i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Capitolo 1

La pioggia iniziava a cadere, il vento soffiava facendo sbattere le serrande, in lontananza si sentivano dei tuoni che man mano si avvicinavano sempre di più, insomma una tipica serata autunnale nella quale starsene a casa sotto le coperte.
Invece, nella camera da letto di una casa, al terzo piano, inserita in un’elegante e signorile palazzina nel cuore della città, due donne erano “alla pecorina” e dietro di loro due uomini le stavano penetrando.
Le due donne, una più giovane, 22/25 anni, capelli castani e ricci lunghezza alle spalle, occhi color nocciola, un seno non troppo grande ma sodo era scopata da un uomo brizzolato, tra i 45/50 anni, mentre la seconda donna, sulla quarantina, capelli biondi lisci, seno prominente veniva penetrata da un ragazzo robusto dai capelli neri e corti.
Entrambe le donne gemevano sotto i colpi dei due uomini, il ragazzo più giovane diede due sculacciate alla donna che stava scopando e questa sussultò esclamando “Ahi!” ne ricevette altre due.
“Non l’ho mai sculacciata…….” disse l’uomo che stava scopando la ragazza.
Subito dopo altre sculacciate risuonarono nella stanza, le natiche della donna erano arrossate e lei gemeva sempre più forte.
Nel frattempo il temporale era arrivato proprio sopra le loro teste, la pioggia cadeva copiosa, dalle serrande semiaperte s’intravedevano i fulmini seguiti a breve distanza dai rombi dei tuoni che coprirono le urla emesse dalla donna bionda, di nome Annalisa, nel momento in cui venne.
Per il piacere le cedettero le braccia per cui si ritrovò con la testa sul materasso e il sedere in alto.
Intanto l’uomo brizzolato, di nome Alberto, dopo aver fatto cambiare posizione alla ragazza, messa spalle sul letto, riprese a penetrarla facendo appoggiare le gambe della ragazza sulle sue spalle spingendole avanti con il peso del suo corpo, mentre sua moglie succhiava il cazzo del giovane ragazzo, di nome Giuliano, fin quando quest’ultimo venne riversandole il suo sperma sulle tette.
Subito dopo, gemendo in modo vigoroso, anche Alberto ebbe l’orgasmo” spruzzando” il suo seme sul viso/seno della giovane ragazza, di nome Chiara.
“Vieni a leccarmi” disse la giovane rivolta ad Annalisa.
Vista la ritrosia della donna le disse ancora: “In fin dei conti si tratta della sborra di tuo marito…”
Alberto fece avvicinare la moglie che timidamente iniziò a leccare il seno della ragazza che intanto si stava masturbando con le dita.
Mentre la donna leccava Chiara, Alberto, tolta la mano della ragazza, la sostituì con la sua lingua che s’insinuò nella vagina, bagnatissima, i forti gemiti di piacere di lei vennero soffocati da Giuliano che la baciò sulla bocca.
Nel giro di poco tempo anche lei venne in maniera copiosa come poté ben testimoniare Alberto……


Capitolo 2

Nonostante la sveglia avesse fatto il suo dovere si era riaddormentata ed ora stava facendo le corse per arrivare in tempo al lavoro.
Chiamò la sua collega Sabrina dicendole che era bloccata nel traffico e avrebbe fatto un po’ di ritardo.
Giunta in ufficio trovò Sabrina e Antonio che erano seduti alle loro scrivanie, dopo averli salutati e scusatasi per il ritardo andò a occupare la sua scrivania.
A metà mattinata Antonio salutò le due ragazze poiché doveva recarsi a un appuntamento per la visita di una casa da parte di acquirenti.
Rimaste sole, Sabrina chiese all’amica: “Allora com’è andata?”
Chiara, con un sorriso malizioso, le rispose: “Tutto bene…..”
Sabrina: ”allora raccontami, sono curiosa!”
