i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Capitolo 9

Il tempo non prometteva nulla di buono, nuvoloni neri si stagliavano all’orizzonte proprio nella direzione in cui loro stavano andando.
Il traffico era scarso, la radio dell’auto, col volume molto basso, era sintonizzata su una stazione che trasmetteva musica pop/rock, Maurizio stava parlando al telefono per lavoro mentre Chiara chattava al telefonino
Quando ebbe finito la conversazione Maurizio guardando Chiara le chiese: “A chi stai scrivendo?”
Chiara: “A Sabrina..”
Maurizio: “Ah! E …..com’è andata la serata erotica?”
Chiara: “Molto bene, mi ha detto che si è divertita molto sia con Alberto che anche con Annalisa che sembra essersi “sciolta”.”
Maurizio: “Bene, mi fa molto piacere la cosa. Alberto sarà molto contento. Ti è dispiaciuto non esserci stata?”
Chiara: “A dire la verità, quello che è successo in questo giorno e mezzo mi ha sorpreso molto….”
Maurizio: “Sorpresa in che senso?”
Prima di rispondere ci pensò un po’, poi disse: “Diciamo che mi aspettavo di fare cose diverse rispetto a quel tipo di giochi che mi hai fatto fare, credevo che sarebbe stato più fisico, insomma….. non so se mi spiego…..voglio dire……”
Maurizio intervenne: “Vuoi dire che avresti voluto essere scopata, giusto?”
Chiara: “…..Bhé si, sinceramente pensavo mi avessi invitata per questo. Non che quello che mi hai fatto fare non mi sia piaciuto…..anzi….come hai avuto modo di constatare ma diciamo che, mi è mancato l’atto sessuale.”
Maurizio: “Lo immaginavo. Non pensare che non l’ho fatto perché non mi piaci è solo che prima ti volevo far provare certe sensazioni “particolari”, che immaginavo non avevi mai avuto modo di provare prima d’ora.”
Chiara: “Si hai ragione, mai avevo “giocato” in quel modo.”
Maurizio: “Ogni cosa a suo tempo, non essere troppo precipitosa e impulsiva.”
Chiara: “Ok, ok …….. Ma dimmi.….. cosa vuoi esattamente da me?”
Maurizio: “Farti provare piacere.”
Chiara: “Se è per questo credo di riuscirci anche da sola, nel senso non ho bisogno di qualcuno che mi insegni come si fa…..”
Maurizio: “Sei sicura?”
Chiara: “Assolutamente si.”
Lui non rispose continuando a guidare l’auto mentre la ragazza riprese a ”smanettare” con il suo smartphone.
Ad un certo, in lontananza, Maurizio vide delle luci lampeggianti blu, all’inizio non capì cosa fossero poi avvicinandosi realizzò che si trattava di auto dei carabinieri ferme ai due lati della strada che stavano facendo un posto di blocco fermando auto a campione.
Accostò l’auto al ciglio della strada, Chiara alzò lo sguardo dal cellulare e chiese cosa fosse successo.
Maurizio le rispose di attendere un momento, scese dalla vettura andò dietro aprì il portabagagli e dopo poco rientrò nell’abitacolo con in un mano un paio di manette.
Chiara: “Cosa ci devi fare?”
Maurizio: “Mettertele, ovviamente…”
Chiara: “E perché dovresti mettermele?”
Maurizio: “Vedi laggiù?” facendole guardare davanti a loro, dove ci sono quelle auto dei carabinieri ferme.
Chiara: “Si e allora?”
Maurizio: “Allora noi passeremo li con te ammanettata.”
Chiara: “Stai scherzando, vero?”
Maurizio: “Ti pare che stia scherzando?”
Lei dopo averlo guardato per qualche secondo negli occhi disse: “Ehm credo proprio di no……stai parlando seriamente…..E se ci fermano? Se ci chiedono i documenti come facciamo? Se mi vedono ammanettata che gli diciamo?”
Maurizio: “Ma quante domande! Quanti se! ………Se dovesse accadere inventeremo al momento.”
Chiara: “Ma sei sicuro di stare bene?”
Maurizio: “Sto benissimo grazie, tu?”
Chiara: “Non lo so più!”
Maurizio: “La scelta sta a te……”
La ragazza ci pensò e ripensò per un po’, poi si girò di fianco, porgendo i polsi all’uomo, e si fece ammanettare le mani dietro la schiena rimettendosi seduta, lui le riallacciò la cintura di sicurezza e riprese la marcia.
La velocità dell’auto era moderata, davanti a loro avevano altre tre auto, mano a mano che si avvicinavano ai carabinieri il cuore di lei batteva sempre più forte, nella testa preparava le scuse più disparate.
