i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy webcam Chat  | ChoCam Mature webcam  |  Live18 |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Filippo è in sala relax, aspetta paziente che la macchinetta rilasci il suo caffè ristretto. Lo sguardo perso, la mente vaga e torna agli avvenimenti della scorsa notte. Non riesce ancora a capacitarsi di quanto sia successo, rivede le immagini passargli davanti agli occhi, i gemiti, i suoi stessi gemiti, le sensazioni così contrastanti e quella voglia di andare sempre più a fondo, di lasciarsi andare completamente.
“Beh… il caffè lo devi bere o lo vuoi solo ammirare?”
Una voce maschile lo riporta alla realtà. Afferra il bicchierino e fa una smorfia al collega. Si siede sulla sedia che dà proprio sulla porta aperta. Giusto il tempo di soffiare sul caffè ed ecco che da lontano sente arrivare un passo femminile, tacchi rumorosi con cadenza costante e sicura. Il cuore comincia a battergli forte nel petto. È lei. Entra dalla porta, uno sguardo fugace ai pochi presenti e poi punta i suoi occhi scuri su di lui, lui che non può fare a meno di rizzarsi sulla sedia come uno scolaretto all’ingresso del preside in classe. Un sorriso beffardo sulle labbra di lei, lo lascia deglutire, lo scruta mentre comincia a contorcersi dall’imbarazzo.
“Buongiorno Filippo, come stai?”

L’appuntamento era per le 20, a casa di Federica. Il marito non sarebbe stato in casa e lei gli aveva chiesto un po’ di compagnia, magari una pizza insieme. Sapeva che non avrebbe rifiutato, avevano avuto qualche avventura, tutte consumate in auto quando lui si offriva di accompagnarla a casa dal lavoro. Niente di speciale, uno o due pompini, solo una volta lei gli fece annusare la sua figa, in macchina e sotto casa di lei non era il posto migliore per mettersi comodi davanti a occhi indiscreti.
Era particolarmente eccitato dalla possibilità di stare da solo con lei a casa sua, forse sarebbe riuscito ad ottenere un po’ di intimità, finalmente dopo tanti incontri così fugaci e superficiali.
Lei lo accoglie sorridente sull’uscio, gli scuri capelli fluenti le si appoggiano morbidamente sulle spalle nude, un leggero vestito con spalline sottili. Lui rimane quasi senza fiato nel vederla.
“Dai su entra, ho già ordinato le pizze, staranno per arrivare, mi hanno detto che la consegna sarebbe stata per le 20.15, intanto beviamo qualcosa di fresco, seguimi in cucina”.
“Sì grazie… in effetti fa molto caldo fuori”. Sente delle gocce di sudore rigargli la fronte, il cuore galoppa nel petto, sente la faccia in fiamme. La segue docile fissando come un cagnolino quei fianchi ondeggianti che lo guidano verso la cucina. Solo una volta arrivato si rende conto di stringere ancora fra le mani un mazzo di rose che voleva darle appena arrivato.
“Ah, queste sono per te”. Gliele porge in una maniera goffissima.
“Ma certo che sono per me, l’ho capito scemo, adesso cerco un vaso dove metterle. Cosa vuoi bere? Un po’ di vino? Della birra?”
“N-no… sono astemio non bevo, mi basta dell’acqua”.
“Ahahah, dovevo immaginarlo, certo, astemio”. La sua risata lo colpisce al basso ventre, come uno stiletto. Quel tono canzonatorio lo mette a disagio più per la strana eccitazione che gli suscita che per l’essere costantemente messo in ridicolo.
Gli porge il bicchiere di acqua fresca avvicinandosi fin troppo. Lo guarda fisso negli occhi.
“Non avevo mai notato che avessi degli occhi di un verde così scuro, sono belli, e che belle ciglia. Chissà come staresti con un po’ di mascara?”
La frase lo fa irrigidire, ma averla così vicina al suo viso aumenta a dismisura l’emozione. Allunga una mano verso di lei per cingerle la vita quando suonano alla porta.
“Ah, deve essere il ragazzo con le pizze, vai tu a pagare vero?”
