i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Ponte del 2 giugno al mare, sono ospite dalla mia amica Simona, rientro a casa dalla spiaggia, indosso una camicetta il pareo e degli zoccoletti. È stata una giornata caldissima mentre torno a piedi a casa di Simona lei mi chiama dicendomi che avrebbe fatto tardi a lavoro e che ci saremmo viste per cena, rispondo dicendogli che non ci sono problemi e che l'avrei aspetta lì senza problemi.
Entro un casa penso di essere sola mi tolgo subito il costume e rimango solo con la camicia, ho fame prima di fare la doccia mi preparo qualcosa per merenda, mentre sono in cucina sento dei rumori mi giro e urlo per lo spavento, difronte mi ritrovo due ragazzi di colore che ridono, mi chiedo scusa e mi chiedo chi sono, io gli spiegò che sono un amica di Simona, e anche loro sono due amici di Simona e sono ospiti da lei per alcuni giorni, sono giocatori di hokej e hanno conosciuto Simona a New York.
Ripresa da lo spavento ci presentiamo, li guardo bene e sono bellissimi, tutti muscoli sono a dorso nudo hanno i pettorali scolpiti entrambi indossano dei pattaloni di una tutta e sono scalzi, avranno su i 25 anni.
Mi sento osservata dai loro sguardi, sembra che mi vogliono levare la camicia che ho addosso.
Crhistian rimane a parlare con me mentre Thomas va a fare la doccia, rimaniamo soli ho il cuore in gola, lo sento battere fortissimo.
Sento dentro di me, che sta per accadere qualcosa di strano, ho una bella sensazione. Christian emana un profumo intenso, piacevole a dir poco irresistibile, roba da mangiarselo di baci e morsi. Cerco di non guardarlo ma per un attimo i nostri occhi si incrociano, lui si avvicina a me lentamente, le sue mani toccano le mie e lentamente iniziano a risalire le braccia, quando sta a poca distanza da me chiudo gli occhi, sento la sua bocca e' vicinissima alla mia, le sue labbra sono belle carnose stiamo quasi per baciarci quando la porta del bagno si apre e rompe l’incantesimo,
lui si allontana di scatto e dandomi due colpetti sulle mele mi dice:
"dai ora tocca a te fare la doccia"
Entro in bagno mi tolgo la camicia ed entro sotto la doccia, l'acqua calda mi rilassa mi sento strana eccitata, ho i capezzoli duri e sono tutta bagnata, vorrei toccarmi ma ho paura di essere sentita. Finita la doccia mentre mi vesto ricevo una altra telefonata da Simona non torna per cena, non mi preoccupo l'idea di restare sola con Thomas e Christian non mi dispiace, mi infilo il solito vestitino di stoffa che uso per stare in casa chiaramente senza mutandine e ne reggiseno e torno giù da i ragazzi che stanno preparando la cena, mi chiedono di apparecchiare mentre contribuisco alla preparazione della cena.
Pronto tutto ci sediamo tutti a tavola e mi ritrovo Christian e Thomas di fronte, ricominciano i giochi di sguardi con Christian mi sento un po' in imbarazzo non riesco a distogliere l’attenzione dai suoi occhi grandi, ogni tanto sorrido a Thomas per non farmene accorgere, noto che il suo sguardo penetrante indugia a lungo sulla scollatura del mio vestitino dalla quale si vede un’abbondante porzione del mio seno.
