i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Iniziava a far caldo, era metà maggio, ed io ero stata tutto il giorno in giro per fare la spesa, passare in farmacia e altre cose così. Dovevo solo più passare dalla lavanderia self-service. Quando arrivai erano ormai le otto di sera, scesi dalla macchina misi la roba da lavare in un carrello fornito dalla lavanderia ed entrai.
Il locale era vuoto a parte un tipo sulla trentina, biondo, un bel ragazzo, lo salutai: «Buonasera», e lui mi rispose cordialmente: «Anche a lei».
Iniziai a mettere la roba nella lavatrice, ed anche il ragazzo faceva la stessa cosa.
Avevo molta roba da lavare e non ci stava tutta in un carico, quando la lavatrice fu piena, però, dovetti andare a prendere il detersivo in macchina, e ne approfittai per prendere una boccata d’aria, faceva molto caldo nella lavanderia.
Non lo trovai subito in mezzo a tutte quelle borse della spesa, quindi persi qualche minuto. Ero sudata e non vedevo l’ora di aver finito per farmi un bel bagno rilassante.
Quando rientrai vidi che l’uomo era chinato sul carrello con la mia roba che non era stata nella lavatrice, mi avvicinai e vidi che stava annusando le mie calze sporche.
«Scusi, cosa sta facendo?», gli chiesi senza preamboli.
«Niente, è solo che le sue calze hanno un profumo buonissimo!», rispose l’uomo senza scomporsi, «anzi, mi piacerebbe molto sentirlo direttamente dai suoi piedi, che immagino siano bellissimi», continuò impertinente.
“Questo è proprio un pervertito», pensai. «In questo momento non penso proprio che siano profumati», gli dissi pensando di dissuaderlo.
«La prego lasci giudicare a me», quasi mi supplicò l’uomo.
“È solo un povero disgraziato, mi sa. Un annusatina ai miei piedi sudati lo farà desistere”, pensai alzando un piede sul carrello della roba sporca. Lui ci si avventò sopra ed in un attimo aveva già slacciato le stringhe della scarpa da ginnastica. Si voltò e mi guardò negli occhi, notai che aveva dei bei occhi verdi, e mi disse incredulo: «Davvero posso annusarle i piedi?».
«Se proprio vuoi sì, ma non ti invidio! Ah, e dammi pure del tu!», gli risposi quasi divertita.
Lui tutto contento si voltò di nuovo verso il mio piede: tolse la scarpa e, visto che le calze me le ero tolte per metterle a lavare, iniziò ad annusare il mio piede nudo. L’odore era intenso, ma non eccessivamente sgradevole in quanto i piedi me li ero lavata prima di uscire di casa.
L’uomo ne sembrava estasiato: annusava per bene, poi si fermava a prendere fiato osservando il mio piede come se fosse la cosa più bella che avesse mai avuto fra le mani.
In effetti non ho dei brutti piedi, anzi: numero 38, le dita non troppo lunghe e regolari, in più li tengo molto curati, usando creme idratanti, quel giorno avevo uno smalto nero.
Dopo qualche minuto, la gamba su cui ero appoggiata mi iniziò a fare un po’ male, allora mi sedetti nel carrello pieno di roba sporca; lui allora colse l’occasione al volo per togliermi l’altra scarpa ed iniziare a riservare anche all’altro piede lo stesso trattamento.
Ad un certo punto la sensazione olfattiva non gli bastò più e sentii la sua lingua umida e calda che iniziava a leccarmi il collo del piede.
La situazione si stava facendo un po’ ambigua, ma, nonostante mi venne in mente che poteva entrare qualcuno da un momento all’altro, avevo una strana voglia di vedere come andava a finire.
Mi passava la sua lingua impertinente dappertutto: dal collo era passato alla pianta, al tallone, poi si era soffermato a lungo sulle dita, succhiandole una ad una, la infilava tra un dito e l’altro. Fece la stessa cosa su entrambi i piedi, assaporando il loro gusto che non avrei mai pensato che potesse mandare in estasi qualcuno.
Tutto quel leccare e succhiare mi faceva sentire un lieve solletico, per niente fastidioso, che mi lasciava intuire che non erano i primi piedi a cui riservava questo trattamento.
L’uomo si era nel frattempo si era seduto per terra con la schiena appoggiata ad una lavatrice. Io notai un rigonfiamento nei jeans sotto la cintura. Questa scoperta mi fece provare un fremito di eccitazione, anche perché era già qualche mese che non avevo a che fare con uomini. Allungai il piede che non si
trovava nella sua bocca e tastai quel rigonfiamento: era molto duro, e sembrava anche di dimensioni niente male. Iniziai ad accarezzarlo con la pianta del piede e lo sentii pulsare, in più l’uomo aumentò il ritmo delle sue leccate.