Ormai erano in prossimità del posto di blocco, il carabiniere era al lato della strada con la paletta in mano pronto a fermare la prossima auto, la prima passò, la seconda anche, quando, la paletta si alzò, il cuore di lei impazzì, i battiti salirono a mille: “E ora che faccio? Che figura di merda!” pensò tra se.
L’auto di Maurizio rallentò per dar modo a quella prima di accostarsi per l’alt del militare mentre loro proseguirono la marcia.
Quando realizzò che erano passati indenni le venne spontaneo urlare: “Siiiiiii!”
Maurizio rise e poi girandosi verso di lei le disse: “Tutto questo entusiasmo per aver passato un posto di blocco?”
Chiara, dopo diversi secondi di silenzio per riprendersi, gli rispose: “Non provare mai più a farmi una cosa del genere.”
Lui sorrise e le disse: “Non dirmi che non ti è piaciuto?”
Chiara: “No, per niente! …………….. Anzi…..forse….poco…..poco poco…..”
Maurizio: “Ecco vedi già va meglio cosi.”
Chiara: “Credo che ora puoi anche togliermi queste manette.”
Maurizio: “Credo di no.”
Chiara: “Perché no?”
Maurizio: “Cosi la smetti di stare sempre su quel telefono.”
Nonostante le rimostranze di Chiara l’uomo non le tolse le manette.
Ormai mancava poco alla città e le prime gocce di pioggia cominciavano a “sporcare” il parabrezza dell’auto.
Chiara: “Hai intenzione di portarmi a casa ammanettata?”
Maurizio: “E non solo…..”
Chiara: “…..che vuoi dire? Che vuoi fare? Non mi far fare figure di merda nel palazzo!!”
Maurizio le disse di stare tranquilla e, lentamente, con la mano destra le accarezzò il seno, approfittando della fermata per un semaforo rosso.
Aprì alcuni bottoni della camicetta, abbassò la parte sinistra del reggiseno riuscendo a tirar fuori il capezzolo.
Chiara: “Il non solo significava questo?”
Maurizio: “….non solo…”
Quest’ennesima risposta evasiva di lui la fece preoccupare ed eccitare al tempo stesso, non sapeva mai cos’avesse in mente e fin dove potesse spingersi, questa cosa se da una parte la infastidiva dall’altra le trasmetteva il carisma e la decisione dell’uomo aggiunta a una dose di “pazzia” che non guastava.
Per cui decise di ignorare tutti i pensieri che le frullavano in testa godendosi la situazione fino in fondo.
Il primo effetto fu quello di aumentare l’eccitazione per quello che stava vivendo con lui che le stava accarezzando la coscia sinistra.
Dalla coscia si spostò sulla fica che accarezzò con delicatezza attraverso il perizoma che Chiara indossava.
Nel frattempo la pioggia aveva aumentato d’intensità, erano entrati in città, il traffico era molto meno rispetto ai giorni infrasettimanali.
Maurizio procedeva tranquillamente quando accostò a destra, Chiara, che stava con gli occhi chiusi per godere al meglio dei “giochi” di lui, sentì abbassare il suo finestrino, per cui riaprì gli occhi e girata la testa verso destra, si vide di fronte due ragazzi, sulla ventina, che la guardavano a occhi sbarrati.
Ci mise qualche secondo per capire cosa stesse succedendo, poi cominciò a sentire alle sue spalle la voce di Maurizio che chiedeva ai due le indicazioni per raggiungere una via e questi due ragazzi che, evidentemente sorpresi dalla situazione, borbottavano una risposta.
Dopo aver ringraziato i due ragazzi, che non seppero aiutarlo, Maurizio richiuse il finestrino e riprese la marcia.
Subito Chiara gli disse: “Ma sei impazzito? Metti che uno di quei due lo conoscevo?”
Maurizio: “Se lo conoscevi tanto meglio….”
Chiara: “La prossima volta che ti viene qualche altra idea brillante, mi avverti per favore?”
Maurizio: “Se ti avvertissi dove sarebbe il bello del gioco?”
Chiara: “Bhe certo, scusami è………Comunque che via è quella che gli hai chiesto?”
Maurizio: “Non lo so, l’ho inventata….”
Chiara lo guardò e poi disse: “Sei veramente uno stronzo!”
L’uomo si girò verso di lei e le sorrise rispondendo: “Lo so!”
Chiara: “Quando pensi di levarmi queste manette, visto che è mezz’ora che sto cosi?”
Maurizio: “Sei sempre frettolosa, te le toglierò quando sarà il momento.”
