
In realtà stavo godendo anch'io e non poco, il penetrare in modo così estremo una donna mi donava sensazioni particolari, come quelle provate guardando Daniela, mentre era sculacciata da Ugo, anche se in quel momento non c'era nessuna violenza.
Jana da parte sua gemeva ormai senza sosta, forse non credendo che si potesse fare con tutta una mano dentro la passera senza provare alcun dolore. Solo quando la vidi arrivare all'orgasmo, forzai un po' l'andatura e le tolsi la benda, ma a quel punto credo avrei potuto fare qualunque cosa senza toglierle anche una piccolissima parte di piacere.

Lasciai che la ragazza si riprendesse per poter coinvolgere Manlio nei nostri giochi, anche se non sapevo come farlo. Poi all'improvviso ebbi l'idea buona, e non ebbi alcuna esitazione nel metterla in pratica.
“Jana non vorrai finire così ?” le dissi togliendomi l'abito “Visto che sei brava leccami i piedi.” conclusi mentre mi sdraiavo a pancia sotto al centro del letto.
Lei ancora un po' provata s'inginocchiò dietro di me, ma non appena prese il mio piedino in bocca, decisi che era giunto il momento di far godere anche il mio mentore.
“Manlio non vedi che Jana ha una sola bocca e io due piedini ? Cosa aspetti a prenderti cura dell'altro.”
Lui non aspettava altro che il mio ordine, infatti non perse un solo secondo per mettersi davanti a Jana, alzarmi la gamba, e prendere in bocca il piede, coprendolo subito di baci. I giochini da feticista però mi stancarono ben presto, e del resto non poteva essere altrimenti dopo gli orgasmi avuti con Jana, così dissi a Manlio di spogliarsi se voleva rimanere con noi. Non appena fu nudo gli poggiai i piedi sui testicoli e sul pene, ordinando allo stesso tempo a Jana di prenderglielo in bocca, ma il padrone era così eccitato che venne quasi subito, lasciandomi un po' d'amaro in bocca.
“Dai che non è successo niente.” gli dissi per consolarlo “Adesso ti dimostro che è stato solo un piccolo incidente e nulla più.”
Lo feci sdraiare per mettermi sopra di lui, ma invece di mettergli la fica davanti alla bocca, incrociai i piedi in modo che lui potesse baciarli. Poi dissi a Jana di sedersi in modo di poter mettere i suoi piedi sotto i genitali di Manlio, e già solo sentendo quel contatto, il suo pene ebbe una piccola erezione.
“Ora vediamo quanto tempo ci metto a fartelo tornare duro.” dissi prima di prenderglielo in bocca.
Iniziai così a leccargli cazzo e palle, facendo sì che sentisse anche i piedi di Jana, in modo da eccitarlo il più possibile. Manlio non era certo uno stallone, ma se ben stimolato riusciva ad avere dei rapporti più che soddisfacenti, e anche quella sera non fu da meno.
Infatti non appena il pene gli tornò in erezione mi girai verso di lui, e dopo aver afferrato l'oggetto del mio desiderio, m'impalai su di lui aiutata da Jana.
“Tu mi fai impazzire.” mi disse baciandomi una caviglia.
“Questo è ancora niente, stasera voglio darti tutta me stessa.”
Grazie a Jana, che non smise mai di mettergli in bocca o sotto le palle i suoi piedi, riuscii a farmi scopare da Manlio in diverse posizioni, bloccandogli però sempre l'orgasmo, sino a quando non fu visibilmente esausto
“Se vuoi venire usa i miei piedi.” gli dissi mettendomi carponi davanti a lui “E tu Jana fottimi col dildo perchè voglio godere anch'io.”
La ragazza fu più veloce e si accovacciò al mio fianco per darmi quel piacere che tanto reclamavo, scopandomi col dildo e massaggiandomi l'ano con la mano libera.
Manlio si mise seduto dietro di me per usare i miei piedi come se fossero due mani, arrivando ben presto all'orgasmo che Jana non lasciò neanche un attimo sulle mie estremità.
Mentre mi rivestivo mi chiesi cosa mai poteva riservarmi la mia relazione con Manlio, se già dopo qualche mese eravamo arrivati ad avere rapporti a tre, senza dimenticare quelli che avevo avuto senza di lui.
Del resto lui era tutto tranne un uomo 'convenzionale', quanto a me ancora non sapevo dove sarei potuta arrivare, sempre disponibile a fare nuove esperienze.

Invito tutti a visitare il mio piccolo blog
http://serenathemiss.wordpress.com/