i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy webcam Chat  | ChoCam Mature webcam  |  Live18 |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Avendo Avuto una Mamma come Complice, crescere come Troia per mè e stata una cosa delle piu' Semplici e Naturali Possibile. Avevo Appena realizzato il mio piu' grande Sogno di una Vita, Farmi assistere da Mamma mentre facevo l'amore con un Uomo, ma la mia Troiaggine, non era mai sazia, e il mio culetto era sempre in cerca di grossi cazzi per farsi sfondare bene. Quando si Nasce Puttane anche nel corpo sbagliato, e nel DNA che volete Farci... Farmi smettere Era come togliere il giocattolo preferito ad un bambino, un'impresa direi azzardata che Mamma tutto sommato provava a fare ogni santo giorno con me. piu' volte mi aveva detto di trovarmi un solo uomo serio, e di smettere di fare la vacca con tutti, ma da un'orecchio mi era entrata, dall'altra era uscita questa frase. Voglio un bene dell'anima a mia Mamma, e gli sarò eternamente Grata per ciò che ha fatto per mè, poche mamme avrebbero accettato un figlio che si sente femmina, e che fa la puttana con tutti travestendosi da donna. lei lo aveva fatto, e aveva fatto anche molto di piu' di quello che doveva. Tanto che per gratitudine,Una Volta provai ad assecondarla, Trovandomi un'uomo serio e avere una relazione Assai Normale. ma il fatto e che trovavo sempre uomini piu' maiali di mè, che sembravano seri all'inizio, ma poi si rivelavano per ciò che in realtà erano, ovvero dei veri maiali e basta. a me non dispiaceva Affatto, ma era mamma a non poterne piu' di queste sceneggiate. come quella che vi vado ora a narrare. Trovai Andrea, uomo Separato di Sessant'anni, aspetto da classico uomo maturo, un po di pancetta, capelli corti neri, bel cazzo lungo, attivissimo per la sua età. so che a mamma gli uomini troppo in là con gli anni non piacevano, lei pretendeva che mi cercassi qualche coetaneo della mia età sui trent'anni almeno. io ne avevo Circa Venti , ero nel pieno del mio sviluppo fisico e sessuale, se non fosse che io per i ragazzi provo una repulsione naturale. solo l'uomo maturo mi attira, cosi' anche mamma si arrese. quando gli presentai Andrea, Mamma mi guardò male come per dirmi, uno piu' vecchio non potevi portarmelo? secondo me invece, Andrea era un bell'uomo maturo e gentile e ben educato. non diceva parolacce, era sano e ben tenuto. e poi era pazzo di mè, e questo mi bastava. sempre nel periodo in cui Mamma era a Milano da me in visita lei Abita in veneto , (ci sono state un paio di stagioni, in cui Mamma e venuta ospite a Milano da me, restandoci per qualche tempo), Organizzammo un'uscita a Tre... io, il mio uomo e Lei. un'occasione unica e rara, dato che non ero mai uscita con mamma, e per di piu' con un mio uomo. l'occasione era troppo bella per farsela scappare, organizzò tutto andrea, ci portò fuori una sera a mangiare in un Locale Appena fuori Milano, dove non ci conosceva nessuno, e nessuno avrebbe fatto commenti su di noi, che danno sempre fastidio alla fine. il posto disse Andrea, era gestito da una coppia di Uomini Gay, e si mangiava davvero bene spendendo pochissimo,Mi Raccontò solo dopo che il posto, era una specie di Club Privè per Gay, dove oltre a mangiare come in una normale trattoria, il posto era un prive' per fare sesso nella sala senza problemi. ma questo a Mamma non lo dicemmo, o non sarebbe mai venuta. quindi avuto il benestare di Mamma, la sera stessa uscimmo insieme. elegantissima (Forse Anche Troppo Vistosa) io, con addosso un lungo abito a pailettes nero Straluccicante, che mi