i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante Capitolo or Storia
Indice
- Text Size +
Note:
Umiliazione e formazione di una ragazza per tutti
Note dell'autore:
L'incontro con Gianni e la sua donna
E’ martedì sera, il pub non è strapieno come il venerdì o il sabato, ma Martina ha lavorato il doppio, il turno lungo, questo significa lavorare a pranzo e la sera fino all’una e mezza. E’ stremata. I piedi le fanno male e sente un persistente ronzio nella testa. Ha sostituito una collega, un’universitaria che fra due giorni ha un esame. Questo significa qualche soldo in più che non compensa però la fatica. E’ vestita con una canottiera nera, scarpe da ginnastica quasi distrutte e un jeans slavato. E’ sudata e puzza da far schifo. Quando vede entrare Gianni quasi si vergogna di farsi vedere in questo stato. E’ con una donna, deve essere la collega che sta frequentando in questo periodo. Si vede che stanno bene insieme, le ha appena messo una mano intorno alla vita, con fare premuroso, e lei si gira e lo guarda con un sorriso affettuoso e complice. Si siedono in un tavolo abbastanza appartato. Il padrone del pub fa un gesto a Martina per dire di andare a occuparsi di loro. Si avvicina. Gianni sorride, la chiama muovendo la mano verso di sé.
- Sapevo di trovarti qua. Come va il lavoro?
- Come sempre. Tiro avanti.
- Ti sei proprio spenta ragazza. Quanti anni hai adesso, trenta?
- Ventinove.
- Ne dimostri qualcuno di più. Sarà che ti vedo proprio sbattuta, con quelle occhiaie e l’andatura stanca, sempre a testa bassa, stai peggio di quando passavi le giornate a scopare.
Martina ormai non si vergogna più di nulla, neppure della donna che la sta fissando con una punta di superiorità malcelata.
- Forse è proprio così. Non so manco che è il sesso, ormai.
- Conosci Lorenza?
- No, piacere.
- Ciao.
- Cosa vi porto?
- Due birre. E’ la mia donna.
- Che tipo?
- Avete quella sarda, come si chiama? Lorenza voleva conoscerti. Ti vorrebbe parlare.
- Ichnusa… Si, va molto di moda. Perché? Di cosa vuoi parlarmi?
Lorenza parla con una voce dal tono basso e deciso.
- Servici e poi ti spiego.
Martina va, prende le birre, le stappa velocemente, e torna con un vassoio, l’ordinazione, due bicchieri e uno scontrino tra le dita della mano libera.
- Eccole.
- Brava, dice Gianni, sorridendo.
Poi comincia Lorenza.
- Sono qui per offrirti un lavoro. E’ un venerdì sera, però. Non so se sei libera. Sono mille euro. Non è male.
- Di che si tratta?
- Un mio caro amico ha una villa fuori città, sulle colline. E’ uno molto ricco che investe e fa crescere start up in Italia, Brasile, Emirati Arabi e Stati Uniti.
- E io che c’entro.
- Stai buona. E’ anche un tipo che ama divertirsi e organizzare feste un po’ speciali. Invita amici e investitori stranieri e ha bisogno di ragazze immagine adatte al suo mondo.
- Cioè?
- Lui le chiama groupie per le rockstar di questi tempi. Non gente che canta o suona, ma che inventa, creativa, makers, startupper, influencer, youtuber, vecchi blogger, rimasugli di giornalisti. Gente così, insomma.
- Ok, ma io?
- Tu fai la groupie. Stai lì a questi eventi privati e riservati e entri in questo club molto esclusivo in un modo riconoscibile. Sia per come sarai vestita, sia per il tuo atteggiamento e per un tatuaggio.
- Un tatuaggio?
- Sì, se accetti dovrai farti un tatuaggio. La diciassettesima carta dei tarocchi: la stella. Una ragazza inginocchiata che prende l’acqua.
- Tutto qui? Pensavo qualcosa di peggio.
- Tutto qui. Solo che la carta è capovolta e indica che scegli un destino senza futuro, stagnante, di sottomissione. Loro sono l’innovazione, tu sei l’opposto.
Gianni interrompe Lorenza. “Così non ci capisce un cazzo. Non è tipa da tarocchi e filosofia. Martina tu ti fai il tatuaggio così tutti capiscono quello che sei in quell’ambiente. Stai lì per stare a loro servizio, in tutto. Tanto ci stai abituata e ti viene facile. Ti fai usare in ogni modo e tutti quelli che stanno lì sanno perché stai lì e cosa devi fare. Non ti pagano certo per la tua intelligenza”.
- Faccio la puttana.
- E’ quello che facevi con i cinesi e prima ancora con me. Solo che qui ti pagano meglio.
Martina abbassa la testa e si gratta l’interno del braccio per nervosismo. Lorenza la guarda e dice, rivolta anche a Gianni. “Si prostituisce, ma nessuno deve pensare che faccia la puttana. Qui si parla di groupie, di ragazze senza talento e intelligenza e cultura che accettano di servire quelli che sono superuomini o superdonne. Sta qui la differenza”. Gianni sorride sarcastico. “A questa qui basta che la pagano. Guarda come sta”.
- Ma è solo per questa festa?
- No, Martina – spiega con calma Lorenza – Se entri in questo giro ti faranno lavorare spesso, almeno due volte al mese e anche di più. Potresti anche lasciare il lavoro al pub con il tempo. Gianni mi ha parlato di te e mi sembri adatta per questo tipo di lavoro.
- La cosa mi intriga.
Gianni avvicina la mano e stringe una tetta di Martina, soppesandola. “C’è una condizione però. Siccome Lorenza fa da garante per te e pensa di farti guadagnare abbastanza da cambiare in qualche modo la tua vita ci devi dare qualcosa in cambio”.
- Una percentuale?
- No Martina. Torniamo all’accordo che avevi con me. Ma questa volta c’è anche Lorenza. Sarai a nostra disposizione per diciamo tre anni.
- La vostra schiava.
- Quello che facevi prima. Non serve chiamarti schiava.
- Alla faccia dei poliziotti.
- Non c’è nulla di illegale. Ma tutti e due sappiamo come farti passare i guai se non rispetti l’accordo.
Lorenza si fa un lungo sorso di birra. “Questo è il mio telefono. Se accetti chiamami entro domani. Mi sa che è ora che torni al lavoro”.
Martina prende il biglietto con su scritto il numero, lo guarda imbambolata per qualche attimo e pensa che non può continuare tutta la vita a lavorare per pochi euro in un pub e quei soldi le farebbero davvero comodo.
(continua)