Chiara: “Si può sapere dove stiamo andando, questa non è la strada per casa mia.”
Maurizio: “Certo che non è quella per casa tua……è quella per casa mia.”
Chiara: “Ah ecco! Quindi deduco che mi vuoi scopare da te.”
Maurizio: “Chissà….”
Chiara: “Ti odio quando mi dai queste risposte del cavolo!”
Dopo cinque minuti l’uomo arrivò davanti una palazzina e con il telecomando fece aprire un cancello automatico, imboccò la discesa che portava nei garage e dopo alcune curve sistemò l’auto nel posto assegnato.
Chiara: “Deduco che siamo arrivati.”
Maurizio: “Eggià……”
Chiara: “Ora hai in serbo altre sorprese o mi vuoi scopare su un comunissimo letto?”
Lui non rispose, tolse la chiave dal quadro, sganciò la sua cintura di sicurezza e quella di lei, aprì la sua portiera, scese e fece il giro dell’auto passando da dietro fino ad arrivare al lato del passeggero, aprì lo sportello, aiutò Chiara a scendere e prima che potesse dire una parola la fece inginocchiare.
Aprì la chiusura dei pantaloni e fece uscire il cazzo che mise davanti al viso di lei la quale, dopo averlo guardato per alcuni secondi, alzò lo sguardo verso di lui e poi iniziò avidamente a succhiarlo.
La sua testa faceva su e giù, ogni tanto si fermava per fare con la lingua dei giri della cappella e poi riprendere a succhiare fino a spingerlo tutto in bocca.
Le piaceva molto spampinare la faceva sentire troia.
A un certo punto Maurizio la fece alzare e la portò davanti all’auto, con una leggera spinta la invitò a piegarsi sul cofano, che caldo le diede una piacevole sensazione nel momento in cui il capezzolo toccò la carrozzeria, e, dopo averle alzato la gonna e abbassato il perizoma, iniziò a penetrarla.
Il cazzo dell’uomo entrò facilmente poiché la vagina della ragazza era alquanto bagnata, prese a scoparla ad un ritmo sostenuto con colpi profondi e cadenzati, ogni tanto roteata il pene aumentando il piacere in lei che emetteva gemiti sempre più forti.
Mentre la stava scopando si sentì il cancello automatico aprirsi e il rumore di un’auto, le luci bianche dei fari ne annunciavano l’avvicinarsi.
Chiara non si preoccupò minimante della cosa visto che si trovava in un momento di piacere forte e intenso, anzi l’eventualità di poter essere vista non fece che aumentarlo.
L’auto parcheggiò in un posto lontano rispetto alla loro posizione e poi si sentì rimbombare nel garage il rumore di tacchi di donna, questo rumore sembrava avvicinarsi sempre di più a loro, ma la cosa non sembrava preoccupare Maurizio visto che continuava a penetrarla come se nulla stesse accadendo.
L’unica cosa che fece fu quella di mettere una mano sulla bocca di Chiara per evitare che urlasse.
Dopo alcuni secondi il rumore di tacchi si allontanò e ritorno il silenzio interrotto ogni tanto dai gemiti di lei che ormai era prossima all’orgasmo.
Ogni volta che Maurizio la penetrava sentiva il classico rumore che fa il cazzo quando entra in una fica bagnata oltre ogni limite.
Pochi secondi prima che Chiara abbia l’orgasmo Maurizio le mise di nuovo la mano sulla bocca.
Poco dopo si fermò dallo scoparla, la fece girare, mettere di nuovo in ginocchio e, dopo essersi masturbato le venne copiosamente sul viso.
Lo sperma le scese sul seno e sulla camicetta.
Chiara leccò per bene la cappella di Maurizio ripulendola fino all’ultima goccia.


Capitolo 10

Chiara: “E ora?” chiese lei guardandosi vestito e il seno sporchi di sperma.
Maurizio: “Ora andiamo su da me.”
Chiara: “Conciata cosi??”
Maurizio: “Si” e le tolse le manette.
Di nuovo con le mani libere la prima cosa che fece, dopo quella di massaggiarsi i polsi, fu quella di toccarsi il viso e capire che lo sperma era in quantità abbondante.
Chiara: “Almeno fammi dare una pulita, dove vuoi che vada conciata cosi.”
Maurizio: “Ti pulirai a casa.”
Chiara: “Non hai paura che qualcuno del palazzo possa vederci?”
Maurizio: “Me ne frego” e, mettendole una mano sulla spalla, la invitò a camminare fino al punto di accesso alle scale che portavano al piano dell’ingresso della palazzina.
Da li presero l’ascensore fino al quarto piano e poi, finalmente, entrarono in casa.