Improvvisamente sento un piede nudo accarezzare le mie gambe, e quello di Thomas lo guardo un po’ stupita, ma lui mi sorride guardo anche Christian che sembra che non sia accorto di niente, sono bellissimi entrambi, mentre sento salire il piede di Thomas sempre più su sorrido a Christian e sposto il mio corpo leggermente più avanti sul bordo della sedia apro lentamente le gambe facendogli chiaramente capire che assecondo il suo gioco che mi intriga tantissimo pur cercando inconsciamente di non farlo notare a Christian anche se dentro di me mi sarebbe piaciuto averli entrambi.
Sento il piede di Thomas che inizia a massaggiare la mia fica, non resisto vorrei alzarmi e baciarlo, sono sempre più confusa sento strisciare la sua gamba su di me, mi eccito sempre più non posso fare altro che ricambiare con le stesse cose, allungo il mio piede, inizialmente sulle sue gambe e poi su su fino a farlo arrivare tra le sue gambe e sul suo cazzo, lo sento con la pianta del piede è duro e grosso, sento la sua mano accarezzare il mio piede, stringo tra le gambe il suo piede che mi sta provocando un piacere e un languore allo stomaco, lo guardo e mi mordo le labbra mentre fra le cosce sento la mia fica bagnarsi.
Christian si alza, forse si è accorto di quello che sta succedendo, il gioco finisce in silenzio finiamo di sparecchiare.
Rimango sola in cucina mi metto a rigovernare le stoviglie che abbiamo sporcate durante la cena.
Mentre sono intenta a pulire sento avvicinarsi qualcuno dietro di me, credo che si Thomas ma quando mi giro con il sorriso stampato in faccia pronta a ricominciare dove avevamo lasciato mi accorgo che è Cristian, lui mi sorride e si mette a riordinare mentre continuo a rigovernare in silenzio.
Poi ad un tratto mi abbraccia da dietro e stringendomi a lui inizia a baciarmi il collo e dietro il lobo dell’orecchio mandandomi in tilt.
Sento il suo cazzo durissimo strofinarsi con insistenza fra le mele, vorrei resistergli ma ormai sono troppo eccitata.
Sento il suo cazzo durissimo che preme contro il solco delle mie mele, mi reggo al lavandino e assecondo i suoi movimenti. Christian mi gira e mi bacia, le nostre lingue si intrecciano, la sua lingua caldissima, sento il suo cazzo appoggiarsi sul mio ventre, mi sembra grosso anche questo.
Faccio finta di fare un po' di resistenza, ma non duro molto, lui mi piace e mi piace questa situazione intrigante e trasgressiva sono troppo eccitata, prima il quasi bacio ci Cristian poi Thomas a cena e adesso lui di nuovo qui.
Quindi mi lascio andare liberandomi di ogni freno inibitore e assecondando ogni suo desiderio.
Sento le sue mani sul mio corpo, abilmente mi sfila il vestitino dalla testa restando completamente nuda davanti a lui.
Sento la sua bocca e la sua lingua scendere lungo il collo fino a raggiungere il mio seno destro per impossessarsi del capezzolo, che è già duro e turgido, lo succhia con forza, mi mordo le labbra per non gemere dal piacere.
Lo lascio libero di esplorare con la bocca il mio corpo, lo sento scivolare sempre più in basso, tremo dai brividi, mi appoggio al lavello mentre lui inizia a succhiare il mio clitoride, quando melo morde non resisto e mi faccio scappare un mugolio e lo incito sotto voce per non farmi sentire da Thomas che deve essere nell'altra stanza......

