i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante Capitolo or Storia
Indice
- Text Size +
Note dell'autore:
Il tango
Questo racconto è dedicato ad una persona che è stata per me particolare.
Mi chiamo Elio, sono il marito, di una splendida e bellissima moglie, Asia, con una figlia, ormai grande. La differenza di età con mia moglie è importante, ma non ci ha mai creato problemi. Io sono un tipo romantico, forse troppo, e sto attento anche alle piccole cose, ma, come a volte capita, forse non a tutte. Mia moglie, al contrario, è molto più distaccata e molto concentrata sui suoi obbiettivi. Tutto è cominciato una sera, quando, arrivando a casa, mi ha detto che aveva intenzione di prendere lezioni di ballo. Niente di importante, ma serviva per scaricarsi dal lavoro. Io sapevo già ballare, solo che, la rare volte che andavamo, finivamo per litigare, in quanto , lei, completamente a digiuno , non faceva che arrabbiarsi perché non riusciva a tenere il mio passo. Le ho detto che saremmo potuti andare insieme, ma lei mi rispose che voleva provare da sola. Io ho accettato e l’ho incoraggiata, spronandola ogni volta che si sentiva abbattuta. Una sera, senza dire nulla, sono andato a vedere dove facevano le prove, era un ottobre inoltrato, l’aria era ancora frizzante ma non faceva freddo. Entrato, salite le scale, sono arrivato nell’ingresso della sala da ballo e li mi sono fermato a guardare dalla finestra, senza farmi notare. Data l’ ora tarda , non c’era più nessuno, solo Asia ed il maestro che stavano ballando un tango. Era uno spettacolo , una splendida danza erotica di due corpi che si muovevano come fossero stati una cosa sola , con il bacino incollato l’uno con l’altro, ed un trasporto di sguardi che lasciava immaginare e promettere giochi erotici. La gambe di lui avvolgevano quella di mia moglie, quasi a far un sentire un dominio, un possesso. Movimenti ora fluidi, ora repentini, di tutto il corpo, disegnavano figure che si scomponevano e si ricomponevano incessantemente, aiutate dal ritmo della musica. Solo gli occhi cercavano di non staccarsi mai, come se da questa alchimia, dipendesse tutta l’ esistenza del ballo. Vedevo Asia, con i suoi lunghi capelli neri racconti e il vestito nero sopra il ginocchio, molto concentrata. Il maestro, un ragazzo alto, con un fisico fantastico, occhi color ghiaccio, codino ed un viso che non lasciava indifferente le donne, continuava a strusciarsi su mia moglie, facendogli sentire tutto quello che era la sua potenza, la potenza di un giovane che ha il mondo nelle sue mani. La gelosia incominciava ad affacciarsi nella mia mente e nel mio cuore, quando la musica terminò. Asia ansimava, ma la vedevo tranquilla, si staccò dal maestro, lo guardò negli occhi, gli diede due baci sulle guance ed andò a cambiarsi per tornare a casa. Per non farmi vedere, corsi giù dalle scale e, sempre correndo, arrivai a casa, circa 10 minuti dopo. Ho cercato di tranquillizzarmi, era la prima volta che vedevo mia moglie insidiata da un altro, ma la sua risposta , mi aveva lasciato una gioia dentro che mi faceva sentire invincibile, in quel momento, per lei e con lei avrei affrontato qualsiasi cosa. Al suo ritorno, mi trovò sulla poltrona, ero strano, felice per quello che avevo visto, ma triste, perché mi sembrava di aver tradito la sua fiducia, avendo guardato la lezione senza avvisarla, senza farmi vedere. Lei si accorse che c’era qualcosa che non andava e non capendo, si accoccolò su di me baciandomi intensamente. Fu un bacio profondo pieno di una carica repressa. Le sfiorai le gambe e , piano piano, le accarezzai le cosce fino a raggiungere il perizoma nero. Lo sentii completamente bagnato, segno, che quel tango non l’aveva lasciata indifferente. Prendendola in braccio mi alzai, per andare nella nostra camera da letto. Facemmo questo percorso ad occhi chiusi, con le labbra incollate e le nostre lingue che si cercavano e si ricorrevano. Delicatamente l’ho appoggiata sul letto, e dopo averle tolto il vestito e slacciato il reggiseno, ho incominciato a baciarla a partire dal collo, raggiungendo i seni già duri per l’ eccitazione con i capezzoli turgidi. Baciarli , morderli e succhiarli è stato un attimo, con lei che ansimava e mi implorava di raggiungere il suo monte di venere e la sua vagina . In un impeto di perversione, ho continuato ad indugiare sul seno, ma lei prendendomi i capelli con le sue mani, mi costrinse ad andare dove nascevano le sue voglie più nascoste. Sfilare la gonna ed il perizoma ed assaporare il nettare che sgorgava da quella sorgente di piacere è stato un attimo. La mia lingua esplorava tutte le sue parti, spostando le grandi labbra si introduceva sempre più a fondo quando, giunse il primo orgasmo, un orgasmo liberatorio e desiderato. Sono rimasto un attimo fermo, solo le mie labbra si muovevano per continuare a baciare e dare una continuità a quello che era solo l’inizio di una lunga serata. In un attimo Asia si spostò, mi fece salire sul letto e mi obbligò a distendermi, era giunto il mio momento.
Tutti gli abiti volarono via, rimasi nudo , con il membro oggetto di carezze ed attenzioni. La sua lingua continuava a passare dal glande ai testicoli, in un rincorrersi di movimento, una manovra che non mi lasciava un attimo di sosta, era solo un’ estasi completa, un godimento mio ma anche suo, che raggiunse il suo culmine quando la sue labbra accolsero l’oggetto delle sue attenzioni, spingendolo sempre più in fondo, facendolo uscire per un attimo ma riprendendolo immediatamente, in una danza killer che sarebbe terminata solo col mio annientamento fisico.
Cosa che avvenne quando, dopo pochi istanti, con le mani sue che massaggiavano il miei testicoli, tre o quattro getti di sperma esplosero nella sua bocca. Nulla venne sprecato. Mi guardò intensamente e sussurrandomi Ti Amo mi abbracciò forte forte. Ma non avevamo ancora finito, nessuno dei due era ancora sazio. Lei ricominciò la sua danza ed in un attimo, tutta la mia fatica sembrava svanita, eravamo pronti per congiungere quello che di più bello e nobile ci ha donato la natura. Quel sentimento in cui due corpi si fondono in un corpo solo, prima mentalmente e poi fisicamente. Fu un atto delicato, entrai dolcemente ed a metà strada mi fermai, ora spettava a lei prendere i suoi ritmi ed il suo tempo, doveva essere l’unione di due corpi, non di uno. E così, sospiro dopo sospiro, raggiungemmo il culmine, da li, solo la passione ci condusse, la voglia di essere insieme, di venire insieme. Lei si trovò pronta leggermente prima, ma aspettò, accelerammo il movimento fino a quando un orgasmo contemporaneo sgorgò dai nostri corpi. Avevamo fatto l’ AMORE.
Note finali:
per commenti o suggerimenti Alone2017@libero.it