i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy webcam Chat  | ChoCam Mature webcam  |  Live18 |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Essere Esibizioniste può portare moltissimi Guai, e ve lo dice chi lo è stata fino alla fine.per chi ancora non mi conoscesse, Mi Chiamo Greta, sono una Travestita, NON Trans come molti pensano. ancora nel 2017, ce chi non riesce a distinguere le due fazioni incredibile ma vero. dunque ho vissuto per Anni prima di ritirarmi nel modo piu' trasgressivo possibile, ne ho combinate di ogni genere coinvolgendo anche quella povera Donna di Mia Mamma nella maggior parte delle mie Porcate con gli Uomini. dovete sapere che a mè son sempre piaciuti gli uomini maturi di una certa età escludendo dalle mie avventure i Ragazzi coetanei proprio per una repulsione naturale. ho sempre trovato piu' eccitante, farmi sfondare il culo da un'uomo di Cinquantacinque Anni piuttosto che da un Ventenne magari pure imbranato o di quelli che ti scopano poi spariscono come ladri. io sono sempre stata un'istintiva, e di pelle mi son sempre trovata bene con certi uomini con cui ne ho combinate di ogni colore e tipo. l'avventura che vado a narrarvi, successe verso gli inizi degli anni 90, quandoancora i Cinema Hard, erano ad ogni angolo di strada, e internet non aveva ancora preso piede come oggi nel porno. non ero mai entrata in uno di quei Cinema che tante volte avevo visto solo da lontano, e ogni volta fantasticavo sul via vai di uomini che vedevo entrare e uscire proprio da quei Cinema a Luci Rosse. fu verso i Diciotto Anni che decisi di tentare l'entrata in quel mondo a me ancora sconosciuto. ero al mio battesimo come Troia, e volevo fare un debutto piu' che dignitoso sempre se ci fossi riuscita ovviamente. scelsi un Cinema poco distante da me chiamato Cinema Sempione, piccolo sudicio non certo a quattro stelle, uno di quei Cinema dove trovi di tutto, dal vecchio maiale in cerca del marchettaro, all'extracomunitario in cerca di scopare facile. mi ero vestita apposta per destare attenzione, intimo nero in pizzo reggiseno e tanga con calze autoreggenti e reggicalze,stivaletti a punta scamosciati neri con frange ai lati della scarpa che facevano tanto Rock com'e il mio spirito. una T-shirt nera senza maniche scollata a V davanti con disegnato un teschio glitterato, la schiena nuda, hot pants in Jeans trucidi e consumati sgambatissimi, con un cinturone borchiato, un giubbotto chiodo nero, guanti in pelle senza dita, unghie smaltate di rosso come il rossetto, ben truccata, capelli lunghi naturali neri lisci con la frangia davanti e ai lati bionda, sciolti sulla schiena, collanina con una chitarra al collo. uno zainetto sulla spalla e occhiali scuri in viso. non passavo certo inosservata anche perchè al tempo avevo un fisichetto femminile magro e ben definito, feci non poca fatica ad evitare i rompipalle in strada che mi suonavano mi fischiavano dietro, e mi chiedevano se volessi assurdi passaggi in auto. in un modo o nell'altro sono riuscita ad arrivare davanti al Cinema, allontanando anche in malo modo un paio di ragazzi extracomunitari che mi avevano preso di mira e non mi avevano mollata fino quasi al cinema. entrai varcando il grosso portone di vetro trovandomi in un mini corridoio illuminato da luci a neon al soffitto, e una volta davanti alla biglietteria, mi trovai un tizio grassone che mi guardava assai male, mi diede il biglietto e gli passai le 10.000 Lire, mentre mi avviavo verso la sala, separata dal ciccione solo da un pesante drappo nero di velluto assai polveroso, questo faceva capire il tenore del posto, tutt'altro che ben tenuto, sembrava di stare in una bettola o un tugurio. entrai nella piccola ma zeppa saletta buia e subito mi arrestai impietrita. la sala forse perchè avevo scelto il sabato sera, era zeppa di uomini sia