....."Si si si si mi piace così....sei meraviglioso ancora si più forte si....mmm...mmm...."

Sto quasi per venire quando lui si rialza di colpo ci guardiamo poi ci baciamo con passione, sento il sapore dei miei umori nella sua bocca, con le mani massaggio il suo cazzo da sopra i pantaloni infilo una mano dentro lo accarezzo e caldo sembra di marmo da come è duro.
Voglio sentire che sapore ha lo spingo un po’ più avanti mi inginocchio davanti a lui e gli abbasso i pantaloni e mi ritrovo con il suo cazzone tra le mani e' tozzo, lo sego lentamente lo iniziò a leccare gioco con la lingua sulla sua cappella è grossa e violacea.
inizio a succhiarlo è spompinarlo, melo ficco tutto in bocca mentre lo faccio scorre nella mia bocca lo succhio, sfogo tutta la mia libidine su di lui come non ho mai fatto prima, forse perché presa dall'eccitazione.
Christian asseconda tutti i miei movimenti, poi mi prende per una mano e mi tira su e si siede su di una seggiola lì vicino è seduto davanti a me con il suo cazzo che svetta bello dritto, mi impalo sopra di lui senza pensarci non mi importa più se Thomas ci sente.
Prendo il suo cazzo con una mano lo insalivo per perbene e poi lo guido verso la mia fica, sento subito la sua cappella allargare le mie grandi labbra e poi la sento farsi largo dentro di me, tremo dal piacere mi lascio andare, sento il suo cazzone scorrere tutto dentro di me, lo sento battere sul mio utero con movimenti sensuali verticali salgo e scendo su è giù, lo faccio scorrere dentro di me repentinamente perdo tutti i miei freni inibitori mi lascio andare gemo e mugolò con passione cavalcando quel cazzo meraviglioso, glielo dico ad alta voce abbracciandolo.....

"ODDiioooo…hai un cazzo meraviglioso!!! Si sì oh oooh sfondami scopami tuttaaa!!”

Mi sento piena del suo cazzo è una sensazione meravigliosa sentirlo scivolare dentro di me che mi apre e mi dilata le pareti della fica provocandomi scariche di intenso piacere.
Mi muovo su e giù sempre più veloce, sento
Christian sta quasi per venire lo sento ansimare e mugolare fa appena in tempo ad uscire da me che sento i suoi fiotti caldi che schizzano sul mio ventre, sul seno e sulla faccia, impiastricciandomi tutta, mi lecco un po' le labbra per assaporare la sua sborra e lo abbraccio e mentre lo sbaciucchio sento dei rumori dietro di me,
mi giro e per un attimo non ci posso credere è Thomas.
Lui si avvicina a me sorridendo e porgendomi un asciugamano, io ricambio il sorriso, dal rigonfiamento che ha sui pantaloni si vede che è eccitato, mentre gli guardo entrambi infilo una mano dentro i pantaloni della tutta, il suo cazzo è duro e caldo, al tatto mi sembra mi sembra molto tozzo, lo sego da dentro i pantaloni, lui mi bacia mentre Christian mi mordicchia i capezzoli.
Mi sembra di vivere un sogno io in mezzo a due uomini era tanto che non mi capitava, ci trasferiamo in un posto più comodo, la camera da letto più vicina è quella di Simona, ci spostiamo tutti e tre mentre attraversiamo il salotto io tengo ben stretti con entrambi le mani quei meravigliosi cazzi.
Sono la prima a salire sul letto, siamo già tutti e tre completamente nudi, Thomas è davanti a me mentre Christian sale sul letto con me.
Thomas e Christian hanno dei fisici perfetti con addominali e pettorali ben scolpiti, il cazzo di Thomas non è lungo come quello di Christian ma è tozzo quasi con una mano non lo stringo.
Iniziamo a giocare scambiandoci baci e carezze, sono in mezzo a loro sento le loro mani e lingue da per tutto.
Christian è dietro di me mi bacia il collo la schiena e mi stringe i seni, Thomas invece è davanti a me ci stiamo baciando la sua lingua mi fruga in bocca, mentre ci baciamo sento il suo cazzo premere sul mio ventre, mi parla e mi dice:

“...sdraiati sul letto ti voglio leccare....."

