i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy webcam Chat  | ChoCam Mature webcam  |  Live18 |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Stavolta vi racconterò della volta che Alice andò in erasmus,all'età di 24 anni,
facendomi credere,per mesi,di essermi fedele....
Per chi non conoscesse o ricordasse alice ve la descrivo subito...è gran figa mora,
con due gran tette , una quarta che su di lei,magra e alta 163,sembravano ancora + grosse,due belle labbra grosse come piacciono a me...e un bellissimo culo piccolo,un confetto...

Inizialmente non volevo che partisse,ma dopo tante insistenze da parte sua non potei fare altro che rassegnarmi e mettermi il cuore in pace,oltre che entrare nell'ottica di andare lì una volta al mese o quasi...so come funziona la vita da erasmus e potevo solo immaginare quanto ci avrebbero provato con una figa come lei...
Poi andava in Spagna,a Siviglia...una serie di fattori non mi faceva stare tranquillo...
Poi andò a prendere una camera in una casa con 5 stanze e 2 bagni,al momento in cui arrivò lei c'era solo una camera occupata da una ragazza,che sarebbe andata via a da lì ad un mese,e tutto questo peggiorava le mie ansie...4 camere potenzialmente occupabili da maschi...

E che,puntualmente,vennero occupate da 3 maschi...ci fu anche qualche ragazza,ma durarono pochi giorni...in definitiva,dopo che andò via l'unica inquilina femmina Alice si ritrovò in casa con 4 maschi...lei...con quel fisico esplosivo...io stavo impazzendo,anche perchè rispetto ai miei programmi,non riuscii ad andarla a trovare subito...mi diceva che erano molto in gamba dispnibili e rispettosi,però io non riuscivo a stare tranquillo...un ulteriore aggravante fu che i bagni erano 2,uno più grande e ristrutturato,e uno un pò più scadente,e vennero divisi con 2 ragazzi per quello piccolo e Alice e gli altri 2 nell' altro bagno...
pensavo che lei,come faceva sempre,avrebbe dimenticato una volta su due il perizoma nel bagno dopo essere uscita dalla doccia,e pensavo ad un maschio che trova un perizoma con gli odori di una bella cavallina come lei.....

Gli inquilini erano:
Pierre,un ragazzo francese sui 25 anni,
Luis,un ragazzino spagnolo di 19 anni al primo anno di università,
John,un irlandese di 26 anni,
e Patrick,un ragazzo olandese di 32 anni che lavorava lì a Siviglia.
Lei condivideva il bagno con John e Luis.

Tranne john ,che era alto 193 e aveva due spalle enormi,
tutti gli altri erano nella media,tra i 178 e i 185 cm...

Poco a poco entrarono tutti in confidenza e sintonia,e ogni tanto presero ad uscire insieme la sera nei locali,e lì nei locali si conoscevano amici di amici e le solite serate in compagnia...
proprio tra queste conoscenze c'era Juan,uno spagnolo nerissimo,alto 190 e con un gran fisico,che subito adocchiò Alice,e che venne decisamente ricambiato...lei ci scherzava,beveva e rideva insieme la sera che lo conobbe,finchè andarono a ballare e dopo poco ovviamente iniziarono i vari strusciamenti,con lei che sentiva praticamente una trave che le si appoggiava sul culo o tra le gambe...ad un certo punto la cosa si fece quasi esagerata e lei si staccò con una scusa,e poco dopo rientrarono tutti a casa,un pò brilli...durante il tragitto i suoi coinquilini (tranne patrick che lavorava e usciva poco con loro) iniziarono a stuzzicarla su juan e su come sembrasse su di giri mentre ballavano...lei rise e poi ricordò a tutti di essere fidanzata,ma ammise che si era divertita molto con lui,e ridendo aggiunse "con il vostro amico superdotato"...scatenando qualche commento dei 3...

