i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy webcam Chat  | ChoCam Mature webcam  |  Live18 |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
- Ciao Nick –

Appena varcata la porta dell’hotel un uragano umano sotto forma di James, un collega della filiale di Londra, mi viene incontro per salutarmi con un’espansività molto poco british.

James è uno dei pochi che considero veramente amici nell’ambito lavorativo. Troppa competitività. Io e lui ci siamo ritagliati due nicchie dalle quali non entriamo in contrasto, almeno non per ora, e così mi lascio prendere in un abbraccio da orso che rischia di stritolarmi le costole. Sì perché James è grande e grosso. Alto più di 190 cm. Fisico possente di natura aiutato da poca palestra, carattere gioviale e espansivo tanto che gli dico spesso che ha origini italiane nascoste; competenza professionale ai massimi livelli. E’ l’unico che mi chiama Nick anziché Nicola, accusandomi per certi miei atteggiamenti di avere ascendenti inglesi non riconosciuti.

Mi districo dal suo abbraccio dopo un robusto scambio di pacche sulle spalle e mi presenta Linnea, una ragazza sui 25-27 anni molto carina: capelli biondi tendenti al rossiccio che le scendono sciolti sulle spalle, nasino all’insù che fa tanto Douce France, occhi di un blu incredibile, seno che tende corposo la giacchina dell’abito, gambe lunghe e nervose e un sedere alto e ben proporzionato. E’ la traduttrice che seguirà me e gli altri italiani in questi 5 giorni di congresso.
La mia azienda ha filiali sparse per il mondo e ogni anno organizza un congresso che è più una vacanza premio per i quadri che un meeting di lavoro. Le decisioni sono già state prese, gli ordini sono pronti ad essere impartiti, ma fa molto democratico far vedere che se ne discute prima.

Prendo possesso della mia camera per una doccia veloce, la valigia è già su, scaricata dallo shuttle da invisibili ed efficienti dipendenti dell’hotel. Raggiungo James al bar e lo trovo ancora con Linnea che stanno ridendo di un qualcosa. Saluto velocemente gli altri colleghi che conosco, notando che gli italiani sono raggruppati al bancone e mediamente fanno più rumore degli altri, e mi siedo al tavolino con il mio amico.

Parliamo brevemente di lavoro, sarà la brochure in camera mia a ragguagliarmi sugli eventi ma già so che il giorno dopo è quello più importante, quello dove parlano i Big e dove è “obbligatorio” assistere lasciando i giorni successivi alla volontà dei partecipanti.

- Nick, che ne dici di una fuga all’italiana? –

- Vorrai dire all’inglese, brutto anglosassone che non sei altro……..che intendi? –

- Che invece di cenare con la truppa ce ne andiamo noi tre in un pub che Linnea mi vuol far conoscere –

L’idea mi piace. Amo Londra anche se non la conosco poi troppo bene e mi fa piacere scoprire qualche posticino piacevole. Aderisco con gioia e ce ne andiamo senza farci notare. James prende per un braccio Linnea e lei ridendo, prende anche me e così, spensierati e sottobraccio, usciamo dall’hotel facendoci guidare da lei.

Il pub è quanto di più caratteristico si possa trovare. Non molto distante dall’hotel, ha arredamenti in legno scuro che, con le luci soffuse, dà un’aria ottocentesca al locale, tanto che non mi sorprenderei di vedere a un tavolo Sherlock Holmes ed il suo amico dottor Watson a cenare.
Ci sediamo a un tavolino appartato e ordiniamo. Cenando alterniamo ottima birra a scotch e l’atmosfera si fa via via più rilassata. Linnea ride a qualsiasi cosa noi diciamo, e ne diciamo tante.

Ad un certo punto devo andare in bagno e lei si alza approfittando del mio sostegno, visto che non si sente troppo salda sulle gambe, per fare la stessa cosa. La prendo sottobraccio, sento la morbidezza del suo seno sul braccio e la conduco con me. Ci dividiamo nella toilette e ci ritroviamo poi al lavabo comune. Quando stiamo per uscire barcolla e, in pratica, mi si butta addosso. Adesso la sento bene, soprattutto sento il suo seno sul mio petto e la sua gamba tra le mie che struscia sul mio inguine. Ho un’erezione immediata. Alza il viso verso il mio e vorrei baciarla ma prima ho notato la mano di James, nascosta dal tavolino, che le carezzava la coscia. Mi faccio forza, non posso fare il bastardo con lui. L’attimo passa in fretta e lei si scosta. Il suo sguardo va in basso e quando rialza il viso sorride maliziosa.
Capisco che ha avvertito il mio turgore e ha voluto sincerarsi con lo sguardo della mia condizione. Accidenti, per un penny la prenderei per le anche e la farei sedere sul lavabo, per un penny le farei scivolare la gonna sulle cosce per esporla, per un penny…….. ma James per me vale molto più di un penny. La riprendo sottobraccio e la riconduco al tavolino.