“Certo…”. Si precipita alla porta con il portafogli in mano.

Le pizze finiscono in men che non si dica, fra poche chiacchiere e un po’ di imbarazzo da parte di Filippo che sente gli occhi di Federica scrutarlo costantemente come a volerlo frugare nell’intimo.
“Dai, sediamoci sul divano” Si alzano dalle sedie e si accomodano sul divano, Filippo sempre un po’ rigido e impacciato. Prova ad avvicinarsi un po’ a lei, ma Federica si scosta per recuperare il cellulare, si allontana da lui e gli scatta una foto all’improvviso.
“Ma… perché mi hai fatto una foto?”
“Sei carino con quel faccino imbambolato, volevo fartela e l’ho fatta!” Risponde distrattamente digitando veloce sulla tastiera, senza guardarlo. Finisce di scrivere e solleva lo sguardo, lo fissa con determinazione.
“Ho voglia di vestirti da donna. Proviamo?”
“Ma… che dici? Perchè?” Non fa in tempo a controbattere, lei si è già alzata dal divano ed è sparita in camera da letto. Torna poco dopo con le braccia cariche di abiti, stoffe di vario genere e un paio di scarpe con il tacco altissimo.
“Dai su, spogliati, completamente, non essere timido, ho già visto quello che dovevo vedere, non è niente di nuovo”, sogghigna con tono malizioso. Filippo non riesce ad opporre resistenza si alza e comincia a togliersi i pochi vestiti quasi automaticamente. Rimane in mutande davanti a lei, la fissa con sguardo incerto.
“Ma cosa ci fai con quegli slip? Togli tutto dai!” Obbedisce e fa scivolare giù anche le mutande. Il suo cazzo mostra già i segni di una nascente erezione, la situazione è molto strana e ambigua ma nella mente di Filippo aleggia la possibilità di avere quello che desidera da lei se continua ad assecondarla.
Federica si avvicina con alcuni indumenti di lingerie in mano. Si inginocchia davanti a lui e lo aiuta a infilarsi un paio di mutandine di pizzo viola. Ride divertita cercando di far stare dentro il suo cazzo che ormai ha raggiunto dimensioni impossibili da celare fra i disegni di pizzo. Lui è sempre più confuso ed eccitato, sentire le sue mani che sfiorano il suo corpo, quella stoffa leggera e setosa che lo accarezza.
“Accidenti che belle gambe lunghe! E non sei neanche peloso, proprio perfetto per queste autoreggenti”. Le sue mani percorrono le gambe su e giù più volte, il membro di Federico scatta in preda a spasmi dovuti all’eccitazione. Lo aiuta a infilarsi le calze, gliele sistema per bene e poi accarezza piano la cappella che spunta dalla mutandina, umida e lucida.
“È la prima volta che lo fai? Sono il primo che vesti con biancheria femminile?”, Federico trova il coraggio di parlare anche se la voce si rompe per l’imbarazzo della situazione.
“Sei il primo, è una fantasia che ho da tanto tempo, tu hai il fisico adatto”, gli parla agganciando il reggiseno coordinato, le coppe preformate danno il senso di un seno piccolo ma corposo. Continua a vestirlo, come fosse la sua bambola ad altezza naturale; aggiunge una camicetta rosso fuoco, la lascia aperta per far intravedere il reggiseno. Una gonna nera aderente e un paio di scarpe décolleté con tacchi vertiginosi completano il tutto. Filippo barcolla sugli alti tacchi, si scruta di sfuggita allo specchio appeso alla parete, si sente ridicolo ma allo stesso tempo estremamente eccitato, il gonfiore evidente sul suo pube lo conferma senza ombra di dubbio. Federica si pone davanti a lui per ammirarlo, le mani sui fianchi con aria soddisfatta.
“Sei proprio carina, una vera puttanella… ma ci vuole un po’ di trucco”, sparisce di nuovo in camera per tornare con una trousse fra le mani, un rossetto e una parrucca rossa.
