i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Note dell'autore:
Secondo racconto, sono sempre ben accetti tutti i commenti all'indirizzo mark.grey.fox@gmail.com
‘’Ecco amore mio, tieni, sono i vestiti per stasera, mi raccomando, fai il tuo dovere e papà chiuderà il suo affare’’
Diedi la busta a mia figlia, le diedi un bacio sulle labbra ed andai in ufficio.
Preparai le carte per l’incontro, e mi recai nella villa in campagna, appena arrivato vidi la macchina di Francesca, la mia bambina si stava preparando, brava ed ubbidiente.
Arrivarono i 2 ospiti, ci sedemmo a cena, i camerieri portarono la cena e tra una chiacchiera e discorsi sugli affari la serata filò liscia.r32;Dopo aver ordinato di sparecchiare mandai via i camerieri e rivolgendomi ai miei ospiti
‘’bhe, signori miei, questo è tutto, firmiamo il contratto?’’
‘’Signor Volpe, la sua offerta è molto interessante, ma per muovere cifre così importanti ci vuole del tempo e tanta riflessione’
il suo collega aggiunse ‘’lei ci ha accolto e la ringraziamo ma ora dobbiamo ritirarci e pensare al da farsi’’
Risposi ‘’no, ma certo, anzi, vorrei invitarvi a passare la notte qui’’
i due si guardarono ‘’non saprei, forse non è opportuno’’
‘’no, ma figuratevi, anzi, lasciate che chiami mia figlia, che vi porterà le copie del contratto… FRANCESCA, vieni qua amore mio’’
Si aprì la porta e il mio cazzo era già in erezione, sapevo cosa aspettarmi
Francesca entrò, tacchi a spillo, intimo nero di pizzo, una quarta di seno, magra e un culo sodissimo, occhi azzurri. da favola.
le si avvicinò a me sculettando, mi diede un bacio
‘’ciao papino, ma che belli i tuoi colleghi che sono’’
‘’vai a presentarti amore’’ e le diedi uno schiaffo sul culo
‘’salve signori, sono francesca, la figlia di Mark, ecco il vostro contratto, posso fare qualcosa per allietare la vostra serata?
‘’ qualcosa?’’ dissero assieme i due
mi alzai e e mi misi dietro di lei, le uscii una tetta dal reggiseno e una mano nelle mutande
‘’si, sapete, lei è bravissima ad allietare i miei ospiti, dovreste sentire quant’è calda’’
i due non persero neanche un secondo, uscirono il cazzo e subito si ci fiondò leccandoli e baciandogli le palle
‘’brava la mia bambina’’ mi sedetti per guardare
‘’sei brava a succhiarlo Francesca’’
‘’è ancor più brava a prenderlo, sapete? io vi consiglio di approffittarne
la presero e sbatterono sul tavolo
mentre uno iniziò a scoparla l’altro glielo mise in bocca.
le urla di piacere soffocate di mia figlia echeggiavano in tutta la stanza
Micheal uscì e le venne sulle tette.
‘’Ma come Micheal, vieni subito con una figa così?’’
‘’scusa amico, fatti aiutare dal papà’’
‘’eh no, sai quante volte questo bastardo fortunato si fotte questo angelo, stanotte questa bambola la voglio per me’’
e il contratto?’’ chiese Francesca
‘’Micheal firma quel contratto, io me la porto in camera’’
Se la caricò in braccia, la baciò e salì per le scale, entrò nella prima camera che trovò, la buttò sul letto, le aprì le gambe ed iniziò a scoparla
Io salii e mi appoggiai alla porta, col cazzo fuori a menarmelo, godendo per mia figlia
Steve mi vide e mi chiese ‘ma a pecora la posso mettere la bambina?’’
‘’mettiglielo in culo, è li che dà il massimo la troietta’
lui non ci pensò un’attimo, la mise a pecora e inizio a scoparla con violenza
‘’sei un’uomo fortunato, sai Mike?’’
‘’tu non immagini neanche quanto’’
Steven la buttò sul letto, si mise sopra di lei e mi invitò a venirle in faccia pure a me
entrambi c’è lo menammo fino a sborrarle in faccia, ricoprendole la faccia
Poi ci buttammo a letto, soddisfatti
‘’amore’’ dissi a mia figlia ’’ti sei diverita?’’
‘’molto papino’’
‘’Hai visto Steve? ci sai fare’’ dissi ridendo
‘’Ora il mio angelo si andrà a lavare, tu e il tuo amico riposatevi, domani lei ci porterà la colazione, vero?’’
‘’agli ordini papino’’