Torniamo in hotel dove alloggiamo tutti e tre perché è consuetudine dell’azienda avere tutti sotto lo stesso tetto per evitare perdite di tempo coi trasporti, anche se la metropolitana di Londra è efficiente e i due potrebbero benissimo dormire a casa. Ci separiamo agli ascensori e immagino già James e Linnea rotolarsi su un letto insieme. Mi concentro sulla brochure per non pensare ad altro e riesco a smorzare l’eccitazione che, dal pub, mi ha accompagnato sino in camera.

Al mattino ci ritroviamo per una robusta colazione. Ci attendono diverse ore di chiacchiere che dovremo far finta di seguire con attenzione perché il Cavalier Lup Mannar Gran Farabutt eccetera eccetera di turno al podio potrebbe risentirsi.
Noia, ore di noia spezzate da un intervallo breve. Ascolto la traduzione di Linnea concentrandomi sulla sua voce, che più ascolto e più mi piace, perché so che nel pomeriggio troverò tra le mail la trascrizione degli interventi.
Mi permetto di divagare con la mente, applaudendo quando gli altri applaudono, e finalmente è ora di pranzo.

James ha un’altra buona idea. Lui sa quanto mi piaccia Camden Market e mi propone di andare lì per pranzo sempre insieme a Linnea. Andiamo in metropolitana e riascolto volentieri il mitico “mind the gap” prima di perdermi con i due per i tanti negozietti, scoprendo con sbigottimento che c'era stato un incendio, per fortuna con danni limitati. Scegliamo di mangiare caraibico prendendolo da un chiosco senza andare tanto per il sottile con l’igiene e così passiamo un pomeriggio piacevole condito da birra, scotch e acquisti vari. Anche se lui non me l’ha detto è evidente che James e Linnea sono qualcosa più che amici. Quello che mi sorprende è che lei dispensa equamente strette e abbracci tra noi due e che lui non se ne abbia a male. Resto sempre un po’ sulle mie corteggiandola scherzosamente e apertamente davanti al mio amico che ride allegramente vedendoci.
Credo di non capire bene la situazione ma mi adeguo divertendomi con loro.

La sera, tornati in centro, Linnea ci guida in un altro pub. Diverso dal primo e ugualmente molto british. Birra, fish & chips, allegria, aneddoti. Tutto molto leggero fino a quando Linnea, scorrendo sulla panca, appoggia completamente la coscia sulla mia guardandomi intensamente. E’ un’avance esplicita, non c’è possibilità di fraintendimento. Guardo James che sorride del mio imbarazzo, poi mi fa cenno di sì con la testa.
Al diavolo, è da ieri sera che ho voglia di toccarla. Scendo con la mano sulla sua gamba, le carezzo il ginocchio salendo. Un tocco leggero, uno scivolare sulla stoffa dei pantaloni che indossa per comodità. Linnea scosta appena le gambe permettendomi di raggiungerle l’interno della coscia. Salgo ancora e mi fermo, mi pare troppo volgare metterle così la mano sulla micina. Lei reagisce spingendo il bacino in avanti, piegandosi per appoggiarmi il seno alla spalla, avvicinandomi il volto. La bacio o forse è lei che bacia me. Sa di birra e di scotch, la sua lingua si muove mollemente incontro alla mia, la tenta, la studia, la avvolge come al rallentatore. Le sue mani hanno intanto afferrato la mia tirandosela sul ventre. Sussulta nella mia bocca e poi si stacca, c’è un riflesso verde nell’altrimenti perfetto azzurro dei suoi occhi che ora appaiono lucidi. SI volta verso James e bacia lui. Nessuno parla. Solo il cameriere che ci interrompe rimbrottandoci. Ci accorgiamo che gli occhi di tutti gli avventori sono fissati su di noi. Abbiamo dato spettacolo.
Ridacchiando nervosamente saldiamo il conto e ci precipitiamo fuori. Un taxi ci accompagna all’hotel dandoci modo di scambiare ancora carezze nel tragitto. Linnea è presa tra me e James come in una morsa, sa chi sta baciando in quel momento ma non può sapere di chi sia la mano che le carezza il seno, o quella che scivola sulla sua schiena o quella, più curiosa, che le stuzzica la micina attraverso la stoffa.
Il taxi si arresta e noi tre, col fiatone, entriamo in hotel. Questa volta non ci dividiamo. Ancora sottobraccio tutti e tre, vengo guidato verso la camera di lei.
Lì dentro Linnea si accosta al letto. Nella piena luce la vedo improvvisare uno strip-tease con mosse lente e sensuali. Mi allento la cravatta e James accanto a me fa lo stesso. Intanto lei è quasi nuda. Con indosso solo la lingerie gattona sul letto assumendo pose invitanti, la lingua le guizza tra le labbra. Mi tolgo giacca e camicia solo dopo che ho visto James farlo. La situazione è chiara ma ho ancora qualche esitazione.