“Ahaha, ho trovato anche questa parrucca, sarai una puttanella perfetta!”, comincia a darsi da fare sul viso di Filippo. Gli fa indossare la parrucca ramata e il rossetto rosso acceso completa il tutto. Filippo getta uno sguardo allo specchio. Un brivido gli percorre la schiena. Si sente ridicolo, una maschera, ma non riesce a trattenere un sorriso.
“Guardala, ti piaci vero? Vedi che sei un po’ troia?”, il suo tono è volutamente canzonatorio mentre la sua mano va ad accarezzare la protuberanza sul pube, lo afferra fra le unghie laccate di blu scuro, ne saggia la lunghezza e la durezza, strappando qualche sospiro al povero Filippo che si lascia tirare verso il divano.
“Siediti, ho voglia di un bel massaggio ai piedi”, lo fa sedere e si distende lungo il divano, poggiando i piedi nudi proprio sul suo cazzo duro. Filippo afferra quei piedi sinuosi e setosi, prende a massaggiarli come meglio può, non sa bene cosa le piaccia e non ha voglia di star là a manipolarle i piedi. La vede rilassata e distesa, gli occhi socchiusi, la osserva: è davvero bellissima, sembra proprio appagata. Passano minuti infiniti, Filippo sente che la sua eccitazione ormai è sparita del tutto, nonostante i talloni di lei poggino ancora sul suo uccello.
“Va bene, basta così!”, si alza dal divano e si posiziona davanti a lui.
“Sdraiato, per terra”, il tono è perentorio, Filippo esegue senza fiatare e continua a guardarla. Si solleva il vestito fino sopra la vita, un perizoma blu le copre appena le grandi labbra, lo scosta mostrandosi completamente, madida e imperlata. Si sistema a cavalcioni sul suo viso e poggia la sua figa sulla sua bocca aperta, le natiche formose si appoggiano sul suo naso. Non gli sembra vero avere finalmente a disposizione quella splendida fica, succosa e calda. La posizione è terribile, le grosse natiche gli impediscono quasi di respirare ma Filippo si dà da fare con la lingua, lecca, si insinua, succhia come un ossesso. Sente le mani di lei tirare su la gonna stretta, fino alla vita, esponendo il suo cazzo rigido ancor parzialmente imbrigliato da quel pizzo viola. Filippo freme, nella sua mente già pregusta la sua bocca sul suo cazzo, come solo lei sa fare. La sente ansimare più forte, infila più a fondo la lingua e percepisce chiaramente il suo orgasmo mentre lei si lascia andare con un gemito lungo e gutturale, dondolando sulla sua faccia.
Rimangono minuti interminabili in quella posizione, il povero Filippo comincia a sentire sofferenza, gli manca l’aria. Ecco che la sente sporgersi in avanti, la posizione gli libera un po’ il naso, continua a leccare e riprende a respirare, la sente venire ancora sulla sua bocca mentre si sposta in avanti. Cresce la speranza che lei si stia avvicinando con le labbra al suo cazzo, sempre più teso e rigido. D’improvviso un rumore secco seguito da un dolore lancinante al basso ventre lo fa urlare sepolto dalla sua figa. Federica ride divertita mentre continua a picchiare il suo cazzo con un mestolo di legno, rumore secco e acuto, colpisce alternativamente l’asta e il glande senza tregua e incurante delle urla che provengono da sotto di lei.
“Che zoccola che sei!! Ma non lo sai che le signorine per bene non devono far vedere la loro eccitazione? Ahahaha, sei proprio una zoccoletta senza ritegno!”
Continua a colpirlo senza tregua, i lamenti si attenuano, Filippo suo malgrado sente crescere l’eccitazione e non riesce a trattenere un gemito insieme a un piccolo schizzo di sperma che si spande sul suo addome.
“Ma guarda che grandissima zoccola, sei quasi venuta puttanella… allora ti piace pure essere presa a mestolate”, si solleva dalla sua faccia. Lui la osserva dal basso, una visione estasiante; il trucco gli si è sparso ovunque rendendo il suo viso ancora più ridicolo, quasi un clown. Filippo sente il cazzo gonfio e dolorante.