Chiara:“Prima cosa: mi sono divertita. Loro sono una bella coppia, lui un bell’uomo, ha 45 anni ben portati, lei una donna affascinante, non bellissima di viso bel corpo ma molto “donna” nei modi. Ci incontriamo nel bar dove ci eravamo visti la prima volta e dopo aver bevuto un aperitivo andiamo a mangiarci una pizza. Poi facciamo due passi e già lì il marito inizia a stuzzicarmi cosi come Giuliano con la moglie di lui.”
Sabrina: “Stuzzicarti come?”
Chiara: “Mi ha messo una mano sul culo, poi “involontariamente” mi ha toccato il seno e, sempre “involontariamente”, mi ha strusciato il cazzo sul sedere.
Sabrina: “E Giuliano?”
Chiara: “Lei mi è sembrata da subito un po’ intimidita, restia, non credo che fosse totalmente convinta della cosa, la mia idea, confermata poi dalla chiacchierata che ci siamo fatti, era che fosse stato il marito a spingere per fare questa esperienza, per cui Giuliano tentava di toccarla e lei, a volte, sembrava come tirarsi indietro. Dopo andiamo a casa loro, una bella casa, non grandissima ma molto ben suddivisa e arredata con gusto, lì Alberto volle che io e la moglie ci spogliassimo reciprocamente. Iniziò lei con me, incitata dal marito, ma sentivo in lei un forte imbarazzo aumentato ancor di più nel momento in cui io spogliai lei.
Una volta che fummo entrambe nude il marito ci chiese di toccarci reciprocamente, io esitai un po’ non sapevo come avrebbe potuto reagire lei, lentamente iniziò a stare al gioco e ci toccammo un po’ ovunque.
Nel frattempo sia Giuliano che Alberto si erano denudati e si avvicinarono a noi iniziando a loro volta a mettere le loro mani sui nostri corpi.
Poi Giuliano prese Annalisa e si fece fare un bocchino mentre il marito volle che io aprissi le gambe e iniziò a leccarmi la fica.”
Sabrina: “Oddio che bello! Te l’ha leccata come te la lecco io?”
Chiara: “Non a quei livelli, essendo uomo non ha quella delicatezza che hai tu, però devo ammettere che è stato molto piacevole.”
Sabrina: “Dai continua a raccontarmi…”
In quel mentre entra una coppia e chiede informazioni a Sabrina su un appartamento in vendita.
Mentre la ragazza è intenta a dare le spiegazioni ai potenziali clienti, Chiara lavora al computer ed è talmente assorta in quello che sta facendo che non si accorge che un uomo è entrato.
“Buongiorno” fa lui.
Lei ebbe un leggero sussulto….”Buongiorno”.
“Scusi se l’ho spaventata.”
“Si figuri, ero talmente presa da quello che stavo leggendo che non l’ho sentita entrare. Mi chiamo Chiara, in cosa posso esserle utile?”
“Piacere di conoscerla Chiara, io sono Maurizio e vorrei avere informazioni in merito a un annuncio di vendita che ho visto fuori in vetrina.”
“Certo, di quale appartamento si tratta?”
“Non si tratta di un appartamento ma di un rustico.”
“Ah…..”
“Volevo sapere se e quando poterlo vedere.”
“Aspetti un attimo che controllo” disse Chiara digitando i tasti della sua tastiera e guardando il monitor.
Chiara: “Si riferisce al nr. 34/54?”
Maurizio: “Credo di si, ho visto che c’è solo quello negli annunci fuori.”
Chiara:“Lei quando sarebbe disponibile?” chiese la ragazza.
Maurizio: “Anche ora o nel pomeriggio.”
Chiara:“Possiamo fare per oggi alle 15?”
Maurizio:“Si va bene.”
Chiara: “Ok, mi può lasciare i suoi dati e un recapito telefonico?”
Maurizio:“Certo, Maurizio Alongi, il mio cellulare è: 234.76579463”
Chiara:“Ok signor Alongi, allora ci vedremo sul posto oggi alle 15.”
