i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Oggi Eva aveva tutta la giornata libera, il giovedì non doveva tenere la lezione di lingua francese alle sue studentesse del liceo.
Come d'abitudine nei giorni in cui non doveva andare al lavoro, sarebbe rimasta a letto almeno fino alle otto e mezza, nove.
Immersa nel dormiveglia, in quello stato in cui i sogni rincorrono le fantasie, aveva deciso che quello stesso giorno avrebbe confidato a Giulia il suo desiderio segreto.
Giulia era la sua fidanzata, la loro relazione era iniziata due mesi prima; avevano la stessa età, a metà strada tra i primi anta e i secondi anta.
Il suo amore sarebbe venuto per l'ora di pranzo.
Ridestata dal leggero picchiettio della pioggia sulle foglie degli alberi e sul selciato del giardino, Eva guardò l'ora, erano da poco passate le nove, si alzò, si tolse le mutandine, che erano l'unico indumento che aveva indossato la notte precedente, si fece una doccia, si vestì e uscì di casa, avrebbe dovuto sbrigare alcune commissioni e poi sarebbe passata dal supermercato per comprare qualcosa per il pranzo; comprò dei piccoli ravioli ripieni di ricotta ed erbette e della salsa di noci, Giulia avrebbe portato una bottiglia di vino bianco, come faceva sempre quando era invitata a pranzo o a cena.
Rincasò a mezzogiorno; aveva ancora un'ora prima che arrivasse Giulia; il desiderio di lei, della sua lingua, dell'odore della sua fica, dei suoi seni grandi e duri, del suo culo liscio e candido come il latte, e poi il fatto che aveva intenzione di rivelarle il suo desiderio speciale, la rendevano eccitata e impaziente.
Decise di rilassarsi per qualche minuto sdraiandosi sul divano e i pensieri corsero al giorno in cui scoprì quei piaceri che fino a quel momento non le erano mai passati per la testa.

Una sera di due anni fa Eva era al computer e dopo aver visitato alcuni profili di amici di FB, fece una ricerca in Google, ancora adesso non ricorda il perchè digitò quelle parole - scat videos - forse dal suo subconscio gli arrivò quello strano pensiero.
Dopo qualche tentativo iniziò a guardare un video e poi un altro e un altro ancora.
Quella notte Eva scoprì di essere una porcellona super depravata.

Il trillo del campanello di casa la riportò al presente, Giulia era arrivata.
Era una donna bellissima, fino a tre anni addietro era una hostess di volo, poi aveva continuato come hostess di terra.
Si abbracciarono e si baciarono per qualche secondo, con passione, Eva succhiò la lingua di Giulia e Giulia succhiò la lingua di Eva, entrambe avevano voglia di fare all'amore ma si trattennero, avrebbero scopato più tardi.
Adesso pranziamo, disse Eva; si accomodarono a tavola, mangiarono, conversarono; Giulia preparò il caffè.
Dopo aver bevuto il caffè Eva disse a Giulia che doveva confidargli un desiderio segreto; Giulia la guardò con espressione titubante; si sedettero sul divano e si versarono un altro bicchiere di vino; forse è meglio che ne bevi un altro ancora disse Eva con il cuore che le batteva a mille e con la fica che iniziava a riempirsi di umori, quello che devo dirti è una cosa un pò forte.
Eva, con lo sguardo fisso negli occhi verdi della sua amata, ma con voce tremolante, disse: voglio assaggiare la tua pioggia dorata e la tua cioccolata.
Giulia rimase sorpresa ma non si accigliò anzi il suo fantastico sorriso stava quasi per tramutarsi in una risata e per qualche secondo non riuscì a risponderle.
Amore lo desidero tantissimo, voglio essere la tua porcellina e voglio che tu sia la mia porcellina, disse Eva anticipando le parole di Giulia.
Giulia allora, affondando una mano tra le cosce di Eva, rispose: ti farò godere dissetandoti con la mia calda pipì e saziandoti con la mia gustosa cioccolata ma anche tu dovrai offrirmi le tue deliziose prelibatezze.

