i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante Capitolo or Storia
Indice
- Text Size +
Salve a tutti, tengo a precisare che questo racconto sarà diviso in capitoli, è un po' crudo e fa parte della categoria “Schiava-padrone”, alle volte potranno capitare scene che potrebbero urtare la sensibilità di alcuni. Il racconto è completamente di fantasia e spero che sia di vostro gradimento.

È appena arrivato il mese di settembre, l’aria calda estiva inizia a farsi un po' più mite nelle nostre regioni, il tempo delle vacanze per molti inizia ad essere solamente un bel ricordo, ma non per Gaia e le sue amiche.
Gaia è una ragazza che ha appena compiuto 20 anni, anche se dall’aspetto molti la scambiano ancora per un’adolescente; insieme alle sue due amiche coetanee, Gessica e Nadia, hanno organizzato un viaggio in Thailandia a prezzo stracciato prima dell’inizio del loro secondo anno di università.
L’entusiasmo delle tre amiche è alle stelle, questo viaggio è in programma da circa un anno ormai e da mesi non fanno altro che parlarne, organizzando tutto ai minimi dettagli, dai posti da visitare alla location, dai vestiti che indosseranno al costume che sfoggeranno già dal primo giorno in spiaggia e ai buoni propositi nel rimorchiare magari qualche ragazzo in spensieratezza in una classica avventura.
Le due amiche aspettano Gaia in aeroporto, è in ritardo come sempre pensano.
Arriva con 10 minuti di ritardo con aria affannata e stanca e passo spedito, segni evidenti che abbia fatto una corsetta per venire. Gaia è tanto bella quanto solare, anche po' viziata e abituata a usare la sua bellezza per ottenere tutto ciò che vuole, invidiata e desiderata da molti per il suo aspetto fisico, anche dalle sue amiche più care con cui sta per intraprendere questo lungo viaggio. È alta un metro e settanta, fisico atletico con un portamento molto elegante e sensuale grazie anche alle sue bellissime gambe lunghe e ad un sedere piccolo ma molto sodo, una vite stretta e una pancia piatta di cui va molto fiera, messa in risalto dal suo evidente piercing all’ombelico luccicante, un seno piccolo ma sodo, una seconda piena, e un viso quasi da poter definire angelico, pelle liscia olivastra con qualche lentiggine sparsa vicino e sopra al naso, occhi verde smeraldo e lunghi capelli neri con riflessi color mogano. Indossa una camicia a quadretti bianca e rossa, legata con un nodo all’altezza dell’ombelico, dei mini shorts di jeans strappati che lasciano ben poco all'immaginazione, delle calze a rete e dei stivaletti leggeri.
Dopo una mezz’oretta d’attesa salgono finalmente in areo più felici che mai e, dopo ben 12 ore di viaggio, arrivano finalmente a Bangkok.
Appena scese dall’aereo la prima cosa che notano con entusiasmo è proprio il clima azzeccato come dalle previsioni meteo, un caldo afoso e secco. Prendono un taxi e si recano nel lussuoso hotel, fino ad ora tutto sembra un sogno, tutto è perfetto e, nonostante la stanchezza del viaggio sulle spalle, il tempo di mettere il costume e si dirigono in fretta e furia in spiaggia che si trova a due passi dell’hotel.
Arrivate in spiaggia si recano nel grande ombrellone fatto di paglia e foglie di palme proprio in riva al mare, si sentono gli sguardi di molti ragazzi e uomini a dosso, si sentono fiere di tutta questa attenzione e le tre giovani si spogliano molto lentamente per regalare qualche attimo di visione in più ai loro spasimanti.
Rimangono in costume, ma le due amiche rimangono quasi scioccate da quello che indossa Gaia, un costume che scherzando definiscono scandaloso, fra qualche risatina e sguardo accurato. È un costume tutto bianco, quasi trasparente alla luce, costituito da un perizoma con un filo sottilissimo che sparisce tra le sode natiche di Gaia lasciate praticamente scoperto, e un reggiseno a forma di triangolo molto piccolo, che lascia intravedere le curve del suo seno perfetto.
Le tre amiche si sdraiano subito al sole, parlano, scherzano e fumano qualche sigaretta. Gaia a differenza delle altre sembra distratta, sente lo sguardo a dosso di tre ragazzi e fa di tutto per mostrare il suo fisico spostandosi di tanto in tanto, mettendo al corrente Nadia e Gessica della situazione, accompagnata da sguardi stuzzicanti verso i tre.