faceva apparire una Trans d'alto Borgo, ben truccata, con uno spacco Vertiginoso su un lato del vestito, che terminava a metà busto, quindi mi lasciava le spalle e il collo nudi. capelli raccolti a coda, con i ciuffi cadenti sulle guance, unghie smaltate di rosso, sotto un bel completino intimo nero, un body guaina intero nero, che terminava in un mini tanga, sandali ai piedi neri lucidi, con allacciatura alla caviglia tipo schiava, un girocollo di perle ovviamente non vere. lui vestito con un completo grigio in tinta con le scarpe, e mamma aveva un vestito lungo rosa confetto, senza maniche ma con le spalline a sbuffo, come si usava un tempo. la opel corsa di Andrea era bella comoda e larga, ci avviammo sul posto senza problemi ne avvenimenti degni di nota. Io eccitata come una Vaccona, lui un po rigido, e Mamma abbastanza nervosa. lo si capiva dalla faccia un po imbronciata, e dai modi freddi che aveva nei confronti miei e del mio uomo. la capivo, uscire con me cosi' conciata, la metteva non poco in inbarazzo. mi aveva Anche pregato di non mettermi Nulla di troppo appariscente, ma avevo voluto esagerare comunque. io al contrario ero super eccitata, e avevo già il cazzo duro sotto il vestito,che fortunatamente me lo copriva. entrammo nel Locale assai deserto, e prendemmo subito posto in un tavolo a tre. io vicino al mio uomo ovviamente, e mamma a lato del muro del fondo salone, guardai il posto con un'occhiata veloce, era un bel locale moderno di arredamento, e ben pulito, arrivò subito uno dei due gestori, un ragazzo di circa trent'anni con un bel sorriso che mi fece un sacco di complimenti per l'eleganza e per la bellezza, tanto che mamma ora gongolava. scommetto che dalle occhiatine che mi lanciava, avrebbe voluto dirmi: 'Ecco, uno cosi' dovevi sceglierti'. non disse nulla per rispetto ad Andrea, ma scommetto che il suo pensiero era quello. il Ragazzo non sembrava Affatto Gay, anche se andrea me lo assicurò piu' volte, a quel punto decidemmo di scegliere qualcosa dal menu, io ordinai subito un boccalone di birra per sciogliermi un attimo. ero un po tesa, e volevo rilassarmi, avevo occhi solo per l'uomo e continuavo a fare la scemetta abbracciandolo e baciandolo davanti a Mamma, che ovviamente fingeva di non farci caso. mi lanciava occhiatine poco amichevoli da sotto le grosse lenti degli occhiali. con una mano sotto il tavolo, slacciai la patta dei pantaloni ad Andrea, gli tirai fuori il cazzo bello duro, e cominciai a segarlo piano senza farlo sborrare, lui fece altrettanto con il mio, cercai di trattenermi il piu' possibile ma l'uomo aveva una manona cosi' calda, che rischiai seriamente di riempirgliela di sperma piu' volte. Mamma fingeva sempre di non far caso a ciò che accadeva, ma iniziava a capire qualcosa, vedendo strani movimenti delle nostre braccia sotto la lunga tovaglia. quindi mi chiese di non farle fare brutte figure, le dissi di stare tranquilla, il posto era vuoto eravamo solo noi all'interno, e comunque risposi, non stavamo facendo nulla di male, Eravamo solo Innamorati. lei sospirò tenendo lo sguardo altrove invece che su di noi, che stavamo quasi per sborrare entrambi dalla sega reciproca. solo l'arrivo dei drinks ordinati, fece calmare la nostra porcaggine. bevemmo qualche sorsata di Birra, e già sentivo caldo, non potevo certo spogliarmi e rimanere in intimo, a mamma che già era imbarazzata, sarebbe venuto un colpo di sicuro. dopo la terza caraffa, ero già abbastanza brilla e calda, ordinai poco da mangiare, qualche stuzzichino mentre Mamma si ordinò una bella grigliata di pesce, da tempo