Richiusa la parte alle spalle Maurizio indicò alla ragazza dove fosse il bagno e, dopo averle dato degli asciugamani puliti, si chiuse la porta alle spalle.
Quando Chiara ebbe terminato di pulirsi uscì e non sapendo dove andare seguì il vociare della televisione in salone, lui era li sul divano.
L’uomo la invitò a sedersi e le chiese se volesse qualcosa da bere Chiara accettò volentieri un aperitivo.
Mentre sorseggiavano la bibita Chiara chiese: “E ora che succede?”
Maurizio: “Che vuoi dire?”
Chiara: “Bhe sei riuscito a portarmi fuori, ti sei divertito facendomi usare le tue palline, mi hai scopata quando e come hai voluto, cos’altro devo aspettarmi?”
Maurizio: “Come già ti ho detto sei sempre molto impaziente….”
Chiara sorrise e, appoggiando il bicchiere vuoto su un tavolino, gli disse: “Va bene sarò paziente ………..”
Maurizio: “Brava” e le fece un sorriso.
Per la cena avevano ordinato della pizza cosi quando suonò il citofono Chiara pensò che fosse il fattorino che le portava solo che era molto in anticipo rispetto all’orario concordato.
Maurizio rispose e aprì il portone.
Chiara: “Sono già arrivate le pizze?”
Maurizio: “No, abbiamo ospiti a cena.”
Lei rimase di stucco nell’apprendere la cosa e gli chiese come mai non le avesse detto nulla.
Maurizio: “Altrimenti che sorpresa sarebbe stata?”
Chiara stava per protestare quando vedendo chi fossero gli ospiti rimase a bocca aperta: Alberto e Annalisa!
I due dopo aver salutato Maurizio entrarono in casa e salutarono anche la ragazza che ancora non si era ripresa dalla sorpresa.
Alberto: “Non siamo dei fantasmi!” gli disse avendo visto la sua sorpresa.
Una volta richiusa la porta di casa tutti si spostarono nel salone occupando i posti dei due divani.
Servito un aperitivo ai due nuovi arrivati iniziarono a chiacchierare, fin quando non furono interrotti dal gracchiare del citofono che li avvertì dell’arrivo della cena.
Terminato di mangiare Alberto uscì sul balcone per fumarsi una sigaretta mentre Maurizio preparava le carte infatti avevano deciso di giocare a burraco.
Le coppie furono Maurizio e Alberto contro Annalisa e Chiara, mentre marito e moglie erano abili giocatori, Maurizio e Chiara giocavano ogni tanto.
Maurizio: “Prima di iniziare proporrei una cosa……che le due signore qui presenti giochino indossando delle palline vaginali. Cosa dite?”
Alberto. “Mi pare una proposta giusta, io l’approvo in pieno!”
Chiara cercò lo sguardo di Annalisa la quale, probabilmente già sapeva di questa cosa, le fece un sorriso, si tolse i pantaloni e slip prendendo dalla borsa una confezione rigida dalla quale estrasse delle palline di colore beige che introdusse nella sua vagina. Mentre stava prendendo gli slip per reindossarli il marito la fermò dicendole che non era necessario, avrebbe giocato senza slip e pantaloni.
Chiara guardò tutti i presenti poi, senza dire una parola, fece le stesse cose di Annalisa rimanendo anche lei senza intimo e pantaloni.
Sulle sedie vennero messi degli asciugamani e Maurizio legò le caviglie delle due donne in modo tale che non potessero aprire le gambe.
Alberto invece slaccio la camicetta della moglie lasciando uscire il seno, la stessa cosa fece con Chiara.
Dopo quasi un’ora di partita la vittoria andò, di poco, a Chiara e Annalisa.
Maurizio: “Complimenti alle vincitrici, però ci dovrete concedere una rivincita prossimamente.”
Annalisa: “Ma certo quando volete……., vero Chiara?”
Chiara: “…ehm….si si certo….”
Alberto: “Direi che possiamo tornare a casa cara ….. o no…?”
Maurizio: “Tu che dici Chiara, li facciamo andare via o rimanere ancora un pochino?”
Chiara: “Bhe …. Io direi….che….decidono……che ……sia meglio se rimangono…”
Maurizio: “Mi pare che non possiate andare via quindi….”
Alberto si avvicinò alla moglie, seduta alla sedia, da dietro e prese ad accarezzarle il seno, mentre lo faceva guardava la ragazza e le diceva: “ti piace il suo seno? L’hai già assaggiato, te lo ricordi vero?”
Chiara guardava la scena e si eccitava ancora di più di quanto non lo fosse già. “Si mi piace e molto anche…..certo che lo ricordo…..e lo vorrei assaggiare di nuovo…..”