Dopo qualche minuto i tre si alzano, quasi contemporaneamente e si dirigono verso le ragazze. Si rivolgono a loro parlando un inglese con un accento del luogo, ma senza troppa difficoltà le tre amiche riescono a capire e a dialogare senza problemi. Gli propongono di andare al bar per offrirgli qualcosa da bere, e senza neanche pensarci due volte si alzano per dirigersi al piccolo chiosco in mezzo la spiaggia.
Gaia prende a braccetto il ragazzo con l’aspetto più statuato, facendo il modo di mettere in mostra il suo fisico perfetto. Lui ha occhi solo per lei, non degna neanche uno sguardo alle amiche che anche loro scherzano con i due ragazzi appena conosciuti.
Arrivati al bar le ragazze si siedono mentre i gentiluomini sono al bancone a ordinare da bere, si avvicinano tenendo in mano un mojito a testa, per poi sedersi accanto alle ragazze.
Lo sguardo dei tre ragazzi cambia, sembrano quasi ansiosi, e solo Gaia si accorge di questo brusco cambiamento, ma senza dargli troppa importanza.
Ad un tratto a Gaia inizia a girare forte la testa, inizia a vedere sfocate le amiche e le orecchie iniziano a fischiare per poi appannarsi la vista e diventare tutto nero.
Si risveglia in un piccolo stanzino da sola, è completamente nuda e sudata, si sente sporca, è confusa e le gira forte la testa con mille domande a cui non ha risposta e spiegazione. I suoi pensieri vengono interrotti solamente quando inizia a sentire una voce che rimbomba, è amplificata, probabilmente da un megafono.
Si alza in piedi, inizia ad agitarsi e guardarsi attorno avvolta dal panico, sente una porta cigolante aprirsi e un uomo basso e rozzo si avvicina prepotentemente verso di lei. Gaia spaventata indietreggia finché non trova alle sue spalle un muro freddo di mattoni, l’uomo si innervosisce e le urla qualcosa in una lingua che lei non conosce, l’afferra per un braccio, si posiziona dietro le sue spalle puntandole un coltello e urlando sempre qualcosa di incomprensibile e le afferra le mani per ammanettarla bloccandole le mani dietro la schiena, poi alza con forza la testa di Gaia verso l’alto e le mette un collare di cuoio con attaccato un guinzaglio, lo stringe al massimo, quasi strozzandola. L’uomo si gira di fronte a lei, afferra in guinzaglio e la tira con forza facendo quasi cadere la ragazza ancora incredula e stordita.
Percorre un lungo corridoio buio dove si intravede una luce accecante alla fine, è scalza e il pavimento è molto freddo e sporco. Sente la voce precedentemente sentita con il megafono farsi sempre più forte, finché, all’uscita si ritrova sopra un palco. Al centro vede Nadia, con le lacrime agli occhi e anche lei nuda e legata, un uomo con indosso un turbante che gli copre interamente il viso urla con un megafono davanti ad una folla di gente in penombra che alza delle palettine. Subito deduce che si tratta di un’asta, e che loro sono gli oggetti al bando.
Gaia alla vista di Nadia la chiama, urla il suo nome, nella sala cala il silenzio e gli sguardi vanno tutti versi di lei, si sente nuda, imbarazzata e prova a piegare il corpo per coprirsi il più possibile, mentre l’uomo che l’ha trascinata lì con forza fino a quel momento le dà un forte schiaffo in volto facendole capire che deve stare in silenzio. Gaia si ammutolisce abbassando lo sguardo mentre vede la sua amica Nadia in lacrime trascinata fuori dal palco, a quanto pare sembra che l’abbiano venduta.
Neanche il tempo di iniziare a fare mente locale che si sente tirare dal collo, l’uomo la trascina al centro del palco accanto all'uomo con il megafono.
Davanti a lei ha una forte luce puntata ad accecarla, non capisce nulla, le tremano le gambe che a malapena si reggono in piedi. Il banditore la guarda con uno sguardo quasi come volesse mangiarsela con gli occhi, inizia ad urlare sempre qualcosa di incomprensibile con il megafono e in penombra vede della gente sotto di lei alzare delle palettine con un numerino.
Dalla voce sembra che il banditore sia soddisfatto, e per incitare ad aumentare il prezzo inizia a indicare con foga il seno della ragazza per poi palparlo con forza, poi la gira mostrando il culo di Gaia al pubblico sculacciandolo divertito e per finire la gira nuovamente. Un uomo dagli spalti ridendo le chiede in inglese se la ragazza fosse vergine, lui divertito senza dare neanche il tempo a Gaia di capire ciò che avesse detto, entra il suo lungo dito medio dentro la sua figa, Gaia intontita urla, non capisce, mentre il banditore nega la sua verginità.
