i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
La passione per la montagna, per le lunghe camminate su sentieri impervi, a contatto con la natura spesso ancora incontaminata, mi convinse a accettare la proposta di un gruppo di amici.
Così partii con loro: scarponi, bastoni da trekking, calzettoni, pantaloni resistenti; nello zaino un kit di pronto soccorso, acqua e barrette energetiche.

Eravamo dieci all’inizio del sentiero ma dopo qualche chilometro ci dividemmo.
Gli altri proseguirono per la meta prestabilita, un rifugio oltre i 2000 metri, io, Alessandro e Laura deviammo per un sentiero ancora più scosceso che ci avrebbe portato a una cima vicina da cui si godeva un panorama mozzafiato. La voglia di vedere un posto nuovo, la sfida rappresentata da quel sentiero sconosciuto, la bella giornata, tutto concorse a farci prendere quella decisione di cui poi ci pentimmo.

Rimanemmo d’accordo con gli altri che li avremmo raggiunti tre ore dopo, prendendo un altro sentiero che dalla nostra cima andava al rifugio, e con passo lento e costante ci incamminammo prima sotto il fresco degli alberi e poi, raggiunto il limite arboreo, sotto un sole caldo temperato da un venticello fresco.
Lo spettacolo, una volta raggiunta la meta, valse la pena della fatica. Da lì dominavamo ben due valli sottostanti e l’occhio raggiungeva la pianura lontana. Ci riposammo alcuni minuti, ci rifocillammo, facemmo delle foto e prendemmo il sentiero in discesa per raggiungere gli amici.

Il tempo in montagna, si sa, cambia rapidamente. Una prima nuvola oscurò il sole, poi la massa aumentò e ci rendemmo conto che a breve sarebbe scoppiata una tempesta. Affrettammo il passo e questo fu fatale a Laura che, mettendo un piede in fallo, rimediò una distorsione alla caviglia che le impedì di proseguire autonomamente. Aiutandola percorremmo ancora qualche centinaio di metri ma oramai la pioggia era imminente e, portando Laura, noi eravamo troppo lenti.

Su una parete vedemmo una cengia che avrebbe potuto fornirci un riparo temporaneo, e decidemmo che uno di noi sarebbe rimasto con lei mentre l’altro sarebbe corso al rifugio a cercare aiuto. Rimasi io e, raggomitolato con Laura sotto la cengia, vidi le prime gocce cadere e poi diventare pioggia intensa.
La natura diede il meglio di sé con fulmini che illuminavano a giorno rompendo l’oscurità che era scesa; tuoni fragorosi ci assordarono.
La cengia ci permise di non bagnarci e goderci quello spettacolo terribile e affascinante insieme.

Il tempo passò e si fece sera, l’oscurità aumentò, la pioggia smise e un cielo splendidamente stellato ci apparve. Il freddo iniziò a farsi sentire. Io ero attrezzato: nello zaino avevo una coperta e un maglione di lana. Purtroppo Laura non era stata così previdente e prese a battere i denti dal freddo. Le diedi il maglione ma servì a poco. Ci stringemmo l’un l’altra per riscaldarci a vicenda avvolti nella coperta. Nulla da fare, l’immobilità e la temperatura che era prossima allo zero si sentivano tremendamente, anche io cominciai a avere problemi alla punta delle dita.

Stavamo congelando e Laura era quella che stava peggio. Appoggiata a me a corpo morto la sentivo tremare dal freddo. Poi il torpore ci prese, entrambi. Non ho esperienza medica ma so che è un sintomo di assideramento. Hai sonno, ti lasci andare…… e non ti risvegli più.
Mi feci forza di restare sveglio e, soprattutto di far restare sveglia lei.

- Svegliati Laura, non devi dormire. Presto Alessandro sarà qui con i soccorsi. Non devi dormire. –

- Ho sonno………..ho tanto sonno –

La sua voce mi rispose impastata. Provai con leggeri schiaffetti sulle guance, provai a scuoterla. Niente, si stava lasciando andare.
Non so come mi venne in mente di farlo, forse istintivamente pensai che una cosa inaspettata l’avrebbe scossa: la baciai.
Io e Laura siamo buoni amici, abbiamo le stesse compagnie che frequentiamo con i nostri partner, e mai c’è stato qualcosa di più di una serena cordialità e confidenza.
Appoggiai le mie labbra alle sue sentendole fredde, le mossi cercando si stimolarla. Ci volle un po’ affinché reagisse:

- Che fai? –

La voce, ancora impastata, era fioca.

