i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
La serata 'all-sex' con Carla e Daniela fu rinviata di un paio di giorni, per impegni della prima, che alla fine quasi per farsi perdonare, mise a disposizione il suo appartamento.
Daniela passò a prendermi perchè avevo la macchina dal meccanico, ma il tragitto da casa a quella di Carla fu molto piacevole, reso piccante dai pettegolezzi che giravano sulla nostra comune amica.
Come da copione i nostri abiti erano il minimo sindacale per non esser arrestate per oltraggio al pudore, ma del resto 'meno s'indossa meno si toglie'.
Una volta arrivate al suo appartamento vi trovammo una scena quasi irreale. Infatti sul divano c'erano seduti tre bei ragazzi, che si presentarono come Cristian, Elio e Giulio, che stavano tranquillamente bevendo dei drink, mentre Carla discuteva con una coppia formata da una biondina quasi senza seno e culo, e un ragazzo con un fisico a dir poco minuto.
“Amiche mie scusatemi ma devo aver fatto un casino.” ci disse venendoci incontro per salutarci con un casto bacio sulla guancia “Non so perchè questa sera sono venuti anche questa coppia di sfigati, visto che lei è una troia senza ritegno e lui non riuscirebbe a scoparsi una gallina tanto lo ha piccolo. Comunque ora vado un attimo di la e li sistemo, nel senso che rompo il culo a tutti e due, voi intanto divertitevi coi miei amici.”
Non feci in tempo a dire qualcosa che lei se ne andò, portando al guinzaglio la strana coppia, che la seguirono camminando a quattro zampe come due cagnolini.
“Volete qualcosa da bere ?” ci chiese Cristian, un bel moretto anche per rompere il ghiaccio.
“Si due vodke.” rispose Daniela per tutte e due.
Mentre sorseggiavamo gli alcolici Elio, che al contrario del suo amico era tanto biondo da sembrare quasi albino, mise della musica d'atmosfera, per chiederci poi se volevamo ballare.
“Si ma fra di noi.” risposi velocemente portando Daniela al centro della stanza.
Iniziammo più che a ballare a strusciarci una contro l'altra, baciandoci continuamente in bocca, del tutto incuranti della presenza dei ragazzi.
“Perchè non venite qui a prendervi un regalo.” ci disse Giulio, il classico muscoloso pelato, dopo aver abbassato la musica.
“E cosa ci regali ?” chiesi dirigendomi verso di lui tenendo Daniela per mano.
“Infilatevi queste nelle mutandine.” ci propose tirando fuori della palline “Così poi vediamo quanto rimanete senza di noi.”
Presi le palline in mano per capire cos'avevano di particolare, ma mi sembrarono solo due sfere in silicone tenute insieme da una cordicella. Così le leccai nel modo più sensuale possibile, prima di dare le spalle a Giulio e infilarmi le palline nella passera. Come provai a muovermi per tornare a ballare, le due sfere quasi m'immobilizzarono tanto fu forte l'eccitazione che seppero darmi anche facendo solo pochi passi.
“E tu Daniela non accetti il mio regalo ?” chiese Giulio alla mia amica tenendo in mano un paio di palline del tutto simili a quelle che aveva dato a me.
Lei per tutta risposta si tolse il vestito ed il reggiseno, prima d'infilarsi le palline nella fica, prendermi per mano per tornare al centro della stanza.
“Facciamoci esplodere il cazzo nelle mutande.” mi sussurrò Daniela fra un bacio e l'altro
“Si ma non troppo perchè ho una gran voglia di scopare.” le risposi alzandomi l'abito e mettendo così in mostra il microscopico perizoma che avevo indossato a casa come unico indumento intimo.
Iniziammo così a muoverci con tutta la sensualità di cui eravamo capaci, senza mai smettere di baciarci in bocca o toccarci a vicenda
“Volete lasciarci sole tutta la sera ?” chiesi lascivamente a Giulio dopo avergli lanciato il perizoma ormai zuppo d'umori.
Lui mi raggiunse infilandomi subito la lingua in bocca, mentre le mani mi palavano il sedere, e subito dopo Elio e Cristian misero in mezzo Daniela, baciandola a turno e toccandole tutto il corpo.