Non rispondo sono come in trans la mia eccitazione è a mille, Christian mi aiuta a sdraiarmi sul letto.
Thomas mi prende per le caviglie alza le mie gambe e le apre, sono sdraiata a gambe aperte sul letto, mentre Christian mi bacia vedo la testa di Thomas entrare tra le mie gambe, sento la sua lingua passare lungo tutte le mie gambe giu fino al mio interno coscia e poi sempre più giù, la sento sulle mie grandi labbra, sento le sue labbra succhiare le mie, ansimo e gemo per il piacere inclino la testa all'indietro, vedo il cazzo e le palle di Cristian, lo prendo con due mani e lo sego lentamente.
Christian viene più avanti per permettermi baciare il suo cazzo, sfogo tutta la mia libidine, succhio le sue palle, nonostante che sia venuto da poco il suo cazzo sta già tornando duro lo sento crescere tra le mie mani, lo sego a due mani.
Ora sento la lingua di Thomas battere sul mio clitoride, mi procura un brivido, il mio corpo si contorge dal piacere sto perdendo il controllo di nuovo, sento la sua lingua penetrarmi dentro, smetto di leccare Christian il piacere è troppo non cela faccio, mugolo ad alta voce mentre con le mani spingo la testa di Thomas sulla mia fica sto quasi per venire ma lui si ferma, brontolo ho voglia di venire di godere.
Thomas si sdrai sul letto accanto a me, il suo cazzo tozzo è bello dritto è bellissimo la sua cappella è di un viola scuro, io non resisto più sono troppo eccitata ho tanta voglia di cazzo, prendo il suo cazzo a due mani è duro come il marmo e caldissimo lo sego lentamente poi mi posiziono sopra di lui a gambe aperte prendo il su cazzo con una mano e lo guido verso la mia fica, lo struscio sulle mie grandi labbra le apro con la sua cappella poi mi impalo sul suo cazzo, sono talmente fradicia e dilatata che il suo cazzo entra dentro di me senza fatica.
Vedo la sua cappella violacea scomparire dentro la mia fica.
Thomas mi sorregge per i fianchi, mentre io mi lascio scivolare su di lui lentamente guardo entrambi.
Sento il suo cazzo strusciare sulle le pareti della mia fica e farsi strada dentro di me mi sta aprendo lentamente, mi piace, mi sento piena e aperta.
Sono praticamente seduta sulle sue palle e il suo cazzo tutto dentro di me.
Thomas mi tiene per i fianchi, io inizio a muovermi sopra di lui inizio a muovermi su e giù ma il piacere è troppo tutti i miei movimenti sono scoordinati, Thomas mi prende per le braccia e mi tira verso di lui, mi bacia il viso e sul collo quando inizia spingere da sotto sono praticamente sdraiata su di lui, impone il suo il ritmo mi abbandono e mi lascio guidare da lui è bravissimo.
Sento il suo cazzo muoversi dentro di me, e' bellissimo, mi sento piena di lui, mugolo e ansimo ad alta voce e lo mordo per il piacere, ogni suo movimento mi procura piacere è bellissimo, sento l'orgasmo arrivare, cerco di resistere mentre un brivido fortissimo mi percorre tutta, mi irrigidisco gemo ad alta voce e vengo, mi contorco tutta dal piacere e mi lascio travolgere dall’orgasmo.
Thomas non si ferma continua a muoversi dentro di me, lo sento uscire quasi completamente e poi rientrare tutto in un botto, il piacere e' continuo lubrificato da i miei umori sento scorre il cazzo di Thomas benissimo dentro di me, mugolo ad ogni sua spinta ormai sono alle loro merce.
Thomas si ferma mi bacia mi accarezza, palpa i miei seni, io rimango sopra di lui con il cazzo ancora dentro di me, mi piace la sensazione di pienezza.
Sento Christian baciarmi la schiena, ho il fiato corto l’orgasmo mi ha scombussolata tutta, mi abbandono alle loro carezze.
Crhistian mi morde le mele le allarga con le mani e mi lecca il buchino, ci sputa sento la sua saliva colare sul mio buchino, lo accarezza e mi penetrante con le dita mentre anche Thomas continua a accarezzarmi ogni loro movimento mi procura brividi di piacere è nello stesso tempo mi rilassa.
Quando sento anche le mani di Thomas sulle mie mele capisco quello che sta per succedere.
Thomas mi divarica le mele permettendo ad Christian di entrare nel mio culo, sento il suo cazzo tra il solco delle mie mele, poi la sua cappella puntare sul mio buchino.
Christian spinge lentamente senza mai fermarsi lo sento entrare tutto dentro di me, mugolo un po’ per il dolore ma soprattutto per il piacere sono stupendamente infilzata dal cazzo di Thomas e da quello di Christian che ormai mi entrato tutto dentro l’intestino, cerco di muovermi ma sono bloccata tra loro, con il mio seno sento i pettorali di Thomas e sento distintamente entrambi i lo cazzo dentro di me è bellissimo, glielo dico ad alta voce:

