i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante Capitolo or Storia
Indice
- Text Size +
Ho scopato mio fratello.
O forse sarebbe meglio dire “mi son fatta scopare da mio fratello.”
Io non so se sia una cosa giusta o sbagliata. È successa. Ed è stata sconvolgente.
Forse è meglio andare con ordine e partire dall'inizio.

Mi chiamo Martina, quando è successo con mio fratello avevo 20 anni. Sono una modella, anche se sono fisicamente snella. Sono alta un metro e mezzo e poco più, come un puffo insomma, coi capelli biondi che porto corti. Di seno non ne ho, ma mi piaccio perché ho la vita stretta stretta. Spero di essermi presentata a sufficienza.
Mio fratello, Matteo, ha quattro anni in più di me e trenta centimetri in più d'altezza. Fa palestra, si tiene in forma, coi capelli chiari anche lui. Sarò di parte, ma è un bel ragazzo e le donne non gli mancano. È sempre gentile, sorridente e disponibile con tutte. E lo era anche con me.

A quel tempo studiavamo entrambi e vivevamo in casa con mamma e papà, per fortuna benestanti e ci potevamo permettere di avere ognuno la sua camera. Tra di noi c'era sempre stato del tenero, ma mai da arrivare al punto di diventare così tanto intimi. Verso di me Teo è sempre stesso molto protettivo anche se non gli ha mai fatto molto piacere portarmi fuori con i suoi amici. Io ero la piccola, la palla al piede, la noiosetta. Fino a quando ho compiuto diciotto anni.
Da lì a poco successe una cosa che, almeno dentro di me, cambiò qualcosa. Cercherò di farla corta.
Una sera ero fuori con le mie amiche a fare festa, bevvi e mi sbronzai. Non potevo tornare a casa in quelle condizioni, un po' perché mamma e babbo mi avrebbero sgridato forte e un po' perché ero io a dover guidare. Così chiamai Teo che, immancabile, venne in mio soccorso. Fu gentilissimo e passò con me tutto il tempo necessario a farmi riprendere. Ma io ero sbronza, sapevo che aveva rotto con la fidanzata già da un po’ e… mi sentivo in colpa. Così, quando mi disse che per venire da me aveva abbandonato una ragazza con cui ci stava provando, mi venne spontaneo cercare di sdebitarmi. Come? La verità è che mi vergogno un po’ a scriverlo perché vuol dire ammetterlo e renderlo più reale di quanto la mente non faccia… gli offrii la mia bocca per sfogarsi. Qualcuno penserà che tra fratelli sia disgustoso e perverso, ma io amo mio fratello, voglio che stia bene e sia felice e so quanto ai maschi piace quando lo prendiamo in bocca… mi piace quasi naturale offrirgli le mie labbra.
Lo ammetto, anche a me piace molto succhiarlo e giocarci con la lingua, ma mai avevo pensato a Teo in quei termini prima di quella sera. Eppure lo feci. Lui rifiutò. E da quel giorno a me rimase quella fantasia e provo una certa vergogna ad ammettere che più volte mi sono toccata pensando al suo membro nella mia bocca.
Questo è quello che successe e, a pensarci ora, era solo questione di tempo prima che mio fratello si prendesse il mio corpo dopo essersi preso la mia mente. Come successe? È presto detto.
Un giorno si rivelò più storto che mai, non una cosa che andasse per il verso giusto, nemmeno il caffè al bar, che mi cadde sulla gonna comprata pochi giorni prima. Insomma, quando torna a casa dopo pranzo ero talmente nervosa che non mi si poteva stare vicini. Per fortuna il pomeriggio sapevo che sarei stata a casa da sola e trovare il modo di rilassarmi. Avevo casa libera, avrei potuto fare quello che volevo. Come prima cosa andai in camera mia e mi spogliai, rimanendo solo con delle mutandine nere e molto semplici, ma di una comodità incredibile e che adoravo. Io adoro stare nuda. È più forte di me. Mi fa sentire bene, mi fa sentire felice, mi fa sentire libera. Fu proprio così che andai in salotto e mi sdraiai sul divano. Che dormite che ho fatto su quel divani! E quanti momenti intimi ha visto!! Per fortuna non può parlare…
Senza pensarci due volte accesi la televisione e iniziai a guardarla svogliata. Da sola mi addormentai senza rendermene conto e, allo stesso modo, mi risvegliai. Me ne resi conto grazie alla tv…
Quando riaprii gli occhi mi sentivo pervasa da uno sano languore e sentire la pelle sul divano mi trasmetteva quella sensazione di piacevolezza… in un attimo la mia mano scivolò tra le mie cosce e iniziò ad accarezzarmi il sesso. Facevo piano, lentamente, come una coccola. Mi girai su un lato, chiusi le cosce e insinuai un dito sotto le mutande, tra le labbra, proprio sul clitoride.