Sentivo l’eccitazione crescere dentro di me, soprattutto tra le gambe: iniziavo a bagnarmi.
L’uomo, senza smettere di leccarmi e baciarmi il piede, si slacciò molto lentamente la cintura, come se si aspettasse che io lo fermassi. I quel momento sentii una stretta di paura allo stomaco e pensai: “Insomma un uomo che non ho mai visto, in una lavanderia sta annusando, leccando e baciando i miei piedi sudati, facendo ciò si è eccitato e sta facendo eccitare me. Può benissimo entrare qualcuno, o lui avere qualche malattia. Gli dico che è abbastanza per me, che è…”.
In quel momento sentii sotto la pianta del piede qualcosa di caldo e pulsante. Ritornando alla realtà vidi che l’uomo si era aperto i pantaloni ed abbassato le mutande. Avevo iniziato a masturbarlo col piede senza quasi accorgermene!
Lui si alzò in piedi lasciando cadere a terra i jeans. Vedere quel bel pene circonciso e di notevoli dimensioni, sarà stato su 18 centimetri, mi fece perdere qualsiasi freno inibitore: lo presi fra i miei piedi umidi della sua saliva ed iniziai a masturbarlo.
Era la prima volta che lo facevo e mi sentivo un po’ impacciata, ma a giudicare dai suoi gemiti, sembrava che gli piacesse. Quando lui si tolse la maglietta, rimanendo completamente nudo, io mi alzai la mia canottiera rosa mostrandogli le mie tette non molto grandi, porto una seconda. Non indossavo il reggiseno perché l’avevo messo nel carrello della roba sporca i cui ero seduta.
Oltre che al movimento avanti indietro cercavo di variare: gli premetti il pene contro la pancia e mentre lo massaggiavo con un piede con l’altro gli accarezzavo i testicoli.
A quel punto io ero molto eccitata, quindi esclamai: «Adesso voglio vedere se ci sai fare anche tu. Scopami!», di solito non mi piaceva essere così diretta con gli uomini, ma in questa situazione mi venne naturale.
Mi alzai, lui mi prese per la vita tirandomi a sé cercando di baciarmi, ma io mi ritrassi e lo allontanai un po’, iniziando a sbottonami i pantaloni. Me li tolsi completamente e l’uomo mi sfilò il tanga nero. Mi fece mettere in piedi di spalle rispetto a lui contro una lavatrice, iniziò a penetrarmi da subito molto velocemente.
Per fortuna che ero molto bagnata, l’uomo mi sbatteva molto forte, facendomi godere molto, cercavo di trattenere i gemiti per non farmi sentire dalle persone all’esterno della lavanderia.
Non aveva perso interesse per i miei piedi, infatti mi sollevò una gamba ed iniziò ad accarezzare il piede con le sue mani ruvide.
Per me quel ritmo indiavolato non era il massimo, mi piaceva, ma sicuramente non mi avrebbe fatto raggiungere l’orgasmo, quindi lo feci stendere per terra e gli salii sopra a cavalcioni, muovendomi più lentamente, con movimenti profondi, che mi facevano impazzire anche grazie alle dimensioni del suo pene. Venni in poco tempo.
Di nuovo cercava il contatto con i miei piedi, che avevo appoggiato sulle sue cosce per facilitarlo e anche tenerlo a freno perché anche in questa posizione cercava di aumentare il ritmo.
Mi stupiva e quasi infastidiva il suo silenzio interrotto ogni tanto solo da qualche gemito; da quando gli avevo lasciato annusare i miei piedi aveva usato la lingua solo per leccarli.
Stavo godendo molto, ma capì che nel sesso io e questo sconosciuto non eravamo molto compatibili, a quel ritmo lento lui non sarebbe mai venuto, come io al suo ritmo indiavolato, decisi di scendere da lui, mi stesi di pancia al suo posto con le gambe sollevate e lui, capendo al volo, mise il suo pene tra i miei piedi.
Iniziò a muoversi come se stesse facendo sesso, mentre io muovevo i piedi col suo stesso ritmo.
Dopo poco tolse il piede dai miei piedi e continuando con la sua mano me li coprì con molto sperma caldo.
Note finali:
Per commenti, critiche, suggerimenti e richieste antom93@libero.it