i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante Capitolo or Storia
Indice
- Text Size +
Li appassionava quel gioco che avevano cominciato, vedere insieme filmini porno. Li eccitava parecchio ed a volte si masturbavano insieme avanti allo schermo per l'eccitazione.
C'era un filmino, due coppie, una specie di orgetta nella quale gli uomini, su due letti diversi, si scambiavano le mogli.
- Chissà se noi saremmo capaci di farlo - disse Silvia - farlo con un altro e davanti a te mi imbarazzerebbe.
- Forse solo all'inizio ci sentiremmo bloccati - disse Gigi - ma sai, passato il primo momento....
- Tu me lo faresti fare?
- E tu? Non saresti gelosa di vedermi a letto con un'altra donna?
Sembrava un gioco, uno scherzo, ma ciascuno di loro due sapeva, in fondo ai suoi pensieri, di desiderare una esperienza trasgressiva.
E fu Silvia a scorrere le pagine del web e fermarsi su annunci di coppie scambiste, Per sola curiosità le esaminò una per una, per città, per età dei proponenti, per descrizioni. Alcune portavano le foto della coppia, o normali foto e qualcuna, oltre a queste, anche foto più audaci. Si divertiva ad immaginare,me immaginando provava eccitazione, si caricava di una libidine immaginata ma possibile. Si fermò su una coppia un pò più anziana di loro, una coppia di cinquantenni. L'uomo le piaceva; era alto, robusto ma non grasso, brizolato e la donna bruna, un corpo ben proporzionato, simpatica in viso. C'era anche un'altra foto che la ritraeva a seni nudi, bei seni davvero. Lei copiò questa foto, la ingrandì e la lasciò sul pc. Voleva farla vedere a Gigi per vedere che effetto gli faceva e scherzarci sopra. Quella donna aveva un sensualità nascosta: a prima vista sembrava una persona semplice, ma opsservando la foto, Silvia ebbe la sensazione di una donna che nascondeva desideri forti e disponibilità a tutto. Era istinto femminile che le faceva intuire tutto questo. E scrisse alla coppia.
" Cari, ho visto il vostro annuncio. Beh nella foto che vi mando siamo noi. Voglio proporvi un piano per convincere mio marito a farlo con voi due, mi piacete. Se mi aiutate possiamo portarlo ad incontrarci.S."
Le risposero il giorno dopo, rispose lei.
"Cara S. Ci piacete molto, siete bei ragazzi. HAi ragione, per l'uomo è sempre più difficile accettare un incontro libero a 4. Mandami la mail di tuo marito, voglio coinvolgerlo. Un bacio a te, sei simpaticissima e piaci molto anche a mio marito. A."

A Gigi arrivò una strana mail con allegate 5 foto. Credeva fosse il solito annuncio di puttane web, ma poi capì che non era così. Diceva questo.
" Non lo so come ti chiami, so solo che mi piaci e vorrei tanto incontrarti. Guardami. Credi che io possa piacerti? Incontriamoci e parliamo.Non sono una professionista, sono solo una donna che vorrebbe farlo con un uomo come te, perchè mi piaci molto. Sono sposata. Un bacio.A."
Le foto ritraevano una bella donna, un milf, certo, ma davvero bella nel corpo, cosce bellissime, quando stava seduta, un viso molto invitante. Una sola delle foto era osè: er un selfie che la donna di era scattato a seno nudo nel bagno e dove di vedevano anche i primi peletti del pube.
Gigi rispose con una certa allegria:
" Cara A. Se non sei una professionista, allora dimmi come hai avuto la mia mail? Ti ho vista e sei bellissima. Anch'io sono sposato. Ma come incontrarci? Fammi sapere.G."
Ed arrivò la sua risposta.
" Caro G. Stanotte mi sono immaginata sotto di te, una cosa bellissima che mi ha eccitato molto. Ho dovuto "calmarmi" da sola.
Un bacio, ma so io dove vorrei baciarti. Mandami una tua foto, voglio vedere il tuo corpo, nudo. Ti mando un'altra foto, voglio che tu mi veda nuda.Un bacio ancora.A."
Nella foto quella donna era bellissima; stava nuda davanti allo specchio e si vedeva tutto il suo corpo e i peli del pube. Gigi era incantato, le piaceva davvero quella strana donna.
Si scattò una foto nel grande specchio del bagno dopo che si era eccitato: voleva che lei vedesse il suo cazzo duro, sapeva diaverlo grande e che alle donne piaceva molto.
"Caro G. Mi hai fatto masturbare due volte con quella foto. Sei bellissimo , devo averti. Sai che pensavo? Vedi, per voi uomini è sempre difficile accettare che la vostra donna lo faccia con un altro. Allora perchè non fare uno scambio. Tua moglie piace molto a mio marito, potrei convincerlo se lei....se tu la convinci. Provaci, potrebbe darsi che lei ci stia a fare uno scambio alla pari, lei con mio marito e noi due insieme. Che ne pensi? Un bacio.A."
Ciò che non sapeva era che Silvia riceveva le copie di quella corrispondenza da A. Lei era eccitata, l'idea di quella trasgressione la eccitava e l'uomo le piaceva davvero. Desiderava un'esperienza con un altro uomo e quello della foto era davvero bello.