Era bello, era rilassante, stavo godendo. La televisione correva coi suoi programmi stupidi, io correvo con la fantasia, quel dito correva con il mio piacere. Lasciai libera l'immaginazione ai pensieri più sconci e osceni e non resistetti. Mi tolsi le mutande e spalancai le cosce. Un solo istante dopo quel dito era dentro di me esplorando l’intimità più segreta. Una mia amica non riesce a penetrarsi da sola, a me sembra impossibile. Io adoro sentirmi piena. Non c’è nulla di più appagante per me.
Presto le dita divennero due, il respiro si fece veloce e spezzato e le dita, ben presto due, si muovevano veloci dentro e fuori il mio corpo. Sentivo l'orgasmo che stava crescendo, sì, stavo godendo, strinsi con l'altra mano un cuscino del divano, gemevo, ero pronta…
“È così che mia sorella si diverte.”
Dire che mi si gelò il sangue nelle vene non rende l'umiliazione e la vergogna che provai. Mio fratello era lì, a pochi passi da me, in piedi, intento a fissarmi. Sbigottita mi tirai su a sedere e mi chiusi a guscio, cercando di nascondere il mio corpo.
“Tu… tu… cosa ci fai qui?”
Sorrise divertito.
“Hai presente che qui ci abito?”
“Ma non dovevi essere qui prima delle…”
Alzai lo sguardo sull'orologio. Era tardissimo! Il tempo era volato senza che me ne rendessi conto ed ero stata scoperta così, senza pudore. Non ho mai provato una vergogna simile…
“Ti prego, continua.”
Guardai mio fratello perplessa.
“Cosa?”
“Eri… sei bellissima. Continua.”
“No…”
Si avvicini a me, aprendomi le ginocchia che avevo unito quando era comparso lui. Forse avrei dovuto oppormi, ma non ci riuscii e ora la mia fighetta era sotto i suoi occhi, brillante per tutti gli umori della masturbazione.
“Ti prego.”
Ero senza parole, sprofondata nella vergogna e, al tempo stesso, l'idea che mio fratello mi guardasse mentre mi masturbavo mi mandò in brodo di giuggiole. Non potei far altro che assecondarlo, tornando a toccarmi sotto i suoi occhi. E godevo. Oh sì quanto stavo godendo!!! Iniziai piano, ma presto il piacere prese possesso della mia carne, della mia mente, e iniziai a masturbarmi forte e veloce. Tiravo fuori le dita e le spingevo dentro di colpo, cercando di andare più a fondo che potevo. E ogni affondo era un gemito. Con l'orgasmo che stava salendo prepotente chiusi gli occhi e mi preparai a venire.
“Apri.”
In un primo momento nemmeno sentii la voce di Teo.
“Apri gli occhi.”
“Ti prego no…”
“Aprili ho detto.”
Era davanti a me, in piedi a torso nudo, bello come non mai, con il membro in mano, rigido e pulsante e magnifico nelle sue forme. Rimasi a bocca aperta e capii che non volevo altro che lui dentro di me. Spalancai le cosce ancora di più e con due dita aprii le labbra del mio sesso. Per lui.
“Vuoi che ti scopi?”
Non avevo fiato per parlare, annuii in silenzio.
“Vuoi essere scopata da tuo fratello?”
Annuii ancora.
“Troia.”
Avrei dovuto offendermi, alzarmi e andare via. Invece il modo in cui lo disse mi eccitò ancora di più. Lui si avvicinò, appoggiò la punta al mio buco e spinse, forte, deciso, a fondo.
Gridai.
Non per il dolore, ma per l'emozione che mi fece provare, qualcosa di unico e che non avevo mai sentito prima in vita mia. Più lui me lo spingeva dentro più io godevo. Mi aggrappi al suo corpo cercando di tenermi stretta, non volevo che uscisse da me.
“Ti piace?”
Me lo chiese con la voce spezzata dal piacere.
“Sì… sì… sì…”
Che altro potevo dire?
L'orgasmo mi colse impreparata tanto fu sconvolgente e mi trovai a urlare e a stringerlo a me senza controllo. Teo non sembrava contento e continuò a scoparmi, sentivo la figa in fiamme ma il piacere era troppo per poter pensare di fermarsi.
“Vieni.”
Gli dissi. Lo volevo tutto e se fosse venuto fuori dal mio corpo avrei perso la parte più bella.
“Cosa?”
“Vieni Teo.”
“Mi vuoi qui?”
“Sì, vienimi dentro.”
Mi mise due dita in bocca costringendomi a tenerla aperta e io iniziai a succhiarle e leccarle. Sbavavo. Dalla bocca e dalla figa. Teo aumentò il ritmo, sembrava me lo volesse spingere fino in pancia da tanto spingeva e con quelle due dita si aggrappò ancora di più a me, facendomi male alla bocca. Ma era tutto così bello così sconvolgente con avrei mai potuto fermarlo.
Si piantò letteralmente dentro di me e si svuotò con prepotenza e io l'accolsi con tutto il mio corpo e il mio amore.
“Sarà il nostro segreto.”
Gli dissi accarezzandogli i capelli.
La sua risposta fu il bacio più intenso che ho mai provato.