Eva si alzò prendendo la mano di Giulia che la seguì; andarono in camera da letto dove Eva aveva già sitemato sul pavimento un paio di materassi coperti con un telo di plastica; appoggiati sul letto c'erano due ciotole di vetro e due cucchiai.
Con movimenti quasi sincronizzati entrambe si tolsero scarpe, camicetta e pantaloni, poi calze, reggiseno e mutandine; in quella camera adesso c'erano due strafiche con le loro passere circondate da una folta foresta di peli neri, peli che lambivano anche i loro buchetti del culo, due strafiche che non vedevano l'ora di trasformarsi in due maialone golose e schifosamente depravate.
Eva si inginocchiò davanti a Giulia e si mise ad annusare la sua fica, ne inalava l'odore che quel giorno era più penetrante delle altre volte in cui giela aveva annusata; usò la lingua per aprirle le labbra e premendo forte con le mani le sue chiappe dure e lisce come una mela infilò la lingua dentro la vagina, la leccò in profondità, sentì la carne umida di umori, accolse nella propria bocca il rivolo di liquido biancastro, viscoso e dolciastro che colava dalla fregna pulsante di Giulia.
Giulia scostò dal proprio pube la testa di Eva, con le mani forzò la sua bocca ad aprirsi e mentre le diceva "bevila tutta" iniziò a pisciare dentro di lei; Eva sentì il liquido tiepido dal sapore pungente ed ebbe un conato che la costrinse a sputare tutto il piscio che le riempiva la bocca; allora Giulia prese una delle ciotole di vetro e svuotò la vescica, poi offrì la ciotola ad Eva dicendole di ingoiare tutto quel piscio; Eva prese la ciotola, annusò, le disse di guardare quanto era schifosamente porca e tutto d'un fiato bevve tutto quella calda urina mentre Giulia le sditalinava la fregna.
Adesso era Eva che stava in piedi sopra Giulia che spalancò la bocca e con l'odore della fica che le saliva su per le narici, si lasciò riempire con la calda pipì di Eva e nonostante fosse la prima volta che si faceva pisciare in bocca, non ne sputò nemmeno una goccia ma la bevve tutta gustandola come se fosse la cosa più buona che avesse mai assaggiato.
Si baciarono per qualche minuto mischiando il sapore delle loro calde bevande.

Ora era giunto il momento della degustazione della cioccolata; decisero che ognuna avrebbe riempito una ciotola, Eva avrebbe gustato la merda di Giulia e Giulia la merda di Eva.
La prima a svuotarsi fu Giulia; si sdraiò di schiena sui materassi protetti dal telo di plastica, divaricò e alzò le gambe aiutandosi con le braccia per sostenerle, posizione per la quale offriva a Eva tutta la passera aperta e il buco del culo; iniziò a spingere ma non dovette forzare troppo; l'ano gonfio e livido si divaricò sempre di più e una massa compatta, marrone e dall'odore nauseabondo scivolò fuori andando a riempire la ciotola che Eva stava tenendo sotto il culo di Giulia; erano due giorni che Giulia non si liberava e dovette spingere tre o quattro volte per svuotare le proprie viscere da tutto quel materiale che si era accumulato.
Eva completamente eccitata avvicinò la ciotola al naso ed inspirò profondamente per inalare la puzza acre che si sprigionava dagli escrementi della sua donna; mentre si faceva un ditalino alla fica disse "adesso tocca a me".
Restò in piedi anche lei con le gambe divaricate e si piegò a novanta gradi sbattendo in faccia a Giulia il suo didietro perfettamente rotondo che pareva invocasse di essere sfondato; anche l'ano di Eva era livido e gonfio, si aprì con facilità espellendo una materia più soffice di quella di Giulia che quasi subito divenne liquida, un getto di diarrea si riversò nella ciotola che era sotto al suo culo, una parte schizzò sul viso e sulle tette di Giulia che ebbe un conato di vomito.
Eva volle annusare anche la propria cioccolata e poi disse "adesso facciamo merenda".
Giulia prese i due cucchiai e ne porse uno a Eva, "no, usiamo le mani" si affrettò a dire Eva, sembrava posseduta dal demonio, prese la ciotola piena della merda di Giulia e vi immerse la faccia, con le mani si spalmò viso, collo, tette, si spalmò fuori e dentro la fica, si ficcò in bocca quanta più merda potè, quasi non riusciva a respirare, ingoiò tutto, rificcò la faccia dentro al contenitore di vetro e aspirò tutto quello che era rimasto, ingoiò ancora; l'odore era insopportabile, il sapore era schifosamente disgustoso, le veniva da vomitare ma era talmente eccitata che venne, dalla fica schizzarono umori e rivoli di liquido marrone.
Prese l'altra ciotola e la svuotò sui capelli e sul viso di Giulia che nel frattempo si era sdraiata; la diarrea e la massa soffice le entrarono in bocca, il gusto disgustosamente amaro e di nuovo quell'odore acre la fecero vomitare; Eva la prese, la limonò per qualche secondo e poi la forzò a risucchiare tutta la merda che era finita sul telo facendola sentire porca come non lo era mai stata; questa volta anche Giulia ingoiò tutto.
Eva prese i due cucchiai rimasti inutilizzati, uno se lo infilò nel proprio culo e l'altro lo infilò nel retto di Giulia; ebbe un altro orgasmo, anche Giulia venne dentro la bocca di Eva.

Si baciarono ancora, a lungo, si leccarono le fiche e il culo, ingoiarono i resti dei propri escrementi e strette in un tenero abbraccio si addormentarono.