seduti, che in piedi a fumare,iniziarono a tremarmi le gambe anche perchè appena entrata, avevo attirato su di me tutti gli sguardi. sul grande schermo proiettavano il film porno dove una si stava facendo aprire la figa con una doppia penetrazione da due negroni africani. l'aria era irrespirabile per il fumo, e ovviamente nemmeno una cappa d'aria poteva far uscire quella ciminiera che si era formata. quasi barcollando e sgomitando, mi feci strada tra gli uomini, per lo piu' anziani e maturi e arrivai infondo la saletta. mi appoggiai al muro come se fossi braccata da un mostro, e cercai di rilassarmi un'attimo, ero troppo agitata, chiusi gli occhi e contai fino a dieci respirando quell'aria malsana, che piu' volte mi fece tossire. aperti gli occhi mi dissi che forse era meglio li avessi tenuti chiusi ancora per un pò, davanti a me, si era formato un via vai di uomini che passegggiavano fissandomi come ombre divoratrici. ma che mi succedeva? ero o no una Troia? e allora che lo dimostrassi... che ragione avevo per essere cosi' agitata? mi ero esibita piu' volte in giro di Notte sulle strade e non mi ero mai sentita cosi', mi ero già fatta scopare e non avevo certo fatto storie. e allora come mai tanta ansia? mi promisi di rilassarmi, qualunque cosa fosse successa d'ora in avanti, e cosi' feci, piu' calma iniziai a tenere con un'occhio ben fisso lo schermo, mentre con l'altro tenevo attenzione a chi mi passava davanti o mi si appoggiava vicino fingendo di non vederci al buio. scuse di quel tipo sono di routine nei cinema per attaccar bottone. tutto sembrava tornato nella norma, io in piedi li attaccata con la schiena alla parete, fingevo di guardare il Film, e non far attenzione a tutti quegli uomini che mi ronzavano attorno come mosche.l'inevitabile arrivò dopo una mezz'oretta che ero li dentro, ormai i miei occhi si erano abituati al buio della saletta, e i miei polmoni all'aria fumosa, iniziai a sentire delle dita sfiorarmi le gambe e il culo, al secondo tentativo non potevo dubitare che qualcuno mi stesse palpando, o per lo meno stesse provando ad approcciarsi a me. non mi mossi lasciando fare e fingendo indifferenza guardando dritto lo schermo. le dita divennero mani piu' di una che iniziavano ad intrufolarsi nel mio giubbotto e che mi accarezzavano le coscie calzate. ebbi il coraggio di voltare la testa verso chi mi stava tastando, e mi trovai faccia a faccia con un signore che a vederlo cosi' avrà avuto sui circa settant'anni, capelli biachi bianchi, rughe sul viso e un po curvo con la schiena. il suo fiato puzzava di tabacco, e ogni respiro vicino che mi faceva, era come se stessi accanto ad una ciminiera. lasciai che continuasse a tastarmi con le sue mani tremanti, poi altre mani si unirono a quelle del vecchio, e stavolta erano mani piu' decise e ferme. in pochi minuti il giubbotto di pele scivolò a terra, e cosi' anche la mia T-shirt e gli Hot Pants. mi ritrovai a gemere in intimo ora circondata da almeno una decina di uomini di mezza età che con il cazzo fuori si strusciavano alle mie coscie e me li mettevano in mano da masturbare. ormai rilassata quasi del tutto, preso due cazzi per mano e iniziai a masturbarli,qualcuno mi scostò i lunghi capelli da un lato, baciandomi sul collo. mi stavo già sciogliendo come un ghiacciolo al sole, mentre iniziavo a fantasticare con la testa, qualcuno mi mise una mano sulla testa, obbligandomi ad inginocchiarmi, lo feci senza mai opporre resistenza, davanti al viso, mi arrivarono almeno senza esagerare dieci bei cazzi duri che iniziai a infilarmi in gola due per volta e succhiare meglio che potevo. era ora di dimostrare quanto ero Vvacca e fino a quel momento, lo stavo dimostrando benissimo, tanto che ormai l'attenzione della sala era per mè e non piu' per il Film. da poco ero stata soprannominata Bocca di Fuoco, e dimostrai