Il giorno successivo a metà mattina pierre chiamò l'amico juan:
"ti dico che ci sta,fidati!ieri quando siamo rientrati a casa lei è andata a fare una doccia,noi siamo rimasti nel soggiorno,e quando è entrato luis in bagno è uscito di corsa per portarci il suo perizoma!era letteralmente inzuppato amico!gli ho dato anche una bella slinguazzata e poi in camera mi sono fatto un segone pensandoci...senti,stasera ti invitiamo a cena,e tu affondi il colpo...un pò mi rode il culo che te la scoperai tu e non io,però vorrà dire che sarai in debito con me!a più tardi..."

Durante la giornata il pensiero di Alice tornava spesso su juan e su quell'arnese enorme che aveva sentito su di lei la sera precedente...sperava di incontrarlo di nuovo in qualche serata in discoteca,ma non sapeva che pierre aveva già organizzato qualcosa di più di un incontro casuale in discoteca...
Poco prima di cena Alice si accorse che a tavola era apparecchiato per una persona in più,e chiese come mai...
“c'è un amico a cena,non presentarti in pigiama come sempre!” urlò uno dei ragazzi...
“Cazzo,invitano un loro amico a cena e neanche mi chiedono se mi va bene!”,pensò lei...
andò in camera a vestirsi brontolando,e si mise una canotta un po' scollata,e una gonnellina non troppo corta,con relativo perizoma d'ordinanza (usa solo perizoma e tanga),poi entrò in bagno a truccarsi leggermente,e a mettersi il lucidalabbra,che le metteva ancora più in risalto le labbra carnose...
Fu grande per lei la sopresa nel vedere Juan entrare nella sala da pranzo,accompagnato da luis,dove c'erano tutti gli altri ragazzi e alice ad attendere “l'ospite” guardando la tv...
Fece un sorriso grande quanto una casa e arrossì immediatamente,quando lui andandola a salutare le diede due baci passandole la mano dietro la schiena come a stringerla a sé...
era vestito con una maglietta bianca a maniche corte che metteva in risalto il suo fisico asciutto e prestante,e tutto questo aumentava il turbamento di alice,che era come in una centrifuga,non riusciva a non pensare al suo pisellone,mentre lo guardava.
La cena trascorse tra vino,risate,e qualche battuta.
Una volta spostati sui divani,partirono le chiacchere,finchè John,non si sa come,per metterla in imbarazzo e portare il discorso sul sesso,esordì dicendo:
“è inutile che fai la riservata su queste cose,ti sentiamo quando al telefono fai giochini col tuo ragazzo...e ti sentiamo anche quando...il giochino arriva alla fine!!”...
In effetti,e chi ha provato un rapporto a distanza può ben capire,ci sentivamo ogni giorno,e spesso diciamo che ci lanciavamo in conversazioni erotiche,che poi portavano all'orgasmo tutti e due!
Ecco,john le aveva appena detto che la sentivano spesso quando veniva al telefono...
Lei diventò di mille colori,ma prima che potesse dire qualcosa ci pensò juan,sfruttando l'occasione,a toglierla da quella situazione,
“ma poverina!dai,non la fate imbarazzare,non va bene,siamo 5 maschi contro una ragazza...io mi schiero con lei!”
e così dicendo la tirò verso di se,e la fece sedere sulle sue ginocchia.
Pierre,abile stratega,tirò fuori la scusa di guardare un film in dvd,ma era tutta una scusa per spegnere la luce...
Come da copione,appena ci fu buio,juan iniziò a toccare le gambe di alice,portandola sempre più lontana dalle ginocchia e più vicina alla zona inguinale,finchè non arrivò proprio a posizionarla sul pacco...lì iniziò un lento strusciarsi,che però di lì a poco divenne troppo evidente e movimentato,costringendoli ad appartarsi in camera di Alice.
Nel momento in cui si alzarono erano mano per mano,e non dissero nulla,accompagnati però da qualche battuta dei ragazzi,tra cui si sentì nitidamente luis che disse,incrociando lo sguardo di alice e sorridendole, “falle ballare anche per noi quelle tettone juan!” ...Lei era in preda all'eccitazione,e sentire luis,il più timido del gruppo,dire quella frase non fece altro che aumentare la sua incontenibile voglia...
Appena entrarono in camera lei gli slacciò subito i jeans e tirò fuori l'oggetto del suo desiderio di tutta la giornata...”questo non è un cazzo,questo è un sogno!” disse,iniziando un veloce lavoro di mano e lingua,che in pochi secondi la portò ad imboccarlo,a poco a poco dati i 28 cm di lunghezza e la discreta circonferenza;dopo qualche boccalata lui la tirò su e le fece appoggiare i gomiti sul letto,tenendola così a 90 gradi,le alzò la gonna e scostando il perizoma le infilò la lingua nella sua figa strabordante di umori,e subito dopo si incuneò nel buchino posteriore della mia puttana,forzandolo con la lingua fino a penetrarla leccando l'interno,facendola dimenare in modo incredibile.
La stava preparando per bene...intanto dopo averle chiesto dove fosse lo specchio,aprì un anta dell'armadio che conteneva proprio lo specchio in modo che finisse sulla loro figura,
j ”voglio guardarti mentre godi,e soprattutto voglio vedere queste tette che ballano!”
a “e allora falle ballare,scopami forte,ho sempre sognato di farmi fottere da un negrone come te!”
a questo punto lui prese la sua asta e la puntò sulla figa di alice,fece un paio di volte la finta di penetrarla ma si fermò a mettere solo la cappella...voleva farla impazzire...d'un tratto la prese per i fianchi e glie lo sbattè dentro con violenza
a “aaaaah si bel negrone mio,scopami con questo cazzo che ti ritrovi,sfondami”