- Sto cercando di tenerti sveglia –

- Scemo –

Mi rispose prima di chinare ancora la testa sul mio torace.
Le rialzai la testa e la baciai ancora. Rispose timidamente, muovendo appena le labbra. Ci mise un po’ a aprirle e consegnarmi blandamente la sua lingua. Insistetti, intensificai l’intensità del bacio, la sentii muoversi contro di me.

- Cosa fai Luigi, non è il caso –

Le chiusi la bocca ancora con la mia, lei rimase immobile a labbra chiuse.

- Devi rimanere sveglia Laura, e se questo è quello che serve, non smetterò –

- Sei proprio scemo –

Mi replicò, però la sentivo più “viva” contro di me. La baciai ancora e questa volta rispose con più fervore. La baciai a lungo e lei rispose con intensità crescente. Quando la sua mano salì al mio collo capii che era pienamente sveglia……. e partecipe. A malincuore smisi, mi era piaciuto molto baciarla.

- Dobbiamo restare svegli Laura, a tutti i costi –

- Se mi addormento…. svegliami con un bacio –

Felice, accolsi la sua battuta che denotava una piena coscienza. Restammo ancora abbracciati e immobili per alcuni minuti. Il “limonare” ci aveva scaldati un poco ma il freddo pungente ci attorniava e presto il torpore si fece sentire di nuovo.
Ancora le cercai le labbra e lei rispose subito aggrappata a me.

- Ho freddo Luigi, ho tanto freddo –

Sentivo la sua voce affievolirsi e ebbi un’idea, un’idea che forse parrà stupida ma che ci salvò la vita. Se limonare ci aveva un po’ riscaldati, immaginai che andare oltre ci avrebbe scaldati ancora di più e rafforzato la circolazione.
La strinsi forte a me continuando a baciarla, mossi ripetutamente le dita della mano contro i miei abiti fino a sentirla, se non calda, almeno non gelata, e mi feci strada tra i nostri corpi fino a raggiungere la cintura dei suoi pantaloni in cui cominciai a intrufolarmi.

- Che fai? Questo no Luigi, ti prego, questo no –

- Ssssshhhhhh, abbiamo bisogno di scaldarci e non mi viene in mente niente di altrettanto efficace –

Si abbandonò consenziente e potei infilare la mano nei suoi pantaloni, sotto le sue mutandine sentendo il cespuglietto sotto i miei polpastrelli.

- E’ fredda –

Fu la sua sola reazione prima di riallacciare le sue labbra alle mie.
Attesi un minuto, fermo, aspettando che il calore del suo corpo si estendesse alla mia mano, e poi scesi ancora, un dito tra le sue labbra intime, la sporgenza del clitoride sotto la mia pelle. Sfregai con cautela, osai infilare la punta di un dito dentro di lei. Il suo baciò si fece più intenso, un mugolio fu soffocato dalle nostre bocche unite.

La masturbai con cura, attento alle sue reazioni, sentendola inumidirsi sempre più.
Nella mia bocca i mugolii divennero gemiti, il suo corpo si scuoteva contro il mio, sempre più spesso, sempre più veloce, fino a quando si staccò da me per gridarmi in un orecchio:

- Sssssiiiiii…….. sto venendo Luigi……. Sto venendoooooohhhhhh……. Mmmmhhhhhhhh ……….AAAAAHHHHHHHHH –

Quando si quietò, appoggiando ancora la guancia sul mio petto, sospirò soddisfatta.

- E’ vero, mi sento più calda, ora sto meglio –

Mi ero riscaldato anche io nel farlo, l’erezione che avevo mi spargeva calore nel ventre e, in definitiva, tutto il mio corpo era attivo e pieno di energia.
Passò ancora del tempo, la notte era sempre più buia, la pioggia a tratti tornava per poi smettere improvvisamente, a tratti un tuono ci squassava all’improvviso lasciandoci le orecchie dolenti.
Il calore di quanto avevamo fatto come era venuto andò via e ci ritrovammo ancora al punto di partenza. Però ora sapevamo come fare, e non ci fu alcuna protesta quando infilai ancora la mano tra le sue cosce, anzi le allargò per facilitarmi.
Di nuovo la masturbai sentendola fremere contro di me, la mia mano CHE si riempiva dei suoi umori, la mia lingua preda della sua.