subito di meritare tutto quel soprannome, facendo sborrare già qualcuno, che mi venne in viso e sul petto sporcandomi il reggiseno. Continuai a succhiare un cazzo dietro l'altro e farne sbrodolare piu' che potevo, ma qualcuno non si accontentava e voleva anche il mio bel culo sodo e liscio. mi ritrovai di nuovo in piedi, tirata su da qualcuno per un braccio, fui appoggiata a gambe larghe alla parete con la faccia al muro e braccia tese in avanti,nemmeno il tempo di dire o sussurrare che avevo i preservativi nello zainetto, che fui zittita subito da uno che mi mise la lingua in bocca baciandomi, mentre da dietro sentivo scostarmi il lembo di stoffa del tanga, e il calore di una grossa cappella entrarmi piano piano tra le chiappe ben aperte. era successo cosi' velocemente tutto, che non mi ero nemmeno resa conto di cosa stava succedendo, per mè era come vivere un Film con me da protagonista, solo che il Film era realtà li davanti a tutti nella buia saletta di un Cinema di periferia Milanese. Una spinta che fece scivolare quel cazzo duro e bello lungo dentro di me, mi ridestò completamente dai miei pensieri,chiusi gli occhi e gemetti di piacere, mentre un'uomo che non mi facevano vedere, perchè avevo la teta occupata a slinguare uno dopo l'altro vari maschi anziani e pure un negro mi ha messo la lingua in bocca, mentre quello dietro iniziava a stantuffarmi avanti e indietro, avevo mani da ogni parte del corpo, uno si era messo sotto e mi stava succhiando il cazzo duro, gli son venuta in bocca in pochi secondi, cosa che sembra il tizio che non vedevo, abbia apprezzato molto. sospiravo forte ad ogni colpo che quello dietro mi dava, anche se con l'audio forte e alto del Film, certo non si poteva udire il mio respiro affannoso e i miei gemiti o sospiri. il tizio mi diede qualche altra stantuffata, poi usci' e mi sborrò sulle chiappe, che mi colarono giu' per le coscie sporcandomi le calze a rete. il tizio lasciò il posto ad altri, ed ecco la girandola di uomini sfondarmi il culo a turno, dopo qualche secondo, un'altro bel cazzo sembrava piu' grosso e meno lungo dalle dimensioni, mi entrò dentro a pomparmi. questo però durò meno del primo e mi sborrò dentro pure senza attendere di uscire. mi son sentita innaffiare da uno spruzzo caldo dentro al culo, poi ho sospirato appena quello è uscito. qualcuno senza problemi ha subito preso il posto, la fila non mancava di certo, e ho sentito entrarmi un bel cazzo stavolta coperto da un preservativo, che mi stantuffò parecchio prima di svuotarsi anche lui dentro di me, ma stavolta con il preservativo non avevo sentito il caldo spruzzo come il precedente. altri uomini cercavano di gomitare per chiavarmi, e io morivo dal piacere li appoggiata al muro a gambe larghe con tutti quei bei maschi addosso, mi sentivo una Regina, la regina delle Puttane. qualcuno mi disse anche qualcosa che non capii per via del Rumore dell'audio alto del Film che ormai nessuno guardava piu'. erano tutti li a segarsi e guardare me anche chi non partecipava e guardava soltanto si masturbava come un porco. il mio tanga era ormai sparito non so dove, e addosso ero solo con gli stivaletti a tacco alto, calze a rete e reggiseno, altro non avevo. ad un tratto mi ricordai di avere nello zainetto il cellulare, non ero certo preoccupata che me lo rubassero, ma lo cercavo per un motivo preciso, e chiesi a piu' uomini di recuperarmi gentilmente lo zainetto, ci misero un po a capire cosa chiedessi, ma alla fine un'uomo con un sorriso me lo porse gentilmente prima di farmi sborrare una seconda volta prendendomi il cazzo e segandomi velocemente, dicendomi 'Vaccona', gli sborrai in mano in pochi secondi. uno mi disse 'Sei Meravigliosa, meglio di una vera donna... voglio sposarti, devi essere Mia', gli sorrisi e gli sussurrai all'orecchio in modo che potesse sentirmi, dovresti