i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Mi chiamo Flavio, ho 42 anni e sono divorziato. Da sette anni convivo con Lorena, anche lei 42 anni, divorziata, e con sua figlia Debora, venti anni compiuti da poco.

I primi tempi della convivenza furono duri, soprattutto a causa di Debora. Lorena era fresca di divorzio e sua figlia pativa lo stress traumatico del vedere i genitori dividersi e dover vivere in una casa in cui c’era un altro uomo. Penso che i primi mesi mi abbia addirittura odiato per quanto io cercassi di farmi benvolere, per quanto provassi a evitare ogni minimo contrasto.

Io e Lorena eravamo certi che sarebbe passata, ma intanto, per usare un francesismo, avere in casa “quella piccola rompicoglioni” stava stressando me. Solo facendoci forza l’uno con l’altro, con Lorena stavo veramente bene, riuscivo a sopportare i musi lunghi, l’aperta ostilità che Debora mi dimostrava.

Aveva una frase che ripeteva ogni volta che voleva ferirmi, e accadeva spesso, avendo scoperto che mi faceva male, molto male sentirmela dire: “non ti chiamerò mai papà”.

A ogni modo il tempo passava, io e Lorena andavamo sempre più d’accordo, e l’ostilità di Debora diventò prima indifferenza e poi, ma ci vollero tre anni almeno, un affetto reciproco sempre più profondo.

Debora è una ragazza intelligente, lo è sempre stata; sensibile, curiosa, assennata per la sua età, combinava ogni tanto qualche piccolo casino ma mai niente di grave. Ora la sua frase-killer era cambiata, ero io che gliela ricordavo:

- Ma mi chiamerai mai papà? –

- Preferisco chiamarti Flavio –

La sua risposta era puntualmente seguita da un abbraccio e un bacio sulla guancia.
Insomma ero felice di questa figlia acquisita, con somma gioia di Lorena che, mi confessò, temette veramente, a un certo punto, di dover scegliere tra me e lei.

L’ho vista crescere passando i vari stadi: da bambina a adolescente, a ragazza, a giovane donna, con un cruccio immenso. In verità ho imparato a amarla come se fosse figlia mia, la sorella maggiore del piccolo Marco che io e Lorena abbiamo avuto sei anni fa, la sua baby-sitter quando uscivamo noi adulti, una presenza costante e allegra per casa.
Il fatto è che, quando “scoppiò l’amore” tra di noi, il suo atteggiamento mutò radicalmente anche in un modo che non mi aspettavo e che, sinceramente, un po’ mi impauriva.
Parlo della sensazione di essere spiato quando facevo sesso con Lorena; parlo della porta del bagno lasciata aperta mentre lei si faceva la doccia; parlo delle sue irruzioni, sempre in bagno, quando ero io a fare la doccia, nelle rare volte che dimenticavo di chiudere la porta; parlo del suo girare per casa discinta, incurante dei rimbrotti materni; parlo della sua testa appoggiata alla mia gamba quando, sul divano, guardavamo tutti insieme la televisione (posizione assunta d’imperio senza possibilità di negarla); parlo delle sue confidenze “intime” che preferiva fare a me anziché alla madre; parlo degli abbracci sempre un po’ troppo…… stretti da parte sua. Tutta una serie di comportamenti evidentemente non casuali che raggruppai nella categoria “cotta adolescenziale nei confronti della figura maschile di riferimento”.
La nostra confidenza si approfondiva sempre più: praticamente sapevo tutto di lei: dalla sua prima cotta alla sua prima volta, ai problemi a scuola o con le amiche, ai suoi dubbi sul futuro.

Gestii la cosa riducendo al minimo le possibilità di rimanere solo con lei, chiudendo sempre la porta del bagno, accertandomi fosse vuoto prima di entrare, di avere sempre Lorena nella stanza accanto quando parlavamo, eccetera eccetera.

Mentirei se dicessi che non mi faceva effetto vedere il suo corpicino che si slanciava e metteva su curve al posto giusto, né che ero indifferente alla sua guancia sulla mia coscia, sempre vicina la mio inguine, un’abitudine che non riuscii mai a toglierle e che, talvolta mi causava un’erezione. Non sono omosessuale e quindi il mio corpo reagiva, ma non essendo una bestia riuscii sempre a evitare certe situazioni imbarazzanti, questo fino al diciottesimo compleanno in cui si dichiarò esplicitamente.
Avevamo organizzato una serata inizialmente in famiglia, noi tre al ristorante, che lei avrebbe poi proseguito in un locale che avevo affittato per l’occasione, dove si sarebbe ritrovata con amiche e coetanei e un D.J.