hooooo..sssiiiii…OOddiiioooo...dai che bello…sii tutti e due insieme..,

All’inizio i nostri movimenti sono impacciati ma poi piano piano i movimenti diventano sempre più cordinati, non resisto sono completamente presa dal piacere sentire due uomini che contemporaneamente si muovono dentro di me.
Ancora mi devo riprendere dal primo orgasmo ma già sento di nuovo il piacere salire è sconvolgente, sento i due cazzi duri che si muovono dentro di me ansimo e gemo mugolo ad alta voce ormai senza contro.
Thomas da il ritmo hai movimenti, lui e sotto di me lo bacio e lo mordo sfogo tutta la mia libidine su di lui, sento quattro mani che mi strizzano le tette e le chiappe, gli incito a scoparmi sempre più forte con frasi sconnesse:

Ohh....dai sii ancora....mmm... ohh...ancora così....

Sento Crhistian muoversi dentro il mio culo che fa rumori strani mi sento aprire e dilatare come non mai, mi sculaccia mi fa male ma vengo comunque soprafatta dal piacere urlando vengo di nuovo il mio corpo trema mentre la mia fica è il mio culo pulsano stringendo i loro cazzi senza controllo, ho un orgasmo violento mi abbandono completamente a loro che continuano a scoparmi, Thomas inizia a parlarmi dicendomi cose oscene del tipo:


Daii…godi troiaaa.....Che ti scopiamo in tutti i buchi… Che ti spaniamo tutti i buchi per poi riempirli di crema bollente…. Godiii…”

Io rispondo solo di sì avere due cazzi così contemporaneamente mi riempie di gioia e soddisfazione, cosa che non mi capita tutti i giorni non capisco più cosa mi dicono da come sono sconvolta sento solo i loro cazzi muoversi dentro di me.
Il primo a venire e Thomas lo sento benissimo il suo cazzo pulsare mentre lui mi grugnisce e mi morde il collo e mi riempie la fica con fiotti caldi una sensazione di calore mi invade il ventre.
Thomas smette di muoversi mentre dopo poco un altra sanzione di calore invade il mio intestino, sento chiaramente il cazzo dì Christian pulsare, a un orgasmo lunghissimo, mi gusto a lungo i suoi spasmi che ritmicamente allargano le pareti del mio culo, mentre tutti e tre per alcuni minuti rimaniamo fermi in quella posizione ansimando uno sopra l’altro.
Christian si sfila da me per primo poi io mi sfilo Thomas che ormai al cazzo moscio, mi sento come svuotare siamo tutti e tre sdraiati sul letto io sono in mezzo a loro guardo i loro cazzi mosci, vorrei ripulirli e succhiarli un po’ ma ancora ho il fiato corto sento colare la loro sborra da i miei buchi indolenziti sono affaticata ma soddisfatta, tocco con le mani il mio caletto e la mia fica sono ancora dilatata, mi lecco un po’ le dita per assaporare la loro sborra, loro mi guardano entrambi bacio entrambi poi ci abbracciamo e ci addormentiamo in quella posizione.
Quando mi risveglio per l’odore del caffè loro non ci sono più a prepararmi il caffè c’è Simona che sorridendo mi dice ti sei data da fare stanotte. rovaia@virgilio.it