i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Questo racconto è una richiesta di una mia lettrice.

Quando Marco spense la macchinetta per i tatuaggi sentii un senso di sollievo misto a curiosità, volevo vedere come era venuto: avevo deciso di farmi fare tre rose sulla parte bassa della schiena con una scia di farfalline che scendevano sulla natica destra. Avevo già un bel po’ di tatuaggi e li avevo fatti fare tutti da Franco, il titolare del negozio, ed ero sempre rimasta soddisfatta; Franco però si era fatto male alla mano e mi aveva assicurato che Marco, il suo assistente era valido quanto lui.
«Fatto, guardati pure allo specchio», io mi girai e vidi il mio fondoschiena e le natiche nello specchio, portavo una tuta che avevo abbassato e un perizoma per facilitare il lavoro del tatuatore: aveva sbagliato tutti i colori!
Mi girai verso di lui ed esclamai: «Ma cosa ti è venuto in mente? Hai sbagliato tutto!».
«No. Erano il colori che avevi scelto tu che erano sbagliati, non capisci l’arte!».
«Può darsi, ma se li volevo così dovevi farli così! È il mio corpo, non il tuo! Adesso chiamo Franco e gli dico che sei un incompetente!».
Spostai la felpa dalla borsetta, me la ero tolta rimanendo solo con una canottiera perché nello studio faceva abbastanza caldo, presi il telefono senza neanche tirarmi su la tuta, lasciando praticamente nudo il mio sedere rassodato dalla palestra.
Marco mi tolse il cellulare con la sua mano tatuata e lo lanciò via, poi mi prese per il polso e mi disse che voce malevola: «Tu non chiami nessuno, stronza! Ti tieni questo tatuaggio del cazzo e vai a casa!».
Lo guardai un po’ spaventata e dissi: «Lasciami, questo tatuaggio è sbagliato e te ne devi assumere la responsabilità!», feci per andare a prendere il telefono, ma lui si mise davanti a me, mi spinse forte facendomi cadere seduta sulla poltroncina; era molto muscoloso e quando mi prese per i polsi non riuscii ad opporre resistenza.
«Non farmi diventare cattivo!», mi disse digrignando i denti a pochi centimetri dalla mia faccia.
Tentati di divincolarmi con l’unico risultato di farmi scivolare la tuta alle caviglie. A quel punto l’unica cosa che riuscii a fare fu urlare, ma Marco mi chiuse la bocca con la mano ed io, ora con un braccio libero, iniziai a dargli dei pugni che non ebbero nessun effetto.
A quel punto mi accorsi che la situazione stava peggiorando: in tutto quel dimenarmi, oltre ad essere rimasta senza pantaloni, avevo anche abbassato la spallina della canottiera, mettendo in mostra quasi metà del mio reggiseno. Marco mi disse: «Visto che non vuoi stare zitta ti faccio stare zitta io, troia!», si slacciò i pantaloni e si abbassò i boxer neri, facendo uscire il pene bello grosso e duro. In un'altra situazione mi sarei messa a ridere vedendo il drago rosso che invece di sputare fuoco sputava il suo pene.
«Cosa fai? Sono sposata!».
«Meglio ancora! Mi piace fare cornuti i pezzi di merda come tuo marito!». Mi tirò giù dalla poltroncina e, prendendomi per i capelli, mi fece entrare il suo pene tutto in bocca.
«Adesso no parli più? Come mai?», mi fece riprendere fiato quando iniziai a tossire, sputacchiando saliva, per poi rispingermi la tesa contro di lui. Avevo i conati, non riuscivo a respirare ed ero terrorizzata, ma lui non sembrava curarsene.
Non so per quanto andò avanti, ero sfinita, le lacrime mi facevano colare il trucco sulle guance e mi faceva male la bocca.
Dopo un po’ mi alzò e mi mise con violenza a pecorina sul lettino, capii subito dove voleva arrivare.
«No, ti prego! Almeno questo, no!», lo supplicai.
Mi ignorò e mi strappò il perizoma, lasciandomi completamente esposta a lui; mi teneva le mani unite dietro la schiena, immobilizzandomi completamente.
«Come, no? Sei tutta bagnata! Sei proprio una troia! Tuo marito non ti scopa più?».
Mi resi conto mio malgrado di essere effettivamente bagnata, senza riuscire a capire perché.
Quando mi entrò dentro a bruciapelo, facendomi quasi male, mi lasciai scappare un grido poi Marco iniziò a muoversi con colpi profondi e sgarbati.
Il suo pene era quasi il doppio di quello di mio marito, la mia vagina non abituata per qualche minuto mi fece quasi male, ma pian piano si allargava, sostituendo il dolore con ondate di caldo piacere.
Mi schiaffeggiava le natiche ed ad un certo punto si chinò e mi sussurrò all’orecchio: «Guarda come siamo belli insieme, brutta puttana!», e mi girò la testa verso lo specchio a fianco a noi: mi vidi con la faccia piena di trucco e gli occhi arrossati, la canottiera tutta storta e un seno che era uscito dal reggiseno; dietro di me, Marco si era tolto la maglietta e aveva in mostra il torace muscoloso coperto di tatuaggi, mi teneva inchiodata al lettino e continuava a stantuffarmi senza sosta, fra le natiche rossastre per gli schiaffi. Era una scena eccitante; ormai aveva vinto lui, mi stava facendo godere ed io, ormai arresa, iniziai a gemere.
«Ti piace, eh? Troia!», esclamò schiaffeggiandomi il sedere.
Si fermò, sputò e sentii le sue dita umide sul mio ano.
«No! Non mi ha mai inculata nessuno!», gridai con gli occhi sbarrati, sapendo che non sarebbe servito a niente.
«Quel finocchio di tuo marito non te l’ha mai messo in questo bel culetto? Era ora che qualcuno lo facesse!».
Appoggiò la punta del pene umido sul mio ano, cercai di rilassarmi sapendo che se no sarebbe stato peggio, ma quando sentii che stava entrando provai dolore. Per fortuna, almeno in questo, fu delicato, ma alla fine riuscì a farlo entrare quasi tutto.
Dopo essere stato fermo qualche istante per farmi abituare, iniziò a muoversi lentamente e il dolore pian piano si mescolò al piacere, fino a sparire completamente.
Non avrei mai pensato che il sesso anale mi sarebbe potuto piacere così tanto. Non so se si possano provare orgasmi in questo modo, ma io penso di averne raggiunti più di uno.
Il ritmo aumentava, come anche i miei gemiti, e Marco, sentendo che mi ero definitivamente arresa, mollò la presa sui miei polsi e mi ruppe il gancio del reggiseno, lo sfilò e lo gettò in terra, iniziando a palparmi con forza il seno non molto grande ma ben definito, portavo una seconda. Mi stringeva forte i capezzoli, ma invece di sentire male, provavo un ulteriore piacere.
Si tirò su e mi mise le mani sulle mie natiche, stringendo forte anche quelle, poi i suoi colpi si fecero meno regolari e dopo poco sentii tre o quattro fiotti caldi dentro di me. Rimase qualche secondo fermo, poi uscì lasciandomi sfinita appoggiata al lettino con l’ano dilatato e pieno di sperma.
Note finali:
Per commenti, critiche, suggerimenti e richieste antom93@libero.it