Juan la stava realmente aprendo in due alla pecorina,la scopava forte,e nel mentre le stringeva le tettone,guardando allo specchio il tutto...
j “ti piace farti scopare come una troia vero?”
a”ooooh si,ma io quando scopo SONO una troia!”
j”no ,tu sei troia sempre,come tutte le italiane che mi sono scopato!”
a”e allora trattami come la più troia!”

Detto fatto,la prese per i capelli e le diede una serie di affondi che la portarono ad un orgasmo prolungato e parecchio rumoroso...

Nel frattempo i ragazzi fuori si davano il cambio per sbirciare dalla serratura,segandosi clamorosamente,finchè pierre,letteralmente fuori di se,entrò nella camera con il cazzo in mano:
a “pierre che cazzo fai qui?vai fuori immediatamente!”
p “non se ne parla,è un mese che mi ammazzo di seghe pensando a queste tettone e a queste labbra da pompinara!”
Nel frattempo juan gli sorrise,continuando a scopare alice,mentre pierre iniziava a toccarle le tette,e di tratto le spinse in bocca il pisello,con lei che presa dall'eccitazione data da juan non fece neanche resistenza ma lo divorò di colpo...Alice lo guardò in faccia e prese a succhiarlo accompagnandolo con la mano,scese e gli leccò i coglioni,portandoli in bocca e aspirandoli che neanche un'aspirapolvere;nel mentre juan continuava a montarla con irruenza,e guardava l'amico estasiato dal pompino della cavallina,che dopo pochi secondi,in seguito ad una “accellerazione” del negrone,venne urlando
a “aaaaah siiiii cazzo,siiiiiiii,che cazzo che hai,aaaaaaaaaahhhhhhhhhh!!!”
ebbe un paio di secondi di relax,poi,per aiutare il suo eroe che era ancora in piena erezione,si girò a spompinarlo lasciando di sasso pierre,che però non si perse d'animo e con il pisello duro come il marmo iniziò a massaggiarle il buco del culo,con lei che un po' si contorceva ma era troppo concentrata sul maxi cetriolo al cioccolato!
J “si pierre aprile il culo,così poi io ci entro senza fatica!”
p “si amico,se entri tu la squarti,ti faccio da apripista!”
j “ooohh,si,si ,che bocchinara,prendilo tutto!”
nel frattempo pierre,prima con un dito,poi leccandole l'orifizio e massaggiandolo,l'aveva penetrata nel culo!Nel culo!!Per darlo a me ci metteva mesi...
A “aaah,cazzo che male!”
P “dai che ora ti abitui,altrimenti che puttana sei....”