Maurizio:“Benissimo. Buona giornata Chiara.”
Chiara:“A lei signor Alongi.”
Una volta uscito Maurizio le due ragazze furono di nuovo sole, Sabrina rivolta a Chiara le disse: “Bell’uomo quello con cui hai parlato.”
Chiara: “Direi proprio di si, molto elegante, bel portamento, bel viso, begl’occhi, proprio niente male….”
Sabrina: “Poi andate in un casolare……”
Chiara: “Ahahaha, maliziosa…….. sul lavoro non si fa nulla ricordatelo.”
Sabrina: “Lo so lo so, era solo una battuta. Piuttosto ricomincia a raccontarmi dai….eri arrivata a quando lui ti leccava la fica…….sapessi che voglia mi stai facendo venire di leccartela!!”
Chiara: “Ahaha se è cosi non ti racconto più niente….”
Sabrina: “Ma scherzi! Voglio sapere tutto!”
Chiara: “Solo perché sei tu…… dopo avermi leccato per bene la fica ha fatto la stessa cosa con il culetto, poi è toccato a me leccarlo e succhiarlo. Intanto Giuliano aveva portato Annalisa sul letto e iniziato a scoparla. Questo fatto ha attratto molto il marito infatti mentre continuavo a succhiarlo lui guardava la moglie e la cosa lo fece eccitare a dismisura perché mi prese la testa spingendomela fino a farmi arrivare il cazzo in gola, lo ha fatto per due tre volte finché mi sono tolta stavo soffocando!”
Sabrina:“Gli piaceva vedere la moglie scopata da uno sconosciuto.”
Chiara:“Si, si, infatti poi mi ha presa e sbattuta su letto e ha iniziato a scoparmi, guardava lei e… scopava me.”
Sabrina: “Che bello! Mi stai facendo venire una voglia pazzesca!”
Chiara: “Di cosa, di cazzo o di figa?”
Sabrina: “Tutte e due!”
Chiara: “Sei sempre la solita ingorda!!” e scoppiarono a ridere entrambe.
Chiara e Sabrina si conoscono ormai da più di dieci anni, hanno frequentato le scuole medie e superiori insieme e dopo il diploma Sabrina ha lavorato per un po’ nell’esercizio commerciale dei genitori ma in un secondo tempo, preferendo un lavoro tutto suo, ha seguito l’amica che nel frattempo, non trovando impiego nel campo per il quale si era diplomata, lavorava presso un’agenzia immobiliare, quindi da quasi due anni lavorano assieme.
Con il passare degli anni la loro amicizia è diventata sempre più forte e “profonda” fino a provare, per gioco, un’esperienza saffica tra di loro, ora ogni tanto si divertono a ripetere tale esperienza.
Sabrina: “Ma in tutto ciò Giuliano come se l’è cavata?”
Giuliano è un loro amico, in particolare di Chiara visto che in qualche occasione se l’è scopata, “reclutato” per l’occasione come quarto, visto che Annalisa aveva posto come condizione che ci fosse un secondo uomo e non una terza donna.
Chiara: “Se l’è cavata bene, alla fine di tutto parlando con la signora mi ha detto: “Accidenti quanto martella il tuo amico.” Io gli ho risposto che ho buoni amici…” e risero entrambe.
Sabrina: “Pensi che ripeterete la cosa?”
Chiara: “Credo di si.”
Sabrina: “Vedi se riesci, pian piano, a convincerla a farmi aggregare a voi…”
Chiara: “Magari! Se continueremo gli incontri glielo proporrò.”
La mattinata proseguì fino ad arrivare all’ora di pranzo, visto che il loro collega Antonio chiamò in ufficio per avvertire che non sarebbe rientrato che nel tardo pomeriggio le due ragazze andarono a pranzare in un locale che si trovava vicino al loro ufficio.
Terminato di pranzare Chiara prese l’auto e partì con destinazione il luogo nel quale si trovava il rustico da far visionare al probabile acquirente mentre Sabrina avrebbe riaperto l’ufficio.