“La tua amica me la sono già scopata, e poi tu devi essere porca almeno quanto lei.” mi disse Giulio scoprendomi il seno e infilandomi due dita nella fica.
“Tu parli troppo.” gli risposi poggiando una mano sul suo pacco “Ora vediamo se sai fare solo quello.”
Tolsi l'abito prima d'andarmi a sedere su un divano, e non appena poggiai il sedere sul cuscino, Giulio tirò fuori il cazzo e me lo mise quasi in bocca. Gli presi la mazza in mano e con tutta calma iniziai a leccargli la cappella, sino a quando Daniela non venne a sedersi vicino a me con dietro gli altri due ragazzi già mezzi nudi.
Lasciai così il cazzo di Giulio per prendere in bocca quello di Elio, che era leggermente più corto, ma un po' più grande di diametro. Giulio però non voleva dividermi con Elio, così mi fece alzare per portarmi su una poltrona.
“Siediti con le gambe belle aperte.” mi disse con tono perentorio, forse non immaginando che non aspettavo altro.
Lui prima s'inginocchio fra le mie gambe per passare alcune volte la lingua sulla fica, poi mi tolse le palline e subito dopo mi penetrò con la stessa facilità con la quale un coltello taglia il burro.
“Sei tanto bagnata che non c'è piacere a fotterti.” mi disse facendomi girare.
“E tu mettimelo nel culo.” gli risposi facendo scivolare due dita nella fica e altrettante nel buchetto.
Lui quasi non fece uscire quelle che avevo nell'ano, che mi sodomizzò infilandomi dentro il retto tutto il suo gran cazzo con soli tre affondi, facendomi quasi urlare per il dolore. Per un attimo vidi Daniela nella mia stessa posizione, che aveva Elio dietro e Cristian davanti, tutti e due intenti a scoparla a tutta forza.
I tre ragazzi iniziarono a scoparci usandoci come due comuni puttane, ma ciò non mi dava alcun fastidio, anzi m'eccitava forse ancor più dell'atto sessuale in se. Non davo alcuna importanza a chi mi penetrava o come lo faceva, l'importante era trarre il massimo piacere da ogni affondo che ricevevo. Per fortuna Cristian, che era il più dotato, fu quello meno brutale, anche se amava 'accompagnare' le penetrazioni con piccole sculacciate e una gran dose d'insulti.
“Saliteci sopra.” ci disse ad un certo punto Elio sedendosi sul divano vicino a Cristian.
Io ubbidii seguita da Daniela che scelse il biondo, aspettandomi che Giulio si mettesse davanti a noi per farselo succhiare.
Invece il pelato si piazzò dietro a Daniela e l'inculò con la sua solita brutalità, afferrandola saldamente per i fianchi per poi spingerle dentro il cazzo con tutta la sua forza. Con mia grande sorpresa Daniela però non solo non si lamentò in alcun modo, ma urlò il suo piacere come non mi era mai successo di vedere.
Così quando Giulio si staccò da lei per dirigersi verso di me, pensai che sarei morta per il dolore, essendo certa che con me avrebbe fatto anche peggio. Infatti lui mi prese esattamente come aveva fatto poco prima con Daniela, ma anch'io dilatata com'ero dalle precedenti penetrazioni, non ebbi modo di lamentarmi, anzi presi subito ad insultarlo per la sua presunta poca mascolinità.
“E' tutto qui quello che sai fare ? Mio nonno fotte più forte e senza Viagra !” dissi quasi ridendogli in faccia “Hai un bel cazzo ma proprio non lo sai usare.”
Lui cercò di ribattere, ma nonostante i suoi sforzi, ero sempre in grado di rispondergli a tono, finendo per fargli saltare i nervi.
“Scopatevi voi questa troia.” disse quasi sconsolato ai suoi due amici “Io mi faccio la bionda almeno lei sta zitta.”
Non appena fui libera di potermi muovere, mi alzai per girarmi e potermi impalare nuovamente su Elio, scegliendo però l'apertura posteriore in modo da poter prendere nell'altra la mazza di Cristian.