"Cara S., non accettare subito, fingi interesse ed imbarazzo e cedi poco a poco alla sua proposta. Secondo me ci arriviamo, ci riusciamo. In queste cose basta cominciare, poi una cosa tira l'altra. Tu non l'hai mai fatto con due uomini insieme, vero? E' bellissimo, unesperienza incredibile. Un bacio.A."
"Cara A. Vorrei che mi mandassi una foto del tuo lui, lo voglio vedere com'è. Puoi farlo? Sono desiderosa di immaginare mentre andiamo avanti nella nostra cospirazione.Un bacio, te lo darei in bocca se tu lo volessi.S."
A le mandò le foto del marito. Era davvero un bell'uomo, ma ciò che colpì Silvia era il suo cazzo così grosso che A non riusciva a chiudere le dita tenendoglielo in pugno. C'era una foto scattata molto da vicino, si vedeva la mano di lei che glielo teneva in pugno e l'indice non riusciva a toccare il pollice. Si masturbò guardandola al computer, seppe che lo voleva. Allora pensò di ricambiare e si spogliò. C'era un grande specchio nella sua camera da letto, lei si sedette davanti, allargò le ginocchia e scattò la foto; si vedeva la sua fica ed il suo corpo.

Gigi ,lasciò sullo schermo del computer la mail di A. La lasciò di proposito, voleva che Silvia la leggesse per poi rivelarle tutto.
- Gigi, stamattina prima di uscire hai lasciato il computer acceso. C'era una lettera, l'ho letta.
- E' solo un gioco telematico, sai, l'amore virtuale.
- Non mi sembrava affatto questo. Perchè non mi dici tutto.
Gigi le raccontò, lei prima fece un viso indignato, poi più comprensivo. poi più complice.
- Gigi, tu vorresti farlo davvero? Avanti, dimmi la verità.
- Lo farei solo insieme a te.
- E io dovrei acconsentire? Se è questo che desideri, non so come accontentarti.
- Silvia, prendiamoci questa avventura, tanto non cambierebbe niente tra noi. Noi ci amiamo e ci ameremo anche dopo.
- Se tu lo vuoi, se accetti che io ..con una altro uomo e davanti a te...beh, facciamolo, però solo una volta, io non voglio che ci perdiamo.

Adriana e Lorenzo avevano una bellissima casa, un attico da cui si vedeva tutta la città. Gigi e Sinvia erano partiti il mattino del sabato ed arrivarono dopo qualche ora. Erano emozionati mentre aspettavano che si aprisse la porta. Adriana li baciò sulle guance.
- Ah, sono felice che siete qui, temevo che non veniste. Lorenzo verrà in pomeriggio. Avete già fatto colazione?
- Si, Adriana.
Adrianaparlò sottovoce a Silvia mentre Gigi guardava il panorama dal terrazzo.
- Silvia, lasciamelo qualche minuto da solo, magari fingi di andare in bagno, voglio sbloccarlo.

- Sei venuto e non mi hai dato nemmeno un bacio.
Gigi la prese per i fianchi e le baciò e lei gli strinse sulla patta. Poi prese la sua mano e se la mise sul seno.
- Toccami, Gigi, fammi sentire la tua mano.
GIgi sentì Silvia dietro di sè.
- Dai, Gigi, toccala, falla contenta. Siamo venuti per questo,no? Voglio vedere come la baci e la tocchi.
- Silvia, ma....
- Dai, non essere imbranato - gli mise una mano sulla patta e gli abbassò la cerniera - Devi farlo davanti a me, ricordalo. Ed anch'io voglio farlo davanti a te. Mi sento eccitata a pensare che mi guardi mentre sono chiavata da Lorenzo. Gigi, sbloccati, sii disinvolto.
Adriana gli aveva tirato fuori il cazzo, era duro, si inginocchiò e glielo prese in bocca.
- Com'è ?- chese Silvia - è brava?
- Si, tantissimo.
- Ecco, adesso abbiamo rotto il ghiaccio.