Uscimmo di casa facendo voltare la testa agli uomini in strada. Non io, Lorena e Debora che, per l’occasione, si erano vestite eleganti e sexy. Lorena in un abito rosso molto scollato davanti e infinitamente scollato dietro, mostrando che non indossava reggiseno, gonna ampia al ginocchio che metteva bene in mostra le gambe snelle e sode. Debora Invece un abito all’apparenza semplice, non so se di lamè o che altro materiale, anch’esso al ginocchio, scollato dietro e con un taglio davanti che, se si chinava, permetteva di vedere bene il suo seno libero; la stoffa aderiva perfettamente ai suoi fianchi e alle sue natiche evidenziando che non indossava alcunché sotto. Al ristorante, lo scelsi tra quelli “in”, mi divisi cavallerescamente tra le donne di casa in un’atmosfera allegra e gioiosa fino al momento in cui delle sue amiche passarono a prenderla. Io e Lorena tornammo a casa sereni, lei anche un po’ brilla avendo esagerato con i brindisi senza esservi abituata. Infatti appena a casa si mise a letto addormentandosi subito.

Io restai a guardare la tv fino a tardi, senza l’intenzione di aspettare Debora per quanto un pochino di preoccupazione ce l’avevo comunque. Mi addormentai sul divano e venni svegliato dal rumore della porta che si apriva.
Erano quasi le cinque del mattino e lei rientrò intralciata da pacchi e pacchetti, i regali ricevuti, scaricandoli su una poltrona. La salutai.

- Ciao Debbie, divertita? –

- Ciao Flavio, che ci fai ancora in piedi? –

- Mi sono addormentato qui, ma ora vado a letto, com’è andata? –

- Tutto benissimo. Grazie Flavio, quel locale era perfetto. Ho ricevuto un mare di regali, qualcuno è anche rimasto in macchina di Arianna, non ce la facevo a portarli tutti –

Si buttò sul divano di fianco a me stampandomi un bacio sulla guancia e poi appoggiandomi la testa sulla spalla.

- Sono distrutta, distrutta ma felice. Che stavi guardando? –

- Nulla di particolare, e nemmeno divertente visto che mi sono addormentato senza accorgermene. Ok piccola, andiamo a dormire, soprattutto tu ne hai bisogno –

- Aspetta, fammi stare un minuto qui con te –

Rinunciai a alzarmi e rimasi fermo, lei appoggiata a me, le gambe ripiegate sotto.

- La mamma dorme? –

- Sì, non è abituata a bere, è crollata appena rientrati –

Seguì un minuto di silenzio. La sentivo respirare e, ogni tanto, emettere un sospiro lieve, sulla tv passavano immagini a cui non badavo sentendo solo il calore di quel corpo appoggiato al mio.
Le chiesi della festa e lei, eccitata, mi raccontò, confessandomi di aver bevuto pur senza eccedere troppo. Poi iniziarono i cinque minuti più tesi della mia vita:

- Flavio……. Tu pensi che io sia bella? Che posso piacere agli uomini? –

- Certo tesoro, sei una bellissima ragazza e farai girare tante teste e battere infiniti cuori –

- E se quello che interessa a me nemmeno mi guarda? –

- Difficile non interessarsi a te. Sei sicura che non abbia magari……. altri gusti? –

- No –

Emise un profondo sospiro.

- No, sono sicura che sia etero, eppure non mi ha mai guardata in un certo modo. Sì, in alcune occasioni ho constatato direttamente che era eccitato da me, se capisci cosa intendo, ma ……. non ha mai fatto nulla per farmi capire che gli piacevo. Anzi, mi evita quando cerco di provocarlo –

Stavo cominciando a capire dove volesse andare a parare e mi preoccupai. Intanto lei continuava a parlare tra se e se:

- Non lo capisco, ho fatto di tutto, forse dovrei essere più “sfacciata” –

Provai a tirarmi su dal divano senza riuscirci, lei era aggrappata al mio braccio.

- Sai Flavio, ho ricevuto tanti regali oggi, tutti bellissimi, ma non ho ancora avuto quello che volevo veramente, l’unico che desiderassi –

Il cambio repentino di argomento mi mise sulla strada sbagliata. Credendo parlasse di cose materiali le risposi, grato della digressione:

- Se è qualcosa che posso fare chiedi senza indugio Deb, lo sai che voglio vederti felice –

Sospirò ancora prima di girarsi e guardarmi negli occhi, il volto vicino al mio.