non la mangiava e voleva aprofittarne. l'uomo come me prese qualcosa di leggero che non ricordo esattamente, credo petto di pollo e patate o simile. mangiai poco, il mio sguardo era sempre per il mio amore che volevo mi prendesse piu' di ogni altra cosa al mondo. la birra stafa facendo il suo effetto velocemente, e iniziai a stuzzicarlo continuamente con baci, toccatine al cazzo che aveva ancora fuori dai pantaloni sotto il tavolo e occhiatine di ammiccamento. Andrea cercò di finire piu' in fretta possibile il piatto, tanto che lasciò anche qualche Avanzo qui' e li'... senza curarmi di quello che avrebbe detto Mamma, mi alzai in piedi, e andai a sedermi sulle gambe del mio uomo buttandogli le braccia al collo e baciandolo sulla bocca con passione. Mamma abbassò la testa, e fece finta di nulla continuando a godersi la sua grigliata di pesce, ma era assai nervosetta. con un gioco di magia degno del miglior mago, l'uomo senza farsi accorgere da Mamma, mi scostò un lembo del vestito a pailettes, cercando il mio bel culetto che già era bagnato, l'uomo prima ci infilò dentro due dita per scandagliarmelo, poi mi tirò su impalandomi sul suo bel cazzo duro tutto senza che Mamma se ne accorgesse o vedesse nulla. come fece, non ne ho la piu' pallida idea, resta il fatto che seduta di lato sulle sue gambe, mi son ritrovata d'un tratto inforcata dal suo bel pisellone duro, ho chiuso gli occhi e trattenuto un sospirone di piacere che ho dovuto soffocare in gola. l'uomo mi guardava eccitatissimo per la situazione creatasi. incredibile ma vero, saltellavo poco alla volta inculata dal mio uomo sulle sue ginocchia, sotto il vestito lungo che copriva le nostre porcate davanti a Mamma. Ovviamente piu' il ritmo dei saltelli Aumentava, piu' il rischio di esser Scoperti era maggiore,eravamo ormai entrambi ubriachi, non di alcool ma di passione,e piu' l'eccitazione aumentava, piu' ce ne fregavamo di Mamma. ad un certo punto però Mamma che proprio scema non lo è mai stata, ha intuito qualcosa. ci teneva sott'occhio da un pò, e ad un mio sussulto di piacere, ha smesso di mangiare, asciugandosi la bocca con il tovagliolo, si è alzata dala sedia, si e avvicinata a Noi, e con una mano facendo un gesto deciso, ha scostato il lungo vestito dove avevo lo spacco della gamba, rivelando infatti ciò che sospettava. ci beccò in pieno con il cazzo dell'uomo bello piantato nel mio culetto, anche se in una posizione da contorsionisti. ricopri' subito il tutto e schifata si mise le mani in faccia, borbottando qualcosa che non capimmo. ovviamente capimmo le sue offese, prima di uscire e lasciare il locale per dirigersi verso la macchina in tutta fretta. ci diede dei Maiali schifosi, mi disse che questa era stata di troppo, e che non avrebbe sopportato oltre, che ne aveva abbastanza delle mie porcherie, e della mia Troiaggine. si disse proprio Troiaggine. al Momento non gli abbiamo dato ascolto, sono scesa dal cazzo dell'uomo, mi sono fatta scivolar via il vestito di dosso con un colpo solo, facendolo cadere a terra, restando in intimo con il cazzo duro fuori dal tanga,l'uomo si alzò senza problemi con il cazzo duro fuori dai pantaloni, senza però abbassarseli, mi misi piegata a novanta sul tavolo scostando piatti e bicchieri, e a gambe spalancate, ho lasciato che da dietro il mio amore mi prendesse finalmente in una posizione piu' consona e comoda. Ll'uomo senza scomporsi piu' di tanto, mi ha presa per i fianchi sciogliendomi i lunghi capelli a coda, e mi ha infilato nuovamente il suo lungo palo dentro tutto fino alle palle, mentre ansimavo liberamente senza