Intanto juan le scopava letteralmente la bocca,e a lei non dispiaceva affatto,cercava di ingoiarlo il più possibile,e lui dedicava la mano libera a strizzarle le tette
j “ooooooh,ooooooohhhhhh,ssssssiii,ingoia tutta la mia sborra zoccolaaaaa!”
Juan le versò una quantità di sperma in bocca,che lei non riuscì neanche a trattenerla tutta,ma raccolse con le dita quello che le strabordò da quella bocca che sembrava disegnata per stare sempre a spompinare...
Pierre continuava ad incularla,sempre con più ardore,finchè lei in breve tempo non raggiunse un altro orgasmo che la sconquassò tutta....rimase anche questa volta qualche secondo in estasi,poi si girò e si inginocchiò di fronte a pierre,gli diede due leccate e infilandoselo tra quelle due tettone gli disse:
a “tieni,tanto lo so che è da quando mi hai vista che non sogni altro che una bella spagnoletta...ma una serata così neanche nei sogni l'avresti immaginata,mio bel francesino!”
lo sfregava sempre più forte,pierre iniziava a tremare,ad un tratto si bloccò e spruzzò tutto il suo amore sulle tettone e sulla faccia di alice...che bella contenta si leccò le tette guardando i suoi amanti......si coricarono nel suo letto ad una piazza e mezzo tutti e tre insieme...stavano un po' stretti,ma era l'ultimo dei problemi!
nel frattempo c'era chi fuori si era semplicemente ammazzato di seghe.

Il mattino seguente Alice non trovava il coraggio di uscire dalla sua camera,sapeva che tutti avevano sentito ma soprattutto sbirciato quello che era successo la notte prima....aspettò in stanza per un po' facendo finta di dormire,e quando qualcuno uscì di casa,varcò la soglia della sua porta,sperando fossero usciti tutti...

“Alice !!” era Luis,che spiacevolmente per lei era rimasto a casa...
“hai dormito parecchio,dovevi recuperare le forze eh?” e si mise a ridacchiare...
A “si,diciamo di si...”e così dicendo entrò in cucina a farsi un caffè;
nel frattempo,con il caffè sul fuoco,entrò in camera a preparare le biancheria da mettere dopo la doccia...entrando in camera non potè non fare caso all'odore di sesso che si sentiva,e alle macchie di sperma che c'erano qua e là...immediatamente sentì un fremito tra le gambe,e i suoi capezzoli si inturgidirono....era stata l'esperienza più estrema della sua vita,e le era piaciuta parecchio...
Tornò in cucina,prese il caffè e lo portò in soggiorno con qualche biscotto...li c'era Luis che guardava la tv,e al quale non sfuggirono i capezzoli vispi di Alice sotto la canottiera.

L “allora Ali,dimmi un po' di ieri...ti sei divertita?”
A “non credo siano fatti tuoi....”
L “mamma mia che acida,io chiedo perchè sono curioso,non fare l'antipatica...dimmi dai”
A “si mi sono divertita,contento?e smettila di massaggiartelo davanti a me!”

Tirò giù in un sorso il caffè e andò via scocciata,entrò in camera a prendere il suo accappatoio d la biancheria,e si avviò verso il bagno.
Si sedette sul wc per fare i suoi bisogni,e una volta seduta iniziò a massaggiarsi quella figa che ieri era stata tartassata più e più volte...il cazzone di Juan,l'inculata potente di Pierre,e ora Luis che si massaggiava il pisello da sopra i calzoni mentre le chiedeva se si era divertita!
Cercò di scacciare i pensieri ed entrò in doccia,regolò l'acqua e si tuffò sotto il getto potente...si insaponava,si faceva massaggiare da quello scroscio...quando sentì la porta della doccia aprirsi era come in trance,e infatti non ci fece quasi caso...ma quando sentì due mani sui suoi fianchi aprì gli occhi e girandosi vide Luis completamente nudo,che richiuse la porta del box dietro di lui...lei era come sotto shock e non riuscì a dirgli niente,se non balbettando qualcosa di indecifrabile...si vedeva che era contrariata,ma lui si stava facendo largo e passava alle sue tettone,finchè lei lo spinse via urlando