- Solo tu puoi Flavio, il regalo che voglio sei tu –

Sobbalzai sul divano cercando inutilmente di scostarmi.

- Ma che dici Debora? Io…….. –

- NO! Ascoltami Flavio, sono anni che sono innamorata di te, che sogno di sentire le tue mani sul mio corpo, e tu niente, nemmeno una volta mi hai fatto sperare che potesse avverarsi. Eppure tu mi desideri, lo so, lo sento –
Era vero, la desideravo, e non potevo negarlo perché la sua mano si era posata tra le mie gambe, stringeva e massaggiava il mio uccello che, reagendo, stava tirando su il capo.

- Aspetta Deb, fermati. Non è possibile, non dobbiamo –

- Perché Flavio? Io ti voglio e tu mi vuoi. Hai detto che vuoi farmi felice, fallo ora Flavio, rendimi felice –

La sua mano ora mi masturbava apertamente attraverso la stoffa. La sua bocca era salita a sfiorare la mia, a unirsi a essa. Resistetti solo un secondo alla sua lingua che premeva, prima di aprire le labbra e lasciarla entrare, andarle incontro con la mia in un bacio umido e coinvolgente. Il respiro mi mancava, il calore dei lombi si era esteso all’intero ventre, al petto su cui sentivo premere il suo seno sodo. Non sapevo come tirarmi fuori da quella situazione, non sapevo nemmeno se lo volessi, ero terrorizzato.
La baciai ancora per un minuto approfittando di quelle labbra morbide, avvolgendo quella lingua guizzante con la mia, succhiandola…….. e la sua mano su di me che non smetteva di muoversi.
Non so come trovai la forza per staccarmi da lei, prendendola per i polsi, usando più forza di quanto volessi per vincerne la resistenza, soffrendo per lo sguardo ferito che mi rivolse.
Mi tirai all’altro lato del divano.

- Debora………… non possiamo, non dobbiamo. Non è giusto nei confronti di tua madre, non è giusto nei TUOI confronti, un giorno lo capirai. Promettimi che smetterai di pensare a me in quel modo, promettimi che non farai mai più quello che hai fatto ora. Non è successo niente, dobbiamo dimenticare questi minuti appena trascorsi. –

Lei ristette in silenzio un minuto, il volto coperto dai capelli, poi parlò con voce triste:

- Non ti prometto nulla Flavio, e sicuramente non dimenticherò che oggi tu mi hai rifiutata, che avresti potuto farmi felice e non hai voluto. –

Si alzò piano andando verso la sua stanza, dimenticando i regali, lasciandomi solo col mio senso di sconfitta.

Da quel momento Debora smise di provocarmi, per un paio di settimane parve addirittura evitarmi e, proprio quando Lorena cominciava a chiedersi se fosse successo qualcosa tra di noi, tornò la ragazza spensierata che amavamo. Socievole, dolce, affettuosa… senza più quella componente che temevo e che, devo ammetterlo almeno a me stesso, un po’ mi mancò.
Il tempo passò. Il diploma, l’università, la decisione di sposarsi col suo ragazzo. Troppo presto secondo me e Lorena, ma Debora alla fine ci convinse che non era il caso di attendere la laurea. Il suo futuro marito era un bravo ragazzo, con la testa sulle spalle e così ci facemmo una ragione del fatto che ci lasciasse per andare a convivere in attesa delle nozze.
Non abbandonò del tutto casa, però non era più la stessa cosa anche se Lorena andava spesso a trovarla.
I preparativi ci coinvolsero tutti in maniera frenetica. Non sarebbe stata una cerimonia sfarzosa, gli invitati erano poco più di un centinaio, i più intimi tra parenti e amici, però il tempo scorreva veloce.
Io l’avrei condotta all’altare e ci tenevo che tutto riuscisse alla perfezione.

Per la cerimonia, che si sarebbe svolta il pomeriggio tardi della domenica, Debora tornò a vivere per qualche giorno a casa che divenne una bolgia. Questo fino al sabato sera quando, tornando da l’ultimo incontro col ristoratore per perfezionare i dettagli, trovai casa insolitamente silenziosa. Entrai e le luci erano soffuse. Chiamai senza avere risposta e, toltomi la giacca, andai in camera per mettermi più comodo. Mi ero appena slacciata la cravatta quando sentii la porta chiudersi dietro di me. Mi girai e vidi Debora.
Era come un’apparizione: indossava una vestaglietta corta e trasparente, aperta sul davanti, con sotto un completino intimo di pizzo nero che svelava il rosa dei capezzoli, il triangolino di stoffa in basso non nascondeva completamente l’inguine depilato. In mano aveva il cellulare. Il sangue mi corse naturalmente al basso ventre, iniziando a gonfiarmi il davanti dei calzoni. Reagii bruscamente, era chiaro cosa volesse e ero pronto a ripetere la scena di due anni prima.