piu' fingere, vidi Mamma che brontolando usciva alla svelta dalla porta del locale,prima che qualcuno la vedesse. era cosi' imbarazzata e si vergognava a tal punto da nascondere la testa dietro la borsetta che aveva in mano. roba da matti. nel frattempo il ragazzo che ci aveva serviti al tavolo, uscii dal retro cucina, vedendoci non trattenne un sorriso e chiamò anche il suo socio, per fargli Ammirare la scena. Andrea mi aveva detto che quel posto era frequentato da coppiette Gay e che ogni tanto capitava che qualche coppia facesse l'amore tra i tavoli, essendo un locale riservato ai soci e chiuso al pubblico normale, tutto o quasi era permesso, quindi il comportamento di Mamma era stato eccessivo. Lei va detto, non sapeva nulla di questa storia, che io invece informata dal mio uomo sapevo benissimo. se avessi detto a Mamma che saremmo andati in un Locale Gay dove si può scopare liberamente, sicuramente non avrebbe accettato di venirci. l'unica era tenerla all'oscuro di tutto, Anche se questo l'aveva messa troppo in imbarazzo. Tornando a Noi, io e L'uomo finimmo la scopata davanti ai due proprietari eccitati, che ovviamente, non mancarono di amoreggiare tra loro, segandosi e slinguandosi a vicenda. io ero al culmine del piacere e stavo per venire, il ragazzo cameriere lo capi' subito, si precipitò sotto di me a bocca aperta, mentre gli lasciavo andare un litro di sperma venendo con un sospirone, lo stesso che mi ero dovuta trattenere all'inizio davanti a Mamma. Andrea il mio uomo, venne dopo di me riempendomi il culo di calda broda gocciolante, che l'altro ragazzo gli stava leccando con la lingua. una scena senza dubbio di un bel Film Porno, che però era reale da far paura. ci ricomponemmo subito, io andai in bagno a lavarmi, seguita dal ragazzo di prima a cui avevo sborrato in bocca, che volle assolutamente aiutarmi e lo lasciai fare. era carino tutto sommato e gentile, mi ripuli' a colpi di lingua la sperma dal culo e quella rimasta sul mio cazzo ormai moscio, poi mi lavai con l'acqua e sapone da un lavandino, mi sitemai il trucco, mi spazzolai i capelli rimisi il vestito lungo, e finalmente uscii dal bagno. l'uomo aveva intanto già pagato era socio e gli fu applicato lo sconto. uscimmo in fretta a cercare Mamma che per tutto questo tempo, era rimasta vicino all'auto imbufalita e imbronciata. inutile dirvi, che ci beccammo una meritata e lunga lavata di testa per tutto il ritorno a casa da lei.arrivati a casa, nemmeno salutò ne ringraziò l'uomo per l'uscita, da vera maleducata, ma era conprensibile il suo comportamento. io ringraziai Andrea a modo mio con un bel bacio in bocca, prima di esser richiamata a forza da Mamma, che mi proibi' assolutamente di rivedere quel maiale Di Uomo. Entrate in casa, cercai subito di difenderlo e scusarmi, ma lei non volle ascoltarmi ed era decisa fare la valigia e tornarsene in veneto il mattino dopo. mi ci volle tutta la notte per convincerla a scusarmi raccontandole la verità sul locale dove eravamo stati, ma questo non fece che peggiorare la situazione. mi accusò di non dirle le cose, e di essere una maiala capace solo di prenderlo dentro dal primo che passa. Le ricordai che io ero puttana, e lei puttana mi aveva accettata come figlia. non disse nulla e la lasciai tranquilla fino al mattino dopo, quando le acque si calmarono e con le dovute scuse finalmente Mamma si calmò e tornò il sereno tra Noi. questa non fu l'unica volta in cui litigai con Mamma per queste mie porcate, ma alla fine lei rimaneva sempre accanto a sua Figlia. Troia o meno che fossi.

Mail: greta-sex@libero.it