i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +

Per Elisa la madre era diventata il suo desiderio sessuale più segreto e la vedeva come una bellissima donna, alta, un po’ formosa, un bellissimo seno e un culo ed una figa da far restare a bocca aperta.
Dalla volta che ci fu il primo incontro sessuale Elisa la spiava quando entrava in bagno per farsi la doccia, o quando in camera sua e con la porta socchiusa era intenta a cambiarsi di abito e il vederla in quegli atteggiamenti le provocava istantaneamente un’eccitazione notevole al punto che per non farsi scoprire troppo vogliosa andava in bagno per sgrillettarsi e così calmarsi.
Una mattina, appena svegliata, Elisa disse alla mia madre che sarebbe andato a fare una doccia. Nicole le chiese di essere rapida nel farla avendo dopo non molti minuti un appuntamento con un'amica per fare shopping in centro. La figlia la rassicurò dicendo che avrebbe impiegato meno di cinque minuti trattandosi di un semplice risciacquo mattutino.
Con la confidenza intima che c’era ormai tra madre e figlia, Elisa lasciò la porta del bagno aperta. Non appena fu sotto il getto dell’acqua tiepida la ragazza sentì squillare il telefono e la madre parlare senza capire chi avesse telefonato e né il contenuto della chiamata. Nicole chiusa la telefonata si avvicinò alla porta del bagno chiedendo alla figlia se potesse entrare per prepararsi perché l'appuntamento con l’amica era stato anticipato e la ragazza non ebbe difficoltà a dirle di entrare e prepararsi non essendoci difficoltà alla sua presenza.
Nicole entrò in bagno ed Elisa, molto curiosa come tutte le ragazze giovani, la osservò da una fessura della porta del box doccia mentre l’acqua scendeva a getto dall’alto.
Vide la madre togliersi la vestaglia e rimanere con il solo in reggiseno e slip neri indossati ma subito dopo con molta naturalezza togliersi sia lo slip che il reggiseno.
Elisa si meravigliò ancora una volta nel vedere il seno stupendo, non tanto abbondante e un fondo schiena meraviglioso.
Tutta nuda era splendida tanto che Elisa ne restò incantata.
Nicole poi fece una cosa che eccitò Elisa immediatamente: si sedette sul bidet e cominciò a lavarsi con la mano che andava su e giù insaponando velocemente e poi sciacquando quella bella figa. Nel vederla, iniziai a toccarmi e la sua mano imitava i movimenti che faceva la madre nel lavarsi; lo scopo per lei non era di lavarsi ma di soddisfare la sua eccitazione.
Nicole si asciugò le parti intime ed Elisa notò che stava per uscire. Era troppo eccitata e voleva farlo vedere a Nicole e quindi la chiamò "Mamma prima che vai via ti dispiace lavarmi la schiena?"
Chiaramente la donna si alterò un po’ avendo fretta "Veramente ho un po’ di fretta e devo finire di prepararmi. Sai bene che devo uscire con Alessandra e lei non aspetta, solitamente è puntuale"
La implorai "Dai, mamma, solo un minuto! Non mi piace stare in doccia per tanto tempo"
Con tono di persona infastidita Nicole le ha risposto "Ok, basta che facciamo in fretta”
Nicole si è avvicinata alla doccia e muovendosi come una gatta in calore ed ha visto che la figlia era arrapata "Immagino che ti piaccia molto essere lavata da me!"
"Si mamma, mi rilassa molto essere lavata da un’altra persona e se sei tu è un lavaggio speciale"
"A me dà l’impressione che più che rilassarti credo che ti ecciti tanto visto come hai le grandi labbra ed il modo con cui ti muovi. Non mi dire che ti sono stata eccitante mentre mi lavavo nel bidet ed è perciò che ti è piaciuto molto!?"
"Mamma, non ho potuto fare diversamente, la tentazione di venire lì da te e toccarti è stata forte. Quello che ho visto è stato molto eccitante"
"Dimmi un po’ una cosa, Pensi che alla mia età possa far girare ancora la testa agli uomini? E se mi lavassi nelle parti intime davanti ad uno di loro che cosa succederebbe?"
Elisa le rispose immediatamente "Sicuramente, mamma, con le tette, la figa ed il culo che ti ritrovi fai girare la testa a chiunque"
"Grazie per i complimenti! Allora figlia mia ti meriti un premio"
Mentre Nicole lavava la schiena della figlia fece cadere la spugna e disse "Aspetta mi è caduta la spugna" ma invece di raccogliere la spugna dal piatto doccia, si è inginocchiata, l’ha fatta voltare per ritrovarsi la fighetta della ragazza all’altezza della bocca.
Passare a baciare la fighetta di Elisa, aprirla con le mani e succhiare il clitoride è stato facile "Forse così è più rilassante" disse
A quel punto ancora una volta ogni ostacolo era caduto.
Era una scena stupenda.
Nicole stava leccando la figa di Elisa che era in piedi e si piegava quando le scariche di adrenalina erano molto forti.
Con le mani Nicole teneva aperte le grandi labbra e con la lingua andava a raccogliere lo sbroda mista all’acqua tiepida della doccia e se ne abbeverava. Inoltre faceva scorrere la lingua per tutto il solco del sesso e tutto il perineo poi, con movimenti rapidi della lingua, cominciò a leccare dentro la vagina. Infine si mise il clitoride di Elisa in bocca e incollò la bocca sulla figa della giovane succhiandola come una forsennata.