- Debora……. che cosa stai facendo?

- Domani mi sposo Flavio, e voglio da te il regalo di nozze –

- Debora, basta! Ne abbiamo già parlato. Non possiamo e non dobbiamo –

- No Flavio, domani inizio una nuova vita, ma prima devo liberarmi dall’ossessione che ho per te da anni, solo così potrò dedicarmi completamente a mio marito –

L’aria decisa mi si avvicinò. Mi sentii in trappola. La sua mano mi si posò sul petto spingendomi indietro. Mi sentii debole; non volevo usare la forza con lei ma non vedevo altra soluzione. Provai ancora con le parole:

- Tua madre può rientrare da un momento all’altro. Torna in camera tua Debbie, ti prego –

- Mamma lo sa e è d’accordo –

- Che cazzo stai dicendo? –

Mi infuriai a sentirla e alzai il tono della voce.

- Mamma è d’accordo. Ci ho parlato e anche lei sa che solo così potrò toglierti dalla mia testa. –

- Non inventarti frottole Debora. Basta. Non farò questa pazzia. Non ti ho mai toccata ma se occorre oggi ti prenderò a schiaffi. Bada bene, non sto scherzando. –

-Nemmeno io Flavio, e te lo dimostro –

La vidi fare un passo indietro e trafficare col cellulare prima di gettarlo sul comò.
Un minuto dopo sentii il bip del mio cellulare sopra il comodino.

- Leggi Flavio, non ti ho mentito –

Presi il cellulare e vidi un sms di Lorena:

“Fai felice la NOSTRA bambina. Domani non sarà successo nulla. TI AMO!”

- Ma….. che significa? –

- Significa che la mamma sapeva che non mi avresti creduto, significa che dà il suo assenso, significa……….. che non hai più scuse –

Si era avvicinata e mi aveva appoggiato le mani sulle spalle avvicinando la bocca alla mia.

- Flavio, per una volta sola, questa notte siamo solo io e te, il resto non esiste. E’ un così grande sacrificio? –

No, non lo era. Il corpo caldo addossato al mio mi stava sciogliendo ogni inibizione, il mio ventre sussultava ergendosi. Gettai il cellulare da parte e l’abbracciai, dopo due anni mi accostai ancora a quelle morbide labbra che si schiusero dolcemente, facendo uscire la linguetta guizzante che feci mia.
Con gesti frenetici, senza staccarsi da me, Debora prese a spogliarmi. L’aiutai come potevo fino a rimanere nudo completamente. Mi spinse sul letto facendomi distendere, vi salì accanto a me allungando le mani.

- Finalmente. L’ho visto tante volte e ora è mio…… è mio –

Impugnato il mio uccello, oramai teso, lo guardò spostando la testa come per studiarlo, come per imprimerselo bene nei ricordi, poi chiuse gli occhi e allungò la lingua intorno alla cappella come se leccasse un gelato.

- mmmmmhhhhhhh …….. lo immaginavo proprio così: duro, grosso…….buono –

L’istante dopo la punta spariva tra le sue labbra e io mi contorcevo sul letto per la sensazione squisita che labbra e lingua mi stavano regalando.
Mi leccò e succhiò con dedizione, fermandosi quando sentiva che ero vicino all’acme, ingoiandomi per quanto poteva, lasciando rivoli di saliva su tutta l’asta, mugolando a bocca piena come impazzita.
Dopo diversi minuti accelerò i movimenti sentendo che mi approssimavo all’estasi. Voleva bermi, era evidente, ma io invece volevo ricambiare la sua dedizione al mio piacere. Le presi la testa staccandola a forza da me, le intimai di tacere alla sua protesta, la feci distendere sul letto e mi chinai su di lei.
Il reggiseno sparì velocemente sotto le mie mani, i suoi seni, dai capezzoli turgidi come due fragoline, apparvero in tutto il loro splendore. E come due fragole li trattai suggendo ora l’uno ora l’altro, massaggiandole il petto, la pancia, scendendo sempre più giù con le mani e, di seguito, con la bocca, leccando la pelle man mano che la percorrevo.
Arrivai allo slippino striminzito aspirando con voluttà l’odore di femmina. Debora tratteneva il respiro nell’attesa. Mi dedicai per alcuni istanti all’interno cosce, baciando e leccando la sua pelle prima di spostare di lato i pochi centimetri di stoffa. La sua micina comparve davanti ai miei occhi. Le labbra parevano palpitare, umide, chiamandomi. Appoggiai le mie labbra a esse e con la lingua la cercai entrandole dentro quanto potevo.