Annalisa: “E io sarò felice di metterlo di nuovo a tua disposizione…..”
Anche lei, come Chiara, era bagnatissima, gli asciugamani avevano fatto egregiamente il loro lavoro avendo assorbito parecchio liquido colato dalle fiche delle due donne sia durante la partita di carte che ora.
Maurizio si avvicinò a Chiara e, dopo essersi inginocchiato, disse: “Accidenti quant’è bagnato quest’asciugamano…..Ti eccita giocare a carte?” le disse sorridendo.
Chiara: “Si molto, soprattutto se di fronte ho la mia compagna con le tette di fuori e delle palline nella fica….…”
Maurizio le sciolse le caviglie dandole modo di poter allargare le gambe invitandola, in modo implicito, a giocare con le palline, lei non si fece pregare e iniziò a farle entrare e uscire dalla vagina. I muscoli del ventre si contraevano in maniera sempre più forte e il respiro diventava sempre più corto e i gemiti aumentavano.
Intanto Alberto aveva sciolto le caviglie della moglie e la stava baciando sulla bocca.
Alberto: “Guarda questa bambina cosa sta facendo….penso che crescerà bene la troietta….tu che dici cara?” Mentre le diceva questo anche lui le tirava fuori e rimetteva dentro le palline dalla fica.
Annalisa tra un gemito e l’altro riuscì a rispondere : “……..si….la vedo…..è brava….la picc…ola……….è troia…..come me………”
Dopo poco Chiara venne una prima volta alche Maurizio la fece inginocchiare e messogli il cazzo davanti al viso la invitò a spampinarlo cosa che lei cominciò a fare avidamente.
Nel frattempo Alberto aveva tolto le palline e stava leccando la fica della moglie seduta sul divano.
Maurizio: “Credo che la sappia leccare meglio lei, non trovi?” disse rivolto ad Alberto.
Alberto: “Bhe possiamo provare….”
Per cui Maurizio fece smettere Chiara di spampinarlo e lei si alzò andando verso Annalisa che la stava aspettando a gambe aperte e bagnatissima.
Chiara si inginocchiò e, infilando la testa tra le cosce della donna, inserì la lingua all’interno della vagina leccando le labbra e il liquido.
Alle sue spalle Maurizio la mise in modo da poterla penetrare mentre Alberto, salito sul divano, fece in modo e maniera di mettere il cazzo nella bocca della moglie.
Nel giro di poco anche Annalisa ebbe il primo orgasmo della serata per cui Chiara smise di leccarla e concentrò la sua attenzione sul cazzo di Maurizio che la stava penetrando da dietro.
Lo sentiva entrare e uscire, duro, con colpi secchi e decisi, alzando la testa incrociò lo sguardo di Annalisa che veniva sculacciata dal marito, ad ogni colpo il suo viso veniva trasformato da una smorfia di dolore misto a piacere, vederla cosi la fece eccitare ancora di più.
Poco prima di venire Maurizio fece girare Chiara e le riversò il suo sperma nella bocca, la stessa cosa fece qualche minuto dopo anche Alberto a seguito dello spompinamento “a mestiere” fattogli dalla moglie.
Dopo essersi lavata la bocca in bagno Chiara ritornò nel salone e trovò Annalisa alle prese con entrambi i cazzi degli uomini, a destra c’era Alberto e a sinistra Maurizio, lei in mezzo con le mani li segava.
Lei si mise da un lato e guardando la scena s’iniziò a masturbarsi.
“Vieni ora tocca a te” le disse all’improvviso Annalisa alzandosi e invitando Chiara a mettersi al suo posto, la ragazza non si fece pregare.
Quando i cazzi dei due uomini furono tornati duri fu la volta di Alberto di scopare Chiara, la fece mettere “alla pecorina” e la penetrò.
Di fronte alla giovane si mise Annalisa che la baciava mentre il marito la sbatteva e lei, a sua volta, veniva sbattuta da Maurizio.
A distanza di poco tempo entrambe le donne vennero ancora una volta.
Dopo essersi puliti e rifocillati tutti e quattro esausti si sedettero sul divano.
Verso le 2 di notte Alberto e Annalisa salutarono Maurizio e Chiara per far ritorno alla loro abitazione.
Chiara preferì farsi accompagnare a casa sua invece di dormire da Maurizio.
Mentre erano in auto lei gli chiese: “Da quanto avevi pensato a questa serata?”
Maurizio: “Da quando ho capito che tu eri la ragazza di Alberto e Annalisa. Come ti dissi….nulla accade per caso.”