"Mmmm sei proprio brava mamma!" esclamò Elisa.
"E’ questo che aspettavi vero? Quante volte, prima che ci amassimo, mi hai spiato mentre ero in bagno?"
"Tante, ma non è così bello farsi i ditalini"
"Allora fammi vedere cosa sai fare oltre a sgrillettarti"
Detto questo Elisa con una mano cominciò a toccarsi la figa e con l'altra le tette. La bocca aveva assunto una forma voluttuosa.
Elisa chiese alla madre di sollevarsi e poi mettersi alla pecorina; era così possibile ammirare la figa spalancata ed anche il buchetto del culo era lì a portata di lingua. La ragazza prima la odorò, poi le leccò la figa che immediatamente si bagnò. La lingua entrava ed usciva come un piccolo cazzo ed indugiava titillando clitoride ormai gonfio dall'eccitazione.
"Mmm dai continua, mi sto eccitando tutta. Sei proprio brava!"
Quando Elisa si accorse che Nicole era ben lubrificata, avvicinò la figa con le grandi labbra turgide alla bocca della madre e chiese che le mettesse la lingua dentro come un piccolo e gustoso cazzo.
"Dai spingimela dentro, ho tanta voglia!"
Nicole accontentò la figlia e le mise tutta la lingua dentro sforzandosi affinché entrasse tutta il più in fondo possibile.
"Aaaaaahhhhhh sssssssiiiiiiiiiiii... dai leccami dentro tutta!" esclamò in preda alla lussuria Elisa.
"Si Elisa voglio chiavarti con l lingua e farti godere come una troietta" le rispose Nicole
Quella lingua entrava ed usciva prima lentamente e poi con un ritmo sempre più veloce proprio come se Elisa fosse scopata da un cazzo; in questo Nicole era diventata una specialista avendo avuto modo più volte di farlo con la figlia anche se a quest’ultima era sembrato che i progressi della madre avvenissero più velocemente del previsto, ciò forse indicava che aveva un’altra relazione con qualche altra donna.
In quei momenti più i movimenti erano rapidi, più la giovane gemeva.
Mentre l’acqua tiepida scendeva ed usciva anche fuori dal piatto doccia Nicole fece stendere Elisa con le spalle a terra e lei si mise in piedi sopra per accovacciarsi sulle ginocchia e riprendere a leccare la fighetta della figlia. La posizione assunta da Nicole permetteva ad Elisa di leccare la figa della madre e quindi dare piacere anche a lei.
"Mmmm è bellissimo! Mi piace essere leccata in questa posizione"
“Si, Nicole. Anche a me piace essere leccata mettendosi a 69”
In effetti Nicole era davvero brava. Vedeva la figa della figlia lì vicino alle sue labbra e la sensazione di averla a sua disposizione per poterle fare ciò che le piaceva era una sensazione attraente.
Poi Nicole si girò e le loro lingue iniziarono ad intrecciarsi ed ogni tanto puntavano sulle tette per leccarle un po' mentre le gambe erano intrecciata a forbice per mettere i sessi a contatto tra di loro. Improvvisamente l'espressione del viso di Nicole cambiò ed i movimenti divennero più rapidi.
Elisa si accorse che stava per godere ed allora accelerò "Dai! Continua così! Siii... godoooooo!! E’ bellissimooooooooooo"
Elisa vedendo Nicole sbrodare ebbe un eccesso di libido e voleva venire al più presto "Dai mamma ora voglio godere anch'io!"
Nicole la fece inginocchiare per mostrarle la figa ed il buchetto posteriore mentre con una mano continuò a toccarsi la figa nonostante avesse appena goduto.
"Dai mamma, fammi godere ho voglia di farti assaggiare tutta la mia sbroda"
"Si dai! Fammi bere tutto. Non deve sprecarsi nulla di questa bontà!” e per farlo Nicole portò le sue labbra a pochi centimetri dalla figa della figlia proseguendo a sgrillettarla.
La bocca ogni tanto si apriva e con la lingua s'inumidiva le labbra nell'attesa che Elisa la inondasse con la sua sbroda.
 Infatti non tardò, venne quasi subito "Si mamma, continua così... daiiii... daiiiiiii... siiiiii... vengooooooooooo"
Fiotti non tanto abbondanti di sbroda le finirono in bocca "Mmm è buonissima! Ne voglio ancora” ed immediatamente dopo avvicinò la bocca alla fighetta della figlia per ripulirla completamente.
"Sei proprio una troia mamma! Da quanto tempo non mi bevevi così?"
"Da tanto figlia mia! Se devo dire la verità sei proprio brava! Quando vuoi sono qui pronta a soddisfarti"
La doccia finì e le due donne si sono baciate a lungo ma il suono del campanello dell’amica di Nicole le riportò alla realtà.
Nicole Uscì a fare spese ed Elisa andò all’università per delle lezioni.
Da quel giorno basta uno sguardo di intesa e complicità e dopo pochi istanti le due femmine si ritrovano in camera sul grande letto a lesbicare.