- Ragazzi, mangeremo dopo - disse Adriana - vi ho preparato un pranzetto coi fiocchi. Ma mangeremo dopo, il Viagra va preso a digiuno.
Lorenzo ssul divano stava toccando le cosce di Silvia. Lei si alzò, si tirò su la gonna e si sedette di nuovo. Gigi la guardava mentre Lorenzo le toccava la fica sulle mutandine. Poi infilò la mano nello scoscio delle mutandine e passava la punta del dito tra le labbra della fica. Silvia stava con le spalle poggiate alla spalliera, gli occhi chiui e respirava a bocca aperta. E allora Lorenzo le disse:
- Togliti le mutandine, faccela vedere.
Silvia si sollevò, si sfilò le mutandine e si sedette di nuovo. Gigi era eccitatissimo e Adriana lo sentiva dal pulsare del suo cazzo che teneva in mano. Lorenzo mise due dita dentro e chiavava Sinvia; lei allargava molto le cosce per farlo entrare più in fondo.
- Vuoi venire? - Adriana chiese a Gigi - è bello, vero, guardarli così. Dai spogliamoci, facciamolo davanti a loro due.
Adriama si spogliò; era davvero bella per una donna della sua età e Gigi si fece coraggio e sispogliò anche lui. Silvia lo chiamò, lui si avvicino e lei, mentre Lorenzo la chiavava con le dita, aprì la bocca per farsi mettere il cazzo di Gigi.
- Ha proprio una bella fica, vero Lorenzo?
- Si, la sto eccitando. Quando la chiaverò voglio che venga col mio cazzo dentro. Lui ti piace?
- Si, ha un bel cazzo ed è un bel ragazzo. Tu vuoi vedere quando lui mi chiava?
- Si, io e lei vi guarderemo, anche tu hai una bella fica. Ma prima io e lei, mi ha fatto arrapare troppo.
Silvia si sollevò il maglioncino e mise fuori i seni e si trorceva i capezzoli.
- Spogliati - le disse Lorenzo; poi si accostò e le sussurrò -Vuoi essere la mia troia?
- Dimmelo di nuovo - disse Silvia - e ti faccio fare tutto quello che vuoi.
-In ginocchio sul divano, allora. Ti chiavo da dietro, così ti arriva fino all'utero.
Gigi e Adriana stavano vicino a loro, a gurdare, Adriana teneva il suo corpo pressato dietro Gigi e lui, eccitato da ciò che vedeva, si masturbava, prima lentamente, poi sempre più velocemente. Lo eccitva vedere il cazzo di Lorenzo che penetrava sua moglie e Adriana capì. Lo inculò col medio.
- Va meglio così, vero Gigi. Lo vuoi più forte? Adesso stai capendo quanto è bello farlo insieme. SCopri il piacere divederla chiava da Lorenzo e ti ecciti. Attento a non innamorarti anche tu del cazzo. A farlo insieme succede.
Gigi la stava chiavando come voleva lei. Adriana stava su una poltrona con legambe tutte spinte in avanti per fare arrivare la fica a portata del cazzo di Gigi. Lei voleva quella posizione perchè le consentiva di masturbarsi il clito mentre l'uomo la chiavava.
- Bravo Gigi, così, lentamente, voglio sentirlo tutto. voglòio sentire la sua grandezza; dai esci e dilatami di nuovo..ah me lo sto godendo il tuo cazzo. Sai che devi venirmi nella fica, vero? Non come quello stronzo che alla fine si masturba e me lo schizza in bocca; avanti, ancora, lento e forte, spingilo dentro il mio corpo.
- Adriana, hai una fica bellissima e sei troppo brava a stringerla.
- Io l'avevo capito dalla tua foto che chiavavi bene, che mi avresti dato quello che desideravo....ah, sto per venire, non cambiare ritmo e fammi venie così. Belloooo così, eccomi....., ah, tu continua, fammelo sentire ancora e vieni, fammi sentire come vieni dentro di me.
Gigi sentì la mano di Silvia che gli carezzava i capelli.
- Bello, l'amore mio, come l'hai ....contenta di lui Adriana?
- Sei fortunata, è un uomo bellissimo in tutti i sensi.
- Si ed è mio, e rimane solo mio. Adriana, noi ci vestiamo ed andiamo, abbiamo molta strada da fare.
- Speravo dormiste qui.
- Certo, un'altra volta, ci organizziamo meglio. Oramai ci siamo conosciuti ed abbiamo preso confidenza.