“che cazzo fai?come ti permetti esci subito di qui porco!”
L “ma dai ali,non te la prendere,si vedeva che eri eccitata poco fa,e mi sono anche messo a spiarti da dietro la porta e ho visto che ti masturbavi...dai che lo so che hai voglia...”
e così porto la mano di Alice sul suo pisello,che non era niente di eccezionale (dopo aver visto e provato quello di juan la notte prima in molti avrebbero sfigurato!),però era comunque un bell'arnese,ma soprattutto poteva toglierle la voglia di cazzo con la quale si era svegliata poco prima...
Lei quasi inconsciamente prese a muovere la mano sul pisello di Juan,che iniziava così a mugolare
J “oh,si,brava...continua...” e nel mentre iniziava a massaggiarle le zinne,fino a quando,pochi secondi dopo,la fece piegare a 90 con le mani appoggiate al muro,e con una mano continuava a stringerle le tettone,mentre con l'altra iniziava una lenta masturbazione tra le sue belle labbra vaginali...
Lei si sbrodolava in una maniera incredibile,e allora lui,senza perdere altro tempo,diede due scappellate veloci al suo tarello,e dopo averlo strusciato sulla sua figa,la penetrò con un colpo secco...
A “oooooohhh ssssiii,che bello”
J “ti piace eh,zoccola”
a “si,stamattina mi sono svegliata con più voglia di ieri sera,meno male che ora ci stai pensando tu a me!”
j “e certo che ci penso io,una vacca come te deve essere munta ogni mattina!” e così le strizzò le voluminose tette con due mani...ci davano dentro parecchio,e lui prese a giocare con il suo buchetto,che dopo la notte passata sembrava meno buchetto e più caverna...infatti ,complice anche l'acqua della doccia,il dito medio non trovò grandi problemi nel suo cammino
j “certo che ieri ti sei fatta sfondare bene anche il culo eh!” facendo roteare il suo dito all'interno...
a “ooooohhh cazzoooooo!!!sssii mi ha sfondato il culo pierre ieri....” era già venuta,l'eccitazione era troppa,e in più il sentirsi trattare da puttana,il dito nel culo e il capezzolo stretto nell'altra mano di Juan l'avevano fatta capitolare subito...
Lui chiuse l'acqua,la fece mettere inginocchiata e glie lo sbattè in faccia
j “ho chiuso l'acqua perchè voglio sborrarti in faccia e voglio guardarti con la mia sborra sul viso!”
lei non se lo fece ripetere e si avventò sul suo membro,iniziò a succhiarlo voracemente guardandolo negli occhi,era sempre più affamata di cazzo,e continuò a pompare,alternando qualche accenno di spagnoletta,finchè lui si irrigidì,lei accellerò ancora di più la pompata fino a farlo esplodere sulla sua faccia
j “oh cazzo,ssssiiiiiiii,che troia di coinquilina che mi è capitata!non sai quanto sono contento!”
La tirò su,aprì l'acqua,le sciaquò la faccia ,e prese a limonarla con un bacio quasi da innamorati...

Si fecero prendere un po' troppo,e finirono sul letto di alice a fare il bis,con lei a 4 zampe che urlava di piacere e lui che stavolta le fece ingoiare tutto...
J “adesso sei a metà,ti mancano patrick e john!ahahahah”
e lei sferrò una risposta che forse neanche lei era convinta di poter dare
A “eh si,ora dovrò vedere se loro due saranno all'altezza dei primi due coinquilini!”

Scrivetemi, aspetto i vostri commenti

riccardottantadue@gmail.com