Sospirò Debora, poi gemette quando presi in bocca il clitoride suggendolo delicatamente, picchiettandolo con la lingua prima di tornare ancora tra le labbra sempre più bagnate.
In poco tempo Debora partì per la tangente, sotto la mia bocca si contorse afferrandomi per i capelli, tirandomi a se con forza, ripetendo come un mantra la stessa frase:

- Sì Flavio, fammi godere……. Fammi godere…… fammi godere…… FAMMI GODEREEEEEEHHHHHH AAAAAHHHHHHHH –

Con un colpo di reni mi schiacciò contro il suo ventre inibendomi il respiro. Non mi staccai. La bocca sul suo clitoride, due dita dentro di lei che si muovevano velocemente, aspettai che il suo piacere scemasse, che il corpo irrigidito si rilassasse. La mia faccia era completamente bagnata dai suoi succhi ma lei non vi badò quando, tirandomi verso l’alto, mi fece sdraiare sopra di se, baciandomi e leccando il mio volto, carezzandomi le spalle, stringendomi forte.

- Oh Flavio, non sai quanto ho atteso questo momento. Mi pareva di impazzire………. –

Ricambiai i suoi baci lievemente. La mia erezione premeva sul suo corpo ma non dubitavo che avrebbe presto avuto sollievo. Volevo lasciare a lei ogni iniziativa, volevo che Debora decidesse i tempi e i modi del suo “regalo”. Oramai ogni mia titubanza era svanita, pensavo solo a approfittare, compiacendolo, di quello splendido corpo di donna stretto al mio.
Il respiro di Debora tornò normale e la vidi sorridere maliziosamente sentendo la mia carne contro la sua coscia. La sua mano scese a saggiarne la consistenza e, soddisfatta, mi fece girare sulla schiena salendomi a cavallo.

- Ora lo voglio dentro Flavio, tu non ti muovere, faccio io –

Lo impugnò passandosi la punta un paio di volte sulle labbra intime, poi prese bene la mira e scese senza tentennamenti, inghiottendolo completamente.

- OOOHHHHHH FINALMENTEEEEEEEEEE –

Una luce di trionfo le brillava negli occhi. Puntellandosi con le mani sul mio ventre accenno un timido movimento di risalita, fin quasi a farlo uscire, invertendo poi il senso di marcia e riempiendosi ancora della mia carne. Lentamente, fino in fondo. La sua micina era stretta, calda. Quando mosse circolarmente il bacino lampi di piacere mi attraversarono il corpo.
Fece tutto lei, veramente, io stetti tranquillo a godermi la cavalcata, i suoi movimenti sempre più veloci, variati, incalzanti. Si buttò sopra di me agitando i lombi e, baciandomi con voluttà. Venne per la seconda volta quasi subito. Il suo viso stravolto dal piacere era rigato di lacrime di gioia.

- Grazie Flavio. Grazie amore mio –

La strinsi a me senza parlare, sentendo di amarla profondamente con il cuore piuttosto che con l’uccello. Uccello che restava ben rigido dentro di lei. Non avevo ancora goduto. Se ne accorse e riprese a muoversi sopra di me, con un ritmo diverso, più selvaggio. Se prima era stato l’appagamento di un suo desiderio profondo, ora era solo sesso allo stato puro.
Facemmo l’amore fin quasi all’alba, intervallando con pause in cui restavamo semplicemente abbracciati o correvamo al frigorifero a rifocillarci, complici, amanti.
Venni tre volte, lei non so quante, e la luce del sole mi svegliò, infine trovandomi solo nel lettone.
Debora era tornata in camera sua.

Poco dopo rientrò Lorena, la sentii andare da Debora, restarci qualche minuto prima di venire in camera e qui, trovandomi sveglio, augurarmi il buongiorno con un bacio e un tenero:

- Ti amo –

La sera accompagnai Debora orgogliosamente all’altare, consegnandola a suo marito. Bella come una Dea, radiosa, la udii pronunciare i voti tenendomi per mano con Lorena commossa fino alle lacrime.