chiedere il permesso a mia mamma prima. frugai nello zainetto e finalmente presi il telefonino componendo a fatica il numero di mamma. non sentii il telefono di mamma suonare dato che li dentro era come stare al drive In o al Luna Park, l'audio del Film era altissimo, e dovevi urlare per farti sentire. vidi sul display solo la scritta 'Chiamata Effettuata', e credetti di aver Mamma al telefono, urlai piu' che potei verso il telefono: 'Mamma .. Mamma sono io.. ce un'uomo che mi vuol sposare...' e gli passai il telefono, l'uomo sorrise e appoggiò il cellulare all'orecchio, poi uno mi slinguò e non potei vedere se quello aveva parlato davvero con mia mamma o meno, mi ridiede il telefono poco dopo dicendo che mamma approvava. non gli credetti, conoscevo Mmamma e sapevo che se davvero l'uomo gli avesse parlato lei lo avrebbe respinto subito e mal apostrofato. alla fine l'uomo confessò che non era riuscito a sentire nulla ma confermò di volermi sposare. intanto che mi capitava questo, dietro di me era un tornello di uomini che mi sfondava uno dopo l'altro. fino a che ad un certo punto, facendosi largo tra il mucchio intorno a mè, sbucò la brutta facciona del ciccione della cassa, che in malo modo ordinò con un manganello di legno a tutti di scostarsi da me, anche l'ultimo mi lasciò libera, e allora il grassone in modo anche prepotente mi ha detto: 'Avanti, rivestiti in fretta prendi la tua roba e fila via di qui'...' non capivo il motivo, non avevo fatto nulla, qualcuno protestò ma il grassone fu irremovibile, 'Avanti, fila fuori' mi disse di nuovo prendendomi per un braccio trascinandomi fuori dalla saletta. dovetti raccogliere in fretta le mie cose, zainetto giubbotto e maglietta, gli slip non li trovai, senza il tempo di rivestirmi e sistemarmi fui sbattuta in strada con la minaccia di non farmi piu' rivedere o avrebbe chiamato la polizia. continuavo a non capire che avevo fatto di male, ala fine stavo solo li per divertirmi e far divertire la gente. in strada fortunatamente non passava nessuno, cosi' mi nascosi dietro un grosso camion e cercai velocemente di sistemarmi e rivestirmi. ero piena di sperma che mi gocciolava dal culo dalle gambe dal petto, mi son ripulita come meglio potevo con dei fazzolettini di carta, mi son rivestita alla buona e ho preso la strada di casa in tutta fretta, controllando l'orario vidi era quasi mezzanotte, pensai a quel punto alla chiamata fatta a mamma, e mi chiesi se dovevo chiamarla per sapere se avesse almeno sentito qualcosa della chiamata fatta. mentre continuavo a camminare, composi il suo numero, e aspettai lo squillare delle chiamate, Uno.. Due..Tre.. Quattro..Cinque.. Sei.. al settimo squillo senza risposta, chiusi la telefonata. il dubbio dunque restava. feci fatica a tornare a casa senza essere di nuovo infastidita dai soliti extracomunitari nottambuli, che mi infastidirono non poco, ma riuscii ad evitarli respingendo ogni loro approccio. alla fine si arresero e potei rincasare verso l'una di Notte. ero esausta ma felice come non mai, avevo fatto un debutto con i botti, e toccandomi il culo ancora bello largo, ho sborrato ancora, ripensando a quello accaduto poco fa in quel Cinema, l'unica cosa che non compresi, era il fatto di essere stata sbattuta fuori a quel modo, senza aver fatto nulla di male a nessuno. mi promisi di cercare altri Cinema e riprovare quell'esperienza unica. in quanto a Mamma, quando tempo dopo gli chiesi della chiamata, sorvolò dicendo che non aveva sentito suonare il telefono quella sera. il dubbio rimane perchè ha sorvolato piu' volte su quell'argomento. chiedere a Mamma se avesse ascoltato che gli urlavo che un'uomo voleva sposarmi, mentre ero immezzo a un mucchio di uomini che mi sfondavano il culo a colpi di cazzo, era assai poco probabile e alla fine lasciai perdere. greta-sex@libero.it