Il porco però dopo avermi infilato il cazzo nella fica, e scopato tanto da portarmi quasi all'orgasmo, lo tirò fuori per puntare anche lui al buchetto.
“No due nel culo no...è troppo.” dissi pur sapendo di non aver alcuna speranza di fargli cambiare idea.
“Hai giocato a fare la puttana sino a ora, quindi adesso che t'aspetti, un mazzo di rose ?” mi rispose con un sorriso.
Cristian fu si un maiale, ma almeno usò quel minimo di premura per non farmi urlare dal dolore, facendo quasi scivolare la sua gran mazza sopra quella di Elio senza spingere mai più di tanto, facendo si che quasi m'abituassi a prendere due cazzi insieme.
Quando finalmente mi ritrovai tutti e due i peni ben dentro il retto, iniziai a toccarmi la passera, più per darmi un sollievo, che per eccitarmi, ma non appena un dito fece capolino dentro le piccole labbra, ebbi quasi un sobbalzo per il piacere che stavo provando.
“Vedi che sei una puttana.” mi disse Cristian infilandomi un pollice dentro la passera “Non riesci proprio a non avere la fica vuota.”
“Fottimi bastardo e stai zitto !” gli risposi nuovamente prossima all'orgasmo “Altrimenti ti mando da Daniela.”
Lui rise divertito per poi riprendere a scoparmi come più gli piaceva, alternando affondi rapidi non troppo profondi, a quelli lenti durante i quali quasi faceva uscire del tutto il cazzo dal mio culo.
Ebbi diversi orgasmi quasi in rapida sequenza, uno più potente dell'altro, sino a quando non mi ritrovai in ginocchio con Daniela vicino, e i tre ragazzi davanti che ci sborravano sulle tette.
La mia amica ed io non si fece in tempo a pulire i tre cazzi e i nostri seni, che Carla uscì fuori dalla sua stanza, e prima che letteralmente buttasse fuori di casa la coppia che era con lei, notai una coda che faceva capolino dalla mini della donna.
Pensai che Carla l'aveva fatta uscire con un plug inserito nell'ano come ennesima dimostrazione di dominio, ma non riuscivo ad immaginare cos'avesse potuto fare con quei due.
“Spero che non me li abbiate spompati troppo, perchè dopo aver avuto a che fare con due due sfigati, ho proprio bisogno di un po' di sano cazzo.” disse la rossa sfiorando i genitali di tutti e tre i ragazzi.
“Stai tranquilla che te ne abbiamo lasciato un po'” le rispose Daniela cercando i suoi vestiti “Anche perchè adesso Monica ed io togliamo il disturbo, quindi sono tutti i tuoi.”
Io non compresi le parole della mia amica, ma mi rivestii per uscire poi con lei dopo aver salutato Carla ed i tre ragazzi.
“Perchè ce ne siamo andate ?” le chiesi non appena l'ascensore chiuse le porte dietro di noi “Non mi dire che non ti stavi divertendo.”
“Si ma Carla è fatta così,se inizia un'orgia poi non dice nulla, ma se parte facendo le sue follie poi vuole vedere solo uomini. Inoltre sono certa che i tre ti hanno lasciato i loro bigliettini nella borsa, quindi se vuoi rivederli sai come fare.”
In effetti aprii la borsetta e dentro c'erano i biglietti da visita dei tre ragazzi, che misi al 'sicuro' ben sapendo che prima o poi li avrei chiamati, magari uno alla volta.
“Cosa credi abbia fatto con quei due che s'è portata in camera.” le chiesi non appena salii in macchina.
“Di tutto e di più, ma del resto Carla ha un'indole dominatrice non da poco, quando non fa la puttana che vuole solo godere. Penso che se li sia scopati ma solo dopo averli umiliati chissà come, però non mi sembra che siano usciti insoddisfatti, anzi...”
Continuammo il viaggio verso casa mia parlando di cose frivole, ma la mia mente non riusciva a non pensare a quella strana coppia e se mai li avrei rivisti.

Invito tutti a visitare il mio piccolo blog
http://serenathemiss.wordpress.com/