L’asta continua, sembra agguerrita fra due uomini, dietro le spalle di uno dei due Gaia intravede Nadia e Gessica tenute al guinzaglio, da un lato spera che sia proprio lui ad aggiudicarsela, almeno sa di non essere sola in tutto ciò, ma sembra che l’altro uomo abbia la meglio aggiudicandosi Gaia come premio.
Lo stato confusionale di Gaia aumenta sempre di più, non riesce a capire ancora bene ciò che stia succedendo e se tutto questo in realtà si tratti solo di un incubo, ma torna in sé quando si sente tirare nuovamente dal collo e portata in uno stanzina dove l’aspetta un uomo sulla sessantina, caucasico vestito con un abito elegante. L’uomo parla con il banditore, consegna i soldi e come d’accordo avviene lo scambio, afferra il guinzaglio, molto più dolcemente rispetto al precedente, e in inglese le prega di seguirlo senza fare resistenza.
L’accompagna davanti ad un furgone completamente nero, e la invita a salire dentro il montacarichi, come se fosse un’animale. Entra e si siede sul gelido pavimento in metallo del furgone, all'interno è tutto completamente buio senza neanche una finestra mentre sente il motore accendersi e il furgone mettersi in moto. È terrorizzata, sola e non sa cosa le aspetterà. Il viaggio sembra non terminare più, sono passate ore senza nemmeno una sosta e inizia a sentire gli occhi pesanti appisolandosi.
Si sveglia con il rumore dell’apertura dello sportello a scorrimento, la luce del sole l’abbaglia accecandola, è intontita e l’uomo la invita a scendere. Sente uno sbalzo di temperatura assurdo, dal caldo torrido adesso sente addirittura freddo, non sa dove si trova e prova a guardarsi attorno, vedendo dinanzi a lei un gigantesco castello medievale circondato da un giardino immenso. Si guarda attorno stupita, quasi incredula, mentre l’uomo le slega le mani togliendole le manette.
Gaia sente le braccia intorpidite, sente come una liberazione, ma neanche il tempo di abituarsi che l’uomo afferra il guinzaglio, e senza tirare la invita a seguirlo.
Entra dentro il castello, l’ingresso è enorme, tutto in pietra grigia, quasi tetro e l’unica luce che entra lo fa tramite delle piccole finestre poste in alto. Fa molto freddo e cammina ormai da minuti, stupendosi sempre di più dalla grandezza del castello. Ad un tratto, davanti a se, si ritrovano una gigantesca porta di legno, l’uomo bussa, apre la porta e invita la ragazza ad entrare.
Gaia è intimidita e imbarazzata, davanti a lei si ritrova una gigantesca sala, con al centro una poltrona che le dà le spalle rivolta verso un caminetto acceso a riscaldare quell’ambiente umido e freddo. Sul divanetto si intravede la sagoma di uomo, lentamente passo dopo passo si avvicina verso di lui mentre le porte alle sue spalle si chiudono di botto. La ragazza arriva vicino all'uomo seduto, lo guada bene, sembra giovane, indossa una vestaglia rossa mentre fuma una sigaretta, sembra molto alto e distinto e di bell’aspetto, quasi resta stupita, ma questa sua valutazione viene interrotta quando l’uomo con un accento anglosassone le dice in italiano: “finalmente la mia schiava è arrivata”.


CONTINUA

Continua




PS: scusate per gli errori, sfortunatamente scrivo di getto e difficilmente riesco a rileggere attentamente prima di pubblicare, (se volete segnalarmeli fatelo via email sia per questo che per altri miei racconti e io provvederò a sistemarli)
Commenti, critiche o consigli sono graditi!
Inoltre volevo proporre alle ragazze, che se qualcuna fosse interessata nel creare un roleplay o solo scoprire come funziona di scrivermi in privato e io sarò lieto di darvi tutte le informazioni possibili!
EMAIL: roleplayer1.93@gmail.com
Note finali:
PS: scusate per gli errori, sfortunatamente scrivo di getto e difficilmente riesco a rileggere attentamente prima di pubblicare, (se volete segnalarmeli fatelo via email sia per questo che per altri miei racconti e io provvederò a sistemarli)
Commenti, critiche o consigli sono graditi!
Inoltre volevo proporre alle ragazze, che se qualcuna fosse interessata nel creare un roleplay o solo scoprire come funziona di scrivermi in privato e io sarò lieto di darvi tutte le informazioni possibili!
EMAIL: roleplayer1.93@gmail.com