- Nudi, vi voglio nudi –

La voce arrochita dal desiderio di Linnea colpisce piacevolmente le orecchie. Ci togliamo quel che resta e rimaniamo così in piedi, a due metri l’uno dall’altro, entrambi con una vigorosa erezione. La linguetta di Linnea guizza più velocemente tra le labbra, un sorriso voglioso le allarga il viso.

- Prima gli ospiti –

James mi fa cenno di avvicinarmi a lei. Mi dà la precedenza e, nel contempo precisa quale è la mia posizione. Sono un ospite, sono temporaneo, non devo farmi illusioni. Nello stato in cui sono non potrebbe fregarmene di meno, sono attratto irresistibilmente dal guizzare roseo della lingua di Linnea. Mi avvicino alla distanza giusta e lei sospirando me lo prende in mano, lo soppesa, lo valuta. Altro sospiro, spero di soddisfazione, e la sento leccarmi l’asta, scivolare verso la base, toccare lievemente i testicoli, risalire e, finalmente, accogliermi nella bocca.

James è andato dietro di lei, le ha abbassato gli slip striminziti e la sta leccando in quella posizione scomoda ma tanto eccitante. Ne sento il riflesso su me stesso: Linnea succhia con fervore, affonda l’asta nella bocca senza smettere di muovere la lingua. E’ un pompino magistrale a cui potrei arrendermi in breve tempo. Un singulto, la testa di Linnea sbatte sul mio ventre, sento un mugolio strozzato. Il primo affondo di James, che ora la tiene per i fianchi, l’ha costretta a ingoiarmi oltre il limite. Linnea si riprende in fretta, se lo toglie di bocca, lo lecca ancora di lato, insiste intorno alla cappella e poi spalanca di nuovo le labbra. Mi pompa sincronizzandosi con i colpi di James. Sto gemendo, la sua bocca è come un forno caldo, stretto, bagnato in cui scivolo avvicinandomi all’estasi. Anche loro due stanno gemendo, li sento: lei soffocata dal bavaglio di carne, lui mormorando parole che non riesco a comprendere.
Proprio quando sto pensando di avvertirla che manca poco, veramente poco, al mio orgasmo si stacca da entrambi e si gira sdraiandosi sul letto. Apre le gambe, apre le braccia verso di me in un invito a cui non posso dire di no.
Mi butto sopra di lei ma non la penetro. So che godrei in pochi istanti e non voglio che finisca tutto subito. Metto la testa tra le sue gambe, le sue mani mi afferrano per i capelli e mi tirano verso di lei. Con la lingua assaporo i suoi succhi già abbondanti, le stuzzico il clitoride pienamente esposto, le lecco le grandi labbra per un secondo prima di entrare in lei strofinando il naso sul suo pube, sul suo clitoride. Mi stringe più forte e una valanga di succhi mi inonda la faccia, la bocca. Mi abbevero a quella fonte deliziosa sentendola torcersi nel piacere.
Ora tocca a me, potrei venire anche solo strofinandomi sulla coperta ma sarebbe uno spreco immane avendo davanti quella micina vogliosa e grondante che aspetta solo me. Mi sistemo bene e spingo. Entro in lei facilmente, fino in fondo. Geme forte togliendo la bocca dall’uccello di James che intanto si è avvicinato per farselo succhiare. Poi riprende il suo lavoro mentre io comincio a muovermi.

Io la scopo e lei succhia, e più forte la scopo e più forte lei succhia. James ha un rantolo, prova a staccarsi ma lei non glielo permette. Lo afferra per i glutei, lo tira a se senza staccarsi e accoglie nella bocca i getti del seme del mio amico. Vedo distintamente l’atto della deglutizione e ancora lei non si stacca. Le guance incavate sugge fino all’ultima stilla del piacere prima di toglierselo e gemere a sua volta in un orgasmo più forte del precedente.
Non ce la faccio più. Spingo con forza dando gli ultimi quattro o cinque colpi e vengo anche io riuscendo a malapena a ricordarmi di togliermi da lei, inondando con il mio seme il suo ventre che, accostato al mio, strofina il mio uccello preso nella morsa.

Mi gira la testa. E’ stato intensissimo anche se ho goduto strusciandomi su di lei come un cane, ma il mio uccello era diventato ipersensibile e tanto è bastato.
Ci riposiamo qualche minuto tutti e tre, io rotolato di fianco pancia all’aria, lei stesa tra noi due, muovendo pigramente le mani sui nostri toraci.
All’improvviso si alza e fugge in bagno. Torna dopo due minuti con una salvietta calda con cui mi pulisce il ventre, l’uccello a cui dedica carezze e slinguatine scherzose provocandone una immediata, se pur ancora parziale, reazione.