“Dai alzati, andiamo in camera, sul letto… ho voglia di divertirmi ancora un po’ con te…”
Lo aiuta a tirarsi su sugli alti tacchi, Filippo sente la testa girare, il poco seme gli cola sugli slip, cerca di sistemare la gonna come può ma lei lo tira a sè prima che ci riesca.
“Mettiti sul letto, a quattro zampe… io torno subito”, obbedisce come un automa, ormai si sente completamente in suo potere, svanisce piano anche l’idea che lei si possa concedere, si sente sempre più il suo bambolotto.
Torna dal bagno con una piccola bomboletta di deodorante, la sta rivestendo con un preservativo. Lo guarda sogghignando, sparge una crema sul giocattolo improvvisato.
“Ma che brava, mi hai aspettato in posizione… E per chi sarà questo bel giocattolino eh? Per te? O per me? Per te? O per me?”
Filippo la guarda preoccupato e deglutisce prima di tentare a rispondere con un timido: “Per te?”
“Noooo, chi è la puttanella qui?”
“Io…”
“Esatto! E questo giocattolino è per la puttanela!”, ride divertita dalla sua espressione di delusione e imbarazzo.
Si posiziona dietro di lui e inizia a penetrarlo con le dita, già altre volte avevano giocato così. Dopo aver saggiato la morbidezza ecco che comincia a spingere dentro il recipiente, così unto di crema scivola quasi subito dentro. Filippo si sente violato all’improvviso, il dolore lo ridesta, prova a protestare timidamente ma si rende conto di avere di nuovo una prepotente erezione Federica comincia a far entrare e uscire la bomboletta, simulando una penetrazione. La facilità con la quale riesce a farlo lo eccita ancora di più tanto da fargli sporgere il culo in fuori per prenderlo meglio e tutto.
“Ah, ho cercato di fare in fretta ma non pensavo foste già a questo punto”, la voce di un uomo fa girare entrambi di botto verso la porta. Filippo si sente mancare, il marito di Federica è appoggiato allo stipite della porta, osserva la scena con un sorriso beffardo e una mano sulla patta che accarezza piano.
“Ah caro, sei già arrivato! Hai fatto prestissimo, sì sto finendo di preparare la nostra puttanella, ti piace?”
“Moltissimo, grazie amore…”, si avvicina al letto togliendosi la giacca, sbottona i polsini e tutti i bottoni della camicia. Filippo si sente in balia degli eventi, capisce solo ora di essere stato attirato in una trappola ben orchestrata, vorrebbe scappare ma si sente anche inchiodato, fortemente attratto dalla situazione. L’uomo intanto è dietro di lui, fa scivolare pantaloni e mutande ai suoi piedi e scopre il suo cazzo eretto, continua a massaggiarselo con insistenza tenendo gli occhi puntati sulla bomboletta che continua ad uscire ed entrare sempre più facilmente. Federica la toglie del tutto. Un attimo di silenzio irreale nella stanza. Filippo respira pesantemente, il mascara sciolto gli segna delle righe sul volto. Sente appoggiare la cappella, calda e umida, non riesce a evitare di tirarsi via in maniera quasi istintiva.
“Hey puttanella, che c’è? Vuoi fare la timidona? Dài ormai dove vuoi scappare, sei così pronta”, ride ancora Federica, la sua risata echeggia nella stanza, Filippo la sente rimbombare in lontananza come fosse sott’acqua. Sente scivolare dentro di sè quel cazzo duro, nello stesso istante sente un calore espandersi nel ventre, un gemito di piacere arriva alle sue orecchie, è la sua stessa voce, si sente gemere e dire “Sì, sì, oh sì” mentre il pube dell’uomo gli sbatte addosso con forza con un forte rumore. Filippo si perde nel piacere, avverte appena la mano di Federica che afferra il suo cazzo turgido, lo strattona due volte, sono sufficienti per farlo venire. Sente l’uomo ansimare, aumentare il ritmo, con un verso animale tira fuori il suo cazzo e gli viene schizzando fra le natiche, la sensazione di quel caldo umore che gli scivola piano addosso gli dà un ultimo brivido di piacere.