Capitolo 3

Chiara arrivò sul luogo dell’appuntamento con anticipo per cui nell’attesa si fece una passeggiata nei dintorni, il casolare si trovava su una piccola collinetta, sotto la quale vi era un piccolo lago, l’immobile era stato abbandonato da alcuni anni dopo che il proprietario era morto e i figli non avevano nessuna intenzione di occuparsene per cui decisero di metterlo in vendita, annesso al casale c’era anche del terreno incolto, intorno vi era sia vegetazione che campi coltivati. Il luogo era alquanto isolato, per arrivarci vi era solo una strada piena di curve e bisognava lasciare l’auto parcheggiata sulla stessa e fare alcuni metri a piedi per arrivare sul posto.
Guardò l’orologio mancavano ancora 15 minuti all’appuntamento, visto era uscito il sole dopo una mattinata nuvolosa trovò una pietra adatta e vi si sedette sopra chiudendo gli occhi lasciandosi baciare dai raggi solari.
Il riposo fu interrotto dall’avvicinarsi di un’auto che si fermò sulla strada, dopo pochi minuti arrivò Maurizio.
Chiara: “Buon pomeriggio signor Alongi.”
Maurizio: “Buon pomeriggio Chiara.”
Dopo aver scambiato qualche frase di convenevoli la ragazza fece strada guidando l’uomo all’interno del rustico.
Il casolare era in condizioni discrete ma necessitava di qualche lavoro di ristrutturazione, il prezzo era molto buono soprattutto per questo motivo.
Chiara rimase sorpresa dall’atteggiamento del cliente infatti osservò l’immobile con “superficialità” quasi non gli interessasse guardare tutto.
Finito di guardare l’interno Chiara propose a Maurizio di vedere la terra intorno al casolare ma l’uomo declino l’invito cosa che sorprese ancora di più la ragazza.
A questo punto era quasi convinta che l’uomo non fosse per niente interessato all’acquisto.
Chiara: “Allora cosa ne pensa?”
Maurizio: “M’interessa, lo voglio acquistare.”
La ragazza fu molto sorpresa dalla risposta dell’uomo e anche dalla sicurezza con cui l’uomo prese la decisione di acquistare l’immobile.
Parlarono poi dei modi e tempi della chiusura dell’affare ma nel frattempo i nuvoloni neri che avevano coperto il sole iniziarono a scaricare il loro carico di pioggia in modo molto violento.
“Non credo sia molto saggio andare a prendere le auto con quest’acqua” disse l’uomo spostandosi all’interno del rustico seguito immediatamente da lei.
L’acqua veniva giù in maniera copiosa quasi nascondendo l’orizzonte alla vista.
Maurizio: “Spero non abbia impegni a breve.”
Chiara: “No, no, dopo di lei devo tornare in ufficio.”
Nel giro di pochi minuti il telefono di Maurizio squillò più volte.
Terminata l’ultima chiamata si rivolse alla ragazza scusandosi per le chiamate ma erano di lavoro.
Chiara: “Si figuri ci mancherebbe. Se non sono indiscreta posso chiederle che lavoro fa? Da quello che ho capito lavora in campo alberghiero.”
Maurizio: “Si esattamente, sono il direttore dell’Hotel Centro di Milano.”
Chiara: “Caspita! Complimenti. Deve essere un lavoro molto impegnativo”
Maurizio: “Sull’impegnativo non ci sono dubbi!” sorridendo. “E’ un lavoro di responsabilità, devi saper mediare quando serve ma anche essere duro e deciso, è un lavoro che mi piace e faccio con passione.”
Nei minuti successivi i due chiacchierarono entrando sempre di più in confidenza parlando di diverse cose tra cui Chiara gli disse che questo era solo un lavoro temporaneo in attesa, sperava, di trovare quello adatto ai suoi studi.