- E’ da quando ti ho conosciuto che volevo portarti a letto –

Le parole di Linnea sono lusinghiere e inaspettate, la guardo intensamente.

- Colpa mia, le ho descritto con troppo entusiasmo il mio amico italiano –

James interviene dall’altra parte sogghignando. Ridiamo in tre della sua battuta. Intanto io sto carezzando senza impegno i seni di Linnea, i capezzoli induriti, la pelle liscia come seta.

- Piano, sono sensibile lì –

La sua voce dolce non è un diniego, un semplice avvertimento. Scendo con le labbra sul capezzolo stringendolo lievemente, lo lecco con attenzione e lei chiude gli occhi sospirando. James si occupa dell’altro seno e presto Linnea geme ancora agitandosi tra noi due. La mia mano incontra sulla micina quella di James che mi ha preceduto. Mi accontento di accarezzarle l’interno della coscia e Linnea si agita muovendo il bacino come in un amplesso, facendosi penetrare con forza dalle dita di James. Si scuote in un altro orgasmo così, semplicemente, stringendoci per i capelli, arcuandosi per andare incontro alle dita di lui. Non me lo aspettavo, con le donne con cui sono stato finora gli orgasmi sono sempre stati più diluiti nel tempo, Linnea è al terzo in pochi minuti.
La cosa mi eccita nuovamente. Aiutato dalla mano di lei che è scesa sui nostri inguini, il mio uccello torna presto a dimensioni dignitose. Ricambio il favore trovando la sua micina libera, questa volta ho preceduto io James. Ci masturbiamo così, a vicenda, per un paio di minuti, ed è una cosa estremamente erotizzante per me. Poi l’urgenza di lei si fa pressante. Mi lascia e si mette a cavalcioni di James, si impala e comincia a muoversi.
Sono incerto se tentare, il suo culetto che si agita a pochi centimetri dalla mia faccia mi ingolosisce, però non sono sicuro che sia quello che lei vuole. Mi toglie ogni dubbio di lì a poco:

- Dammelo in bocca, mi piace succhiare il cazzo –

Mi sbrigo a accontentarla alzandomi in piedi sopra il letto. Appoggiato alla parete, le ginocchia leggermente piegate, le porgo il mio uccello che sparisce velocemente tra le sue labbra. Mi godo le sensazioni sentendomi le gambe molli, mi appoggio con più forza alla parete. James, da sotto, sgroppa con forza alzando ad ogni colpo il corpo di lei. Scopa di forza, non di tecnica, e lei apprezza sbavando sopra il mio pene profondamente infilato nella sua bocca. La lascio fare anche se la voglia di prenderla per la nuca e scoparle la bocca è forte. No, meglio faccia lei, so che godrò molto lo stesso lasciandole esprimere la sua bravura.
Manca poco in verità, i suoi capelli che si scuotono, a volte coprendole gli occhi con cui, da sotto, mi fissa, mi eccitano ancora di più.

- Devi venirmi in bocca, mi piace farmi sborrare in bocca –

Lo dice con una voce roca e eccitata che stento a riconoscere come sua ed è questa voce, e la frase che ha detto, a spingermi oltre il limite, lì dove non c’è ritorno. Mi inarco contro la parete mentre godo dicendo parole che nemmeno io riconosco, e lei mi si incolla come una ventosa, una mano a carezzarmi i testicoli, l’altra a reggere il pene che solo con la punta è dentro di lei, ed è da questa punta, che lei sta succhiando con forza, che sento come una scossa elettrica che mi raggiunge la spina dorsale e da lì mi corre al cervello facendomi esplodere.
Godo di gusto, godo a fiotti, godo nella sua bocca che accetta e ingoia il mio seme come una bevanda squisita senza smettere di succhiare.
Nel rilassamento post orgasmico la vedo nettare coscienziosamente l’uccello che sta perdendo la sua baldanza. Mi guarda ancora con un sorriso lubrico, la lingua che va a raccogliere un’ultima goccia che le pende dalle labbra e io vedo il suo viso trasfigurare: gli occhi si chiudono, la bocca si spalanca gemente, i muscoli si contraggono per l’orgasmo che le monta grazie all’opera di James. Scuote la testa come una pazza e urla Linnea. Sento le sue unghie piantarmisi nelle cosce, la vedo agitarsi come impazzita sopra James che sta godendo a sua volta e spinge verso l’alto alzandola di peso dal letto. E’ un orgasmo che mi pare durare tantissimo e che finisce quando lei si accascia sopra James senza più forze.

Mi stacco da loro mettendomi a sedere sul letto, li guardo sorridere appagati.

E’ stata una sorpresa incredibile e…….. ci sono altri giorni di convegno.