- mmmmhhhhhhh…….. lo voglio dentro Luigi……. Lo voglio dentro –

Scossi la testa. Avrei dato chissà cosa per accontentarla ma non potevamo.

- Non possiamo spogliarci Laura, congeleremmo, continuiamo così –

Si accontentò e ancora una volta la mia bocca si riempì dei suoi mugolii, dei suoi gemiti, le mie orecchie le udirono ancora dire:
- Vengo… sto godendo…… mettile dentro…….. mettile dentro fino in fondooooohhhh……MMMMHHHHHHH……… OOOOHHHHHHH –

Avevo due dita dentro di lei che le scavavano la micina, completamente bagnate dai suoi succhi. Il mio pollice sfregava sul clitoride mandandole lampi di piacere direttamente al cervello. Si agitò convulsamente mentre godeva mordicchiandomi il labbro inferiore prima di chiudermi la bocca con la sua, cercare la mia lingua disperatamente intrecciandola in una danza scomposta.
La quiete tornò tra di noi, lei, soddisfatta, si muoveva piano contro di me.

- Luigi? –

- Dimmi –

- Tu…. Tu non hai…….. –

Capii cosa intendesse, ero in erezione dall’inizio, anche in quel momento sentivo il calore piacevole che mi si irradiava dal basso ventre.

- Non importa Laura, sto bene così –

- No, anche tu ti devi riscaldare –

Nel dirlo infilò la mano nei miei pantaloni trovando subito ciò che cercava.

- mmmmhhhhhh…. Sei stato così tutto il tempo? –

- Non importa Laura, davvero. Sto bene –

Come non avessi parlato la sua mano prese a strofinarsi contro la mia asta. La sentivo fredda, e poi meno fredda, poi calda, che mi lisciava e carezzava dalla punta alla base.
Toccò a me gemere mentre la sua carezza si faceva più rapida, più intensa, arrivando a toccare e stringere dolcemente i testicoli.

- Mmmmmhhhhh Laura…….. ci sono quasi…….. ci sono…… -

Con una mossa rapida scivolò su di me, la sua mano portò la punta e parte dell’asta fuori dai calzoni senza aprirli, sentivo la pressione della cintura su di me, e poi la sua bocca che mi racchiuse per leccarmi e succhiarmi fino a che, pochi secondi dopo, la tensione accumulata sino ad allora esplose dai mie lombi in caldi spruzzi di seme, che lei accolse e ingoiò. Quando non ebbi più niente da darle, coscienziosamente fece rientrare il mio uccello nei pantaloni e mi abbracciò strettamente.

- Laura….. io………. Grazie………. –

- Non possiamo farci trovare “sporchi” dai soccorsi, potrebbero capire che……. –

Rise, una risata squillante e argentina, gioiosa. Mi baciò il mento e riaccoccolò la testa contro di me, sul mio petto.

Prima dell’alba ancora una volta ripetemmo il nostro “riscaldamento”, ancora una volta la mia mano si bagnò di lei, ancora una volta il mio seme le riscaldò lo stomaco. Poi il buio si attenuò, da dietro una cima il chiarore fece capolino e si espanse fino a illuminare la montagna. Sentimmo avvicinarsi un rumore di elicottero e, fattala avvolgere bene con la coperta, scattai fuori dalla cengia.


Lo vidi avvicinarsi mentre facevo ampi gesti per attirarne l’attenzione, dal mio zaino presi e accesi un fumogeno e finalmente vidi i soccorritori calarsi dal velivolo e raggiungerci.
Ci imbragarono e portarono a bordo e da lì di corsa in ospedale ove ci raggiunsero Alessandro e gli altri, la mia compagna e il compagno di Laura. I dottori rimasero piacevolmente stupidi delle nostre condizioni.

- Veramente pensavo peggio, a parte la distorsione della signora avete solo un lieve principio di congelamento. Come avete fatto? -

- Abbiamo cercato di rimanere svegli e in movimento il più possibile, si siamo supportati l’uno con l’altra, per fortuna che sono arrivati i soccorsi.

- Siete stati fortunati –

Tornai a casa a riposare, blandito e coccolato dalla mia compagna, con la sensazione di aver vissuto la notte al ghiaccio più calda della mia vita.