Maurizio si propose di sottoporre il suo curriculum alla direzione dell’Hotel visto che faceva parte di una famosa catena alberghiera e per quanto ne sapeva lui stavano cercando qualcuno.
Chiara lo ringraziò per la notizia.
“Di smettere pare non abbia nessuna intenzione” disse la ragazza guardando fuori dalla porta, infatti la pioggia continuava a cadere molto forte.
Maurizio: “Già, pare proprio cosi.”
Chiara: “Posso farle una domanda? Però non vorrei sembrarle troppo indiscreta, se mi ritenesse tale me lo dica, ok?” chiese lei.
Maurizio: “Certo che può, dica.”
Chiara: “Come mai le interessa molto acquistare questo casolare? Non credo che lo acquisti per coltivare la terra, o sbaglio?”
Maurizio la guardò e, dopo un sorriso, le rispose: “Ha ragione non lo compro per coltivare la terra, non saprei proprio da dove iniziare. La ragione è un’altra”, dopo alcuni secondi di silenzio riprese: “Il motivo può sembrare inventato eppure è la verità. Circa un annetto fa, più o meno, eravamo di ritorno con la mia fidanzata di allora da una festa, avevamo bevuto un pochino entrambi e, non so come, sbagliammo strada a un incrocio quando ci rendemmo conto dell’errore eravamo su questa strada, le dissi che avrei continuato ancora per qualche chilometro nella speranza di trovare qualche indicazione che ci riportasse sulla strada giusta finché giungemmo proprio qui davanti. Ricordo molto bene che era una sera di luna piena che si stagliava alta nel cielo proprio alle spalle del casolare illuminandolo con il suo chiarore. Fermai l’auto, lei mi chiese cosa stessi facendo scesi io e feci scendere lei, trovai un modo per scavalcare la recinzione e poi feci passare anche lei il dopo può immaginarlo da se.....”
Chiara: “Certo lo immagino….” Sorridendo.
Maurizio: “A distanza di qualche settimana tornai qui per rivedere questo posto, di giorno stavolta, a parte quello che successe quella sera mi piacque molto per la pace e la serenità che emana e mi accorsi anche del laghetto che c’è qui sotto. Giorni fa passando davanti la vostra vetrina la mia attenzione fu attratta dall’annuncio di vendita di un casolare, mi fermai e non credevo ai miei occhi! Poiché nulla succede per caso ma esiste sempre un motivo per tutto mi son detto: lo devo comprare! Il resto lo conosce.”
Chiara: “Quindi mi sta dicendo che lo compra senza un vero e proprio motivo?”
Maurizio: “Le ho detto il motivo è che mi piace molto la pace e serenità che si respira qui, se poi dovessi usarlo anche per altro……… tanto riguadagnato” disse sorridendo.
Chiara: “Capisco…..” disse sorridendo. “Però ci saranno da spendere soldi per ristrutturarlo.”
Maurizio: “Si ha ragione, però la mia intenzione è quello di lasciarlo, per quanto possibile, “diroccato” facendo solo quei lavori assolutamente necessari. Tenga conto che mio fratello che si occupa di ristrutturazioni.”
Chiara: “Ha calcolato proprio tutto.”
Maurizio: “Quello che posso calcolare penso di si..”
La pioggia era diminuita d’intensità per cui correndo si diressero verso le rispettive autovetture per poi dirigersi ognuno verso la propria meta.
Rientrata in ufficio raccontò tutto l’accaduto e le confessioni di lui a Sabrina la quale rimase molto sorpresa ma anche intrigata dalla storia.
Sabrina: “Sai anche a me piacerebbe essere scopata in un casolare diroccato, quando vado a trovare i miei con il treno ne vedo alcuni e faccio strani pensieri…..”
Chiara: “Ahahah, tu fai sempre strani pensieri! Sei una grandissima porcellina!”
Sabrina: “Non mettere in giro voci false e tendenziose” rispose sorridendo.
Chiara : “Proprio false e tendenziose.. a proposito mentre ero al casolare mi ha mandato un messaggio Alberto, il marito, mi ha chiesto se questo fine settimana possiamo ripetere la cosa... gli è piaciuta parecchio a quanto pare!”
Sabrina : “E vedi un po’!! Tu che gli hai risposto?”
Chiara: “Che gli avrei fatto sapere.”
Sabrina: “Allora visto che il fine settimana sei impegnata a prendere cazzi e leccare fighe altrui stasera leccherai la mia e … non accetto rifiuti!”
Chiara : “Veramente stasera volevo rimanere a casa a guardarmi un film.”
Sabrina: “E qual è il problema? Vengo io da te, mentre tu guardi il film te la lecco e quando è terminato, anche se credo che succederà prima, tu me la lecchi, facile no?”
Chiara: “Quando ti ci metti sei terribile!”
Sabrina: “Terribile e vogliosa ….”
Alle 21 in punto gracchiò il citofono di Chiara aprì il portone e poi si diresse all’ingresso di casa aprì la porta e pochi secondi dopo Sabrina entrò in casa.
Sabrina: “A che ora inizia il film?”
Chiara: “Tra una decina di minuti, ce la farai ad attendere cosi tanto?”
Sabrina: “Non penso proprio …..” iniziò a baciare l’amica sulla bocca.
Le loro labbra si unirono le loro lingue si cercarono, trovandosi, il loro bacio fu lungo, caldo, appassionato e profondo.
Sabrina iniziò a spogliare Chiara, prima la maglietta, poi il reggiseno, poi fu l’amica a spogliarla nella parte superiore, entrambe ora erano con il seno nudo, quello di Chiara piccolo, aveva sempre avuto questo cruccio, con i capezzoli piccolini mentre Sabrina lo aveva più grande, ma meno sodo dell’amica, aureole grandi cosi come i capezzoli.
Sabrina riprese a baciare Chiara solo che questa volta mentre lo faceva le stringeva i capezzoli tra le dita per poi tirarli verso di lei con movimenti lenti, sapeva benissimo che questa cosa faceva impazzire l’amica che infatti iniziò a muoversi tutta e a gemere, gemiti che venivano soffocati dalle labbra di Chiara sulla sua bocca.
Chiara di contro iniziò ad accarezzare il seno dell’amica e sentiva indurirsi i capezzoli sotto le sue mani.
Ora entrambe le ragazze erano molto eccitate per cui si spostarono verso il divano posto davanti la tv che era accesa e stava trasmettendo della pubblicità.
Sabrina diede una leggera spinta a Chiara e la fece sedere sul divano, le tolse le scarpe, poi pantaloni e infine il perizoma.
Si inginocchio davanti le gambe aperte di Chiara con la sua fica depilata innanzi al suo viso, lentamente si avvicinò all’apertura della vagina e con la lingua iniziò a leccarla sia fuori che dentro.
Più la leccava e più si bagnava, Sabrina con le mani le teneva ben aperte le gambe in modo da potersi muovere con la testa in un maggiore spazio.
Dopo alcuni minuti, con il liquido che le colava su entrambe le gambe Chiara emise un urlo e strinse forte le gambe nel momento in cui venne.
Sabrina alzò la testa e guardando l’amica le disse: “Veramente buono il tuo umore stasera ……” poi si mise in piedi e baciò l’amica sulla bocca.
Poi fu la volta di Chiara a leccare la fica, già bagnatissima, dell’amica solo che non si limitò a quello ma le baciò e leccò tutto il corpo.
Sabrina, conoscendo l’indole dell’amica, a volte si divertiva a fare la “padrona” e in questo caso le fece leccare i piedi.
Successivamente le ordinò di masturbarla per bene cosa che Chiara fece con impegno e dedizione, prima con uno, poi con due e finì con tre dita fin quando Sabrina non ebbe il suo, copioso, orgasmo.
Dopo essersi lavate si sedettero insieme sul divano e si guardarono un film.